Napoli Network - Il Forum sul Calcio Napoli
Il primo Forum sul Calcio Napoli!

Tennis

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Tennis
« il: 04 Marzo, 2012, 10:14:40 am »
Dopo Rotterdam anche Dubai in cascina.
Sconfitto Murray 7/6 6/4 in finale.
Fra poco inizia il cemento indoor con i master 1000, con Parigi che incombe sempre piu\'.
LOTTA SUDA E VINCI...SOLO ALLORA MI CONVINCI.

Tennis
« Risposta #1 il: 04 Marzo, 2012, 11:07:42 am »
Citazione da:  link=topic=14964.msg#msg date=85
Dopo Rotterdam anche Dubai in cascina.
Sconfitto Murray 7/6 6/4 in finale.
Fra poco inizia il cemento indoor con i master 1000, con Parigi che incombe sempre piu\'.

    un po di cronaca della finale
 
   
 
 
 
   Cinquina di Federer a Dubai: Murray ko
 
Roger Federer
supera
Andy Murray
7-5 6-4 e vince per la quinta volta in carriera il torneo di Dubai: per lo svizzero è il secondo successo in tre settimane dopo quello di Rotterdam

 
Roger Federer
mette in bacheca la sua quinta vittoria a Dubai e lascia a bocca asciutta un
Andy Murray
arrivato in finale un po\' troppo scarico dopo aver costretto
Novak Djokovic
alla prima sconfitta stagionale: lo svizzero, che a sua volta aveva avuto bisogno di due tie-break per riuscire a spezzare la resistenza di Juan Martin del Potro, non sembra, invece, mostrare grandi segni di affaticamento mentre si porta a casa il successo in due set con i parziali di
7-5 6-4.
Dopo un inizio estremamente equilibrato, Murray sembra riuscire a entrare in ritmo, ma non riesce a concretizzare due palle-break: Federer, dal canto suo, non fa sconti, strappa la battuta all\'avversario nell\'undicesimo gioco per andare sul 6-5 e chiude poi i conti al suo turno di servizio.
Lo svizzero prova a prendere definitivamente in mano la partita piazzando un break anche in avvio di secondo set per il 3-1, ma subisce la reazione di Murray che lo costringe a cedere a sua volta il servizio per la prima volta in tutto il torneo. Federer controbreakkerà però poi sul 5-4 e andrà a prendersi il gioco successivo e la partita.
I problemi di Murray si sono concentrati soprattutto nell\'efficacia del suo servizio,scesa sotto il 50% dopo il 71% toccato nella vittoria in semifinale contro Novak Djokovic. Allo scozzese, che non aveva mai superato i quarti a Dubai, resta la consolazione di essere riuscito a battere Nole e di poter, così, arrivare a Indian Wells con un minimo di fiducia in più, anche se il lavoro da fare per poter riuscire a vincere è ancora grande. Federer, invece, archivia il suo 72esimo successo in un torneo Atp, il secondo in tre settimane dopo quello di Rotterdam.

 
 
Eurosport
« Ultima modifica: 04 Marzo, 2012, 11:08:32 am da MaurizioMan »

Tennis
« Risposta #2 il: 04 Marzo, 2012, 23:15:46 pm »
   Tennis - Federer rifiuta: per lui niente Bernabeu
 
 
Il tennista svizzero rifiuta l\'invito di
Rafael Nadal
che ha promosso un\'esibizione dal contenuto spettacolore al Santiago Bernabeu in occasione dei 110 anni del Real Madrid. "Purtroppo l\'esibizione contrasta con i programmi di Roger", spiega il procuratore dello svizzero...

 
Non sarà
Roger Federer
l\'avversario di Rafa Nadal nel match di esibizione in programma il prossimo 14 luglio al "Bernabeu". Tony Godsick, procuratore del tennista svizzero, ha confermato l\'invito al suo assistito, "sarà un evento unico ma la data contrasta con i programmi di Roger, perché in quel periodo rimarrà fuori dal circuito per prepararsi ai Giochi Olimpici, per cui non potrà partecipare".
L\'8 luglio, infatti, ci sarà la finale di Wimbledon e tre settimane dopo prenderà il via il torneo di Londra. Il match di esibizione, con incasso destinato in beneficenza, si giocherà nel mitico impianto del Real Madrid, in occasione del 110^ anniversario del club.
L\'evento, organizzato dalla "Fondazione Real Madrid" e dalla "Fondazione Rafa Nadal", vedrà l\'ex numero uno del mondo andare a caccia anche di un particolare record, quello di numero di spettatori per un incontro di tennis.
Il primato appartiene alla sfida giocata nel luglio 2010 tra
[/font][/color]Serena Williams
e
[/font][/color]Kim Clijsters
allo stadio "Re Baldovino" di Bruxelles con 35.681 spettatori.
[/font][/color]
 
 
 
Italpress
« Ultima modifica: 04 Marzo, 2012, 23:16:09 pm da MaurizioMan »

Tennis
« Risposta #3 il: 11 Marzo, 2012, 11:37:12 am »
Indian Wells
 
 
DJOKOVIC (Ser) b. GOLUBEV (Kaz) 6-3 6-2

 
Nessuna sorpresa e pronostici rispettati. Il numero uno del mondo esordisce con una vittoria sul cemento californiano e supera in 80 minuti il kazako Golubev volando al terzo turno dove affronterà il sudafricano Anderson. Djokovi amministra energie e forze per tutto l\'incontro, concedendo addirittura un break a Golubev nel settimo game del primo set: ma è solo un piccolo passaggio a vuoto, anche perché dall\'altra parte il kazako comincia a collezionare una serie impressionante di errori che continueranno anche nel secondo parziale. Un secondo set che Djokovic amministra con maggiore tranquillità senza rischiare più nulla.

 
GARCIA LOPEZ (Spa) b. MURRAY (Gbr) 6-4 6-2

 
La prima vera sorpresa californiana la regala, in negativo, il numero 4 del mondo che alza nettamente bandiera bianca contro lo spumeggiante tennis dell\'iberico, numero 92 della classifica ATP. Partita disastrosa da parte dello scozzese che sbaglia tantissimo al servizio e vanificando ben sette palle break che l\'iberico gli concede. Ma non è proprio giornata per Murray che conferma la sua allergia per il cemento californiano dopo il clamoroso ko - sempre al secondo turno - patito anche l\'anno scorso per mano di Young.
« Ultima modifica: 11 Marzo, 2012, 11:38:27 am da SPIRITO »
LOTTA SUDA E VINCI...SOLO ALLORA MI CONVINCI.

Tennis
« Risposta #4 il: 11 Marzo, 2012, 11:40:19 am »
Indian Wells, 9 mar. - (Adnkronos/Dpa) - \'\'Non sono ossessionato da Djokovic. Nessuno e\' eterno. Primo o poi, arriva qualcuno migliore\'\'. Il regno di
[/size][/font][/color]Novak Djokovic
e\' destinato a finire: Rafa Nadal, numero 2 del tennis mondiale, sogna il ribaltone. Lo spagnolo non ha nessuna intenzione di rassegnarsi al ruolo di finalista perdente. A Indian Wells, dove si gioca il primo Masters 1000 della stagione, il mancino iberico torna in campo dopo 6 settimane di stop. E lo fa con l\'obiettivo di invertire la tendenza nei duelli con Djokovic; contro il serbo, numero 1 del mondo, Nadal ha perso le ultime 7 finali disputate. \'\'Djokovic ha portato il tennis ad un altro livello, ma nessuno e\' eterno -dice il 25enne di Manacor-. Un giocatore e\' al vertice per un po\'. Poi, inevitabilmente, arriva qualcuno che e\' migliore\'\'. Nadal parla per esperienza diretta: a giugno del 2010 ha scavalcato lo svizzero
[/size][/font][/color]Roger Federer
e si e\' preso il primo posto nel ranking. Lo scorso anno, dopo aver perso contro Djokovic in finale a Wimbledon, ha ceduto il trono al nuovo re. \'\'Tra due anni, o magari cinque, capitera\' anche a lui. Lo dice la storia, e\' nella natura delle cose ed e\' il bello dello sport. Prima o poi, le vittorie finiscono per chiunque\'\'. Per qualche altro giocatore, finiranno le sconfitte. Per Nadal, magari, a Indian Wells si interrompera\' la striscia negativa contro \'Nole\'.
[/size][/font][/color]
LOTTA SUDA E VINCI...SOLO ALLORA MI CONVINCI.

Tennis
« Risposta #5 il: 14 Marzo, 2012, 17:27:20 pm »
R. Federer b. M.Raonic  6-7(4) 6-2 6-4
L\'esperienza dello svizzero gli permette di avere la meglio sulla freschezza del suo avversario, capace comunque di creare non pochi problemi a Roger Federer. "E\' vero - ammette Federer a fine partita -. So come affrontare e superare i momenti più difficili del match e questo mi ha aiutato molto contro Milos. Quando sei giovane è più facile cadere nel panico, io ho mantenuto la calma". E di momenti difficili, soprattutto nel primo set, Federer ne ha dovuti affrontare: dopo essere stato costretto al 13° game, lo svizzero subisce anche un mini break che consegna il parziale a Raonic. Nel secono parziale Federer torna prepotentemente in partita strappando il servizio all\'avversario 2 volte per il momentaneo  4-1 che lo lancia verso il 6-2 finale. Un break di vantaggio nel terzo e decisivo set, un break che lo svizzero difende fino alla fine.
« Ultima modifica: 14 Marzo, 2012, 17:27:47 pm da SPIRITO »
LOTTA SUDA E VINCI...SOLO ALLORA MI CONVINCI.

Tennis
« Risposta #6 il: 14 Marzo, 2012, 17:28:55 pm »
A Indian Wells si contano ormai più malati che ace. Il torneo californiano è infatti martoriato da un\'infezione virale che ha già costretto al ritiro10 giocatori, compresi gli azzurri Andreas Seppi e Francesca Schiavone (gli altri contagiati sono Nikolaj Davydenko, Gael Monfils, Philipp Kohlschreiber, Jurgen Melzer,Petra Kvitova, Magdalena Rybarikova, Bethanie Mattek-Sands e Vania King), ma il numero delle "vittime" potrebbe aumentare ancora.
Secondo quanto riportano gli organizzatori del torneo, infatti, il virus ha un periodo di incubazione di 24-48 ore e si diffonde per via aerea o per contatto diretto: i sintomi sono molto fastidiosi, con febbre accompagnata da nausea e diarrea, come spiega anche la stessa Vania King su Twitter.
"È stata una delle peggiori notti della mia vita - ha postato la giocatrice statunitense, ritiratasi domenica -. Ho avuto febbre, vomito e diarrea per tutto il tempo".
"Ho contratto il virus in nottata e questa mattina mi sentivo male - ha aggiunto la nostra Francesca Schiavone, costretta al ritiro durante il match contro Lucie Safarova -. Ho provato comunque a scendere in campo per giocare la partita, ma non ce l\'ho fatta. Ho mal di stomaco, mal di testa, e mi sento debolissima".
Il virus, che si sta diffondendo per tutta la Coachella Valley, ha colpito non soltanto i tennisti, ma anche molti spettatori: "Abbiamo registrato il 17% in più di ricoveri al pronto soccorso rispetto alla scorsa settimana - comunica il dipartimento ospedaliero cui fa riferimento il torneo di Indian Wells -. Gli spettatori e i tennisti mostrano gli stessi sintomi di una violenta infezione virale".
« Ultima modifica: 14 Marzo, 2012, 17:29:19 pm da SPIRITO »
LOTTA SUDA E VINCI...SOLO ALLORA MI CONVINCI.

Tennis
« Risposta #7 il: 17 Marzo, 2012, 12:48:13 pm »
R. Federer b. J.M. Del Potro 6-3 6-2
E\' sufficiente poco più di un\'ora a Roger Federer per vincere la resistenza di Juan Martin Del Potro nel terzo dei quattro quarti di finale in programma al Masters 1000 di Indian Wells. Il tennista svizzero vola in semifinale grazie a due set senza sbavature: 6-3 6-2 il computo dei parziali con cui il numero tre del mondo si sbarazza dell\'argentino.E dire che non era iniziata nel migliore dei modi la partita per lo svizzero, che nel primo gioco tiene a fatica il turno di battuta salvando due palle break (una grazie all\'occhio di falco che non funziona). Del Potro non la prende bene e comincia a sbagliare a più riprese con Federer che brekka l\'argentino nel game successivo e poi si conferma nel terzo gioco salendo 3-0. Da qui in poi turni di battuta rispettati e set che si chiude 6-3 per Federer. Ancor più facile la seconda partita per Re Roger, che ottiene il break in apertura e sale velocemente 5-2. A dare il punto decisivo allo svizzero, che in tutta la partita concede appena tre palle break all\'avversario, è una risposta in rete di Del Potro che incassa a Indian Wells la sconfitta numero 11 (su 13) nei confronti diretti contro Federer, la quarta su altrettanti incontri in questo scorcio di 2012.
R.Nadal b. D.Nalbandian 4-6, 7-5, 6-4
Era la semifinale che tutti volevano, tranne gli argentini, forse. Ma se Federer è andato spedito verso il successo contro Del Potro, situazione opposta per Rafa Nadal che ha faticato, e molto, contro David Nalbandian, apparso davvero in grande forma così come del resto nel corso di tutto il torneo in cui ha sconfitto, per la prima volta dal 2008 (Bercy), due top ten in una settimana, parliamo di Tipsarevic e Tsonga. Il match è stato molto equilibrato e per almeno un set e mezzo in cui il sudamericano ha messo in difficoltà l\'avversario da fondocampo ma quando la stanchezza ha iniziato a farsi sentire e la sfida diventa una battaglia, si sa che Rafa prende il sopravvento 9 volte su 10. Per lui è la settima semifinale consecutiva nel torneo californiano e la quarta vittoria di fila contro Nalbandian che invece si era aggiudicato i primi due precedenti che risalgono però al 2007. Il primo set  viene deciso nel decimo gioco quando il numero 74 del mondo sfrutta immediatamente la palla break che coincide con il set point. Nadal aveva avuto la sua opportunità sul 2 pari ma non è riuscito a strappare il servizio all\'avversario. Il rovescio del maiorchino non funziona e i tanti errori - ammessi a fine partita dallo stesso Nadal - stanno a testimoniarlo mentre David prosegue nel suo match quasi perfetto arrivando a due punti dal match sul 5-4 e 30 pari ma senza fare i conti con uno dei giocatori più vincenti della storia del tennis che reagisce. La prima di servizio migliora, così come la percentuale dei colpi vincenti e il break nell\'undicesimo game riporta in alto il morale dello spagnolo che chiude con il proprio turno di battuta. Nel terzo parziale Rafa vola sul 5-2 prima di subire il ritorno del mai domo Nalbandian che lo costringe a servire due volte per il match e sul 5-4 si porta sul 15-40 salvo poi giocarsi male le due possibilità. Complimenti a David, meno a Rafa che però ha dimostrato ancora una volta come si fa a ribaltare una situazione che per molti sarebbe stata definitiva. Ora lo aspetta l’amico Roger contro il quale  non ha mai giocato in questo torneo ma in carriera lo ha affrontato ben 28 volte con esito positivo in 18 occasioni, l’ultimo in semifinale allo scorso Australian Open.
« Ultima modifica: 17 Marzo, 2012, 12:48:47 pm da SPIRITO »
LOTTA SUDA E VINCI...SOLO ALLORA MI CONVINCI.

Tennis
« Risposta #8 il: 18 Marzo, 2012, 08:57:57 am »
J. Isner b. N. Djokovic 7-6(7) 3-6 7-6(5)
[/size][/font][/color][/left]
John Isner comincia subito a sparare senza mai fermarsi, e dopo tre set di grande battaglia si concretizza l\'impensabile: Novak Djokovic è steso, fuori in semifinale a Indian Wells. Il 26enne di Greensboro totalizza 20 ace, l\'ultimo dei quali servito a 135km/h per chiudere il tie-break del terzo set e coronare una grandissima prestazione durata due ore e 45 minuti: il finale dice 7-6(7) 3-6 7-6(5) in favore dell\'americano.
[/size][/font][/color][/left]
Djokovic, che soffre così la seconda sconfitta stagionale dopo quella rimediata a Dubai contro Andy Murray, annulla i primi due match-point quando Isner va sul 6-3 nel tie-break ma non può nulla per arginare la strapotenza al servizio dell\'avversario. Il serbo deve, però, recriminare anche con se stesso, per non essere stato capace di sfruttare un vantaggio di 5-3 nel primo set che avrebbe dato un taglio decisamente differente alla partita.
[/size][/font][/color][/left]
"Sono venuto qui ben conscio dei miei punti di forza - spiega al termine del match -. Sono un combattente, e in campo ho lottato fino alla fine. Il pubblico è stato strepitoso: mi ha incitato e sostenuto senza tregua per tutto il tempo. Chi preferirei affrontare tra Federer e Nadal? Beh, stiamo parlando di due tennisti che, assieme, avranno vinto 35 Slam, dunque è impossibile fare una scelta. Guarderò la partita, sperando di vedere un bel match... e che sia bello anche quello che dovrò giocare domani".
[/size][/font][/color][/left]
R. Federer vs R. Nadal 6-3, 6-4
[/size][/font][/color][/left]
Un\'ora e 34 minuti: tanto è durato lo scontro titanico tra Roger Federer e Rafael Nadal: il capitolo numero 28 della loro personalissima storia questa volta è stato a senso unico, con lo svizzero a dominare dal primo all\'ultimo minuto. 6-3, 6-4 i risultati di un match che indirizza Re Roger, testa di serie numero uno del torneo, verso la finalissima di un torneo che ha già fatto suo tre volte. 10a vittoria dell\'elvetico con una chiusura atipica: Federer stava per servire la palla-match dopo un errore di rovescio di Nadal, ma la pioggia costringe alla (seconda) interruzione. Roger allora si siede per quattro minuti, il tempo di far asciugare le linee, poi si alza e serve l\'ace esterno che decide il match. Precisione in battuta (sei ace) e un numero di errori limitati hanno permesso a Federer di fare suo il match. Ora l\'ostacolo Isner, l\'ultimo giocatore ad aver battuto proprio Roger quest\'anno, in Coppa Davis.
[/size][/font][/color][/left]
"E\' stata una giornata positiva, credo - ha detto Federer a fine gara - E\' stata una partita molto buona da parte mia nonostante le condizioni difficili. E\' sempre una bella sensazione battere Rada, che è un grande campione".
[/size][/font][/color][/left]
"Ho perso contro un avversario più forte: Roger ha giocato in maniera fantastica", ribatte Nadal, che giocava a Indian Wells il suo primo torneo dopo l\'Australian Open, dove aveva perso in finale contro Djokovic.
[/size][/font][/color][/left]
LOTTA SUDA E VINCI...SOLO ALLORA MI CONVINCI.

Tennis
« Risposta #9 il: 19 Marzo, 2012, 12:07:24 pm »
Non bastano i 208 cm di Isner per impedire a Roger il trionfo ad Indian Wells. Il cemento indoor americano regala il quarto successo in questo torneo, ultimo vinto nel lontano 2006.
Successo che ai aggiunge a quelli precedenti, Rotterdam e Dubai, 39 vittorie su 41 partite.
Grande Roger.
LOTTA SUDA E VINCI...SOLO ALLORA MI CONVINCI.

Tennis
« Risposta #10 il: 23 Marzo, 2012, 20:36:56 pm »
R.Bautista-Agut (SPA) b. A.Seppi (ITA) 6-3, 1-6, 6-3
Esordio amaro per Andreas Seppi al "Sony Ericsson Open", in corso di svolgimento sui campi in cemento di Miami, in Florida.
Il tennista altoatesino ha ceduto allo spagnolo Roberto Bautista-Agut, che nelle qualificazioni aveva eliminato Paolo Lorenzi. Seppi si è arreso in tre set: 6-3, 1-6, 6-3 dopo due ore e tre minuti. Il match si è giocato sullo stesso Court 7 sul quale lo spagnolo aveva battuto ieri Lorenzi dopo tre ore di gioco. Sia nel primo che nel terzo set Seppi ha praticamente regalato al sesto game il break al rivale commettendo doppio fallo.
Nella terza partita, sotto 5-2, l\'azzurro ha chiesto l\'intervento del fisioterapista per un problema al gomito destro, quindi ha annullato tre match point, ma si è arreso nel game successivo con Bautista-Agut al servizio.Restano in gara altri tre azzurri.
Simone Bolelli, che ha superato le qualificazioni, affronterà al primo turno lo spagnolo Albert Ramos, reduce dal terzo turno di Indian Wells. Potito Starace se la vedrà contro il talento emergente statunitense Ryan Harrison mentre Flavio Cipolla sarà opposto al tedesco Cedrik-Marcel Stebe, numero 91 del mondo.
GLI ALTRI RISULTATI
Malisse (Bel) b. Roger-Vasselin (Fra) 7-6(3) 6-3
Veic (Cro) b. Kudla (Usa) 2-6 6-2 6-1
Lukas Lacko (Svk) b. Ryan Sweeting (Usa) 6-4 6-4
Lukas Rosol (Cze) b. Michael Llodra (Fra) 6-4 7-6(6)
Santiago Giraldo (Col) b. Pablo Andujar (Esp) 6-3 6-2
N.Davidenko (RUS) b. J. Blake (USA) 4-6, 6-4, 6-4
T.Hass (GER) b. G.Rufin 6-4, 6-4
T.Gil (Por) b. T Bellucci (Bra) 6-3, 6-4
A Falla (col) b. D.Istomin (Uzb) 6-1, 2-1 (rit.)
A Clement (Fra) b. D.Sela (Isr) 6-3, 6-3
Giraldo (Col) b. Andujar (Esp) 6-3, 6-2
Clement (Fra) b. Sela (Isr) 6-3, 6-3
Dodig (Cro) b. Kamke (Ger) 6-0, 2-6, 7-6(5)
D. Nalbandian (Arg) b. S. Darcis 6-4, 7-6(0)
F. Gonzalez (Cil) b. N. Mahut (Fra) 7-5, 4-6, 7-6(3)
Eurosport
LOTTA SUDA E VINCI...SOLO ALLORA MI CONVINCI.

Tennis
« Risposta #11 il: 24 Marzo, 2012, 12:31:50 pm »
NADAL-GIRALDO 6-2 6-0
Dopo la secca sconfitta rimediata in semifinale a Indian Wells contro Federer,Rafael Nadal torna in campo aprendo il suo Masters 100 di Miami con un netto successo ai danni del colombiano Giraldo, travolto 6-2 6-0.
Per il maiorchino non è stato comunque tutto facile, almeno nei primi giorni dell\'incontro. "[Giraldo] ha iniziato forte - commenterà Rafa a fine partita - e quando mi sono trovato 2-2 0-30 ho pensato che sarebbe stata una partita complicata, ma poi ho rimontato con un paio di buoni servizi e da lì in poi non ho più commesso errori". Dieci giochi di fila permettono infatti a Nadal di chiudere il match in un\'ora e 9 minuti di gioco, proiettando il numero 2 del ranking ATP verso la sfida del terzo turno contro Stepanek, che ha superato Haas 7-6(4) 6-1.
MURRAY-FALLA 6-2 6-3
Anche il numero 4 del mondo Andy Murrayriparte dopo la brutta eliminazione subita al secondo turno di Indian Wells da Garcia Lopez. Lo scozzese rifila un netto 6-2 6-3 al colombiano Alejandro Falla in 77 minuti. Murray ha vinto il 67% di punti quando ha messo la prima, la stessa percentuale con la seconda ed è sempre stato aggressivo sulla seconda dell\'avversario conquistando il 70% dei punti. Si tratta della 15esima vittoria del 2012 per Murray (contro 3 sconfitte) che a Miami ha trionfato nel 2009.
"Dopo un avvio difficile - ammette lo scozzese - sono riuscito a cambiare marcia nei suoi turni di servizio e ho iniziato a mettergli pressione. Poi è stato decisivo il primo game del secondo set: ho salvato un paio di palle-break e da lì la strada si è fatta in discesa...". Un cammino che porta Murray alla sfida degli ottavi contro Milos Raonic.
LE ALTRE PARTITE: TSONGA, BERDYCH, TIPSAREVIC, ISNER...
Avanza al terzo turno anche Jo-Wilfried Tsonga che supera in due set, doppio 7-5, Xavier Malisse. Il numero 6 del tabellone ha realizzato 6 ace sfruttando al meglio 4 delle 6 palle break avute. Non ha comunque avuto vita facile il francese che nel primo set è stato costretto a rimontare dal 4-2. Fuori subito David Nalbandian che viene eliminato in 1 ora e 45 minuti dal numero 9 del tabellone, Janko Tipsarevic (7-5, 6-3).
Il serbo ora se la vedrà con l\'ucraino Alexandr Dolgopolov che pur senza giocare un grande tennis (ha perso 18 punti sul proprio servizio) ha eliminato il croato Antonio Veic, proveniente dalle qualificazioni, con il punteggio di 6-4 7-5 in 86 minuti. Non sbaglia la 13esima testa di serie Gilles Simon che ha la meglio del qualificato spagnolo Roberto Bautista-Agut in due set, 6-4 6-2 in 85 minuti. Ora affronterà Jurgen Melzer che si è sbarazzato di Robin Haase.
Da sottolineare infine il successo di Tomas Berdych 7-5 6-1 ai danni di Mahut e soprattutto la vittoria in rimonta di John Isner, finalista a sorpresa nell\'ultimo Masters di Indian Wells. Lo statunitense si è lasciato sfuggire il primo parziale contro Davydenko (2-6), ma poi ha reagito bene confezionando due set convincenti (6-3 6-4) che gli permettono di proseguire il cammino nel torneo, almeno fino al prossimo incrocio con Florian Mayer.
« Ultima modifica: 24 Marzo, 2012, 12:33:08 pm da SPIRITO »
LOTTA SUDA E VINCI...SOLO ALLORA MI CONVINCI.

Tennis
« Risposta #12 il: 25 Marzo, 2012, 11:45:42 am »
Tutto facile, ma non facilissimo per Roger Federer che passa al terzo turno del Masters 1000 di Miami, lì dove ad attenderlo c\'è il suo vecchio rivale Andy Roddick.
Roger Federer (Svizzera) b. Ryan Harrison (USA) 6-2 7-6
Prestazione quasi senza macchia per lo svizzero, che passa al terzo turno dopo aver condotto saldamente la sfida con il tennista di casa.
Federer parte alla grande e fa suo il primo set lasciando soltanto due giochi a Harrison, mentre nella seconda partita si porta addirittura a un game dal successo (punteggio di 5-2).
Lì, però, lo svizzero accusa un certo rilassamento e permette all\'avversario di tornare in partita sino al tie-break. Quando però il talento di Federer esce in tutto il suo splendore per il 7-3 che vale il passaggio al turno successivo.
GLI ALTRI: RODDICK SI RISVEGLIA - Nessuna sorpresa nelle altre sfide del sabato. Andy Roddick si sveglia in tempo per poter guadagnarsi una sfida tutta da gustare contro Federer, anche se i pronostici sono alquanto chiusi. Bene David Ferrer, che regola Tomic, benissimo Verdasco, Monfils e Cilic. Gasquet è invece costretto al terzo set da Stebe.
TUTTI I RISULTATI:
Ferrer (Spa) b. Tomic (Aus) 6-4 6-4
Roddick (Usa) b. Muller (Lux) 6-3 6-2
Gasquet (Fra) b. Stebe (Ger) 6-3 6-7(6) 6-2
Verdasco (Spa) b. Phau (Ger) 6-3 6-0
Monfils (Fra) b. Bubka (Ucr) 6-2, 6-4
Cilic (Cro) b. Kunitsyn (Rus) 6-3, 7-6 (1)
Troicki (Ser) b. Garcia Lopez (Spa) 4-6, 6-1, 6-4
Ramos Vinolas (Spa) b. Lopez (Spa) 6-4, 7-6 (5)
« Ultima modifica: 25 Marzo, 2012, 11:46:30 am da SPIRITO »
LOTTA SUDA E VINCI...SOLO ALLORA MI CONVINCI.

Tennis
« Risposta #13 il: 27 Marzo, 2012, 19:28:02 pm »
Miami, 27 mar. - (Adnkronos) - "E\' per vittorie come questa che gioco ancora a tennis".
[/size][/font][/color]Andy Roddick
si gode l\'impresa. A Miami lo statunitense ha mandato al tappeto lo svizzero
[/size][/font][/color]Roger Federer
, n.3 del seeding e del mondo, e si e\' qualificato per gli ottavi di finale. Un successo che in pochi avrebbero pronosticato, visto anche il bilancio dei precedenti scontri diretti largamente a favore dello svizzero, che aveva perso solo due volte in 23 incontri. Proprio a Miami, quattro anni fa, Roddick aveva ottenuto l\'ultimo successo contro il campione di Basilea. "E\' stata una sorta di partita a scacchi", ha detto Roddick analizzando la partita odierna. Dopo aver perso il primo set al tie-break, Federer ha reagito nel secondo parziale e grazie alle ottime percentuali sulla risposta e\' riuscito a strappare tre volte il servizio allo statunitense e ad allungare l\'incontro. Nel game d\'apertura del terzo e decisivo set \'A-Rod\' ha annullato ben quattro palle-break, poi ha tolto il servizio allo svizzero nel game successivo e ha difeso il vantaggio fino al 6-4 finale dopo poco piu\' di due ore di gioco. "Ho risposto rimanendo piu\' lontano dalla riga di fondo, cosa che non avevo mai fatto contro di lui nelle sfide passate e questo l\'ha disorientato", e\' la lettura di Roddick, attualmente n.34 del mondo. "Ovviamente lui ha preso le contromisure, stiamo parlando di Roger", ha spiegato ancora. "Dopo aver perso il secondo set per 6-1, lui e\' volato sullo 0-40 nel primo game del terzo set, ma sono riuscito a riprendermi subito, poi ho giocato un game fantastico sul suo servizio".
[/size][/font][/color]
LOTTA SUDA E VINCI...SOLO ALLORA MI CONVINCI.

Tennis
« Risposta #14 il: 31 Marzo, 2012, 10:17:37 am »
Novak Djokovic avrà l\'opportunità di difendere il titolo in finale contro Andy Murray dopo aver sconfitto il sorprendente Juan Monaco che non gli ha potuto opporre troppa resistenza

 
 
 
 
La sua forma fisica sta migliorando e non è un bel segnale per gli avversari. Considerando che in questo inizio 2012, non ha impressionato per gioco espresso e per condizione atletica come nel 2011 ma ha vinto ugualmente il torneo più importante che si è disputato finora (l’Australian Open) e nel secondo ha raggiunto quantomeno la finale, c\'è da alzare le mani e arrendersi. Sì, perché se pur non giocando al massimo vince, nel momento in cui, come accaduto nelle ultime due sfide (Ferrer e Monaco) comincia ad ingranare non ce n\'è più per nessuno. Se poi uno dei suoi avversari più temibili si fa male e l\'altro si fa buttare fuori da Roddick...
Ovviamente non era certo Juan Monaco che avrebbe dovuto mettere in difficoltà Novak Djokovic, anche perché l\'argentino ha disputato un torneo eccezionale e sapeva di partire ultra sfavorito. 6-0; 7-6 è un punteggio in parte pesante anche se il secondo set, complice più un calo di Nole che un rendimento molto differente di Monaco, lo salva da un giudizio più severo. Nel primo parziale il 24enne di Belgrado ha vinto 24 dei 32 punti che si sono disputati e nonostante una percentuale al servizio non eccezionale (come lui stesso dirà a fine partita) non c\'è stato equilibrio in campo, nemmeno per un attimo.
Nel secondo invece, così come accaduto in egual modo contro Ferrer ai quarti, Nole ha un piccolo calo di tensione che gli costa il break sul 5-4 proprio al momento di servire per il match. Chiuderà, così come contro lo spagnolo, al tie-break (per Monaco è la quinta sconfitta in altrettanti incontri con Djokovic). Ora l\'ultimo atto per il serbo contro Murray. La nuova generazione che avanza insomma, una sfida che si ripete tra due che in qualche modo si assomigliano per voglia di vincere, determinazione e cattiveria agonistica. Lo scozzese ha vinto l\'ultima delle loro sfide in semifinale a Dubai 3 settimane fa. Si sono già trovati di fronte nel torneo di Miami: nel 2007 ebbe la meglio Djoko (semifinale) e Murray si prese la rivincita trionfando in due set  nella finale del 2009.
« Ultima modifica: 31 Marzo, 2012, 10:18:29 am da SPIRITO »
LOTTA SUDA E VINCI...SOLO ALLORA MI CONVINCI.