Napoli Network - Il Forum sul Calcio Napoli

Napoli Network Community => Altri Sport => Topic aperto da: SPIRITO - 04 Marzo, 2012, 10:14:40 am

Titolo: Tennis
Inserito da: SPIRITO - 04 Marzo, 2012, 10:14:40 am
Dopo Rotterdam anche Dubai in cascina.
Sconfitto Murray 7/6 6/4 in finale.
Fra poco inizia il cemento indoor con i master 1000, con Parigi che incombe sempre piu\'.
Titolo: Tennis
Inserito da: MaurizioMan - 04 Marzo, 2012, 11:07:42 am
Citazione da:  link=topic=14964.msg#msg date=85
Dopo Rotterdam anche Dubai in cascina.
Sconfitto Murray 7/6 6/4 in finale.
Fra poco inizia il cemento indoor con i master 1000, con Parigi che incombe sempre piu\'.

    un po di cronaca della finale
 
   
 
 
 
   Cinquina di Federer a Dubai: Murray ko
 
Roger Federer (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/676.html\")
supera
Andy Murray (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/3233.html\")
7-5 6-4 e vince per la quinta volta in carriera il torneo di Dubai: per lo svizzero è il secondo successo in tre settimane dopo quello di Rotterdam

 
Roger Federer
mette in bacheca la sua quinta vittoria a Dubai e lascia a bocca asciutta un
Andy Murray
arrivato in finale un po\' troppo scarico dopo aver costretto
Novak Djokovic (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/3153.html\")
alla prima sconfitta stagionale: lo svizzero, che a sua volta aveva avuto bisogno di due tie-break per riuscire a spezzare la resistenza di Juan Martin del Potro, non sembra, invece, mostrare grandi segni di affaticamento mentre si porta a casa il successo in due set con i parziali di
7-5 6-4.
Dopo un inizio estremamente equilibrato, Murray sembra riuscire a entrare in ritmo, ma non riesce a concretizzare due palle-break: Federer, dal canto suo, non fa sconti, strappa la battuta all\'avversario nell\'undicesimo gioco per andare sul 6-5 e chiude poi i conti al suo turno di servizio.
Lo svizzero prova a prendere definitivamente in mano la partita piazzando un break anche in avvio di secondo set per il 3-1, ma subisce la reazione di Murray che lo costringe a cedere a sua volta il servizio per la prima volta in tutto il torneo. Federer controbreakkerà però poi sul 5-4 e andrà a prendersi il gioco successivo e la partita.
I problemi di Murray si sono concentrati soprattutto nell\'efficacia del suo servizio,scesa sotto il 50% dopo il 71% toccato nella vittoria in semifinale contro Novak Djokovic. Allo scozzese, che non aveva mai superato i quarti a Dubai, resta la consolazione di essere riuscito a battere Nole e di poter, così, arrivare a Indian Wells con un minimo di fiducia in più, anche se il lavoro da fare per poter riuscire a vincere è ancora grande. Federer, invece, archivia il suo 72esimo successo in un torneo Atp, il secondo in tre settimane dopo quello di Rotterdam.

 
 
Eurosport
Titolo: Tennis
Inserito da: MaurizioMan - 04 Marzo, 2012, 23:15:46 pm
   Tennis - Federer rifiuta: per lui niente Bernabeu
 
 
Il tennista svizzero rifiuta l\'invito di
Rafael Nadal (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/2862.html\")
che ha promosso un\'esibizione dal contenuto spettacolore al Santiago Bernabeu in occasione dei 110 anni del Real Madrid. "Purtroppo l\'esibizione contrasta con i programmi di Roger", spiega il procuratore dello svizzero...

 
Non sarà
Roger Federer (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/676.html\")
l\'avversario di Rafa Nadal nel match di esibizione in programma il prossimo 14 luglio al "Bernabeu". Tony Godsick, procuratore del tennista svizzero, ha confermato l\'invito al suo assistito, "sarà un evento unico ma la data contrasta con i programmi di Roger, perché in quel periodo rimarrà fuori dal circuito per prepararsi ai Giochi Olimpici, per cui non potrà partecipare".
L\'8 luglio, infatti, ci sarà la finale di Wimbledon e tre settimane dopo prenderà il via il torneo di Londra. Il match di esibizione, con incasso destinato in beneficenza, si giocherà nel mitico impianto del Real Madrid, in occasione del 110^ anniversario del club.
L\'evento, organizzato dalla "Fondazione Real Madrid" e dalla "Fondazione Rafa Nadal", vedrà l\'ex numero uno del mondo andare a caccia anche di un particolare record, quello di numero di spettatori per un incontro di tennis.
Il primato appartiene alla sfida giocata nel luglio 2010 tra
[/font][/color]Serena Williams (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/333.html\")
e
[/font][/color]Kim Clijsters (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/2138.html\")
allo stadio "Re Baldovino" di Bruxelles con 35.681 spettatori.
[/font][/color]
 
 
 
Italpress
Titolo: Tennis
Inserito da: SPIRITO - 11 Marzo, 2012, 11:37:12 am
Indian Wells
 
 
DJOKOVIC (Ser) b. GOLUBEV (Kaz) 6-3 6-2

 
Nessuna sorpresa e pronostici rispettati. Il numero uno del mondo esordisce con una vittoria sul cemento californiano e supera in 80 minuti il kazako Golubev volando al terzo turno dove affronterà il sudafricano Anderson. Djokovi amministra energie e forze per tutto l\'incontro, concedendo addirittura un break a Golubev nel settimo game del primo set: ma è solo un piccolo passaggio a vuoto, anche perché dall\'altra parte il kazako comincia a collezionare una serie impressionante di errori che continueranno anche nel secondo parziale. Un secondo set che Djokovic amministra con maggiore tranquillità senza rischiare più nulla.

 
GARCIA LOPEZ (Spa) b. MURRAY (Gbr) 6-4 6-2

 
La prima vera sorpresa californiana la regala, in negativo, il numero 4 del mondo che alza nettamente bandiera bianca contro lo spumeggiante tennis dell\'iberico, numero 92 della classifica ATP. Partita disastrosa da parte dello scozzese che sbaglia tantissimo al servizio e vanificando ben sette palle break che l\'iberico gli concede. Ma non è proprio giornata per Murray che conferma la sua allergia per il cemento californiano dopo il clamoroso ko - sempre al secondo turno - patito anche l\'anno scorso per mano di Young.
Titolo: Tennis
Inserito da: SPIRITO - 11 Marzo, 2012, 11:40:19 am
Indian Wells, 9 mar. - (Adnkronos/Dpa) - \'\'Non sono ossessionato da Djokovic. Nessuno e\' eterno. Primo o poi, arriva qualcuno migliore\'\'. Il regno di
[/size][/font][/color]Novak Djokovic (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/3153.html\")
e\' destinato a finire: Rafa Nadal, numero 2 del tennis mondiale, sogna il ribaltone. Lo spagnolo non ha nessuna intenzione di rassegnarsi al ruolo di finalista perdente. A Indian Wells, dove si gioca il primo Masters 1000 della stagione, il mancino iberico torna in campo dopo 6 settimane di stop. E lo fa con l\'obiettivo di invertire la tendenza nei duelli con Djokovic; contro il serbo, numero 1 del mondo, Nadal ha perso le ultime 7 finali disputate. \'\'Djokovic ha portato il tennis ad un altro livello, ma nessuno e\' eterno -dice il 25enne di Manacor-. Un giocatore e\' al vertice per un po\'. Poi, inevitabilmente, arriva qualcuno che e\' migliore\'\'. Nadal parla per esperienza diretta: a giugno del 2010 ha scavalcato lo svizzero
[/size][/font][/color]Roger Federer (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/676.html\")
e si e\' preso il primo posto nel ranking. Lo scorso anno, dopo aver perso contro Djokovic in finale a Wimbledon, ha ceduto il trono al nuovo re. \'\'Tra due anni, o magari cinque, capitera\' anche a lui. Lo dice la storia, e\' nella natura delle cose ed e\' il bello dello sport. Prima o poi, le vittorie finiscono per chiunque\'\'. Per qualche altro giocatore, finiranno le sconfitte. Per Nadal, magari, a Indian Wells si interrompera\' la striscia negativa contro \'Nole\'.
[/size][/font][/color]
Titolo: Tennis
Inserito da: SPIRITO - 14 Marzo, 2012, 17:27:20 pm
R. Federer (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/676.html\") b. M.Raonic  6-7(4) 6-2 6-4
L\'esperienza dello svizzero gli permette di avere la meglio sulla freschezza del suo avversario, capace comunque di creare non pochi problemi a Roger Federer (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/676.html\"). "E\' vero - ammette Federer a fine partita -. So come affrontare e superare i momenti più difficili del match e questo mi ha aiutato molto contro Milos. Quando sei giovane è più facile cadere nel panico, io ho mantenuto la calma". E di momenti difficili, soprattutto nel primo set, Federer ne ha dovuti affrontare: dopo essere stato costretto al 13° game, lo svizzero subisce anche un mini break che consegna il parziale a Raonic. Nel secono parziale Federer torna prepotentemente in partita strappando il servizio all\'avversario 2 volte per il momentaneo  4-1 che lo lancia verso il 6-2 finale. Un break di vantaggio nel terzo e decisivo set, un break che lo svizzero difende fino alla fine.
Titolo: Tennis
Inserito da: SPIRITO - 14 Marzo, 2012, 17:28:55 pm
A Indian Wells si contano ormai più malati che ace. Il torneo californiano è infatti martoriato da un\'infezione virale che ha già costretto al ritiro10 giocatori, compresi gli azzurri Andreas Seppi e Francesca Schiavone (gli altri contagiati sono Nikolaj Davydenko, Gael Monfils (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/3190.html\"), Philipp Kohlschreiber (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/2860.html\"), Jurgen Melzer (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/2396.html\"),Petra Kvitova (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/3538.html\"), Magdalena Rybarikova (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/3371.html\"), Bethanie Mattek (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/2825.html\")-Sands e Vania King (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/3283.html\")), ma il numero delle "vittime" potrebbe aumentare ancora.
Secondo quanto riportano gli organizzatori del torneo, infatti, il virus ha un periodo di incubazione di 24-48 ore e si diffonde per via aerea o per contatto diretto: i sintomi sono molto fastidiosi, con febbre accompagnata da nausea e diarrea, come spiega anche la stessa Vania King su Twitter.
"È stata una delle peggiori notti della mia vita - ha postato la giocatrice statunitense, ritiratasi domenica -. Ho avuto febbre, vomito e diarrea per tutto il tempo".
"Ho contratto il virus in nottata e questa mattina mi sentivo male - ha aggiunto la nostra Francesca Schiavone, costretta al ritiro durante il match contro Lucie Safarova (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/3201.html\") -. Ho provato comunque a scendere in campo per giocare la partita, ma non ce l\'ho fatta. Ho mal di stomaco, mal di testa, e mi sento debolissima".
Il virus, che si sta diffondendo per tutta la Coachella Valley, ha colpito non soltanto i tennisti, ma anche molti spettatori: "Abbiamo registrato il 17% in più di ricoveri al pronto soccorso rispetto alla scorsa settimana - comunica il dipartimento ospedaliero cui fa riferimento il torneo di Indian Wells -. Gli spettatori e i tennisti mostrano gli stessi sintomi di una violenta infezione virale".
Titolo: Tennis
Inserito da: SPIRITO - 17 Marzo, 2012, 12:48:13 pm
R. Federer (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/676.html\") b. J.M. Del Potro 6-3 6-2
E\' sufficiente poco più di un\'ora a Roger Federer (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/676.html\") per vincere la resistenza di Juan Martin Del Potro (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/3340.html\") nel terzo dei quattro quarti di finale in programma al Masters 1000 di Indian Wells. Il tennista svizzero vola in semifinale grazie a due set senza sbavature: 6-3 6-2 il computo dei parziali con cui il numero tre del mondo si sbarazza dell\'argentino.E dire che non era iniziata nel migliore dei modi la partita per lo svizzero, che nel primo gioco tiene a fatica il turno di battuta salvando due palle break (una grazie all\'occhio di falco che non funziona). Del Potro non la prende bene e comincia a sbagliare a più riprese con Federer che brekka l\'argentino nel game successivo e poi si conferma nel terzo gioco salendo 3-0. Da qui in poi turni di battuta rispettati e set che si chiude 6-3 per Federer. Ancor più facile la seconda partita per Re Roger, che ottiene il break in apertura e sale velocemente 5-2. A dare il punto decisivo allo svizzero, che in tutta la partita concede appena tre palle break all\'avversario, è una risposta in rete di Del Potro che incassa a Indian Wells la sconfitta numero 11 (su 13) nei confronti diretti contro Federer, la quarta su altrettanti incontri in questo scorcio di 2012.
R.Nadal (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/2862.html\") b. D.Nalbandian (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/2653.html\") 4-6, 7-5, 6-4
Era la semifinale che tutti volevano, tranne gli argentini, forse. Ma se Federer è andato spedito verso il successo contro Del Potro, situazione opposta per Rafa Nadal che ha faticato, e molto, contro David Nalbandian (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/2653.html\"), apparso davvero in grande forma così come del resto nel corso di tutto il torneo in cui ha sconfitto, per la prima volta dal 2008 (Bercy), due top ten in una settimana, parliamo di Tipsarevic e Tsonga. Il match è stato molto equilibrato e per almeno un set e mezzo in cui il sudamericano ha messo in difficoltà l\'avversario da fondocampo ma quando la stanchezza ha iniziato a farsi sentire e la sfida diventa una battaglia, si sa che Rafa prende il sopravvento 9 volte su 10. Per lui è la settima semifinale consecutiva nel torneo californiano e la quarta vittoria di fila contro Nalbandian che invece si era aggiudicato i primi due precedenti che risalgono però al 2007. Il primo set  viene deciso nel decimo gioco quando il numero 74 del mondo sfrutta immediatamente la palla break che coincide con il set point. Nadal aveva avuto la sua opportunità sul 2 pari ma non è riuscito a strappare il servizio all\'avversario. Il rovescio del maiorchino non funziona e i tanti errori - ammessi a fine partita dallo stesso Nadal - stanno a testimoniarlo mentre David prosegue nel suo match quasi perfetto arrivando a due punti dal match sul 5-4 e 30 pari ma senza fare i conti con uno dei giocatori più vincenti della storia del tennis che reagisce. La prima di servizio migliora, così come la percentuale dei colpi vincenti e il break nell\'undicesimo game riporta in alto il morale dello spagnolo che chiude con il proprio turno di battuta. Nel terzo parziale Rafa vola sul 5-2 prima di subire il ritorno del mai domo Nalbandian che lo costringe a servire due volte per il match e sul 5-4 si porta sul 15-40 salvo poi giocarsi male le due possibilità. Complimenti a David, meno a Rafa che però ha dimostrato ancora una volta come si fa a ribaltare una situazione che per molti sarebbe stata definitiva. Ora lo aspetta l’amico Roger contro il quale  non ha mai giocato in questo torneo ma in carriera lo ha affrontato ben 28 volte con esito positivo in 18 occasioni, l’ultimo in semifinale allo scorso Australian Open.
Titolo: Tennis
Inserito da: SPIRITO - 18 Marzo, 2012, 08:57:57 am
J. Isner b. N. Djokovic (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/3153.html\") 7-6(7) 3-6 7-6(5)
[/size][/font][/color][/left]
John Isner comincia subito a sparare senza mai fermarsi, e dopo tre set di grande battaglia si concretizza l\'impensabile: Novak Djokovic è steso, fuori in semifinale a Indian Wells. Il 26enne di Greensboro totalizza 20 ace, l\'ultimo dei quali servito a 135km/h per chiudere il tie-break del terzo set e coronare una grandissima prestazione durata due ore e 45 minuti: il finale dice 7-6(7) 3-6 7-6(5) in favore dell\'americano.
[/size][/font][/color][/left]
Djokovic, che soffre così la seconda sconfitta stagionale dopo quella rimediata a Dubai contro Andy Murray (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/3233.html\"), annulla i primi due match-point quando Isner va sul 6-3 nel tie-break ma non può nulla per arginare la strapotenza al servizio dell\'avversario. Il serbo deve, però, recriminare anche con se stesso, per non essere stato capace di sfruttare un vantaggio di 5-3 nel primo set che avrebbe dato un taglio decisamente differente alla partita.
[/size][/font][/color][/left]
"Sono venuto qui ben conscio dei miei punti di forza - spiega al termine del match -. Sono un combattente, e in campo ho lottato fino alla fine. Il pubblico è stato strepitoso: mi ha incitato e sostenuto senza tregua per tutto il tempo. Chi preferirei affrontare tra Federer e Nadal? Beh, stiamo parlando di due tennisti che, assieme, avranno vinto 35 Slam, dunque è impossibile fare una scelta. Guarderò la partita, sperando di vedere un bel match... e che sia bello anche quello che dovrò giocare domani".
[/size][/font][/color][/left]
R. Federer (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/676.html\") vs R. Nadal (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/2862.html\") 6-3, 6-4
[/size][/font][/color][/left]
Un\'ora e 34 minuti: tanto è durato lo scontro titanico tra Roger Federer (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/676.html\") e Rafael Nadal (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/2862.html\"): il capitolo numero 28 della loro personalissima storia questa volta è stato a senso unico, con lo svizzero a dominare dal primo all\'ultimo minuto. 6-3, 6-4 i risultati di un match che indirizza Re Roger, testa di serie numero uno del torneo, verso la finalissima di un torneo che ha già fatto suo tre volte. 10a vittoria dell\'elvetico con una chiusura atipica: Federer stava per servire la palla-match dopo un errore di rovescio di Nadal, ma la pioggia costringe alla (seconda) interruzione. Roger allora si siede per quattro minuti, il tempo di far asciugare le linee, poi si alza e serve l\'ace esterno che decide il match. Precisione in battuta (sei ace) e un numero di errori limitati hanno permesso a Federer di fare suo il match. Ora l\'ostacolo Isner, l\'ultimo giocatore ad aver battuto proprio Roger quest\'anno, in Coppa Davis.
[/size][/font][/color][/left]
"E\' stata una giornata positiva, credo - ha detto Federer a fine gara - E\' stata una partita molto buona da parte mia nonostante le condizioni difficili. E\' sempre una bella sensazione battere Rada, che è un grande campione".
[/size][/font][/color][/left]
"Ho perso contro un avversario più forte: Roger ha giocato in maniera fantastica", ribatte Nadal, che giocava a Indian Wells il suo primo torneo dopo l\'Australian Open, dove aveva perso in finale contro Djokovic.
[/size][/font][/color][/left]
Titolo: Tennis
Inserito da: SPIRITO - 19 Marzo, 2012, 12:07:24 pm
Non bastano i 208 cm di Isner per impedire a Roger il trionfo ad Indian Wells. Il cemento indoor americano regala il quarto successo in questo torneo, ultimo vinto nel lontano 2006.
Successo che ai aggiunge a quelli precedenti, Rotterdam e Dubai, 39 vittorie su 41 partite.
Grande Roger.
Titolo: Tennis
Inserito da: SPIRITO - 23 Marzo, 2012, 20:36:56 pm
R.Bautista-Agut (SPA) b. A.Seppi (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/3030.html\") (ITA) 6-3, 1-6, 6-3
Esordio amaro per Andreas Seppi (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/3030.html\") al "Sony Ericsson Open", in corso di svolgimento sui campi in cemento di Miami, in Florida.
Il tennista altoatesino ha ceduto allo spagnolo Roberto Bautista-Agut, che nelle qualificazioni aveva eliminato Paolo Lorenzi (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/3317.html\"). Seppi si è arreso in tre set: 6-3, 1-6, 6-3 dopo due ore e tre minuti. Il match si è giocato sullo stesso Court 7 sul quale lo spagnolo aveva battuto ieri Lorenzi dopo tre ore di gioco. Sia nel primo che nel terzo set Seppi ha praticamente regalato al sesto game il break al rivale commettendo doppio fallo.
Nella terza partita, sotto 5-2, l\'azzurro ha chiesto l\'intervento del fisioterapista per un problema al gomito destro, quindi ha annullato tre match point, ma si è arreso nel game successivo con Bautista-Agut al servizio.Restano in gara altri tre azzurri.
Simone Bolelli (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/3370.html\"), che ha superato le qualificazioni, affronterà al primo turno lo spagnolo Albert Ramos, reduce dal terzo turno di Indian Wells. Potito Starace (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/3018.html\") se la vedrà contro il talento emergente statunitense Ryan Harrison mentre Flavio Cipolla sarà opposto al tedesco Cedrik-Marcel Stebe, numero 91 del mondo.
GLI ALTRI RISULTATI
Malisse (Bel) b. Roger-Vasselin (Fra) 7-6(3) 6-3
Veic (Cro) b. Kudla (Usa) 2-6 6-2 6-1
Lukas Lacko (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/3332.html\") (Svk) b. Ryan Sweeting (Usa) 6-4 6-4
Lukas Rosol (Cze) b. Michael Llodra (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/2164.html\") (Fra) 6-4 7-6(6)
Santiago Giraldo (Col) b. Pablo Andujar (Esp) 6-3 6-2
N.Davidenko (RUS) b. J. Blake (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/2079.html\") (USA) 4-6, 6-4, 6-4
T.Hass (GER) b. G.Rufin 6-4, 6-4
T.Gil (Por) b. T Bellucci (Bra) 6-3, 6-4
A Falla (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/3124.html\") (col) b. D.Istomin (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/3324.html\") (Uzb) 6-1, 2-1 (rit.)
A Clement (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/378.html\") (Fra) b. D.Sela (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/3254.html\") (Isr) 6-3, 6-3
Giraldo (Col) b. Andujar (Esp) 6-3, 6-2
Clement (Fra) b. Sela (Isr) 6-3, 6-3
Dodig (Cro) b. Kamke (Ger) 6-0, 2-6, 7-6(5)
D. Nalbandian (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/2653.html\") (Arg) b. S. Darcis 6-4, 7-6(0)
F. Gonzalez (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/2219.html\") (Cil) b. N. Mahut (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/2683.html\") (Fra) 7-5, 4-6, 7-6(3)
Eurosport
Titolo: Tennis
Inserito da: SPIRITO - 24 Marzo, 2012, 12:31:50 pm
NADAL-GIRALDO 6-2 6-0
Dopo la secca sconfitta rimediata in semifinale a Indian Wells contro Federer,Rafael Nadal (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/2862.html\") torna in campo aprendo il suo Masters 100 di Miami con un netto successo ai danni del colombiano Giraldo, travolto 6-2 6-0.
Per il maiorchino non è stato comunque tutto facile, almeno nei primi giorni dell\'incontro. "[Giraldo] ha iniziato forte - commenterà Rafa a fine partita - e quando mi sono trovato 2-2 0-30 ho pensato che sarebbe stata una partita complicata, ma poi ho rimontato con un paio di buoni servizi e da lì in poi non ho più commesso errori". Dieci giochi di fila permettono infatti a Nadal di chiudere il match in un\'ora e 9 minuti di gioco, proiettando il numero 2 del ranking ATP verso la sfida del terzo turno contro Stepanek, che ha superato Haas 7-6(4) 6-1.
MURRAY-FALLA 6-2 6-3
Anche il numero 4 del mondo Andy Murray (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/3233.html\")riparte dopo la brutta eliminazione subita al secondo turno di Indian Wells da Garcia Lopez. Lo scozzese rifila un netto 6-2 6-3 al colombiano Alejandro Falla (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/3124.html\") in 77 minuti. Murray ha vinto il 67% di punti quando ha messo la prima, la stessa percentuale con la seconda ed è sempre stato aggressivo sulla seconda dell\'avversario conquistando il 70% dei punti. Si tratta della 15esima vittoria del 2012 per Murray (contro 3 sconfitte) che a Miami ha trionfato nel 2009.
"Dopo un avvio difficile - ammette lo scozzese - sono riuscito a cambiare marcia nei suoi turni di servizio e ho iniziato a mettergli pressione. Poi è stato decisivo il primo game del secondo set: ho salvato un paio di palle-break e da lì la strada si è fatta in discesa...". Un cammino che porta Murray alla sfida degli ottavi contro Milos Raonic.
LE ALTRE PARTITE: TSONGA, BERDYCH, TIPSAREVIC, ISNER...
Avanza al terzo turno anche Jo-Wilfried Tsonga (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/3181.html\") che supera in due set, doppio 7-5, Xavier Malisse (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/614.html\"). Il numero 6 del tabellone ha realizzato 6 ace sfruttando al meglio 4 delle 6 palle break avute. Non ha comunque avuto vita facile il francese che nel primo set è stato costretto a rimontare dal 4-2. Fuori subito David Nalbandian (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/2653.html\") che viene eliminato in 1 ora e 45 minuti dal numero 9 del tabellone, Janko Tipsarevic (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/3025.html\") (7-5, 6-3).
Il serbo ora se la vedrà con l\'ucraino Alexandr Dolgopolov che pur senza giocare un grande tennis (ha perso 18 punti sul proprio servizio) ha eliminato il croato Antonio Veic, proveniente dalle qualificazioni, con il punteggio di 6-4 7-5 in 86 minuti. Non sbaglia la 13esima testa di serie Gilles Simon (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/3191.html\") che ha la meglio del qualificato spagnolo Roberto Bautista-Agut in due set, 6-4 6-2 in 85 minuti. Ora affronterà Jurgen Melzer (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/2396.html\") che si è sbarazzato di Robin Haase (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/3385.html\").
Da sottolineare infine il successo di Tomas Berdych (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/3048.html\") 7-5 6-1 ai danni di Mahut e soprattutto la vittoria in rimonta di John Isner (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/3519.html\"), finalista a sorpresa nell\'ultimo Masters di Indian Wells. Lo statunitense si è lasciato sfuggire il primo parziale contro Davydenko (2-6), ma poi ha reagito bene confezionando due set convincenti (6-3 6-4) che gli permettono di proseguire il cammino nel torneo, almeno fino al prossimo incrocio con Florian Mayer (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/3081.html\").
Titolo: Tennis
Inserito da: SPIRITO - 25 Marzo, 2012, 11:45:42 am
Tutto facile, ma non facilissimo per Roger Federer (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/676.html\") che passa al terzo turno del Masters 1000 di Miami, lì dove ad attenderlo c\'è il suo vecchio rivale Andy Roddick (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/2643.html\").
Roger Federer (Svizzera) b. Ryan Harrison (USA) 6-2 7-6
Prestazione quasi senza macchia per lo svizzero, che passa al terzo turno dopo aver condotto saldamente la sfida con il tennista di casa.
Federer parte alla grande e fa suo il primo set lasciando soltanto due giochi a Harrison, mentre nella seconda partita si porta addirittura a un game dal successo (punteggio di 5-2).
Lì, però, lo svizzero accusa un certo rilassamento e permette all\'avversario di tornare in partita sino al tie-break. Quando però il talento di Federer esce in tutto il suo splendore per il 7-3 che vale il passaggio al turno successivo.
GLI ALTRI: RODDICK SI RISVEGLIA - Nessuna sorpresa nelle altre sfide del sabato. Andy Roddick si sveglia in tempo per poter guadagnarsi una sfida tutta da gustare contro Federer, anche se i pronostici sono alquanto chiusi. Bene David Ferrer (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/2906.html\"), che regola Tomic, benissimo Verdasco, Monfils e Cilic. Gasquet è invece costretto al terzo set da Stebe.
TUTTI I RISULTATI:
Ferrer (Spa) b. Tomic (Aus) 6-4 6-4
Roddick (Usa) b. Muller (Lux) 6-3 6-2
Gasquet (Fra) b. Stebe (Ger) 6-3 6-7(6) 6-2
Verdasco (Spa) b. Phau (Ger) 6-3 6-0
Monfils (Fra) b. Bubka (Ucr) 6-2, 6-4
Cilic (Cro) b. Kunitsyn (Rus) 6-3, 7-6 (1)
Troicki (Ser) b. Garcia Lopez (Spa) 4-6, 6-1, 6-4
Ramos Vinolas (Spa) b. Lopez (Spa) 6-4, 7-6 (5)
Titolo: Tennis
Inserito da: SPIRITO - 27 Marzo, 2012, 19:28:02 pm
Miami, 27 mar. - (Adnkronos) - "E\' per vittorie come questa che gioco ancora a tennis".
[/size][/font][/color]Andy Roddick (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/2643.html\")
si gode l\'impresa. A Miami lo statunitense ha mandato al tappeto lo svizzero
[/size][/font][/color]Roger Federer (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/676.html\")
, n.3 del seeding e del mondo, e si e\' qualificato per gli ottavi di finale. Un successo che in pochi avrebbero pronosticato, visto anche il bilancio dei precedenti scontri diretti largamente a favore dello svizzero, che aveva perso solo due volte in 23 incontri. Proprio a Miami, quattro anni fa, Roddick aveva ottenuto l\'ultimo successo contro il campione di Basilea. "E\' stata una sorta di partita a scacchi", ha detto Roddick analizzando la partita odierna. Dopo aver perso il primo set al tie-break, Federer ha reagito nel secondo parziale e grazie alle ottime percentuali sulla risposta e\' riuscito a strappare tre volte il servizio allo statunitense e ad allungare l\'incontro. Nel game d\'apertura del terzo e decisivo set \'A-Rod\' ha annullato ben quattro palle-break, poi ha tolto il servizio allo svizzero nel game successivo e ha difeso il vantaggio fino al 6-4 finale dopo poco piu\' di due ore di gioco. "Ho risposto rimanendo piu\' lontano dalla riga di fondo, cosa che non avevo mai fatto contro di lui nelle sfide passate e questo l\'ha disorientato", e\' la lettura di Roddick, attualmente n.34 del mondo. "Ovviamente lui ha preso le contromisure, stiamo parlando di Roger", ha spiegato ancora. "Dopo aver perso il secondo set per 6-1, lui e\' volato sullo 0-40 nel primo game del terzo set, ma sono riuscito a riprendermi subito, poi ho giocato un game fantastico sul suo servizio".
[/size][/font][/color]
Titolo: Tennis
Inserito da: SPIRITO - 31 Marzo, 2012, 10:17:37 am
Novak Djokovic (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/3153.html\") avrà l\'opportunità di difendere il titolo in finale contro Andy Murray (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/3233.html\") dopo aver sconfitto il sorprendente Juan Monaco (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/3085.html\") che non gli ha potuto opporre troppa resistenza
(http://d.yimg.com/i//ng/sp/eurosport/20120331/25/7aca3c9237e3e177817c4f5f994ab1f1.jpg)
 
 
 
 
La sua forma fisica sta migliorando e non è un bel segnale per gli avversari. Considerando che in questo inizio 2012, non ha impressionato per gioco espresso e per condizione atletica come nel 2011 ma ha vinto ugualmente il torneo più importante che si è disputato finora (l’Australian Open) e nel secondo ha raggiunto quantomeno la finale, c\'è da alzare le mani e arrendersi. Sì, perché se pur non giocando al massimo vince, nel momento in cui, come accaduto nelle ultime due sfide (Ferrer e Monaco) comincia ad ingranare non ce n\'è più per nessuno. Se poi uno dei suoi avversari più temibili si fa male e l\'altro si fa buttare fuori da Roddick...
Ovviamente non era certo Juan Monaco che avrebbe dovuto mettere in difficoltà Novak Djokovic, anche perché l\'argentino ha disputato un torneo eccezionale e sapeva di partire ultra sfavorito. 6-0; 7-6 è un punteggio in parte pesante anche se il secondo set, complice più un calo di Nole che un rendimento molto differente di Monaco, lo salva da un giudizio più severo. Nel primo parziale il 24enne di Belgrado ha vinto 24 dei 32 punti che si sono disputati e nonostante una percentuale al servizio non eccezionale (come lui stesso dirà a fine partita) non c\'è stato equilibrio in campo, nemmeno per un attimo.
Nel secondo invece, così come accaduto in egual modo contro Ferrer ai quarti, Nole ha un piccolo calo di tensione che gli costa il break sul 5-4 proprio al momento di servire per il match. Chiuderà, così come contro lo spagnolo, al tie-break (per Monaco è la quinta sconfitta in altrettanti incontri con Djokovic). Ora l\'ultimo atto per il serbo contro Murray. La nuova generazione che avanza insomma, una sfida che si ripete tra due che in qualche modo si assomigliano per voglia di vincere, determinazione e cattiveria agonistica. Lo scozzese ha vinto l\'ultima delle loro sfide in semifinale a Dubai 3 settimane fa. Si sono già trovati di fronte nel torneo di Miami: nel 2007 ebbe la meglio Djoko (semifinale) e Murray si prese la rivincita trionfando in due set  nella finale del 2009.
Titolo: Tennis
Inserito da: SPIRITO - 06 Aprile, 2012, 09:19:03 am
Djokovic vince per il secondo anno consecutivo il Masters 1000 di Miami superando in finale un Murray combattivo solo nel secondo set. Proviamo ad analizzare la manifestazione con le consuete pagelle di fine torneo. I migliori? Radwanska e Djokovic su tutti...
(http://d.yimg.com/i//ng/sp/eurosport/20120403/25/95bbb32e4d078ceb09e3d3d8abc78bbd.jpg)



   Chiusa la prima parte del cemento statunitense – si tornerà in estate -, prima di tornare in Europa per affrontare l’inizio della stagione sulla terra battuta proviamo a dare, come sempre, un po’ di numeri. Dalla terza sconfitta consecutiva in finale della Sharapova alle lune di Murray, dalla riconferma di Djokovic ai guai fisici di Nadal, eccovi il pagellone in arrivo dall’assolata Miami.

10 – Agnieszka Radwanska (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/3359.html\"). Nono torneo in carriera. Secondo stagionale. Nemmeno un set lasciato sul cemento di Key Biscane. Può bastare? Sono questi i numeri della polacca che nell’ultima settimana in Florida ha dimostrato, ancora una volata di più, come le classifiche nel femminile lascino il tempo che trovano. Nel 2012 la polacca è la giocatrice più vincente – tra le top 10 – dopo l’Azarenka. Più che una numero quattro… la numero due!
9 – Novak Djokovic (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/3153.html\"). D’accordo, la finale maschile non sarà stato questo grande spot per il tennis, ma intanto Nole ha riconfermato il Masters vinto anche lo scorso anno lasciando agli altri solo le briciole. Nessun set perso per strada, il numero 1 al mondo ha saputo contenere il ritorno di Murray quando l’inerzia della partita sembrava dovesse girare. E’ sempre lui l’uomo da battere.
8 – Errani-Vinci. In finale a Miami cosi come a Melbourne, le nostre ragazze entrano di diritto nelle posizioni alte della classifica perché, nonostante la sconfitta, il doppio italiano in questo momento sono loro. Non ce ne vogliano Pennetta e Schiavone ma per Londra, stando ai numeri (e non solo), la coppia olimpica pare già fatta…
(http://eur.yimg.com/ng/sp/eurosport/20120403/25/e71a183a0a8674aa9a7d8696dc5087b9.jpg) 7 – Juan Monaco (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/3085.html\") e Jo-Wilfred Tsonga. L’argentino e il francese sono le due note positive di Miami. Monaco ha raggiunto per la prima volta una semi di un Master 1000 ed è stato lestissimo – giusto per confermare che le occasioni van colte al volo – nell’approfittare della stanchezza del Roddick post Federer e della giornata no di Fish. Tsonga invece si è dovuto arrendere a Rafa Nadal ma, proprio contro lo spagnolo, ha messo in mostra la partita probabilmente più divertente del torneo. Un segnale di risveglio dopo 3 mesi “secchi” di letargo. Buongiorno.
6 (+) – Andy Roddick (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/2643.html\"). Superi Roger Federer (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/676.html\") dopo una lunga battaglia e poi che fai? Perdi da Juan Monaco sul veloce? Davanti al pubblico amico? ‘Bene, ma non benissimo’ il ragazzo del Nebraska che scivolato ormai al numero 29 del mondo (la settimana prima era 34) sembra possa andare avanti più a exploit che a reali piani di conquista.
5 – Maria Sharapova (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/1500000000003013.html\"). E sono tre! Terza finale, terza sconfitta in questo 2012. Ok, il suo tennis contro l’Azarenka non funziona e possiamo capirlo… ma se al servizio “così così” della Radwanska rispondi solo pallinate che finiscono nella voce “errori non forzati”, non puoi pensare di vincere. E se ti affidi al servizio ma nel momento più delicato commetti 4 errori gratuiti alla fine perdi, anche se il tuo avversario era questa volta alla tua portata. Non basta giocare finali…
4 – Andy Murray (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/3233.html\"). Lo scozzese è il classico giocatore che ti fa inc…arrabbiare. Dev’essere come quella sensazione che provano i genitori quando al colloquio dal professore del figlio si sentono dire “ha le capacità ma non si applica”. Dov’è stato nel primo set della finale? Cosa aveva di meglio a cui pensare? Poi si sveglia di colpo e si rende conto che la partita potrebbe giocarla... Nessuna scusante per chi non sfrutta il proprio talento. Quattro.
(http://eur.yimg.com/ng/sp/eurosport/20120403/25/147e4ff91c83f12110a69ab13b46fea9.jpg) 3 – Il ginocchio di Rafa Nadal. La condizione fisica del numero due al mondo non accenna a migliorare e, nonostante le rassicurazioni arrivare a Indian Wells e nell’inizio di settimana a Miami, Rafa alla fine ha dovuto dare forfait in semifinale. Ci dovremo abituare? E’ lecito pensarlo visto che, a meno di una parentela con alieni insediatisi a Manacor che al momento comunque non ci risulta, come per gli altri umani il tempo passa anche per il buon Rafa e lo stress e gli impegni non potranno certamente migliorare i tendini di quel ginocchio. Maledetto.
(http://eur.yimg.com/ng/sp/eurosport/20120403/25/6088770303b9a6e3a89e3eea1966173c.jpg) 2 – Le corde della racchetta di Tsonga. Siete sotto 4-5, 30-40, terzo set in rimonta e al servizio c’è un signore che si chiama Rafael Nadal (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/2862.html\") ma su quel quindici decisivo – sì, proprio su quello -, vi si spezzano le corde e con loro ogni sogno di rimonta. Voto due… alla sfiga!
1 – John Tomic. Voto uno al papà di Bernard che, per tutta la gara contro Ferrer, non trova nulla di meglio da fare che rompere le scatole al figlio in campo con consigli evidentemente non troppo graditi. Disperato, il buon Bernard supplica il giudice di sedia di cacciare il padre che, impietosito, lo accontenta. Saturnino.
Titolo: Tennis
Inserito da: SPIRITO - 15 Aprile, 2012, 09:06:37 am
Pablo Andujar b. Flavio Cipolla 6-3 7-5
Dopo aver eliminato Potito Starace (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/3018.html\") al secondo turno, Pablo Andujar ferma anche la cavalcata di Flavio Cipolla, che con la semifinale di Casablanca ha comunque raggiunto il massimo risultato finora in carriera. Lo spagnolo si impone in due set con il punteggio di 6-3 7-5 in quasi due ore di gioco, bravo nel contenere la violenta reazione dell\'azzurro nel secondo parziale, quando, dallo 0-3, riesce a recuperare fino al 5-5.
Andujar parte con le marce altissime breakkando Cipolla al secondo game e portandosi subito sul 4-1: l\'azzurro riesce a recuperare un game issandosi sul 4-3, ma lo spagnolo gli strappa nuovamente il servizio e va a chiudere poi con 4 punti consecutivi nonostante una partenza da 0-30 nel nono gioco. Nel secondo set lo spagnolo accelera nuovamente sul 3-0, ma Cipolla reagisce con forza, recuperando fino al 5-5, senza però riuscire a completare la rimonta: Andujar strappa il servizio all\'azzurro e gli concede poi soltanto un punto nel suo ultimo e decisivo turno di battuta.
[/size][/font][/color]
La finale sarà tutta spagnola, perché Andujar troverà il connazionale Albert Ramos, che giocherà per la prima volta in carriera un match per il titolo: il mancino catalano ha superato il russo
[/size][/font][/color]Igor Andreev (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/3050.html\")
con il punteggo di 6-3 7-6 (7) nell\'altra semifinale.
[/size][/font][/color]
Titolo: Tennis
Inserito da: SPIRITO - 18 Aprile, 2012, 18:05:10 pm
Novak Djokovic (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/3153.html\") fa valere tutti i favori del pronostico battendo in due set Andreas Seppi (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/3030.html\") al secondo turno di Montecarlo: fuori anche Filippo Volandri (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/2500.html\"), che a sua volta perde malamente contro il kazako Kukushkin, Starace e Fognini, che cedono in due set contro Almagro e Haase
(http://d.yimg.com/i//ng/sp/eurosport/20120418/25/67bc87a8c8ee73a0c0c336680323bb65.jpg)



   Novak Djokovic b. Andreas Seppi 6-1 6-4

Prima partita della stagione sul rosso per Novak Djokovic, e subito mietuta la prima vittima nei panni del nostro Andreas Seppi: l\'altoatesino cede in poco meno di un\'ora e mezza di gioco con il punteggio di 6-1 6-4, e lascia dunque strada libera a Nole per accedere agli ottavi di finale, dove se la vedrà con l\'ucraino Alexander Dolgopolov, a sua volta vincente sull\'australiano Bernard Tomic (6-2 5-7 6-1).
Djokovic gioca e spinge moltissimo da fondocampo e lascia ben poche chance al nostro Andreas che, da parte sua, fatica nel limitare gli errori, soprattutto in un primo set che lo vede raccogliere un solo game. L\'azzurro riesce a limare qualcosa nel secondo, strappando anche qualche applauso da un buon pubblico sugli spalti del Centrale: nonostante il break subito al terzo gioco, Seppi rimane nella scia del numero 1 del mondo, ma non riesce a capitalizzare le opportunità di controbreakkare nell\'ottavo game sul 4-3 a sfavore e si vede costretto ad abdicare 6-4.
Con questa vittoria, Djokovic sale 7-0 nello scontro diretto contro Seppi e migliora il suo record a 21-2 in questa stagione.
Mikhail Kukushkin b. Filippo Volandri 7-6(8) 2-6 6-2
Dopo l\'uscita di scena di Seppi, ampiamente prevedibile sulla carta, saluta anche Filippo Volandri, sconfitto, però, in un match decisamente abbordabile contro il kazako Kukushkin, classe \'87, numero 68 nel ranking ATP. L\'azzurro perde male, sprecando l\'impossibile nel primo set e affievolendosi improvvisamente nel terzo: avanti 4-0 nel parziale d\'apertura, Seppi si fa rimontare in maniera impronosticabile dall\'avversario e perde al tie-break dopo aver annullato tre palle set. Nel secondo parziale, l\'azzurro strappa il servizio sul 2-1 e infila poi tre giochi consecutivi per chiudere facilmente sul 6-2, ma nel terzo set cede la battuta nel terzo e settimo gioco servendo a Kukushkin il successo su un piatto d\'argento.
Rafael Nadal (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/2862.html\") b. Jarkko Nieminen (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/2775.html\") 6-4 6-3
E a Kukushkin toccherà ora l\'onere di affrontare Rafael Nadal, che supera a sua volta Jarkko Nieminen in due set e archivia così la sua settima vittoria in altrettanti match contro il finlandese. Lo spagnolo, tornato dopo l\'infortunio al ginocchio sofferto a Miami il mese scorso, passa il turno controllando la partita, senza, però, dare l\'impressione di un dominio assoluto: Nieminen, infatti, cerca di forzare molto per evitare scambi lunghi, ma questa tattica lo porta a segnare sì dei bei vincenti ma anche a sbagliare tanto, soprattutto nei momenti topici del match. La prossima partita, sulla carta abbordabilissima per lo spagnolo, servirà per giudicare meglio le sue condizioni fische: Rafa va in cerca del suo ottavo titolo consecutivo.
Nicolas Almagro (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/3059.html\") b. Potito Starace (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/3018.html\") 7-6, 6-1
Non basta un primo set giocato ad altissimi livelli a Potito Starace per avere la meglio su Nicolas Almagro, numero otto del tabellone. Il campano si deve arrendere nonostante un buon tennis e soprattutto una prima parte nella quale ha concesso zero palle break all\'avversario e ribattuto colpo su colpo forzando il tie break. Proprio sul 6 pari Potito però cede di schianto perdendo il primo set e perdendo il secondo set con un 6-1 che non ammette repliche.
Robin Haase (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/3385.html\") b. Fabio Fognini (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/3303.html\") 6-4, 6-4
Il mercoledì da dimenticare per il tennis azzurro a Montecarlo si conclude con la sconfitta di Fabio Fognini che si fa eliminare da Haase con un doppio 6-4. E pensare che l\'avvio è stato incoraggiante con un 2-0 che lasciava presagire ad un\'altra impresa del tennista ligure dopo quella di ieri contro Llodra. Purtroppo però l\'azzurro ha subito il ritorno di Haase che ha vinto i successivi 4 games e perdendo poi il primo 6-4. Nel secondo set l\'andamento è simile, Fognini parte forte ma poi si spegne e subisce il ritorno dell\'olandese che vince il secondo set 6-4 e strappa il pass per gli ottavi di finale.
Titolo: Tennis
Inserito da: SPIRITO - 21 Aprile, 2012, 16:26:40 pm
Djokovic si impone per 4-6 6-3 6-2 e vola in finale del Monte Carlo Masters 1000. Il buon tennis di Berdych nel primo set, unito al nervosisimo di Djokovic, fanno inizialmente scappare il ceco. Poi Nole rischia, rientra in partita ed eleva la qualità dei suoi colpi. Ora Nadal o Simon
(http://d.yimg.com/i//ng/sp/eurosport/20120421/25/f23398e662c5f94873da8f733600f0a8.jpg)
Dura un set e mezzo Tomas Berdych (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/3048.html\"). E\' Nole Djokovic alla fine a passare e volare in finale del Monte Carlo Masters 1000, torneo ancora assente nella bacheca del serbo, dopo un avvio di partita dove la precisione al servizio di Berdych e la buona mobilità dal fondo avevano messo in difficoltà un braccio oggi decisamente troppo nervoso. Nel secondo set infatti, dopo un avvio rischioso dove Berdych ha avuto ancora la possibilità di scappare, Djokovic ha dovuto elevare la precisione dei suoi colpi e la qualità del suo tennis per allungare e trovare il set decisivo che ha posto la partita in discesa. Sì perché con l\'elevarsi di Djokovic c\'è stata la contemporanea discesa delle percentuali di servizio - e vincenti - di Berdych. Ora in finale il serbo attende Nadal o Simon
Pronti-via e in campo si presenta un Djokovic completamente diverso da quello delle giornate precedenti. Il serbo è concentrato e cerca il suo solito tennis potente e alla ricerca delle linee. Quella che poteva essere la chiave del match, la ricerca da parte di Djokovic del movimento lungo la linea di fondo di Berdych, non porta i suoi frutti: il ceco infatti fatica a tenere i primi due turni di servizio ma sembra dare l\'impressione di muoversi comunque bene. Il set prosegue in parità fino al 2-2 quando Djokovic riesce a breakkare Berdych e salire 4-2 mantenendo il suo turno di servizio. Set a favore del serbo? Macché. Djokovic perde il turno di battuta "a zero" trovando un passaggio a vuoto di 11 punti a 2 a favore di Berdych che, con merito, riesce a rientrare in partita fino al 4-4. Djokovic torna al servizio ma l\'emorragia di errori gratuiti non è ancora finita concedendo all\'attentissimo Berdych il terzo game consecutivo. Il ceco va al servizio per il set ma, prima di chiudere 6-4, è costretto a fermare l\'ultimo disperato tentativo di Djokovic di rimanere nel set annullano una palla del controbreak.
Il secondo si apre con un vento davvero fastidio per i giocatori al servizio. Djokovic trova difficoltà subito in avvio andando sotto 0-30 e concedendo due nuove palle break al ceco. La reazione del serbo è però veemente e dopo aver salvato il game, breakka Berdych nel turno di battuta successivo approfittando di una frettolosa risposta in corridoio del ceco. Come nel primo set però il ragazzo di Belgrado rischia di non confermare il break commettendo due doppi falli consecutivi che concedono a Berdych la possibilità immediata di rientrare nel set; Djokovic torna ad elevare il suo tennis giocando 3 vincenti consecutivi e salendo 3-0. Berdych soffre psicologicamente il rientro del serbo e, il numero di vincenti fino a quel momento giocati nel match dal ceco, scende notevolmente così come la pericolosità della sua prima di servizio. Ne approfitta così Djokovic che porta via il secondo per 6-3 e allunga la partita al terzo.
Titolo: Tennis
Inserito da: SPIRITO - 22 Aprile, 2012, 12:13:30 pm
A Monte Carlo Simon è domato 6-3 6-4. Il Francese gioca bene, resta in partita, ma non riesce a trasformare nessuna delle 7 palle break conquistatosi in tutto il macth. Per Nadal è l\'ottava finale consecutiva sulla terra rossa del Principato: la prima contro la bestia nera Novak Djokovic[indent=1](http://d.yimg.com/i//ng/sp/eurosport/20120421/25/2f6934d87b2109ec1199db5db3c7db19.jpg)[/indent]
 
Rafa Nadal contro Novak Djokovic. Era la finale che tutti volevano e così, alla fine, è stata. Lo spagnolo, all\'ottava finale consecutiva sulla terra rossa del Principato, si è sbarazzato in semifinale di un ottimo Simon ritornato sui livelli che l\'avevano portato numero 6 del mondo. Il francese ha giocato un match all\'altezza del palcoscenico e a velocità a tratti impressionanti ma, come spesso accade contro i campioni, sono i dettagli a fare la differenza. E le "piccolezze", se così possiamo chiamarle, di questa semifinale sono state le 0 palle break su 7 trasformate da Simon. Nadal ha invece approfittato di ogni singola occasione a lui disponibile e, ancora una volta, accede all\'atto finale senza nemmeno concedere un set.
 
SIMON, ESSERE QUASI PERFETTI NON BASTA- Poco, pochissimo da fare per Simon. Forse qualcosa da recriminare, ma sicuramente nulla di più. Il francese gioca un gran primo set dimostrando di non soffrire particolarmente, almeno in avvio, il ritmo e le rotazioni imposte dal mancino di Manacor ma, al momento chiave, il solito "errorino" è stato fatale contro un cecchino della racchetta da tennis come Rafa Nadal. Il game chiave è il settimo quando Simon, sul servizio di Nadal, si procura due palle break senza però riuscirne a sfruttare nemmeno una (la prima per merito di Nadal, la seconda per demerito proprio). Ne consegue che Nadal, corso il "mini pericolo", infila 12 punti dei 14 giocati da lì alla fine breakkando alla prima occasione buona Simon e portandosi via il primo set per 6-3.
 
NO BREAK, NO PARTY - Giocare otto game perfetti non è evidentemente sufficiente per scalfire il numero 2 del mondo eppure Simon, anche nel secondo set, non si perde d\'animo. Il francese concede il break già nel terzo gioco ma nel quarto costringe Nadal ad annullare le 3 palle del controbreak immediato. Pur non sfruttando nemmeno un quindici, Simon continua a riuscire a mantenere il ritmo imposto dallo spagnolo dal fondo uscendo spesso vincente dagli scambi maratona. Il sesto gioco è infatti emblematico e Simon, dopo aver mantenuto il servizio, si procura altre due palle per tornare sul 3-3: qui un gran recupero di Nadal e un filo di sfortuna (il vento anche in questa semifinale è stato decisamente un fattore) non riesce far a cogliere l\'ultimo treno disponibile al transalpino.
 
(http://eur.yimg.com/ng/sp/eurosport/20120421/25/a5fb3ad32985197226492e9bcbc7309c.jpg)
NADAL-DJOKOVIC, VIA ALLE DANZE - Nadal, nonostante qualche errore di precisione, non concede praticamente più chance raggiungendo Novak Djokovic in una finale che si prospetta più che mai interessante. Se il mancino di Manacor infatti è il padrone indiscusso del Principato da 7 anni a questa parte, dovrà affrontare un Djokovic che, nei sette precedenti - tutte finali - lo ha sempre battuto. Se aggiungiamo poi che Monte Carlo, insieme a Cincinnati, è l\'unico Masters 1000 non ancora presente nella bacheca del ragazzo di Belgrado, siamo certi che tra qualche ora assisteremo alla solita, epica, battaglia. Siamo a Monte Carlo... volte scommettere?
Titolo: Tennis
Inserito da: SPIRITO - 23 Aprile, 2012, 18:16:42 pm
Rafa Nadal blocca la "maledizione" Djokovic e si conferma re sulla terra del Pricipato. In poco più di un\'ora e venti minuti lo spagnolo ha liquidato un numero 1 al mondo troppo falloso per poter impensierire il terrificante dritto di Nadal. E\' l\'ottavo titolo consecutivo a Monte Carlo
(http://d.yimg.com/i//ng/sp/eurosport/20120423/25/831150156cae6539fdf6d44b51e656d2.jpg)
 
 
Che cosa può succedere quando un giocatore ritrova i suoi miglior colpi e non sbaglia praticamente nulla mentre l\'altro è la copia irriconoscibile di se stesso? Un 6-3 6-1 in meno di un\'ora e mezza potrebbe essere la riposta. Possiamo pressoché riassumere in questa maniera la finale del Monte Carlo Masters 1000 di oggi che consegna a Rafa Nadal l\'ottavo titolo consecutivo del Principato, il primo della stagione sulla terra rossa ma, soprattutto, la fine della "maledizione" Djokovic. Lo spagnolo infatti aveva perso tutte e sette le ultime partite con Djokovic (finali) ma oggi, ritrovando un dritto "old style", una prima di servizio molto vicino alla perfezione e una profondità di colpi chirurgica ha annichilito unNovak Djokovic (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/3153.html\") troppo falloso per essere vero.
NADAL "OLD STYLE" - Il primo set è emblematico. Nadal dovrebbe trovare profondità di colpi rispetto alla giornate precedenti mentre Djokovic dovrebbe concedere molti meno errori gratuiti. La chiave è questa ma a trovarla è solo Nadal che, oltre a una grande precisione, si affida oggi a una prima di servizio tirata con percentuali vicine alla perfezione: alla fine del primo tempo saranno 16 su 20 le prime messe in campo. Djokovic invece, dal canto suo, non riesce a elevarsi rispetto al resto della settimana continuando la serie di errori non forzati, gran parte con il rovescio, che avevano concesso di fatto anche a Berdych il primo set della semifinale. Due game su tutti: il terzo, dove il serbo tira lunghi due dritti e sbaglia di mezzo metro un rovescio dal centro del campo, e il nono, dove dopo essere chiamato agli straordinari per annullare la prima palla set, sbaglia nuovamente un cross di rovescio regalando a Nadal un primo set più facile del previsto.
MALEDIZIONE SFATATA - Ci si aspetterebbe la naturale reazione del numero 1 al mondo che come contro Berdych e Dolgopolov aveva faticato a trovare i suoi colpi ma, invece, è paradossalmente ancora Nadal a salire e il tennis del serbo a scendere. Nadal continua a portarsi a casa turni di servizio "a zero" contro quello che dovrebbe essere il miglior risponditore del circuito mentre Djokovic, insieme a una prima di servizio al limite dell\'imbarazzo, continua a concedere errori gratuiti sia con il dritto cge con l\'accelerazione in rovescio bimane. Ne consegue che nel giro di 20 minuti Nadal conquista un doppio break e va avanti 4-0. Il serbo prova ad affidarsi alla reazione d\'orgoglio breakkando Nadal a zero ma è il classico game della disperazione. Nel game successivo infatti Nadal strappa - per la quinta volta! - il servizio del serbo prima di chiudere con un emblematico ace la partita del riscatto.
MERITI E DEMERITI - Fin dove arriva il merito di Nadal e il demerito di Djokovic è difficile capirlo. Certo, il lutto in famiglia ha sicuramente segnato la settimana del serbo ma, è indubbio che, le accelerazioni di dritto di Nadal, oggi avrebbero fatto male a prescindere dalla condizione psicologica del ragazzo di Belgrado che per altro per tutta la settimana ha mostrato un livello di tennis ben lontano dai suoi standard. Nel regno di Nadal resta quindi ben salda la roccaforte di Monte Carlo. Adesso Barcellona, Madrid, Roma e Parigi. Djokovic avrà sicuramente chance per provare a vendicarsi o, per lo meno, giocare a tennis.
Titolo: Tennis
Inserito da: SPIRITO - 28 Aprile, 2012, 09:20:05 am
Il maiorchino batte con un doppio 6-2 Tipsarevic. Esce a sopresa lo scozzese, eliminato da Milos Raonic al suo primo successo contro uno dei Top 4. In semifinale anche Ferrer e Verdasco. A Bucarest, Fognini batte Seppi e vola in semifinale
(http://d.yimg.com/i//ng/sp/eurosport/20120427/25/aef3b5f168e6de0ae1978bbc3e6297d5.jpg)
 
 
 
La terra rossa ha davvero un solo padrone:Rafael Nadal (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/2862.html\"). Il maiorchino conquista l’accesso alle semifinali del torneo di Godò, giunto alla sua 60esima edizione, battendo con una facilità disarmante Janko Tipsarevic (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/3025.html\"). Un doppio 6-2 in meno di un’ora e mezzo da gioco per confermare di voler vincere il torneo di cui è campione in carica. 3 ace realizzati, il 76% di punti vinti sulla prima di servizio, un solo break concesso, 7 quelli conquistati e 5 quelli convertiti sono sufficienti a Nadal per archiviare la pratica e festeggiare il 25° successo in questa stagione.
La notizia del giorno è, però, la sconfitta di
[/size][/font][/color]Andy Murray (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/3233.html\")
. Che Raonic fosse cliente scomodo lo aveva detto lo stesso scozzese, ma in pochi avrebbero scommesso sul successo del canadese. E invece…
[/size][/font][/color]
Raonic ha battuto il numero 4 del mondo 6-4 7-6(3) ottenuto il primo successo in carriera contro uno dei Fab Four. Tutto facile nel primo set durante il quale il canadese ha concesso solo 4 punti sul suo turno di battuta strappando il servizio a Murray nel settimo gioco e chiudendo il parziale con il 90% di npunti vinti sulla prima di servizio.
[/size][/font][/color]
Raonic si concede una sola sbavatura in tutto il match quando nel secondo parziale sul 5-4 in suo favore, subisce il contro break di Murray. Si arriva così al tie break dove un cinico Raonic mette in evidenza tutte le difficoltà psicologiche dell’avversario. Lendl ha ancora molto lavoro da fare…Per un posto in quella che sarebbe la sua prima finale sulla terra, Raonic dovrà battere
[/size][/font][/color]David Ferrer (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/2906.html\")
. Lo spagnolo ha vinto il derby con il connazionale
[/size][/font][/color]Feliciano Lopez (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/2077.html\")
, battuto 6-7(4), 7-6(7), 6-3 in 2 ore e 45 minuti di gioco. Ferrer accede così alle semifinali del torneo per la sesta volta consecutiva, pur non riuscendo mai a vincere. In finale nel 2008, nel 2009 e nel 2011 è sempre stato battuto da Rafa Nadal. Ferrer è quindi alla ricerca di un successo sulla terra catalana di Barcellona, il quarto in questa stagione dopo Auckland (b. Rochus), Buenos Aires (b. Almagro) e Acapulco (b. Verdasco). Dura solo sei game la partita tra Nishikori e Verdasco con il giapponese costretto al ritiro sul 4-2 per lo spagnolo.
[/size][/font][/color]
 
***
ATP BUCAREST
Dopo più di tre ore di battaglia, Fabio Fognini (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/3303.html\") si è aggiudicato il derby tutto italiano con Andreas Seppi (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/3030.html\") nel quarto di finale dell\'ATP di Bucarest. Primo successo in carriera per il tennista ligure contro il connazionale. Un successo arrivato dopo una bellissima partita, equilibrata e in bilico fino al secondo set. Dopo il primo parziale portato a casa proprio da Fognini, la reazione rabbiosa di Seppi che, si aggiudica il secondo set, e rimanda tutto. L\'ultimo set si infiamma con Fognini che cerca di scappare via ma viene ripreso dalla furia di un Seppi che di perdere proprio non ne vuole sapere. Il ligure, però, estrae dal cilindro un controbreak che in pratica decide il match. Fognini strappa il pass per una semifinale di un torneo del circuito maggiore che gli mancava da circa 9 mesi (Umago, nel luglio 2011, sconfitta con Marin Cilic (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/3274.html\")).
Sarà Attila Balazs a sfidare sabato l\'italiano Fabio Fognini nella semifinale rumena. Nell\'ultimo quarto in programma, il tennista ungherese, proveniente dalle qualificazioni, ha avuto la meglio sul belga
[/size][/font][/color]Xavier Malisse (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/614.html\")
per 4-6 6-3 6-4.
[/size][/font][/color]
Titolo: Tennis
Inserito da: SPIRITO - 29 Aprile, 2012, 10:38:39 am
Mentre l\'olandese Kiki Bertens si porta a casa il torneo di Fes, a Stoccarda si delinea una finale di grandissimo interesse tra Victoria Azarenka (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/3289.html\"), che regola ancora la Radwanska, e Maria Sharapova (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/1500000000003013.html\"), che dopo la maratona con la Stosur elimina anche la Kvitova
(http://d.yimg.com/i//ng/sp/eurosport/20120428/25/bf4711704a079443a051de6846665f68.jpg)Victoria Azarenka b. Agnieszka Radwanska (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/3359.html\")6-1 6-3
Azarenka e Radwanska si ritrovano per la quinta volta in stagione, ma la tendenza non cambia rispetto alle precedenti uscite: dopo Sydney, Melbourne, Doha e Indian Wells, la bielorussa archivia un\'altra vittoria in stagione (ora è 10-3 il conto complessivo negli scontri diretti) e accede così in grande, anzi, grandissimo stile alla finalissima del torneo di Stoccarda. Vika concede soltanto quattro giochi all\'avversaria, inanellandone 6 consecutivi nel primo set per indirizzare in maniera chiara e forte l\'andamento del match. Nella seconda partita la Radwanska prova a giocare un tennis più aggressivo, d\'anticipo, riesce a strappare un break al terzo gioco ma non va oltre questo fugace fuoco di paglia: la Azarenka risponde con un immediato contro-break, vola sul 5-2 e archivia poi con tranquillità il match.
Maria Sharapova b. Petra Kvitova (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/3538.html\") 6-4 7-6
Dopo la maratona di tre ore di venerdì sera contro Samantha Stosur (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/1500000000002992.html\"), Maria Sharapova prosegue la sua cavalcata verso la finale regolando la Kvitova e sparigliando, così, la situazione negli scontri diretti, prima in perfetta parità sul 2-2 (quello di oggi era il primo disputato sul rosso). Brutta partenza della Kvitova, che gioca un primo set estremamente falloso, affievolendosi dopo aver perso la battuta sul 2-2: Maria comanda gli scambi da fondocampo sbagliando pochissimo e va a vincere con relativa tranquillità sul 6-4. Nel secondo set la Kvitova lima qualche sbavatura di troppo diventando molto più concreta: ora è lei che prende in mano le redini dell\'incontro, ma la Sharapova riesce sempre a salvarsi andando ad annullare ben 7 palle break. Sul 5-4, Maria annulla anche un set-point pareggiando i conti al servizio, la Kvitova riesce a forzare il tie-break, ma lì la siberiana non cede alla tensione e porta a casa il match lasciando soli tre punti all\'avversaria.
* * * * *
WTA FES - E\' l\'olandese Kiki Bertens a portarsi a casa il torneo di Fès, battendo in finale la spagnola Laura Pous Tio: la giovanissima "orange", 20 anni, proveniente dalle qualificazioni, si prende il primo trofeo a livello di professionismo, superando l\'avversaria per 7-5, 6-0. E pensare che finora non aveva mai superato un primo turno in un torneo WTA...
Titolo: Tennis
Inserito da: SPIRITO - 30 Aprile, 2012, 17:21:48 pm
Rafael Nadal (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/2862.html\") ha vinto per la settima volta in carriera il "Barcelona Open Banc Sabadell", torneo Atp 500 tenutosi a Barcellona: battuto il connazionale David Ferrer (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/2906.html\") per 7-6(1) 7-5 (foto: AP/LaPresse)
(http://d.yimg.com/i//ng/sp/eurosport/20120430/25/3374c5945242aab5051a2fcd2dee387b.jpg)
Rafa Nadal diventa il primo tennista dell\'era Open a vincere due tornei per ben sette volte: domenica infatti il maiorchino si è aggiudicato l\'Atp di Barcellona, battendo in finale il connazionale David Ferrer per 7-6, 7-5, al termine di un match molto combattuto, durato la bellezza di due ore e 40 minuti.
Si trattava della ripetizione della finale dello scorso anno, a dieci anni esatti dall\'esordio di Nadal nel mondo del tennis profesionistico: e di fronte a un pubblico caldissimo che ha affollato la capitale catalana, lo spettacolo non è certo mancato.
Il numero sei al mondo Ferrer rimane in partita, seguendo il ritmo del rivale di giornata, ma spreca ben cinque palle set sul servizio dell\'avversario, quando stava sul 6-5 a suo favore, prima di cedere al tie-break con un netto 7-1.
Nel secondo set, David va sotto 3-1, ma riesce a rimettersi in partita, con il suo proverbiale carattere e tenacia, risalendo fino al 5-4 a suo favore. Ma ancora una volta, sul più bello, Ferrer non concretizza e Nadal ne approfitta per vincere i tre game successivi.
La quarta finale tra Nadal e Ferrer ha il solito risultato: vince il maiorchino, e l\'avversario, alla caccia del quarto titolo in campo Atp (sarebbe stato il suo record personale), si arrende.
Per il mancino maiorchino si tratta della 34esima partita vinta di fila in un torneo che lo vede trionfatore dal 2005 (nel 2010 non partecipò). Il numero due del mondo, a 25 anni, può mettere in bacheca il trofeo numero 48 in carriera, il numero 34 sulla terra rossa.
Titolo: Tennis
Inserito da: SPIRITO - 03 Maggio, 2012, 16:27:26 pm
Il senese è stato battuto con un doppio 6-1. Procede il cammino di Seppi a Belgrado. Esce di scena Tsonga, irriconoscibile contro Haas. Ferby azzurro ai quarti di Budapest tra Sara Errani (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/3347.html\") e Alberta Brianti (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/500000000002898.html\")
(http://d.yimg.com/i//ng/sp/eurosport/20120502/25/b8cf82b062aa84d24d16a8d5b858d3e2.jpg)
 
 
 
 
 
 
 
Atp Estoril
Esce al secondo turno Paolo Lorenzi (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/3317.html\"), battuto, come già successo a Miami nel 2011, dal francese Richard Gasquet (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/2856.html\"), numero 2 del seeding. Match senza storia: il senese è stato eliminato in poco più di 1 ora di gioco con un eloquente doppio 6-1. I numero, poi, parlano da soli: 0 gli ace realizzati, 1 palla break conquistata e non convertita, 6 i break subiti e una percentuale di punti vinti sulla prima di servizio del 67%.
Accede ai quarti di finale Stanislas Wawrinka (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/3013.html\")che elimina lo spagnolo Navarro. Qualche difficoltà per il numero 2 del tennis svizzero che, con qualche difficoltà a servizio, vince il primo set al tie break per 7-5. Nel secondo parziale, Wawrinka riesce ad imporre il suo gioco chiudendo 6-1.
Haase b. Cervantes 5-7 6-4 6-2
Atp Monaco
Risultato a sorpresa sul campo centrale dove la testa di serie numero 1, il francese Jo Wilfred Tsonga, è stato eliminato da Tommy Haas (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/429.html\") 6-1 6-4 in meno di un’ora di gioco. Match a senso unico, dominato dal finalista del 2000 che non ha concesso nulla all’avversario, lasciandogli 13 punti sul suo turno di servizio. Davvero una brutta sconfitta per Tsonga, ancora alla ricerca del suo primo successo sulla terra battuta.
Cilic b. Bachinger 6-3 6-2
Baghdatis b.  Brown 1-6 6-4 6-4
Haas defeats b. Tsonga 6-1 6-4
Youzhny b.  Giraldo 6-7(2) 6-4 6-4
Atp Belgrado
Il nostro Andreas Seppi (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/3030.html\") supera il secondo turno del torneo serbo battendo il croato Ivan Dodig 6-4 6-2 confermando così il risultato ottenuto a Tokyo due anni fa quando l’altoatesino si è imposto in 3 set. Ottima la prova dell’azzurro, ma per onor di cronaca va anche detto che il croato non sta attraversando un momento di grandissima forma. Al prossimo turno Andreas affronterà il lussemburghese Gilles Muller (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/2891.html\").
Muller b. Schwank 6-3 7-6(0)
Souza b. Lajovic 4-2 Rit.
Wta Budapest
Buone notizie per i colori azzurri. Sara Errani e Alberta Brianti accedono ai quarti di finale del torneo battendo rispettivamente la Czink e la Tsurenko. La bolognese si impone in 3 set 6-4 1-6 6-1 in 1 ora e 44 minuti di gioco, mentre la Brianti impiega 3 ore per aver ragione dell’ucraina battuta in rimonta 5-7 7-5 6-4. Venerdì derby azzurro per scoprire il nome della prima semifinalista. Nell’unico precedente tra le due (Barcellona 2011), vittoria della Errani 6-2 6-3.
Errani b. Melinda Czink (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/2874.html\") 6-4, 1-6, 6-1
Brianti b. Lesya Tsurenko 5-7, 7-5, 6-4
Tatishvili b. Vanda Lukacs 6-1, 6-2
Wozniak b. Alexandra Cadantu 6-7 (2/7), 6-0, 6-0
Erakovic b. Akgul Amanmuradova (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/500000000002896.html\") 6-0, 0-0 (ritiro)
Zahlavova Strycova b. Klara Zakopalova (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/2699.html\") 6-3, 6-3
Martic b. Hsieh Su-wei (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/1500000000002973.html\") 6-4, 6-1
Titolo: Tennis
Inserito da: SPIRITO - 05 Maggio, 2012, 09:47:47 am
Sara cerca il titolo a Budapest dopo aver eliminato la Tatishvili, mentre si registra l\'addio azzurro a Estoril dopo la sconfitta della vinci da parte della Kanepi e l\'eliminazione della Knapp a opera della Suarez Navarro. Seppi approda in semifinale a Belgrado ed ora c\'è Nalbandian
(http://d.yimg.com/i//ng/sp/eurosport/20120504/25/676c818addebcf72d599250de0831240.jpg)
 
 
 
 
 
 
 
 
WTA BUDAPEST
Sara Errani (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/3347.html\")
conferma il suo ottimo momento di forma ed è la prima finalista del torneo di Budapest. L\'azzurra supera
[/size][/font][/color]Anna Tatishvili (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/3229.html\")
con il punteggio di 6-1 6-1. C\'è poco da raccontare di questo match, che vede la romagnola dominare in un\'ora di gioco la georgiana. In questo poco tempo, Sara concede due palle break e le salva entrambe, ma riesce anche a strappare il servizio all\'avversaria per ben cinque volte nell\'incontro. Per la Errani è la terza finale stagionale; le due precedenti le hanno portato fortuna, avendo vinto in entrambe il titolo. Ad Acapulco di è imposta nel derby con
[/size][/font][/color]Flavia Pennetta (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/2432.html\")
(vincendo poi anche il titolo di doppio in coppia con
[/size][/font][/color]Roberta Vinci (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/2722.html\")
), a Barcellona, invece, ha sconfitto
[/size][/font][/color]Dominika Cibulkova (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/3376.html\")
.
[/size][/font][/color]
 
WTA ESTORIL
Roberta Vinci questa volta è separata dalla compagna di doppio, ma a Estoril la sua corsa si ferma in semifinale. La tarantina esce di scena, pur essendo testa di serie numero 1, per mano di Kaia Kanepi (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/1000000000002923.html\"), che chiude l\'incontro in un\'ora e 23 minuti col punteggio di 6-2 7-5. Il servizio dell\'azzurra non è efficace, così nel primo set roberta se lo fa strappare due volte. Sel secondo set, invece, è una serie di break e controbreak, ma alla dine la tennista estone ne avrà uno in più all\'attivo, quello necessario per chiudere set, incontro e andare in finale.
Non ci sarà nessuna italiana in finale in Portogallo: l\'altra azzurra che avrebbe potuto accedervi, Karin Knapp (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/3377.html\"), non ce la fa. L\'altoatesina in un\'ora e 20\' saluta il torneo, sconfitta da Carla Suarez Navarro con il punteggio di 6-4 6-0. Nel primo set l\'incontro è equilibrato, poi a Karin si spegne la luce e alla spagnola non resta da fare altro che infilare un game dietro l\'altro.
ATP ESTORIL
Avrebbe dovuto essere avversario probante per Juan Martin Del Potro (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/3340.html\"), invece lo spagnolo Montanes si è arreso al ‘ragazzone’ argentino con un eloquente doppio 6-2 6-2 in 1 ora e 17 minuti di gioco. "Credo di aver giocato meglio di ieri e la mia sicurezza sta aumentando. E\' importante per questo torneo e per il prossimo che giocherò" ha detto il campione uscente del torneo di Estoril che al prossimo turno affronterà Stanisla Wawrinka. Lo svizzero ha eliminato l’olandese Robin Haase (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/3385.html\"), archiviando la pratica in 58 minuti con i punteggio di 6-1 6-4. Meno preciso del solito al servizio, il numero 2 del tennis elvetico ha avuto un solo momento difficile durante la partita quando in vantaggio per 3-1, si è fatto recuperare sul 4-4, prima di convertire l’ennesima palla break del match e chiudere.
Avanza anche Richard Gasquet (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/2856.html\"), finalista ad Estoril nel 2006. Il francese ha incontrato non poche difficoltà nel match contro lo spagnolo Munoz De la Nava. Inesperto, ma volenteroso a tal punto da costringere Gaquet al tie break nel primo set prima di arrendersi 7-6(1) 6-2. In semifinale Gasquet, numero 2 del seeding, affronterà lo spagnolo Albert Ramos che ha eliminato il padrone di casa, il portoghese Souza 5-2 6-3. Per Ranos si tratta della terza semifinale stagionale.
ATP BELGRADO
Andreas Seppi (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/3030.html\") ha raggiunto le semifinali del "Serbia Open", torneo Atp 250 da 418.700 euro di montepremi in corso sui campi in terra rossa di Belgrado. Il tennista altoatesino, testa di serie numero 2, ha sconfitto ai quarti il lussemburghese Gilles Muller (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/2891.html\"), ottava forza del seeding, per 6-4 6-3. Ora Seppi dovrà vedersela con David Nalbandian (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/2653.html\"). Il tennista argentino, quarta testa di serie, ha battuto nell\'ultimo quarto il brasiliano Joao Souza in due set con il punteggio di 6-3, 6-2.L\'altra semifinale vedrà impegnati lo spagnolo Pablo Andujar e il francese Benoit Nieminen. Sarà David Nalbandian ad affrontare Andreas Seppi nella semifinale del "Serbia Open".
ATP MONACO
Marin Cilic (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/3274.html\") e Tommy Haas (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/429.html\") si giocheranno un posto nella finale del "BMW Open. Il croato, terzo favorito del tabellone, ha avuto la meglio su Mikhail Youzhny (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/2670.html\"), testa di serie numero 6, per 6-3 6-7(6) 6-3; Haas ha invece piegato Marcos Baghdatis (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/3165.html\"), ottava forza del tabellone, per 6-1 7-6(3). Dall\'altra parte del tabellone a contendersi un posto in finale saranno Feliciano Lopez (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/2077.html\") e Philippe Kohlschreiber. Lopez, testa di serie numero 2, ha superato ai quarti l\'australiano Bernard Tomic (5) per 6-4 6-2, mentre Kohlschreiber, quarta forza del seeding, si è imposto per 6-0 7-6(5) sul qualificato australiano Marinko Matosevic.
Titolo: Tennis
Inserito da: SPIRITO - 06 Maggio, 2012, 10:33:02 am
Sara trionfa anche a Budapest, sconfitta la Vesnina in finale in due set. Per l\'azzurra è il terzo trofeo stagionale dopo aver conquistato quelli di Acapulco e Barcellona
(http://d.yimg.com/i//ng/sp/eurosport/20120505/25/762b9bc4c9add7d33118783dfe10987b.jpg)
 
 
 
 
 
 
 
Il titolo del WTA di Budapest appartiene aSara Errani (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/3347.html\"). La tennista romagnola si conferma ad altissimi livelli in questa prima parte di stagione e conquista il suo terzo torneo dall\'inizio dell\'anno dopo essersi imposta ad Acapulco e Barcellona.
L\'azzurra supera anche l\'ultimo ostacolo, rappresentato da Elena Vesnina (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/3198.html\"), sconfitta con il punteggio di 7-5 6-4. Sembrava quasi fatta, soprattutto all\'inizio del secondo set. E invece no.
Nel primo parziale c\'è equilibrio e la russa perde nel finale il confronto con la nostra tennista, partendo bene facendosi strappare la battuta per la terza volta dopo che le due tenniste si erano tolte il servizio a vicenda per ben due volte.
Nel secondo parziale Sara apre in maniera perentoria, andando subito sul 3-0, ma progressivamente la Vesnina recupera terreno e si riporta sotto: va a servire sul 5-4 per la Errani e con la possibilità di riaprire il match tenendo il servizio. Invece non ce la fa: dopo un game combattuto fino ai vantaggi, la vittoria va all\'azzurra, al suo quinto titolo in carriera.
"E\' stata una gran settimana in cui ho giocato un buon tennis - dice la nostra Sara Errani durante la cerimonia di premiazione - La finale contro la Vesnina è stata dura, lei ha iniziato benissimo mettendomi in grande difficoltà, poi le ho preso le misure recuperando. E\' il mio terzo titolo quest\'anno, questa è una stagione splendida per me, quasi incredible... L\'obiettivo è continuare su questa strada, queste vittorie mi danno una grande fiducia".
Titolo: Tennis
Inserito da: SPIRITO - 07 Maggio, 2012, 16:06:06 pm
Tutto facile nel primo match del Wta di Madrid per Serena Williams (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/333.html\"): l\'americana massacra la russaElena Vesnina (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/3198.html\") 6-3 6-1 e ora troverà la Pavlyuchenkova. Parte bene anche la Kvitova, che supera la neozelandese Erakovic
(http://d.yimg.com/i//ng/sp/eurosport/20120507/25/d4021bbf9d3d713b046252f60193ec4e.jpg)
 
 
   C\' femminon
 
 
 
Ottima partenza per Serena Williams sulla nuova terra blu del Madrid Open, il torneo ATP della capitale spagnola in corso di svolgimento nello splendido impianto della Caja Magica. La minore delle sorelle, numero 9 del seeding, si è comodamente sbarazzata della russa Elena Vesnina, reduce dalla finale a Budapest, con il punteggio di 6-3 6-1. Serena è stata dominante al servizio (soltanto 3 punti concessi con la prima e ben 14 ace) e molto aggressiva nel gioco in risposta: nel primo set ha strappato sul 3-2 il break che le ha permesso di archiviare la prima partita, mentre, nel secondo, ha tolto il servizio alla russa nel game di avvio e si è poi replicata sul 3-1 e sul 5-1 per la cavalcata finale. Ora affronterà un\'altra russa, Anastasia Pavlyuchenkova.
Esordio semplice anche per Petra Kvitova (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/3538.html\"): la testa di serie numero 3 del tabellone ha battuto la neozelandese Marina Erakovic (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/3202.html\") con il punteggio di 6-2 6-3 e ora, nei sedicesimi, dovrà affrontare la Hradecka nel derby ceko. La campionessa della scorsa edizione di Wimbledon va subito sul 4-0 nel primo set, e nel secondo salva tre palle break sul 4-3 prima di strappare ancora il servizio all\'avversaria nel nono game e chiudere l\'incontro.
Titolo: Tennis
Inserito da: SPIRITO - 08 Maggio, 2012, 15:54:36 pm
Finisce al secondo turno l\'avventura di Fabio Fognini (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/3303.html\") al Masters di Madrid: fatale la sconfitta contro il francese Simon. Sorride invece Seppi
(http://d.yimg.com/i//ng/sp/eurosport/20120508/25/e0e11773281df223f4059788eca15670.jpg)
 
 
 
 
 
 
 
 
Simon b. Fognini 6-7 6-3 6-3
Fabio Fognini non riesce a vendicare la sconfitta rimediata a Bucarest. Il tennista ligure incassa infatti un\'altra sconfitta dal franceseGilles Simon (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/3191.html\") che s\'impone col punteggio finale di 6-7 6-3 6-3 dopo essere stato a lungo dominato dall\'azzurro. Fognini, dopo aver vinto il primo parziale al tie break allunga prepotentemente anche nel secondo set arrivando addirittura sul 3-1. Poi il blackout. Simon piazza cinque giochi consecutivi e vola indisturbato verso il terzo set che si rivela drammatico per il ligure. Perso il secondo set, infatti, Fognigni non riesce a riprendersi dal contraccolpo psicologico consegnando in pratica la partita al tennista transalpino
Seppi b. Llodra 7-5 6-4
Sorride invece Andreas Seppi (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/3030.html\") che conferma il suo straordinario momento di forma eliminando il francese Simon in appena due set. Galvanizzato dal successo di Belgrado, Seppi vola sulle ali dell\'entusiasmo e si porta a casa agevolmente il pass per il secondo turno del torneo di Madrid.
Titolo: Tennis
Inserito da: SPIRITO - 09 Maggio, 2012, 19:34:30 pm
Dolgopolov passa dopo oltre 2 ore di battaglia e vola al terzo turno confermandosi la bestia nera di Seppi
(http://d.yimg.com/i//ng/sp/eurosport/20120509/25/de6e00c871005375811f007e4131e34b.jpg)





 
Dolgopolov b. Seppi 6-7 7-6 6-3
Niente da fare. Andreas Seppi (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/3030.html\") saluta Madrid e con lui anche il tennis italiano. Il tennista altoatesino non riesce nell\'impresa di battere Alexander Dolgopolov capace di strappare il pass per il terzo turno del torneo spagnolo dopo due ore e 15 minuti di pura battaglia. L\'ucraino si impone col punteggio finale di 6-7 7-6 6-3 e si conferma bestia nera per Seppi, alla terza sconfitta su tre partite contro il possente Dolgopolov.
Dopo un primo set estremamente combattuto e risolto solo al tiebreak da una maggiore precisione di Seppi, copione analogo nel secondo parziale. Match tiratissimo con Dolgopolov e Seppi che si rubano a ripetizione il servizio prima di affrontare un altro elettrizzante tiebreak. Questa volta la spunta l\'ucraino che pareggia i conti e, soprattutto, si presenta al terzo e decisivo set col morale a mille. Seppi, invece, accusa il colpo e crolla anche dal punto di vista fisico. Il tennista ucraino non si fa pregare, conserva il servizio, e si porta a casa il biglietto per il terzo turno lasciando solamente tanti rimpianti al campione altoatesino.
(http://eur.yimg.com/ng/sp/eurosport/20120509/25/c2bb006952d64cbefe3532b32b518dae.jpg) Nadal b. Davydenko 6-2 6-2
Anche se la terra si colora di blu il numero uno resta Rafa Nadal. Nonostante non sia il torneo da lui preferito a causa della velocità della superficie, il mancino di Manacor ha esordito oggi nella Caja Magica senza palesare alcun minimo problema. Il numero due del mondo è in gran forma come non lo si vedeva da tempo e i due trionfi di Montecarlo e Barcellona sono lì a testimoniarlo.
Probabilmente è stato cruciale il successo in finale ottenuto contro Djokovic nel Principato per far sì che lo spagnolo si liberasse dell\'ombra serba che lo seguiva da ormai un anno e mezzo. Il match non ha avuto storia, Nikolay Davydenko (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/2705.html\") ha racimolato solamente 4 giochi, 2 per set, e non ha mai infastidito il gioco del 6 volte vincitore del Roland Garros che qui si è imposto sul cemento nel 2005 e sulla terra nel 2010 mettendo ko Roger Federer (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/676.html\") mentre l\'anno scorso si è dovuto arrendere al dominatore del 2011 Djokovic che quest\'anno però sta dimostrando di non essere imbattibile.
Nei precedenti Rafa era in svantaggio contro il russo che lo ha battuto in passato in 6 occasioni ma questa volta ha impiegato 80 minuti per chiudere la pratica strappando 4 volte il servizio al rivale ed essendo efficace in battuta con 77% dei punti. Per Nadal si tratta dell\'11esima vittoria consecutiva ed ora punta al terzo titolo di fila.
Gli altri risultati:
Ferrer b. Stepanek 7-6 6-2
Monfils b. Andreev 6-3 1-0 A
Cilic b. Isner 7-6 7-6
Wawrinka b. Melzer 6-1 6-4
Titolo: Tennis
Inserito da: SPIRITO - 10 Maggio, 2012, 17:18:00 pm
Dolgopolov passa dopo oltre 2 ore di battaglia e vola al terzo turno confermandosi la bestia nera di Seppi
(http://d.yimg.com/i//ng/sp/eurosport/20120509/25/de6e00c871005375811f007e4131e34b.jpg)
 
 
 
 
 
 
 
 
Dolgopolov b. Seppi 6-7 7-6 6-3
Niente da fare. Andreas Seppi (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/3030.html\") saluta Madrid e con lui anche il tennis italiano. Il tennista altoatesino non riesce nell\'impresa di battere Alexander Dolgopolov capace di strappare il pass per il terzo turno del torneo spagnolo dopo due ore e 15 minuti di pura battaglia. L\'ucraino si impone col punteggio finale di 6-7 7-6 6-3 e si conferma bestia nera per Seppi, alla terza sconfitta su tre partite contro il possente Dolgopolov.
Dopo un primo set estremamente combattuto e risolto solo al tiebreak da una maggiore precisione di Seppi, copione analogo nel secondo parziale. Match tiratissimo con Dolgopolov e Seppi che si rubano a ripetizione il servizio prima di affrontare un altro elettrizzante tiebreak. Questa volta la spunta l\'ucraino che pareggia i conti e, soprattutto, si presenta al terzo e decisivo set col morale a mille. Seppi, invece, accusa il colpo e crolla anche dal punto di vista fisico. Il tennista ucraino non si fa pregare, conserva il servizio, e si porta a casa il biglietto per il terzo turno lasciando solamente tanti rimpianti al campione altoatesino.
(http://eur.yimg.com/ng/sp/eurosport/20120509/25/c2bb006952d64cbefe3532b32b518dae.jpg)Nadal b. Davydenko 6-2 6-2
Anche se la terra si colora di blu il numero uno resta Rafa Nadal. Nonostante non sia il torneo da lui preferito a causa della velocità della superficie, il mancino di Manacor ha esordito oggi nella Caja Magica senza palesare alcun minimo problema. Il numero due del mondo è in gran forma come non lo si vedeva da tempo e i due trionfi di Montecarlo e Barcellona sono lì a testimoniarlo.
Probabilmente è stato cruciale il successo in finale ottenuto contro Djokovic nel Principato per far sì che lo spagnolo si liberasse dell\'ombra serba che lo seguiva da ormai un anno e mezzo. Il match non ha avuto storia, Nikolay Davydenko (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/2705.html\")ha racimolato solamente 4 giochi, 2 per set, e non ha mai infastidito il gioco del 6 volte vincitore del Roland Garros che qui si è imposto sul cemento nel 2005 e sulla terra nel 2010 mettendo ko Roger Federer (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/676.html\") mentre l\'anno scorso si è dovuto arrendere al dominatore del 2011 Djokovic che quest\'anno però sta dimostrando di non essere imbattibile.
Nei precedenti Rafa era in svantaggio contro il russo che lo ha battuto in passato in 6 occasioni ma questa volta ha impiegato 80 minuti per chiudere la pratica strappando 4 volte il servizio al rivale ed essendo efficace in battuta con 77% dei punti. Per Nadal si tratta dell\'11esima vittoria consecutiva ed ora punta al terzo titolo di fila.
(http://eur.yimg.com/ng/sp/eurosport/20120509/25/93870bf56543087bb5ef181fbc928a4d.jpg)
Federer-Raonic 4-6 7-5 7-6
Dopo l\'esordio faticoso di Novak Djokovic (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/3153.html\") e l\'ottimo approccio alla terra blu invece di Rafael Nadal (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/2862.html\"), Roger Federer incontra grandissime difficoltà contro Milos Raonic ma alla fine la spunta nonostante chiuderà con 4 punti in meno dell\'avversario. Ora agli ottavi affronterà Richard Gasquet (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/2856.html\") che lo ha sconfitto l\'anno scorso a Roma.
C\'era curiosità per vedere come avrebbe approcciato lo svizzero ex numero uno del mondo su questa nuova superficie che ha destato molte polemiche. Le grandi difficoltà palesate dal campione di Basilea sono state provocate in gran parte dall\'avversario e in altra parte dall\'inattività. Infatti FedEx non giocava da circa un mese mezzo, ovvero dalla sconfitta subita da Roddick a Miami dove è arrivato scarico dopo aver vinto sul cemento di Dubai e Indian Wells. Da quel momento ha deciso di prendersi una pausa e ricaricarsi alle Hawaai con la famiglia prima di tornare in Svizzera per rimettersi in \'corsa\'.
Non è stata una bellissima partita ma lo si poteva immaginare. Tutto è ruotato attorno al servizio e nessuno dei due riesce a causare problemi all\'altro sul proprio turno di battuta. Il primo ad andare seriamente in difficoltà è l\'ex numero uno del mondo che si ritrova sullo 0-30 nel nono gioco, sbaglia una volée alta (per lui semplicissima) prima di mandare in corridoio un dritto d\'attacco. Sotto 5-4 Roger non ha nemmeno la possibilità di reagire perché il canadese trova due servizi vincenti, un affondo di dritto e infine arriva l\'aiuto dell\'elvetico che perde le misure nuovamente col dritto.
Il secondo parziale comincia FedEx in affanno, costretto ad annullare con il servizio tre palle break. Dopo quasi 8 minuti Roger porta a casa il gioco con grande esperienza. Si va avanti senza break come nel primo set ma sul 5 pari, Federer ha un momento di black-out, concede una palla  del 6-5 che somiglia molto ad un match point ma si salva e nel game successivo alza il suo livello di tennis procurandosi due set point, il primo annullato da Raonic con un gran passante di rovescio ma sul secondo Milos deve chinare la testa.
Si arriva così al parziale decisivo in cui la prima vera occasione capita sulla racchetta del talento canadese che nel quinto gioco ha l\'opportunità di strappare il servizio al rivale ma la spreca. Nel settimo la situazione si ripete, Raonic questa volta si procura due palle break consecutive ma una stop volley e un ace lo ricacciano indietro. Dopo due ore e 13 minuti il match si decide al tie-break. Sul 5-4 Raonic sbaglia un dritto semplice concedendo due match point a Federer che non si fa pregare e al primo fa centro con una gran risposta di dritto d\'incontro.
Gli altri risultati:
Ferrer b. Stepanek 7-6 6-2
Monfils b. Andreev 6-3 1-0 A
Cilic b. Isner 7-6 7-6
Wawrinka b. Melzer 6-1 6-4
Titolo: Tennis
Inserito da: SPIRITO - 11 Maggio, 2012, 19:40:18 pm
Juan Martin Del Potro (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/3340.html\") affronterà Tomas Berdych (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/3048.html\") nella prima semifinale del torneo di Madrid: Palito ha superato un Dolgopolov molto falloso, il ceko si è sbarazzato di Verdasco
(http://d.yimg.com/i//ng/sp/eurosport/20120511/25/ca00bb72a86bf2784b1755933ee38015.jpg)





 
Juan Martin Del Potro b. Alexandr Dolgopolov 6-3 6-4
Passaggio alla semifinale relativamente facile per Palito, che si sbarazza in poco meno di un\'ora e mezza di gioco di un Dolgopolov estremamente discontinuo e visibilmente provato dai primi caldi di Madrid: l\'argentino impiega soltanto una quarantina di minuti per prendere in mano completamente l\'inerzia del match e andare a servire per il set sul 5-3, opportunità che non si lascia scappare. Nella seconda partita, Dolgopolov non migliora, perseverando nei problemi al servizio (la percentuale delle prime in campo non arriva al 30%) e nel regalare tanti punti all\'avversario (commette il doppio degli errori gratuiti rispetto a Delpo): il gigante di Tandil piazza così il break sul 2-2 e, nonostante l\'ultima fiammata dell\'ucraino per un controbreak, non trema chiudendo sul 6-4.
Tomas Berdych vs. Fernando Verdasco (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/1500000000003017.html\") 6-1 6-2
Un Tomas Berdych paradisiaco ha bisogno di soltanto un\'ora per disintegrare un Fernando Verdasco apparso quasi impotente dopo la splendida vittoria contro Rafa Nadal: il ceko gioca in modo spaventosamente bello ed efficace, limando gli errori al minimo e affondando a ripetizione su un servizio efficacissimo, mantenendo una costanza e una concentrazione impressionante. Il suo gioco, molto potente e forte di un dritto devastante, che il solo Del Potro (suo avversario in semifinale) può eguagliare, è toppo per un Verdasco ridotto già alla brutta copia dell\'"eroe" che aveva eliminato Nadal dalla contesa. Per lo spagnolo si tratta della nona sconfitta in carriera contro Berdych in 13 incontri
Titolo: Tennis
Inserito da: SPIRITO - 11 Maggio, 2012, 22:30:11 pm
Janko Tipsarevic (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/3025.html\") sgambetta Novak Djokovic (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/3153.html\"), cosicché il Masters di Madrid perde anche il numero 1 del mondo dopo l\'uscita di scena di Rafa Nadal. Avanzano in semifinale anche Del Potro e Berdych
(http://d.yimg.com/i//ng/sp/eurosport/20120511/25/0b06660010888593fdbedf21620e3ee0.jpg)


Janko Tipsarevic b. Novak Djokovic 7-6 6-2
Il Masters di Madrid ha perso i due protagonisti della scorsa edizione. Ieri è uscito a sorpresa Rafael Nadal (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/2862.html\"), oggi il campione in carica Novak Djokovic, proprio i due ad essersi lamentati con più passione per il cambio di superficie. E’ già da qualche settimana che il numero 1 del mondo sta evidenziando qualche difficoltà nel trovare la giusta condizione fisica e oggi ne ha dato ulteriore conferma, sconfitto dal suo connazionale Janko Tipsarevic in due set. Finisce 7-6 6-2 per il numero 8 del mondo. Molto combattuto il primo parziale durante il quale nessuno dei due riesce a piazzare il break decisivo. Si arriva così al 13° game vinto da Tipsarevic 7-2. Nel secondo set, Nole sembra quasi arrendersi per evitare di farsi male, timore che ha rivelato mentre protestata per questo azzurro sfortunato. Janko sale sul 5-3, tiene il servizio e chiude.
Titolo: Tennis
Inserito da: SPIRITO - 12 Maggio, 2012, 00:07:37 am
Roger Federer (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/676.html\") b. David Ferrer (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/2906.html\") 6-4 6-4
La striscia di sconfitte consecutive di Ferrer negli scontri diretti con lo svizzero va ritoccata ancora, e sale adesso a quota 13: Roger si sbarazza dello spagnolo con un doppio 6-4 fin troppo "gonfio" rispetto al reale andamento della partita, che non ha mai visto Ferrer riuscire a prendere in qualche modo il pallino del gioco, e centra l\'accesso alle semifinali del torneo di Madrid. Se lo svizzero dovesse riuscire a vincere sulla terra blu della Caja Magica, scavalcherebbe Rafael Nadal riprendendosi la seconda piazza nel ranking Atp. Dopo le difficoltà incontrate per superare Milos Raonic all\'inizio del torneo, Federer dimostra di essersi ripreso completamente: certo, un grande aiuto gli arriva dal suo stesso avversario che, adottando una strategia molto aggressiva, soprattutto al servizio, si ritrova a commettere un numero altissimo di doppi falli nel primo set e a raccogliere soltanto il 38% dei punti con la prima. Lo spagnolo ritrova una qual certa confidenza col suo gioco nella seconda partita, dove (finalmente) mostra di essere uno specialista di questa superficie, ma il break subito al nono gioco è un colpo dal quale non riesce più a risollevarsi e che consegna a Federer l\'accesso alla semifinale.
Titolo: Tennis
Inserito da: SPIRITO - 12 Maggio, 2012, 18:41:10 pm
Il ceco vola in finale a Madrid imponendosi per due volte al tie-break: 7-6 7-6. Del Potro può recriminare con se stesso per non aver chiuso il primo set sul 5-4 e servizio e per il nervosisimo (ingiustificato) sul punto decisivo del tie-break del secondo set.
(http://d.yimg.com/i//ng/sp/eurosport/20120512/25/6733c926528c5286cf66bf7f254f4fff.jpg)
 
 
 
 
 
 
 
Le indicazioni alla vigilia per un match teso ed equilibrato c\'erano tutte con due tennisti assolutamente speculari sotto molteplici aspetti: alti, dotati di un gran servizio, il dritto il colpo preferito, potenti dal fondo e con qualche "difficoltà" negli spostamenti laterali. Così dovevano entrare in campo e così è stato. Alla fine ha avuto la meglio Berdych dopo due tie-break dove è venuta fuori la maggior attitudine mentale del ceco. Nel primo set, infatti, Del Potro non è riuscito a chiudere i discorsi quando è salito 5-4 e servizio mentre nel secondo, forse ancor più gravemente, il gigante di Tandil si è stizzito con il giudice di sedia per non avergli convalidato - giustamente - un ace che effettivamente non c\'era. Era il 6-6 e nel punto successivo Del Potro ha regalato malamente a Berdych la possibilità di chiudere con il proprio il servizio ogni discorso e il ceco, più tennista sotto questo punto di vista, non se l\'è fatto ripetere due volte.
DEL POTRO NON CHIUDE, BERDYCH RIENTRA- Come già anticipato i due tennisti scendono in campo consapevoli di essere assolutamente simili. La chiave quindi, per entrambi, sarebbe quella di cercare di far muove il più possibile dal fondo l\'altro mantenendo contemporaneamente un\'alta percentuale di prime di servizio. E nel primo set, almeno in avvio, a fare meglio questo lavoro è Del Potro. L\'argentino parte fortissimo andando già vicino al break subito nel primo game e costringendo Berdych a concederlo nel terzo. Come da previsioni la sfida viene decisa dal tipo di lavoro descritto in precedenza e Del Potro, quando Berdych gioca palle un po\' più deboli e centrali, riesce a punire col il dritto anomalo. Il Break di vantaggio rimane così tale fino al 5-4 Del Potro che, dopo aver servito la prima con percentuali vicino all\'80%, incappa in un game dove deve giocare solo seconde permettendo all\'aggressività di Berdych di rientrare nel set proprio nel momento decisivo. L\'inerzia sembra tutta dalla parte del ceco anche nel tie-break dove Berdych è capace di conquistarsi due mini break e salire fino al 5-2 e servizi. Del Potro ha però qui un sussulto e con uno splendido passante di dritto dopo una difesa straordinaria riesce a risalire fino al 5-5; l\'errore è ancora una volta dietro l\'angolo però e un facile rovescio di scambio dal fondo finisce in rete. Berdych, al primo set point, non spreca l\'occasione e sale così 7-6.
Titolo: Tennis
Inserito da: SPIRITO - 12 Maggio, 2012, 20:57:04 pm
Bastano un\'ora e sette minuti al campionissimo di Basilea per volare in finale nel Masters 1000 di Madrid. Con un netto 6-2 6-3 Federer ha infatti annientato le speranze di un Tipsarevic che nulla ha potuto contro il repertorio di colpi dello svizzero. In finale ci sarà Tomas Berdych (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/3048.html\")
(http://d.yimg.com/i//ng/sp/eurosport/20120512/25/72cde419f20edd5125826ebcf15e0227.jpg)
 
 
 
 
 
 
 
 
Viene da chiedersi se sarà un caso. Sarà un caso che nella settimana più indigesta dell\'anno al nervoso Novak Djokovic (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/3153.html\") e al polemico Rafa Nadal sbuchi, tanto per cambiare, il tennis di Roger Federer (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/676.html\")? Vedere per credere la semifinale contro il numero 2 di Serbia, al secolo Janko Tipsarevic (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/3025.html\"), capace ieri di eliminare il leader della classifica mondiale Djokovic ma oggi totalmente inerme di fronte ai colpi di un Federer che ha trasformato una partita di un Masters 1000 in poco più di un allenamento: 6-2 6-3 il punteggio finale nella "bellezza" di un\'ora e sette minuti.
ALIENO - Il primo set è emblematico sotto questo punto di vista. Federer sfodera tutto il suo repertorio chiudendo la prima partita dell\'incontro con percentuali imbarazzanti per il tennis di Tipsarevic. Tre dati su tutti indicano la superiorità dello svizzero: il 100% di palle vinte con la prima di servizio, gli unici due punti concessi a Tipsarevic sono due doppi falli consecutivi e una durata totale di 31 minuti... nemmeno nel circuito femminile. Di fronte a questo tipo di statistica il povero Tipsarevic poco ha potuto. Il numero 2 di Serbia infatti, di per se, non ha commesso grandi o gravi errori ma, semplicemente, nel tennis del buon Janko non c\'è stata nessuna arma in grado di impensierire il talentissimo di Basilea. Almeno non questa sera.
TIPSAREVIC NON PUO\' NULLA - Il secondo set da questo punto di vista è stata identica fotocopia. Il serbo ha tenuto con dignità, quando aiutato dalla prima, i turni di servizio ma la partirà di fatto non si è mai sviluppata. L\'unico vero game combattuto è stato il settimo dove Federer ha concesso la prima ed unica palla break della serata: Tipsarevic l\'ha giustamente giocata "a occhi chiusi" ma, anche la fortuna, aveva evidentemente deciso di voltargli le spalle (il rovescio lungolinea sarebbe stato vincente ma è terminato fuori di pochissimo).
LA LEGGIADRIA DI UN BALLERINO - Insomma, poco altro da dire dell\'evento. Torniamo quindi alla domanda iniziale e proviamo a darci una risposta: no, non è un caso. Su una superficie veloce, scivolosa, insidiosa e sconosciuta, la leggiadria del movimento naturale di Federer ha saputo più velocemente ambientarsi rispetto a chi del tennis ne ha fatto una disciplina di corsa, oltre che di polso. Domani, nell\'ultimo atto, Federer dovrà affrontare l\' "informissima" Tomas Berdych. Dovesse vincere lo svizzero da lunedì tornerebbe numero due al mondo... e questo, Roma permettendo, cambierebbe non poco anche le prospettive per uno slam a Federer spesso indigesto. Sarà mica un caso anche questo?
Titolo: Tennis
Inserito da: SPIRITO - 14 Maggio, 2012, 16:13:15 pm
Lo svizzero supera in tre set uno dei migliori Berdych degli ultimi anni e vince per la terza volta il torneo madrileno. 3-6, 7-5, 7-5 in 2 ore e 39 minuti, Federer centra il 20esimo Masters 1000 nella 104esima finale in carriera e scavalca Nadal nel ranking. Da lunedì sarà numero 2
(http://d.yimg.com/i//ng/sp/eurosport/20120513/25/07eeae28f3968ed898177a571bcd0d46.jpg)
 
 
 
 
 
 
 
Non è stato certo il miglior Federer che si sia visto, forse anche grazie ad una delle più consistenti versioni di Berdych degli ultimi tempi, ma alla fine è bastato. Lo svizzero soffre a larghi tratti l\'esplosività e la pesantezza dei colpi di Berdych, va sotto e cede il primo set, si aggrappa al servizio nel secondo e si tiene a galla nel terzo. Insomma, un Federer così così, che però riesce a giocare bene i punti pesanti e soprattutto a non farsi mai tradire dal servizio, determinante nei momenti determinanti del match. Dal canto suo, più di così Berdych proprio non poteva fare. Il ceco domina gran parte della partita, si muove benissimo su tutto il campo permettendosi di prendere a pallate in più di una circostanza il più grande di tutti. Alla fine cede, fisicamente ma mai mentalmente, e questo è un aspetto fondamentale per il suo futuro.
Davanti ad un divertitissimo Will Smith, ospite d\'eccezione sul centrale della Caja Magica, Federer ci mette un po\' a rendersi conto che la pesantezza di palla di Berdych è ben diversa da quelle di Tipsarevic e Ferrer, e in un attimo si ritrova sotto 3-0. Il ceco è impeccabile, non concede nulla e non ha difficoltà a tenere il break di vantaggio conquistato nel secondo gioco. 6-3 in 36 minuti, con 14 vincenti e due non forzati. Meglio di così è difficile.
Ma Federer è Federer e allunga subito nel secondo set restituendo il 3-0. Lo svizzero non sembra essere in giornata, ma riesce comunque a tenere il vantaggio. Federer si porta sul 5-2 e si rilassa, a questo punto Berdych lascia andare il braccio ed infila 3 game consecutivi con un vincente dopo l\'altro. 5 pari in un lampo, Roger tiene il servizio, sul 6-5 approfitta di un game così così di Berdych con tanto di doppio fallo sul set point, ringrazia e allunga al terzo.
FedExpress fa più fatica di Berdych anche nel terzo set, ma sul 4-3 viene aiutato da due doppi falli consecutivi del ceco che gli consegnano, di fatto, il break della vittoria. Che non arriva però, non subito almeno. Berdych non molla e trova il controbreak, ma sul 6-5 cede definitivamente, con l\'ennesimo doppio fallo scaturito però più da stanchezza fisica che mentale. 3-6, 7-5, 7-5, titolo e seconda posizione nel ranking per Roger, molto importante soprattutto in vista del prossimo tabellone del Roland Garros.
Titolo: Tennis
Inserito da: SPIRITO - 15 Maggio, 2012, 17:50:10 pm
Alberta Brianti (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/500000000002898.html\") esce di scena per mano della spagnola Silvia Soler Espinosa con il punteggio di 6-2; 6-1 in poco più di un\'ora. Avanza Flavia Pennetta (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/2432.html\") che ha battuto la Kirilenko, mentre la Sharapova ha superato a fatica McHale; out la Jankovic (Foto AP/LaPresse)
(http://d.yimg.com/i//ng/sp/eurosport/20120515/25/300343582652bf3442dfdbf2656ce451.jpg)
 
 
 
 
 
PENNETTA-KIRILENKO 6-1 7-6
Torna a sorridere il pubblico di Roma che, dopo le delusioni per la clamorosa eliminazione al primo turno di Francesca Schiavone (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/2027.html\"), si gode il bel successo di Flavia Pennetta all\'esordio sulla terra rossa di Roma. La bella brindisina ha sgretolato Maria Kirilenko (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/2933.html\"), numero 16 del mondo, al termine di una fantastica rimonta nel secondo set. Primo parziale completamente a tinte azzurre, con Flavia che schiaccia forte sull\'acceleratore e chiude facilmente col un secco 6-1. Nel secondo set, la Kirilenko si ripropone prepotentemente fruttando anche un vento che complica i piani di Flavia. Sotto 5-1, la brindisina non si perde d\'animo e contagia il pubblico del Pietrangeli con un tennis da urlo. Una rimonta pazzesca che infiamma il pubblico romano che, finalmente, può esplodere per un successo di un tennista italiano.
SHARAPOVA-MCHALE 7-5 7-5
La russa, impegnata nel secondo turno, ha faticato parecchio contro Christina McHale ma alla fine dopo oltre 2 ore di gioco passa il turno con un doppio 7-5. La ventenne statunitense ha venduto cara la pelle. Nel primo set e\' andata avanti 4-1 prima e 5-3 poi. Masha però ha infilato quattro game consecutivi chiudendo 7-5. Nel secondo set la Sharapova ha rotto l\'equilibrio nell\'undicesimo game, strappando il servizio alla rivale (6-5) e chiudendo di nuovo 7-5. "E\' stata una partita molto difficile - le parole di Masha in conferenza stampa - All\'inizio mi sono dovuta adattare alla superficie, ho commesso parecchi errori e lei invece è stata brava a mettermi in difficoltà. Ho cercato di fare punti vincenti molto vicino alle linee e ho rischiato un po\' di più. Sono felice di aver vinto questo match e ora vediamo cosa succede nel prossimo turno".
(http://eur.yimg.com/ng/sp/eurosport/20120515/25/ca290addf247e0f84a915e618fc8a15a.jpg)
ESPINOSA-BRIANTI 6-2 6-1
Dopo la cocente eliminazione di Francesca Schiavone, eliminata al primo turno nettamente dalla Makarova, altrettanto chiara è la sconfitta subita da Alberta Brianti contro la spagnola Silvia Soler Espinosa che in poco più di un\'ora ha portato a casa la partita con il risultato di 6-2; 6-1. La tennista 24enne di Alicante, mai andata oltre la 71esima posizione nel ranking wta (ottenuta il 20 febbraio 2012), ha servito in maniera efficace chiudendo con l\'83% di punti ottenuti con la prima e il 65% con la seconda al contrario della nostra rappresentante che ha terminato con il 55%. L\'italiana aveva recuperato bene il break subito in apertura ritrovandosi sul 2 pari ma da quel momento non c\'è stata più gara.
Gli altri risultati:
Stephens-Chakvetadze 6-2 2-6 6-4
Cirstea-Jankovic 6-3 4-6 7-6
Cibulkova-Lulic 61 6-2
Kvitova-Pavlyuchenkova 7-5 6-4 (secondo turno)
Titolo: Tennis
Inserito da: SPIRITO - 16 Maggio, 2012, 16:16:34 pm
Il tennista svizzero supera senza problemi l\'argentino Berlocq al termine di due set senza storia. Marcel Granollers elimina il nostro Fabio Fognini (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/3303.html\") al secondo turno: 6-3 6-4 il finale di una partita in cui l\'azzurro spreca molto
(http://d.yimg.com/i//ng/sp/eurosport/20120516/25/07609e52dca3722ff5df55e25704c1d5.jpg)
 
 
 
 
 
 
 
 
ROGER FEDERER b. CARLOS BERLOCQ 6-3 6-4
Che la terra sia rossa o sia blu a Roger Federer (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/676.html\") interessa poco. Perché quando si gioca a tennis come sa fare lui la superficie conta fino a un certo punto. Ne sa qualcosaCarlos Berlocq (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/3271.html\"), argentino classe 1983 che viene spazzato via nel secondo turno degli Internazionali d\'Italia dalla tecnica dello svizzero in due set senza storia. Il recente vincitore del Masters di Madrid si impone con il punteggio di 6-3 6-4 dando continuità - anche a Roma - al bel gioco espresso sull\'insolita terra. Nel terzo turno Federer se la vedrà con lo spagnolo Juan Carlos Ferrero (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/2113.html\"), qualificatosi grazie al 6-4 6-1 ai danni di Gael Monfils (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/3190.html\").
MARCEL GRANOLLERS b. FABIO FOGNINI 6-3 6-4
Un Fognini molto falloso saluta il Foro Italico al secondo turno, cadendo in due set contro lo spagnolo, numero 26 del mondo. Granollers sfrutta subito l\'occasione fornita da un grave passaggio a vuoto dell\'azzurro piazzando il primo break dell\'incontro nel terzo game e allunga poi strappando il servizio una seconda volta: Fognini recupera fino al 3-4, ma lo spagnolo riprende a giocare un gran tennis e vola via per chiudere 6-3. L\'azzurro prova a ribaltare l\'inerzia del match con un break in avvio di secondo set, ma Granollers pareggia presto i conti e si procura anche 3 palle break in vantaggio 4-3: Fognini riesce ad annullarle, firma il 4-4, ma paga poi il grande sforzo uscendo tristemente di scena.
Titolo: Tennis
Inserito da: Oº°‘¨Dj Borgs¨‘°ºO - 18 Maggio, 2012, 11:12:52 am
Una figata pazzesca!

:sisi:

(http://i50.tinypic.com/aubf9s.jpg)


(http://i46.tinypic.com/8ys6kx.jpg)
Titolo: Tennis
Inserito da: SPIRITO - 18 Maggio, 2012, 12:08:55 pm
Una figata pazzesca!

:sisi:

(http://i50.tinypic.com/aubf9s.jpg)


(http://i46.tinypic.com/8ys6kx.jpg)

Non so se invidiarti oppure odiarti.
Adesso ci penso.
Titolo: Tennis
Inserito da: SPIRITO - 18 Maggio, 2012, 21:18:48 pm
Dura solo un set la sfida tra il serbo e il francese. In una partita con tanti errori, Djokovic alla fine approfitta di un regalo di Tsonga - doppio fallo - sul punto decisivo e porta via un primo set comunque combattuto. Da lì Tsonga perde la testa e cede facilmente il secondo. Ora Federer o Seppi
(http://d.yimg.com/i//ng/sp/eurosport/20120518/25/f79a83e030ba0ad3bd46d147368ba59b.jpg)





 
Djokovic - Tsonga (7-5, 6-1)
Tanto era stata spettacolare la sfida tra Nadal e Berdych e tanto è stata deludente quella tra Novak Djokovic (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/3153.html\") e Jo-Wilfried Tsonga (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/3181.html\"). Un primo set, almeno dal punto di vista del gioco, davvero di basso livello. Il serbo approfitta subito in avvio di un distratto Tsonga scappando sul 3-0. Il livello degli scambi, però, è incredibilmente basso e più che per merito di vincenti i game volano via tra un\'infinità di errori gratuiti da una parte e dall\'altra. Djokovic potrebbe scappare ma sul 3-1 regala il controbreak ai colpi dal fondo di Tsonga che, però, non ne approfitta. Da lì in poi, infatti, inizia una serie di break consecutivi che si concludono soltanto sul 4-4. Qui si innalza leggermente il livello della partita... ma solo per poco. Djokovic concede una palla break che porterebbe Tsonga e servire per il set ma, il serbo, è bravo nell\'annullarla. Tsonga invece, sul 6-5, gioca un game in rimonta annullando 3 set point consecutivi che il serbo era stato bravo a costruirsi. Il tie-break sarebbe il proseguimento naturale della sfida ma il numero 1 di Francia, sul più bello, si fa venire "il braccino" commettendo il più classico dei doppi falli. La partita di fatto finisce lì perché nel secondo set Tsonga sparisce dal campo. Djokovic, senza dannarsi l\'anima, vola 1,2,3,4,5 a 0 permettendosi il lusso di accedere in semifinale senza sprecare troppe energie. Il centrale del Foro Italico accenna qualche fischio e il francese ha un sussulto d\'orgoglio chiudendo un game a zero. Per ogni reazione è ormai troppo tardi però e Djokovic, in poco meno di un\'ora e mezza, passa in semifinale. Ad attenderlo il vincente della sfida tra Federer e il nostro Andreas Seppi. Comunque vada, al serbo, domani servirà qualcosa di più.
Titolo: Tennis
Inserito da: SPIRITO - 19 Maggio, 2012, 09:53:20 am
Il sogno di Seppi termina, come prevedibile, ai quarti di finale degli Internazionali d\'Italia. Troppo, davvero troppo grande il gap tecnico con un Roger Federer (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/676.html\") capace di chiudere in 54 minuti con il punteggio di 6-1, 6-2. Per lo svizzero ora c\'è Djokovic
(http://d.yimg.com/i//ng/sp/eurosport/20120519/25/1c5b5740b9d295a147542b8c8cab1661.jpg)
 
 
 
 
 
 
 
 
Una grande settimana e comunque un grande torneo. Di questo deve essere fiero e contentoAndreas Seppi (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/3030.html\") che dopo aver fatto fuori John Isner (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/3519.html\") e Stanislas Wawrinka (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/3013.html\") di deve inchinare alla legge del più forte, sotto tutti i punti di vista. Roger Federer è infatti davvero troppo per il tennis umano di Seppi che in 54 minuti deve inchinarsi ai colpi di uno svizzero a tratti incredibile per il tipo di giocate espresse.
UN GAP IMBARAZZANTE - E il primo set è emblematico sotto questo punto di vista. Il centrale del Foro Italiano è infatti gremito in ogni ordine di posto per sostenere il maratoneta azzurro che nei giorni scorsi aveva infiammato la passione e il tifo di tutti. Per Roger Federer, invece, questo è un normalissimo ostacolo da aggirare per arrivare all’ennesima semifinale di un torneo Masters. Ne viene fuori che un Seppi leggermente contratto al servizio e un Federer assolutamente a suo agio, dopo soli 12 minuti di gioco, si trovino 5-0 a favore dello svizzero. Un’autentica mattanza tennistica.
SEPPI LOTTA, FEDERER DELIZIA - La reazione d’orgoglio di Seppi alla fine arriva ma dura giusto lo spazio di 5 game. Sul finire di set Seppi ritrova dei quindici salutati con un boato dal pubblico di casa ma la partita, naturalmente, vola al secondo. Qui Seppi parte bene, tiene per due volte consecutive il servizio e si procura anche due palle break che però, naturalmente, l’alieno atterrato a Basilea annulla. Da lì in poi Federer, che aveva leggermente rallentato, torna a riproporre colpi che deliziano anche il più tifoso degli spettatori romani che non posso a quel punto non applaudire le gesta di un fenomeno troppo forte per essere giudicato dalla nazionalità.
TUTTI CONTENTI - Il 6-2 del secondo set, tutto sommato leggermente più combattuto, è quindi perentorio. Per Roger Federer ci sarà dunque in semifinale la sfida contro Novak Djokovic (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/3153.html\") mentre per Seppi, a 28anni, la certezza di una piena maturazione fatta vedere nei giorni scorsi e, da lunedì mattina, la posizione numero 24 nel ranking ATP. Miglior piazzamento di sempre in carriera.
Titolo: Tennis
Inserito da: SPIRITO - 20 Maggio, 2012, 09:44:11 am
Il serbo trova la sua miglior partita del 2012 sulla terra battuta nella serata più importante e annienta Federer: 6-2, 7-6 il risultato finale. Algli Internazionali d\'Italia sarà dunque un replay dello scorso anno: c\'è Rafa Nadal
(http://d.yimg.com/i//ng/sp/eurosport/20120519/25/3765e6ffa68c3caf2b734edf6241f4ba.jpg)
 
 
 
 
 
 
 
 
E\' un Novak Djokovic (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/3153.html\") ritrovato quello che annienta sul centrale del Foro Italico il fin lì splendido Roger Federer (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/676.html\"). Il serbo, alla sua miglior partita del 2012 sulla terra rossa, e probabilmente miglior partita "in generale" dopo la finale all\'Open d\'Australia vinta proprio contro Nadal, è entrato in campo ritrovando quella concentrazione, quella potenza e quella profondità di colpi che l\'aveva reso praticamente imbattibile per tutto il 2011 e l\'aveva portato a spodestare dal trono di numero 1 al mondo proprio l\'avversario di domani.
NOLE VERSIONE 2011 - Il primo set è emblematico da questo punto di vista. Djokovic, praticamente ingiocabile nei propri turni di servizio, accatta alla giugulare il tennis di Federer che invece, sul proprio servizio, non riesce a ripetere le percentuali messe in mostra ieri sera contro Andreas Seppi (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/3030.html\"). Ne viene fuori che su ogni seconda lo svizzero si ritrova a giocare sempre sulla difensiva permettendo a un Djokovic particolarmente preciso di breakkarlo per ben due volte. Questo fondamentalmente il tema tattico e questa la spiegazione a un 6-2 che non lascia spazio a ulteriori interpretazioni.
RULLO COMPRESSORE - E nel secondo set Federer dovrebbe reagire ma, invece di approfittare nelle percentuali di Djokovic assolutamente meno letali al servizio - prime intorno al 40% - continua a non riuscire a entrare nello scambio per prenderne il comando. Djokovic dunque, nel settimo game, continua il suo esercizio di stile strappando il servizio a un Federer più propositivo ma comunque sempre poco efficacie nonostante il supporto di 3/4 del pubblico. Si arriva dunque al game decisivo - il decimo - con Djokovic che va a servire per il match con le seguenti percentuali: una prima su due in campo, nessun "quindici" perso sulla propria battuta nel secondo set e, più in generale, 22 punti guadagnati su 23 in tutto il match con la prima di servizio.
REAZIONE ROGER, MA E\' TROPPO TARDI - Ma lì a Federer si accende la luce. Lo svizzero prova a giocare a tutto braccio ma nonostante questo Djokovic ottiene un match point: il basilese però lo annulla con una palla che pulisce l\'incrocio delle righe e, ai vantaggi, riesce per la prima volta a diventare padrone dello scambio breakkando incredibilmente il serbo sul più bello. La partita prosegue così naturalmente fino al tie-break ma Djokovic, a quel punto, fa valer la maggior resistenza e nei punti decisivi - un paio di scambi sopra i 20 colpi giocati a velocità "aliene" - conquista il mini break e il punto che lo mandando in finale contro Rafa Nadal.
LA RIVINCITA... VERA - Contro lo spagnolo, domenica, sarà il replay della finale dello scorso anno che dopo Madrid fece capire per la prima volta al mondo quando Nadal non fosse imbattibile. A Monte Carlo, quest\'anno, Rafa si è già preso la prima parte della rivincita. Domani il secondo set. Ma questa volta, Djokovic, sarà presente al 100%...
Titolo: Tennis
Inserito da: SPIRITO - 22 Maggio, 2012, 15:11:28 pm
Lo spagnolo mette ko il serbo in poco meno di due ore e mezza con il punteggio di 7-5, 6-3. Per Nadal è la sesta vittoria su sette finali giocate al Foro Italico ma, soprattutto, la garanzia di tornare numero 2 della classifica ATP. Un Djokovic troppo falloso dura poco più di un set
(http://d.yimg.com/i//ng/sp/eurosport/20120521/25/8dc7a6910779a6e5417eb514214e423d.jpg)





 
Questa volta non ci sono attenuanti. Rafa Nadal ha definitivamente superato il proprio spauracchio e l\'ha fatto nel luogo dove l\'anno scorso gli si era palesato per la prima volta. Novak Djokovic (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/3153.html\") infatti, dopo essere stato sconfitto a Monte Carlo, perde anche agli Internazionali d\'Italia consegnando a Nadal il sesto titolo su sette finali giocate al Foro Italico e permettendo al maiorchino di presentarsi a Parigi come testa di serie numero 2. E già di per se questa è una notizia. Se ci aggiungiamo poi come Nadal abbia trovato questa vittoria, le gerarchie sulla terra rossa possono ritenersi tornate definitivamnete "alla normalità".
LA CHIAVE - Rispetto a Monte Cralo è stata una partita sostanzialmente diversa perché di fatto, questa volta, Djokovic ci ha provato ma è incappato in una giornataccia dal punto di vista della concentrazione. Il serbo infatti, per buona parte del match, è rimasto in partita ma su ogni punto chiave e in ogni occasione importante è caduto in una serie di errori non forzati - saranno 42 alla fine - che gli sono stati fatali.
DUE FACCE - Il primo set da questo punto di vista è emblematico. Nadal è partito immediatamente fortissimo conquistandosi 2 palle break nel game d\'apertura sulle quali il serbo è stato chiamato agli straordinari per salvarsi. Nadal non è straordinario al servizio e oltre alla scarsa percentuale di prime, è costretto a convivere con una bassa percentuale anche sulle seconde. I punti devono però arrivare da qualche parte e a supporto del maiorchino arriva proprio Novak Djokovic: il serbo a differenza dell\'avversario serve e risponde bene ma, negli scambi, è la copia sbiadita del giocatore visto in semifinale contro Roger Federer (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/676.html\").
NONOSTANTE TUTTO C\'E\' EQUILIBRIO - I tanti errori di Djokovic con il dritto, col rovescio e anche a rete - emblematico un facile smash tiratosi sui piedi - permettono a Nadal di trovare il break nel quinto gioco e scappare avanti. Il serbo, nel game successivo, ha però l\'immediata reazione d\'orgoglio strappando il servizio al maiorchino e ristabilendo così la parità. Insomma, l\'equilibrio per il primo set rimane tale fino alla fine in quanto alle scarsa vena al servizio di uno risponde il grande numero di errori dell\'altro.
LA SVOLTA - Il momento chiave della partita arriva presumibilmente alla fine del primo set. Djokovic si presenta sul servizio di Nadal avanti 5-4 e 30 pari: qui il serbo entra in comando dello scambio e trova un vincente che lo porterebbe al set point; il giudice di linea chiama però la palla out e pur essendo corretto dall\'overrule dell\'arbitro Nadal si salva potendo rigiocare il punto. Djokovic si innervosisce non poco e la chance sfuma via immediatamente nei due quindici successivi.
DJOKOVIC PERDE LA TESTA - Il serbo, dopo quella chiamata, entra in un tunnel che durerà 5 game consecutivi. Sì perché nel gioco successivo Djokovic va avanti 40-15 ma infila una serie di errori consecutivi che lo portano a perdere game e set e, anche in avvio di secondo set, si fa strappare immediatamente il servizio permettendo a Nadal di gestire la sfida con un margine di sicurezza.
NADAL ATTENDE... E VINCE - In tutto ciò, a funzionare, è la tattica attendista dello spagnolo. Nonostante infatti alla viglia avesse dichiarato quanto con Djokovic fosse importante fare gara d\'attacco, Nadal in campo non prende quasi mai l\'iniziativa "limitandosi" - se così possiamo definire lo straordinario lavoro fatto di recuperi - a contenere un serbo propositivo ma troppo falloso. Dopo essere andato sotto infatti Djokovic avrebbe la possibilità di rientrare nel secondo - 4 palle break - e nel quarto - 2 palle break - gioco del secondo set ma dritto e rovescio del ragazzo di Belgrado oggi non ne vogliono proprio sapere.
(http://eur.yimg.com/ng/sp/eurosport/20120521/25/ed93bacf251055e07aefe9d01785dfaf.jpg) NADAL TORNA AL 2, FEDERER SCENDE - Salvati quei due grossi pericoli Nadal capisce che la partita è in discesa e, dopo essere salito 5-3, strappa nuovamente il servizio a un Djokovic che termina la finale con un emblematico doppio fallo. Il re di Roma - non ce ne vogliano i tifosi romanisti che hanno applaudito Totti&figlio presenti oggi in tribuna - è tornato: con 6 titoli su 7 finali al Foro Italico Rafa Nadal torna numero 2 della classifica ATP e, al Roland Garros, sarà ancora lui l\'uomo da battere
Titolo: Tennis
Inserito da: SPIRITO - 23 Maggio, 2012, 17:07:09 pm
Roger Federer (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/676.html\"), campione dentro e fuori dal campo, tanto da benedire la sua uscita prematura dagli Internazionali di Roma: "Così possono mettere a nanna le mie bambine". Ecco la polemica nemmeno tanto velata alle tante partite in notturna
(http://d.yimg.com/i//ng/sp/eurosport/20120523/25/1c5b5740b9d295a147542b8c8cab1661.jpg)
 
 
 
 
 
 
 
 
Non a tutti piace giocare di notte. Zibì Boniek, attaccante che fece le fortune di Juventus e Roma negli anni \'80 era definito "bello di notte", in seguito a una frase di Gianni Agnelliche disse che giocava meglio nelle partite di coppa. A Roger Federer questa definizione, invece, non andrebbe molto a genio. E ora vi spieghiamo il perché.
Il campione svizzero ha salutato la sua uscita prematura agli Internazionale d\'Italia con il sorriso sulle labbra, cosa che ha suscitato la curiosità di molti addetti ai lavori. "Superato in semifinale a Roma da Djokovic e nella graduatoria ATP da Nadal, non vedo cosa ci sia da ridere", il commento dei più.
La ragione di questo suo sentimento la spiega lo stesso Roger: il tabellone romano, sin dall\'inizio, gli aveva fatto storcere il naso. Troppe partite di sera, cosa non gradita all\'ex numero uno del mondo, che non ne ha fatto mistero. E non perché il basilese avesse paura del buio o del freschetto che condiva le notti della Capitale in questo ultimo periodo, ma perché ormai, da buon padre di famiglia,King Roger pensa più ai propri figli e alla fedele moglie.
"Non vedo l\'ora di godermi un po’ di riposo prima di Parigi – ha sottolineato Federer – per certi versi sono felice che il mio torneo sia finito. Io e Mirka abbiamo due bambine che stanno crescendo. Mi piace metterle a letto e, a causa del programma degli Internazionali d’Italia, ultimamente mi è stato impossibile. Non mi sto lamentando, ci mancherebbe altro, ma penso di avere bisogno di tempo per rilassarmi e pensare ai miei cari". A volte non tutti i mali vengono per nuocere.
Titolo: Tennis
Inserito da: SPIRITO - 24 Maggio, 2012, 17:58:59 pm
La Leonessa ha sconfitto in due set (6-0, 6-3) la svedese Larsson e dopo quattro mesi torna a giocarsi la semifinale di un torneo Wta. Ora la milanese dovrà vedersela contro la 19enne Sloane Stephens
(http://d.yimg.com/i//ng/sp/eurosport/20120524/25/32168db1855fa9a1269f166de80f92ec.jpg)
 
 
 
 
 
 
 
 
WTA STRASBURGO
Il Roland Garros si avvicina e Francesca Schiavone (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/2027.html\") torna finalmente ad esprimere il suo miglior tennis di sempre. La leonessa milanese si lascia alle spalle le eliminazioni e le difficoltà delle ultime settimane e torna a disputare una semifinale di un torneo Wta (cosa che non accadeva da gennaio al Torneo di Brisbane). Dopo aver schiantato la rumena Cadantu e la croata Lucic anche la svedese Johanna Larsson non va oltre i tre games arrendendosi per 6-0 6-3 in appena un ora e cinque minuti di gioco. Match dominato dalla Schiavone, che variando il suo tennis e giocando con grande potenza, non ha lasciato scampo alla svedese numero 81 del mondo che ha avuto un solo lampo, all\'inizio del secondo set quando si è portata avanti 2-1 sfruttando l\'unico momento di sbandamento dell\'italiana. La reazione di Francesca però non si è fatta attendere e si è vista tutta nei cinque games conquistati nei successivi sei giocati. Tra Francesca e la prima finale della sua stagione c\'é adesso la speranza americana Sloane Stephens, classe 1993 e numero 79 del mondo che ha battuto la giapponese Morita per 6-3, 6-4.
Titolo: Tennis
Inserito da: SPIRITO - 25 Maggio, 2012, 18:01:24 pm
È stato sorteggiato il tabellone maschile del Roland Garros 2012, al via domenica a Parigi. Sfortunati gli accoppiamenti usciti dall\'urna per gli azzurri, in particolare per Potito Starace (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/3018.html\") e Simone Bolelli (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/3370.html\")...
(http://d.yimg.com/i//ng/sp/eurosport/20120525/25/d779b68c80ee7d66befc0087e2fd0e9a.jpg)





 
Un sorteggio più sfortunato per i colori azzurri al Roland Garros era davvero difficile da immaginare. Per Potito Starace esordio contro il numero uno del mondo Novak Djokovic (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/3153.html\"), per Simone Bolelli c\'è il campione in carica e sei volte vincitore al al Roland Garros, ovvero Rafael Nadal (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/2862.html\"). Tra il campano e il serbo c\'è un solo precedente, sempre al primo turno e sempre in uno Slam: nel 2007 Nole si impose sull\'erba di Wimbledon per 6-0 6-3 6-4. Il bolognese ha sfidato due volte in passato Rafa perdendo sul cemento sia a Rotterdam (2009) che a Doha (2010).
Andreas Seppi (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/3030.html\"), reduce dai quarti al Foro Italico e compreso tra le teste di serie (è numero 22), al primo turno del secondo Slam della stagione al via domenica sulla terra rossa parigina affronterà Nikolay Davydenko (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/2705.html\"), numero 53 del ranking (ma è stato a lungo tra i top ten raggiungendo anche la posizione numero 3 nel novembre 2006). Il 31 russo conduce 3-2 nei precedenti, ma Seppi ha vinto l\'ultima sfida lo scorso anno a Parigi-Bercy sul veloce indoor. Sono in totale sette i tennisti italiani al via. Fabio Fognini (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/3303.html\") esordirà contro la wild card francese Adrian Mannarino (nessun precedente), mentre sempre nella parte alta del tabellone Flavio Cipolla ha "pescato" lo svizzero Stanislas Wawrinka (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/3013.html\"), testa di serie numero 18: uno a uno i precedenti, con il romano che nel 2008 agli US Open si era trovato avanti di due set prima di cedere al terzo turno. Nella parte bassa del tabellone Filippo Volandri (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/2500.html\") attende un qualificato, mentre per Paolo Lorenzi (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/3317.html\") sorteggio durissimo contro la testa di serie numero 12, lo spagnolo Nicolas Almagro (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/3059.html\") (non ci sono precedenti).
Titolo: Tennis
Inserito da: SPIRITO - 28 Maggio, 2012, 15:18:02 pm
L\'azzurro debutta stendendo la wild-card di casa Mannarino con un bel 6-0, 7-5, 6-1 che lo porta al secondo turno. Juan Martin Del Potro soffre per il solito gionocchio sinistro, ma passa contro Montanes. Lo svizzero Wawrinka fa fuori il romano Flavio Cipolla (foto AP/LaPresse)
(http://d.yimg.com/i//ng/sp/eurosport/20120528/25/f7c3c04c807dcbeba7490d23a7c5772c.jpg)





 
Inizia nel migliore dei modi l\'avventura italiana al Roland Garros. Gran debutto per il primo azzurro in campo: Fabio Fognini; non riesce a seguirlo Flavio Cipolla, eliminato ma a testa alta.
FABIO FOGNINI B. ADRIAN MANNARINO 6-0, 7-5, 6-1
Esordio positivo per Fabio Fognini (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/3303.html\") al Roland Garros. L\'azzurro, che difende i quarti di finale dello scorso anno, ha battuto al primo turno la wild card francese Adrian Mannarino, mancino di 23 anni e numero 152 mondiale con il punteggio di 6-0, 7-5, 6-1 in un\'ora e 43 minuti. Un buon match quello giocato da Fabio sul Court 1 del complesso parigino: l\'azzurro ha fatto valere il suo maggior talento rispettando il pronostico della vigilia che lo vedeva favorito (è numero 45 Atp) sull\'avversario che gli concedeva oltre 100 posizioni nel ranking.
STANISLAS WAWRINKA B. FLAVIO CIPOLLA 6-3, 6-3, 4-6, 3-6, 6-2
Flavio Cipolla vende cara la pelle, ma alla fine si deve inchinare di fronte a Stanislas Wawrinka (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/3013.html\"), numero 21 del mondo e accreditato dei favori della vigilia: il tennista romano esce a testa alta dopo una battaglia durata quasi 3 ore e 20 minuti. 6-3, 6-3, 4-6, 3-6, 6-2 i parziali con cui Cipolla saluta il Roland Garros: Flavio va sotto di due set contro il giocatore svizzero, ma ha il carattere per rimontare e riportare il match in parità. Al secondo turno Wawrinka se la vedrà con il vincitore della sfida fra Pablo Andujar (36) e Victor Hanescu (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/2901.html\") (145).
Titolo: Tennis
Inserito da: SPIRITO - 28 Maggio, 2012, 15:23:25 pm
Lo svizzero supera al primo turno il tedesco Kamke per 6-2, 7-5, 6-3 e trova la 233esima vittoria in un torneo del grande slam: eguagliato Jimmy Connors (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/379.html\"). Bene anche Andreas Seppi (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/3030.html\") che supera in 3 set il russo Davydenko e vola al secondo turno: per lui lì ci sarà il kazaco Kukushkin
(http://d.yimg.com/i//ng/sp/eurosport/20120528/25/0ee0020cba696326ab13094a714b3cd5.jpg)





 
ANDREAS SEPPI B. NIKOLAY DAVYDENKO 6-3, 7-6, 7-5
Andreas Seppi supera la bestia nera Davydenko - per l\'altoatesino infatti solo una vittoria ad Halle nel 2004 - e vola al secondo turno del Roland Garros. Seppi, testa di serie numero 22 del torneo, parte fortissimo conquistandosi il primo set con un netto 6-3 e salendo immediatamente 3-0 anche nel secondo. L\'altoatesino sembra trovare il suo miglior gioco e vola agevolmente fino al 5-2 ma lì, improvvisamente, si rompe qulcosa: Seppi infatti incomincia a sprecare set point e Davydenko ne approfitta prima per trovare il 3-5 e poi, sul servizio del bolzanino, per breakkarlo e risalire in parità fino al 5-5. Il secondo set si trascina così al tie-break: Seppi trova un minibreak subito in avvio e sul 6-4, al secondo set point disponibile, chiude sfruttando un dritto lungo del russo. Il terzo set è comunque combattuto fino al 5-5 quando Seppi, finalmente, riesce a trovare il break che gli regala il secondo turno: lì ci sarà il kazaco Kukushkin che ha superato al quinto set il lettone Gulbis.
ROGER FEDERER B. TOBIASB KAMKE 6-2, 7-5, 6-3
Quando tocca campo, pardon, terra, eguaglia qualche record. Roger Federer (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/676.html\") trova la 233esima vittoria in un torneo dello slam ed eguaglia così un\'altra leggenda del tennis: Jimmy Connors. Il primo turno per Federer è più complicato del previsto... se così possiamo definire una vittoria in 3 set. Il tedesco Kamke infatti dà del filo da torcere al fenomeno di Basilea che pur vincendo piuttosto agevolmente il primo set per 6-2, nel secondo subisce il break ed è costretto a "sudarsi" la partita fino al 7-5. Anche nel terzo set, Kamke, non si da per vinto e rimane attaccato alla partita strappando il servizio a un Federer a un passo della vittoria e obbligando lo svizzero a giocare al meglio per rimprendersi immediatamente ciò che gli era statao levato sul più bello e chiudere per 6-3.
ALTRI - Tra gli altri risultati spicca decisamente la vittoria del francese Serra su Feliciano Lopez (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/2077.html\"), costretto al ritiro per dei problemi alle costole quando era sotto per 5-0 nel primo set. Interessante sicuramente anche la vittoria di Kukushkin che dopo una battaglia al quinto set con Ernests Gulbis vinta per 6-4, 7-6, 5-7, 2-6, 6-4 si è conquistato il secondo turno. Gli altri risultati del primo turno: M.Granollers b. J.Sousa 6-2, 3-6, 6-3, 6-4; M.Jaziri b. P. Petzschner 6-3, 7-5, 7-6; B.Kavcic b. L.Hewitt 7-6, 6-3, 6-7, 6-3; L.Kubot b. K.Beck 7-5, 6-2, 7-5; M.Klizan b. F.Dancevic 4-0, rit.
Titolo: Tennis
Inserito da: SPIRITO - 29 Maggio, 2012, 15:06:14 pm
La "leonessa" milanese supera agevolmente il primo turno asfaltando la veterana giapponese Kimiko Date con un netto 6-3, 6-1. Nel doppio, agevole successo da parte di Errani/Vinci contro Brianti/Mayr-Achleitner
(http://d.yimg.com/i//ng/sp/eurosport/20120529/25/0f3d74d6366d262800b09f67de774b89.jpg)





 
FRANCESCA SCHIAVONE B. KIMIKO DATE-KRUMM 6-3, 6-1
Nessun problema per Francesca Schiavone (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/2027.html\"). La tennista milanese, l\'anno scorso finalista, dopo essersi presa Strasburgo inizia bene anche il suo Roland Garros. Non che il suo avversario del primo turno fosse un grande ostacolo - con i suoi 42 anni la giapponese Kimiko Date infatti è la veterana del torneo - ma il tennis fatto di variazioni della nipponica poteva creare qualche problema a una Francesca che fino a una settimana fa sembrava essersi persa. E invece, nonostante l\'inizio sprint della Date, capace di breakkare immediatamente la Schiavone, Francesca ha saputo reagire riprendendosi immediatamente il turno di servizio e breakkando l\'avversaria nel ottavo gioco del primo set. La Date a quel punto, dopo aver perso la prima partita, ha subito la maggior confidenza dei colpi della Schiavone ed è stata breakkata immediatamente anche in avvio di secondo set. L\'italiana, testa di serie numero 14 del torneo, si è poi salvata nel game successivo quando era sotto 0-30 confermando il break e andando a vincere facilmente poi l\'incontro. Al secondo turno, ora, sicuramente un impegno più complicato: per lei la vincente della sfida tra Pironkova e Wickmayer.
Titolo: Tennis
Inserito da: SPIRITO - 30 Maggio, 2012, 18:31:11 pm
Lo svizzero vince la sua partita numero 234 negli slam e supera Connors: battuto il romeno Ungur 6-3, 6-2, 6-7, 6-3. Djokovic vince in 3 set contro Kavcic ma non incanta: 6-0, 6-4, 6-4. Avanti anche Del Potro
(http://d.yimg.com/i//ng/sp/eurosport/20120530/25/c4846784c5b2d5a9b49b49cc4c79c6fc.jpg)

 
 
 
 
 
 
ROGER FEDERER B. ADRIAN UNGUR 6-3, 6-2, 6-7, 6-3
Se l\'altro giorno l\'aveva eguagliato, da oggiRoger Federer (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/676.html\") diventa il giocatore con più partite dello slam vinte nella storia: 234. Il romeno Adrian Ungur, consapevole dell\'evento, ci mette del suo per fare bella figura e alla fine riesce anche a portarsi via la soddisfazione di strappare un set al fenomeno di Basilea ma, alla fine, naturalmente, si deve inchinare alla legge del più forte. Sì perché lo svizzero parte fortissimo e in un\'oretta si porta via primo e secondo set con un netto 6-3 6-2 ma, nel terzo, Ungur gioca il suo miglior tennis e contemporaneamente Federer scende un pochino; ne viene fuori che sul 5-4 il basilese è costretto ad annullare due palle set sul proprio servizio e, alla fine, la partita si trascina fino al tie-break.
Qui Federer potrebbe chiudere ogni discorso sfruttando 2 match point ma, incredibilmente, subisce 4 punti consecutivi e regala al romeno il meritato "set della gloria". Come accennato però, per Ungur, è soltanto una gloria passeggera. Il numero 3 al mondo parte fortissimo nel quarto set e trova subito il break che lo poterà a chiudere senza ulteriori problemi la sfida. Al terzo turno per lo svizzero il vincente dell\'incontro tra Klizan e Mahut.
Titolo: Tennis
Inserito da: SPIRITO - 01 Giugno, 2012, 18:38:17 pm
Tsonga ferma la corsa del ligure al terzo turno: 7-5, 6-4, 6-4 in una partita in cui Fabio lascia qualche rimpianto. Per la prima volta in carriera invece la Errani raggiunge gli ottavi a Parigi, superando in rimonta la Ivanovic con il punteggio di 1-6 7-5 6-3
(http://d.yimg.com/i//ng/sp/eurosport/20120601/25/f669e254de7b44c636c1d3f08b4064a0.jpg)





 
JO-WILFRIED TSONGA B. FABIO FOGNINI 7-5, 6-4, 6-4
Questa volta non c\'è stata rimonta. Se l\'anno scorso Fognini fu in grado di ribaltare la partita sotto due set a zero (Monfils), quest\'anno non è stata la stessa cosa. Sarà perché Tsonga non è Monfils o sarà perché Fognini non è stato in grado di mostrare la concentrazione necessaria nei momenti chiave della partita. E questa, purtroppo, non è una novità. Sì perché gli episodi che han fatto girare la partita a favore di Tsonga si contano sulle dita di una mano che da francese poteva tranquillamente trasformarsi in italiana. Nel primo set Fognini breakka subito Tsonga e avrebbe la possibilità sul 40-15 di scappare 3-0: nulla di fatto; nel decimo game il ligure dopo essere rientrato nel set (era sotto 4-5) avrebbe sul 40-15 la chance di garantirsi il tie-break: 4 punti di seguito Tsonga e break del francese che vale il set; nel secondo set Fognini, dopo essere stato breakkato nel primo gioco, rientra in partita sul 3-3 ma nel turno di servizio successivo perde nuovamente la battuta con un ingenuo doppio fallo; nel terzo set poi il ragazzo di Arma di Taggia ripete il copione precedente ma, questa volta, anziché un doppio fallo gioca un nono game inconcepibile fatto di 4 gratuiti cui nemmeno Tsonga può credere. Insomma... "dettagli" che fanno la differenza tra un buon tennista e un top 10. Sì perché Fognini, per larghi tartti, dimostra al Philippe Chatrier di avere tecnicamente le armi per fare male a Tsonga ma, sul più bello, è la testa a fare scherzi. Vola quindi agli ottavi il francese che affronterà il vincente della sfida tra Simon e Wawrinka mentre per Fognini, il quarto di finale raggiunto lo scorso anno, resta un lontano miraggio.
Titolo: Tennis
Inserito da: SPIRITO - 01 Giugno, 2012, 23:21:05 pm
Per battere Mahut il basilese è costretto al quarto set: 6-3, 4-6, 6-2, 7-5. Nessun problema invece per Novak Djokovic (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/3153.html\") che supera la wildcard Devilder con un netto 6-1, 6-2, 6-2. Bene anche Del Potro si sbarazza dell\'ostacolo Cilic in 3 set: 6-3, 7-6, 6-1
(http://d.yimg.com/i//ng/sp/eurosport/20120601/25/949d55fac1de36fe22a3dea2790b4207.jpg)





 
ROGER FEDERER B. NICOLAS MAHUT 6-3, 4-6, 6-2, 7-5
Non è sicuramente il miglior Federer di sempre quello che supera Nicolas Mahut (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/2683.html\") nel terzo turno del Roland Garros, ma tanto basta all\'elvetico per conquistare gli ottavi di finale dell\'open parigino per la decima volta in carriera. Al contrario di Federer, il francese forse disputa la sua miglior partita di sempre sulla terra rossa, e questo complica non poco le cose al fenomeno di Basilea, che dopo aver vinto agevolmente il primo set con il punteggio di 6-3 cede a sorpresa il secondo parziale 6-4 subendo il break nel nono game. L\'orgoglio del campione viene fuori nel terzo set, vinto in scioltezza 6-2; poi, nel quarto parziale, si procede senza break fino al 3-3. Federer strappa il turno di battuta all\'avversario e sale 4-3, ma Mahut non cede, contro-brekka e poi conferma il break allungando 5-4. Con calma, ma con classe da fare invidia, Re Roger riprende le redini della partita, strappa il servizio a Mahut nell\'11esimo game e poi chiude nel gioco successivo lasciando un solo quindici all\'avversario. Negli ottavi di finale ora Federer aspetta il giovane belga Goffin.
NOVAK DJOKOVIC B. NICOLAS DEVILDER 6-1, 6-2, 6-2
Finisce al terzo turno l\'avventura del beniamino di casa Nicolas Devilder (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/3109.html\"). Il numero 286 della classifica ATP nulla ha potuto contro i colpi di un Nole Djokovic poco voglioso di rimanere troppo sul campo. Poco da raccontare della partita in sè, se non appunto che il numero 1 al mondo, entrato in campo sul Lenglen a serata ormai inoltrata, ha voluto sfoderate da subito i suoi colpi onde evitare un posticipo del match alla giornata successiva. In un\'ora e quarantaquattro minuti il serbo ha superato senza alcuna fatica - solo qualche errore non forzato di troppo - il suo avversario con il punteggio di 6-1, 6-2, 6-1. Per Djokovic adesso la sfida contro il nostro Fabio Fognini (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/3303.html\").
JUAN MARTIN DEL POTRO B. MARTIN CILIC 6-3, 7-6, 6-1
Accede agli ottavi anche Juan Martin Del Potro (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/3340.html\"). Il gigante di Tandil "soffre" solo per un set. Dopo essersi conquistato il primo, infatti, Del Potro arriva fino al 5-4 e servizio anche nel secondo ma qui, concede la prima ed unica palla break dell\'incontro facendo arrivare Cilic fino al tie-break: il croato a quel punto avrebbe anche due set point ma la testa di serie numero 9 del torneo è bravo ad annullarli e a chiudere definitivamente i giochi. Sì perché il terzo ed ultimo set è una passeggiata per un Del Potro davvero solido al servizio: 72 è la percentuale di prime messe in campo e 78 è quella dei punti guadagnati quando questo è avvenuto. Per lui adesso Tomas Berdych (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/3048.html\"): la sfida promette scintille.
Titolo: Tennis
Inserito da: SPIRITO - 06 Giugno, 2012, 10:33:56 am
3-6;6-7;6-2;6-0;6-3...questo è lo score che ha visto Roger battere Del Potro nei quarti di finale del Rolando Garros in una partita davvero spettacolare.
Grande condizione dell\'argentino nei primi due set, ma un grande Roger è poi venuto fuori nella distanza in un continuum di feeling di colpi straordinari.
Grande match, onore a Del Potro.
Titolo: Tennis
Inserito da: SPIRITO - 09 Giugno, 2012, 10:16:59 am
Le due azzurre si aggiudicano il loro primo slam in carriera nel tabellone di doppio, battendo la coriacea coppia formata da Maria Kirilenko (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/2933.html\") e Nadia Petrova (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/972.html\"), col punteggio di 4-6 6-4 6-2
(http://d.yimg.com/i//ng/sp/eurosport/20120608/25/e2b2a70a91efef132ff49ecefe26fd13.jpg)
 
 
 
 
 
 
 
 
Non ci sono parole per descrivere quanto grandi siano queste due piccole tenniste italiane: Roberta Vinci (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/2722.html\") e Sara Errani (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/3347.html\") si aggiudicano il titolo di doppio al Roland Garros battendo in finale Maria Kirilenko e Nadia Petrova col punteggio di 4-6 6-4 6-2.
Le due azzurre si ritrovano di fronte una coppia forte e che a sua volta sta ultimando le prove tecniche per Londra 2012, ma se agli Australian Open era stata la coppia russa Kuznetsova-Zvonareva a sottrarre alle due azzurre la gioia del primo titolo in uno slam, questa volta nulla può fermarle, nemmeno l\'eventuale e più che comprensibile agitazione di Sara Errani per la finale in singolare contro un\'altra russa, la prossima numero 1 del mondo Maria Sharapova (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/1500000000003013.html\").
Il pubblico del Roland Garros ha "adottato" Sara Errani come mascotte e sul Suzanne Lenglen, per la gioia degli spettatori, si compie la storia: Sara e Roberta sono le prime italiane a vincere uno slam in doppio.
Dopo aver perso il primo set, le nostre ragazze si rimboccano le maniche e, dopo break e controbreak, riescono a mantenere il break di vantaggio che serve per riportare in equilibrio il conto dei parziali. Poi inseriscono il turbo e nel terzo non c\'è più storia. Con due break in più al proprio attivo, sul 5-2 la coppia italiana va al servizio e, seppur ai vantaggi, riesce a portare a casa il match, un titolo che vale tantissimo, una grande soddisfazione e ancor più grandi prospettive per il futuro.
Titolo: Tennis
Inserito da: SPIRITO - 09 Giugno, 2012, 18:14:51 pm
Maria Sharapova (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/1500000000003013.html\") vince il Roland Garros, completa il Career Slam e torna numero 1: in finale ha sconfitto Sara Errani (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/3347.html\") 6-3 6-2 al termine di un match a senso unico. Per l\'\'emiliana un torneo comunque indimenticambile che le regala il titolo del doppio e, da lunedì, la sua prima volta nella top-ten WTA
(http://d.yimg.com/i//ng/sp/eurosport/20120609/25/4d3d431b0ef40cdc2980a57814aa8943.jpg)
 
 
 
 
 
 
 
 
Maria Sharapova ha vinto il Roland Garros 2012 battendo 6-3 6-2 Sara Errani in una finale a senso unico e con un gap onestamente smisurato tra le due contendenti. La Sharapova ha completato il suo Career Slamdopo Wimbledon 2004, Flushing Meadows 2006 e Australyan Open 2008 e da lunedì tornerà numero 1 del ranking WTA, mentre Sara Errani ha comunque giocato un Open di Francia leggendario. A Parigi non era mai andata oltre il secondo turno, quest\'anno da testa di serie del torneo n° 21 ha sconfitto due ex-campionesse del Roland Garros (Svetlana Kuznetsova (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/500000000002890.html\") e Ana Ivanovic (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/3196.html\")) e per la prima volta nella sua carriera due top-ten (Angelique Kerber (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/3447.html\") e Samantha Stosur (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/1500000000002992.html\")): da lunedì sarà lei la tennista numero 10 del mondo.
SARA DEPONE LE ARMI - Nostro malgrado, l\'incontro è andato come da pronostico: Sharapova letale in risposta sulle seconde di servizio della Errani e sempre a segno coi piedi in campo. Si parte con uno 0-3 pesantissimo (parziale punti 12/3) e sei meravigliosi vincenti col rovescio lungolinea dopo quattro giochi: Maria può sempre piazzarsi e scegliere dove tirare dopo il rimbalzo, perché Sara, attaccata sistematicamente, è sempre costretta a giocare il back senza profondità e con poco spin. Il primo verdetto è un severo 6-3 in 40\' di gioco e il secondo non cambia copione anche se, malgrado il punteggio ancora più largo (6-2), si disputano game più combattuti - 5 giochi, 4 consecutivi, ai vantaggi - e Sara, con qualche bella variazione a rete (due stop-volley vincenti), riesce a sbrogliare gli scambi più prolungati. La riuscita non cambia: una sola palla break per la Errani nel match (annullato con uno dei 6 ace della partita di Maria) e servizio difeso 2 volte su 8 turni di battuta, perché oggi alla Sharapova, che ha perso un solo set nel torneo contro Klára Zakopalová, ha trovato anche i winner per lei più problematici, come il dritto in corsa e la discesa a rete (sono 37 i vincenti complessivi della russa). Devastante in lungolinea con entrambi i colpi, concreta anche con la seconda di servizio, profonda e angolata, e le prime sono comunque quasi al 70% contro meno del la metà per Sara.
(http://eur.yimg.com/ng/sp/eurosport/20120609/25/f19f63f7dbc1670d9f5daa6b72ab0e69.jpg)
ERRANI, UN ANNO COMUNQUE INDIMENTICAMBILE - Maria Sharapova, dopo aver vinto sulla terra rossa a Stoccarda, Roma (bis) e Parigi, sarà la tennista da battere anche a Wimbledon e ai Giochi Olimpici londinesi, ma nessuno si dimentichi del primo semestre 2012 leggendario di Sara Errani con le vittorie ad Acapulco, Barcellona e Budapest e il trionfo di ieri nella finale doppio femminile del Roland Garros con Roberta Vinci (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/2722.html\") dopo Madrid e Internazionali d\'Italia.
Titolo: Tennis
Inserito da: crios - 09 Giugno, 2012, 20:14:53 pm
La Errani ha un qualcosa che mi attizza :look:
Titolo: Tennis
Inserito da: SPIRITO - 09 Giugno, 2012, 20:41:42 pm
Citazione da:  link=topic=14964.msg#msg date=26
La Errani ha un qualcosa che mi attizza :look:

Ahee...e se vir a sharapova che fai ?
Titolo: Tennis
Inserito da: crios - 09 Giugno, 2012, 20:43:04 pm
Citazione da:  link=topic=14964.msg#msg date=26
Ahee...e se vir a sharapova che fai ?
Nun me piac :look:
Titolo: Tennis
Inserito da: SPIRITO - 09 Giugno, 2012, 22:05:05 pm
Citazione da:  link=topic=14964.msg#msg date=26
Nun me piac :look:

solo a guardare le gambe c\'è da svenire.
Titolo: Tennis
Inserito da: strano^^ - 10 Giugno, 2012, 02:26:45 am
Una partita con la sharapova, diventa simile ad un film porno :look: oggi ad un certo punto ha fatto un rovescio... :sbav:
Titolo: Tennis
Inserito da: M for M - 10 Giugno, 2012, 02:27:51 am
mamma la sharapova e qualcosa di,non ho parole,vorrei essere la sua racchetta :look: guardarla giocare e :roteo:
Titolo: Tennis
Inserito da: SPIRITO - 10 Giugno, 2012, 09:27:34 am
la Sharapova è proprie Femmen....
Titolo: Tennis
Inserito da: SPIRITO - 13 Giugno, 2012, 10:31:54 am
Halle, 12 giu. - (Adnkronos/Dpa) - \'\'Sono rilassato, sono tranquillo. Sono al punto in cui vorrei essere\'\'. Roger Federer e\' pronto ad affrontare l\'intensa estate del tennis. Dall\'erba del torneo di Halle, in Germania, parte la rincorsa del numero 3 del mondo verso Wimbledon e le Olimpiadi di Londra2012. La primavera sulla terra rossa si e\' chiusa senza titoli. Ma non e\' il caso di fare drammi: \'\'Non sono preoccupato. Da un bel po\' non mi sentivo cosi\' fresco e rilassato, sono proprio al punto in cui vorrei essere\'\', dice il fuoriclasse di Basilea. \'\'Non ho nessun timore in vista dei prossimi impegni, il calendario e\' davvero fitto ma io sono pronto\'\', aggiunge. Federer e\' reduce dal k.o. nella semifinale del Roland Garros contro il serbo Novak Djokovic, numero 1 del mondo. \'\'In questo momento -dice l\'elvetico- nel circuito ci sono tanti giocatori di livello assoluto e questa e\' una grande fortuna per il movimento. Le grandi sfide sono frequenti, ci sono tantissimi big match\'\'. Federer detiene il record di titoli nel Grande Slam con 16 centri. Lo spagnolo Rafa Nadal, fresco trionfatore a Parigi, e\' arrivato a quota 11. \'\'Non mi angoscio pensando che Rafa potrebbe raggiungermi. Ha giocato un gran torneo a Parigi e ha dimostrato una volta di piu\' che e\' il migliore sulla terra battuta. E\' nato per giocare e per vincere su quella superficie. Ma sono convinto che nemmeno lui stia pensando al record\'\', aggiunge.
Titolo: Tennis
Inserito da: SPIRITO - 13 Giugno, 2012, 10:33:25 am
Citazione da:  link=topic=14964.msg#msg date=31
la Sharapova è proprie Femmen....
(http://l2.yimg.com/bt/api/res/1.2/pHLNcBfXULD8mmYCTM4l_w--/YXBwaWQ9eW5ld3M7Zmk9aW5zZXQ7aD00MjA7cT04NTt3PTYzMA--/http://media.zenfs.com/en_US/Sports/Getty_Images/2f64e6da3a4fe1ce8aa690c5ffef1d3c-getty-146050794.jpg)
Titolo: Tennis
Inserito da: SPIRITO - 14 Giugno, 2012, 12:31:21 pm
Londra, 13 giu. - (Adnkronos) - "Non ho intenzione di stabilire una data per il mio ritiro, vivro\' giorno per giorno",
Andy Roddick (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/2643.html\")
, dopo aver perso la sua sesta partita consecutiva contro il francese Roger-Vasselin al Queen\'s, ha smentito oggi l\'ipotesi di un suo ritiro dal tennis. "Non sono preoccupato per quello che faro\' dopo, la mia vita non sara\' estranea a questo mondo. Mi piace giocare a tennis, sono diverso dalla maggior parte degli altri giocatori. Mi piace ancora faticare. Probabilmente e\' piu\' importante per me che per la mia famiglia", ha aggiunto il tennista sposato con la modella e attrice Brooklyn Decker. "Mi piace stare presto sul campo e giocare per ore con gli altri ragazzi -ha continuato l\'americano-. Non so per quanto ancora mi piacera\' farlo". Roddick, una volta numero uno del mondo, non ha piu\' vinto un partita dall\'ultima sconvolgente vittoria contro Roger Federer (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/676.html\")
a Miami dello scorso 26 marzo. Nelle ultime due stagioni Roddick ha subito diversi infortuni, l\'ultimo dei quali ha riguardato il suo ginocchio. Il mese scorso e\' tornato sui campi in terra a Dusseldorf, perdendo tutte e tre le partite della competizione a squadre, e negli Open di Francia appena conclusi e\' uscito al primo turno contro Nicolas Mahut (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/te/profile/2683.html\")
.
Titolo: Tennis
Inserito da: SPIRITO - 19 Giugno, 2012, 17:35:31 pm

ATP HALLE


Grande impresa per Tommy Haas che mette al tappeto Roger Federer nella finalissima del torneo tedesco. Il tennista di casa si impone con un 7-6, 6-4 che sancisce il suo ritorno su ottimi livelli dopo diversi problemi fisici. Haas, 34 anni, non vinceva un torneo addirittura dal 2009, ovvero da quando si impose sempre ad Halle. Nei confronti con lo svizzero, addirittura, il tedesco non si imponeva da dieci anni, quando eliminò Federer agli ottavi degli Australian Open (il bilancio a favore dell\'elvetico con un 11-3).


Brusco stop per il numero tre al mondo che perde l\'occasione per portare a casa il quinto torneo dell\'anno al primo appuntamento sull\'erba dopo la stagione sul rosso che lo ha visto imporsi nel Masters 1000 di Madrid. Per lui si tratta della prima finale persa del 2012, era dal Roland Garros dell\'anno scorso che non cadeva all\'atto decisivo.
Titolo: Tennis
Inserito da: SPIRITO - 23 Giugno, 2012, 09:52:44 am

Ancora tre giorni di attesa, poi sarà Wimbledon, il torneo major più prestigioso del tennis mondiale. Chi vincerà? Noi proviamo a giocare con le percentuali, analizzando i risultati dei favoriti nei due tornei sull’erba - Queen’s e Halle - che storicamente introducono allo Slam londinese. Distribuiremo una percentuale di vittoria tra i Top Three e una di arrivo in semifinale per tutti gli altri, perché, inutile negarlo, è troppo netto il divario per affidare agli “outsider” più di un 1% simbolico di successo, se rapportati a Novak Djokovic, Rafael Nadal e Roger Federer.


DJOKOVIC, NADAL, FEDERER: 3x33 - Non vorrei sembrarvi troppo diplomatico o attendista, ma credo che le prime tre teste di serie del torneo abbiano la stessa percentuale di successo, perché se è vero che Djokovic e Nadal hanno disputato le ultime quattro finali Slam e sono pronti a proseguire sull’erba dove tutto è iniziato un anno fa, va anche riconosciuto che Federer può essere ancora in grado di sopperire, a Wimbledon più che in ogni altro torneo, al gap atletico con la sublimazione di un tennis ancora senza uguali per stile e completezza. Ma entriamo nel dettaglio:


NOVAK DJOKOVIC 33% - Ha scelto di riposare e diversificare il suo allenamento dopo la prima finale del Roland Garros e non ha partecipato né al Queen’s né al Gerry Weber Open, ma si presenterà a Wimbledon dopo un anno di numero 1 del ranking ATP e da detentore dello Slam inglese. Quest’anno Nole non ha ripetuto i fasti del leggendario 2011, esprimendo comunque un livello altissimo di tennis per vincere il suo terzo Australian Open e avvalorarsi sulla terra rossa con tre finali - a Montecarlo, Roma e Parigi - sconfitto unicamente da Nadal. Sfumata l’opportunità, per quest’anno, di concludere il Career Slam al Roland Garros e di rincorrere il Grande Slam dopo il trionfo di Melbourne (un record che manca dall’impresa di Rod Laver nel 1969!), Djokovic cercherà il bis londinese: anche se non calcare campi in erba prima di Wimbledon potrebbe sembrare un azzardo, non ci sono tennisti più favoriti per la vittoria finale sul Centre Court.


RAFAEL NADAL 33% - Tre finali - la prima contro Federer nel 2006 - e due iridi londinesi (2008 e 2010) per dimostrare, se vogliamo essere onesti, che il suo indefesso atletismo non è efficace soltanto su terra rossa (dove resta pressoché imbattibile) e, se invece vogliamo provocare, per attestare che l’erba della seconda settimana somiglia sempre più al red clay per dinamiche di gioco, velocità di rimbalzo e aderenza dei piedi. Comunque sia, Nadal sbarca oltremanica con un “poker rosso” (Montecarlo, Barcellona, Roma e Parigi) e dopo aver forse giocato al Roland Garros il tennis migliore della sua carriera. Ha scelto Halle per i test-match sull’erba battendo Lukas Lacko al debutto (7-5 6-1), ma cedendo ai quarti contro un impeccabile Philipp Kohlschreiber, tennista tedesco e vincitore del torneo nel 2011: una normale flessione che non deve preoccupare, perché Rafa, salvo improbabili scenari, arriverà fino in fondo anche a Wimbledon.


ROGER FEDERER 33% - I risultati attuali non sono più da antologia (tre successi quest’anno a Dubai, Indian Wells e Madrid) e non vince una prova dello Slam da più di due anni (Australian Open 2010), ma la qualità del suo tennis, specie su erba, resta la migliore. Ad Halle, dove ha vinto sei volte, Roger ha perso a finale contro un rigenerato Tommy Haas (7-6 6-4 per il tedesco) dopo aver sconfitto Florian Mayer, Milos Raonic (in 3 set) e Mikhail Youzhny; a Wimbledon ha trionfato in sei edizioni (l’ultima nel 2009): ripetendosi quest’anno, raggiungerebbe il primato di Pete Sampras e William Renshaw. Se questo non è un valore aggiunto…


* * * * *


OUTSIDER, MANCA QUALCUNO?- Ecco i nomi e le percentuali di chi potrebbe disputare, tra due settimane, la semifinale di Wimbledon 2012 contro uno dei Top Three. Nel tennis maschile, come per molti altri sport, non vale la clausola del “non si può mai sapere”, anche se qualcuno di questi potrebbe poi tentare il craque, a partire da Murray per un successo britannico che nell’Open di casa manca da Fred Perry (1936).


ANDY MURRAY 25% - Un nome autorevole sotto l’albero di Natale come nuovo allenatore (Ivan Lendl), ma un primo semestre 2012 da dimenticare: unico torneo vinto a Brisbane (ATP 250), tanti problemi alla schiena e la deludente “stagione rossa”. Come se non bastasse al Queen’s di Londra, dove ha vinto nel 2009 e lo scorso anno, è stato sconfitto al debutto da Nicolas Mahut. Sarà ancora testa di serie numero 4 al Championships, anche se non esistono Fab Four nel tennis perché, come ha recentemente chiosato Andre Agassi, Murray “è nell’era sbagliata”, e nonostante a Wimlbedon abbia ottenuto i migliori risultati Slam con le ultime tre semifinali, anche quest’anno sembra destinato a partire da inglese e tornare scozzese prima del secondo week-end.


JOE-WILFRIED TSONGA 20% - Nell’ultima edizione ha ottenuto il miglior risultato a Wimbledon battendo Federer e cedendo in semifinale a Djokovic, poi vincitore del titolo. Ha partecipato al Queen’s come testa di serie numero 2, ma dopo aver velocemente sconfitto Jamie Baker, si è fatto sorprendere da Ivan Dodig (7-6 3-6 7-6 subito dal serbo n° 99 ATP) abbandonando precocemente i test-match sull’erba. E’ facile tifare per Tsonga, simpatico, gioviale e sempre trascinatore degli spalti, ma le sue possibilità di vittoria non sono concrete.


TOMMY HAAS 15% - Perché no? Il tedesco ha 34 anni ed è scivolato al numero 49 del ranking (è stato numero 2 ATP dieci anni fa), ma nel 2009, dopo aver vinto Halle su Djokovic, ha raggiunto la semifinale a Wimbledon (miglior risultato nei Major) sconfitto da Federer. Inversamente quest’anno ha rivinto al Gerry Weber Court vendicandosi sullo svizzero (7-6 6-4 ) e potrebbe ripetere una semifinale al Championships sfidando Nole. Un po’ cabalistico, lo ammetto…


ANDY RODDICK 10% - Un calo prestazionale forse irreversibile, senza successi da Memphis 2011. Fuori nei due Slam 2012 al secondo (Australian Open) e primo turno (Roland Garros), subito eliminato al Queen’s, vinto in passato quattro volte, dal poco quotato Edouard Roger-Vasselin. E allora Andy ha deciso di partecipare anche all’AEGON International di Eastbourne (ATP 250) per proseguire sull’erba battendo Querrey col walkover, Chardy, Fognini (faticando in 3 set), Steve Darcis e giocare la finale domani contro Andreas Seppi. Perché un ottimistico 10%? Perché è un ex-numero 1 del mondo e perché ha perso tre finali, sempre contro Federer, a Wimbledon: l’ultima nel 2009 dopo una maratona (16-14 al quinto set) e un set-point sprecato a rete per portarsi sul 2-0. Non sarà molto realistico, ma con il miglior servizio e una tregua degli sfiancanti problemi fisici, Andy potrebbe riprovarci.


MARIN CILIC 5% - Perché ha vinto il Queen’s, anche se fortuitamente - contro David Nalbandian, costretto al ritiro in finale avanti di un set - e perché vanta uno dei migliori servizi del circuito ATP ricordando, per caratteristiche fisiche e ricorsi al serve&volley, i connazionali Ivanisevic e Ancic. Una semifinale all’Australian Open nel 2010, ma solo un quarto turno come miglior piazzamento Wimbledon nel 2008, perché negli Slam la potenza non potrà mai bastare.


RICHARD GASQUET 5% - Da astro nascente (Master series a 16 anni) a grande talento inespresso del tennis mondiale: a Wimbledon il miglior risultato nelle prove dello Slam (semifinalista 2007), ma non vince niente da Nizza 2010. Quest’anno ha giocato abbastanza bene al Roland Garros (si è arreso a Murray), poi subito fuori a Eastbourne contro Marinko Matosevic (n° 82 ATP).


ANDREAS SEPPI 4% - Per i due set strappati a Djokovic al Roland Garros e per la finale sull’erba che il nostro disputerà domani a Eastbourne contro Roddick. Migliorare il terzo turno 2008 e 2009 a Wimbledon resta comunque un pronostico più verosimile.


TOMAS BERDYCH 4% - Nessun risultato significativo dopo la finale Wimbledon 2010 persa contro Nadal, ad Halle ha perso contro Tommy Haas, poi vincitore.


FELICIANO LOPEZ 3% - Al Queen’s è andato male (fuori al terzo turno contro Kevin Anderson), ma a Wimbledon ha giocato tre quarti di finale - l’ultimo, da Deliciano, lo scorso anno contro Murray - dimostrando sempre un buon feeling con l’erba, oltre che col gentil sesso.


L’ULTIMO 10% - Percentuale esigua e da distribuire tra i restanti top-ten: DAVID FERRER, NICOLAS ALMAGRO - specialisti di terra - JANKO TIPSAREVIC e JUAN MARTIN DEL POTRO (di “retaggio cementizio”), perché nessuno di loro ha resistito a Wimbledon oltre la prima settimana. Sognare poi non costa niente, e allora citiamo anche gli italiani FABIO FOGNINI per aver fatto sudare Roddick a Eastbourne e SIMONE BOLELLI per le due vittorie ottenute al Queen’s.
Titolo: Tennis
Inserito da: SPIRITO - 24 Giugno, 2012, 07:37:29 am
Peccato, Andreas Seppi non ce l\'ha fatta: l\'Andy Roddick sceso in campo contro di lui sull\'erba di Eastbourne era troppo forte e l\'ha dimostrato
EASTBOURNE, RODDICK B. SEPPI 6-3 6-2
Non ce l\'ha fatta, Andreas Seppi, a difendere il titolo conquistato lo scorso anno all\'"Aegon International", torneo Atp 250 con 403.950 euro di montepremi andato in scena sui campi in erba di Eastbourne, Gran Bretagna. Il tennista altoatesino, testa di serie numero 3, si è arreso in finale all\'americano Andy Roddick, sesta forza del tabellone e in gara con una wild card, con il punteggio di 6-3 6-2, dopo un\'ora e 12 minuti di gioco. Per Roddick è il 31esimo successo in carriera.
Seppi, alla seconda finale stagionale dopo quella vinta a Belgrado sulla terra battuta, paga la fatica dei quarti contro Philipp Kohlschreiber e della semifinale contro l\'americano Ryan Harrison: più brillante Roddick, che dopo il traguardo delle 600 vittorie in carriera grazie al successo nella semifinale monca con Steve Darcis (il belga si è ritirato anzitempo), si prende la vittoria nella 51 finale della sua carriera. E ora guarda a Wimbledon, dove vanta tre finali (2004, 2005 e 2009) ma ancora nessuna vittoria.
Titolo: Tennis
Inserito da: SPIRITO - 26 Giugno, 2012, 14:48:10 pm
   Federer passeggia, Gulbis fa l\'impresa

   Il lettone fa fuori la testa di serie numero 6 Tomas Berdych con un triplo 7-6 al tie-break. Federer sul "giardino di casa" è ben poco ospitale con il malcapitato Ramos: 6-1, 6-1, 6-1 in 1h19min. Bene anche Djokovic con Ferrero. Al secondo turno anche Tipsarevic, Gasquet e Verdasco. Fuori Isner

 
Ernests GULBIS b. Tomas BERDYCH 7-6 (7-5), 7-6 (7-4), 7-6 (7-4)


Cade la prima testa (di serie) del torneo con l\'eliminazione di Tomas Berdych, numero 6 del ranking ATP, ad opera di Ernests Gulbis, lettone classe 1988 e scivolato all\'87esima posizione mondiale dopo due anni da astro nascente del circuito maschile. Incontro con un solo break-controbreak: Gulbis chiude con 30 ace, l\'84% di punti sulla prima di servizio e 62 winners: significa che il lettone ha tanti meriti e Berdych - finalista Wimbledon 2010 - poche colpe (soltanto 27 errori forzati) su questa sua precoce e clamorosa sconfitta. Primo set equilibratissimo con giochi rapidi e senza mini-break fino al 5-5 del tie, quando Gulbis chiude con ace e serve&volley. Sullo 0-1 del secondo set primo gioco ai vantaggi e sull\'1-1 break Gulbis, ma Berdych pareggia subito e riporta il lettone fino al tie-break dopo aver annullato un\'altra palla break al termine di uno scambio lunghissimo (25 colpi) sul 2-2. Sul 5-4 terzo set, Gulbis ha i primi 3 match-point da 15/40, ma Berdych annulla i primi due col servizio e il terzo col falco (lettone lungo col dritto)! Al terzo tie-break Gulbis è ancora impeccabile e Berdych abbandona il Championship affossando l\'ultimo dritto in rete.


Roger FEDERER b. Albert RAMOS 6-1, 6-1, 6-1


Casa dolce casa. Non poteva esserci inizio più dolce per Roger Federer che sul "giardino di casa" schianta senza troppa cortesia il malcapitato spagnolo Albert Ramos con un triplo 6-1 che lascia ben poco spazio ai commenti. Il fenomeno di Basilea, praticamente perfetto, ha chiuso la pratica primo turno in un\'ora e diciannove minuti... tempistiche da match femminile. Per Federer ora, dal lato del tabellone di Djokovic, ci sarà un secondo turno potenzialmente un po\' più complicato: sulla sua strada infatti troverà il nostro Fabio Fognini. Vedremo se il ligure sarà in grado di creare al numero 3 del seeding qualche grattacapi in più rispetto allo spagnolo.


Novak DJOKOVIC b. Juan Carlos FERRERO 6-3, 6-3, 6-1


Ci ha provato l\'ex numero 1 al mondo Juan Carlos Ferrero ma, contro l\'attuale leader della classifica, su questa superficie a maggior ragione, ben poco ha potuto. Novak Djokovic vola quindi al secondo turno e lo fa con il punteggio netto di 6-3, 6-3, 6-1. Lo spagnolo, come detto, ci ha provato ed è sceso in campo ben concentrato riuscendo addirittura a scappare avanti di un break subito in avvio. Djokovic però, consapevole dell\'importanza di non "sprecare" forze, è rientrato nel match e ha fatto suo il primo set. La resistenza di Ferrero, alla fine, è durata fino al secondo set. Dopo essersi conquistato anche la seconda partita infatti, Nole ha infilato 7 giochi consecutivi che l\'hanno portato fino al 5-0 nel terzo. Il serbo vola così al secondo turno dove troverà il vincente della sfida tra l\'americano Harrison e Lu.


Janko TIPSAREVIC b. David NALBANDIAN 6-4,7-6 (7-4), 6-2


Il primo turno sulla carta più equilibrato, perché il serbo è testa di serie numero 8, ma Nalbandian ha l\'erba nelle corde con una finale Wimbledon 2002 (sconfitto da Lleyton Hewitt) e l\'ultimo Queen\'s perso in finale contro Cilic per squalifica. Primo set a Tipsarevic, ma il serbo è discontinuo a servizio e concede 9 break-point all\'avversario nei primi due set. Nalbandian realizza solo la nona palla, ma cede anche il secondo set al tie-break. Terzo set con più gap a favore di Tipsarevic che chiude con due break. Serbo avanti con 17 ace, 40 winner e soltanto 20 errori forzati.


Alejandro FALLA b. John ISNER 6-4, 6-7, 3-6, 7-6, 7-5


E\' l\'altra grande sorpresa della giornata. Il maratoneta John Isner non riesce a sfruttare il suo servizio e deve cedere il secondo turno al colombiano Falla. L\'americano, a tratti imbarazzante negli scambi, non riesce ad avere la meglio su un Falla che è dovuto ricorrere anche al medical timeout. E che la giornata non promettesse bene per Isner è apparso da subito chiaro quando in avvio di partita si è fatto levare il servizio; l\'americano è riuscito poi a rientrare nella partita strappando un combattuto tiebreak (nove punti a sette) e aggiudicandosi il terzo grazie a delle spettacolari percentuali con la prima di servizio (80% di prime in campo e 94% di punti conquistati quando questo è accaduto). Tutto facile insomma? Macché. Falla reagisce nel quarto e approfitta di un tennis decisamente sottotono di Isner restituendo il tie-break "a nove" e chiudendo, dopo aver annullato due palle break nell\'undicesimo game, con un meritatissimo 7-5. Festa tra gli organizzatori... la sfida infinita tra Isner e Mahut al secondo turno è di fatto saltata.


GLI ALTRI RISULTATI: G. Rufin b. S. Darcis 6-4, 3-6, 5-7, 6-4, 6-4; Monaco b. L. Mayer 6-4, 7-6, 7-6; Harrison b. Lu 4-6, 6-3, 6-4, 6-2; F. Mayer b. Tursunov 7-6, 6-2, 6-3; Andreev b. Golding 1-6, 7-6, 7-6, 7-5; Malisse-Matosevic 6-2, 6-2, 7-5; G. Zemlja b. J. Goodall 6-4 3-6 7-6 6-4; B. Becker b. J. Blake 6-7 7-5 6-0 6-4; G. Simon b. P. Mathieu 6-3, 5-4 e rit.; R.Stepanek b. S.Stakhovsky 6-1, 1-0 e rit.; F.Verdasco b. J.Wang 7-6, 6-4, 7-5; M.Youzhny b. D.Young 4-6, 6-3, 6-2, 6-3; M.Russel b. A.Menendez 6-3, 6-1, 7-6; J.Benneteau b. J.Muller 6-2, 7-5, 7-6; R.Gasquet b. T.Kamke 6-2, 6-2, 6-2; R. Bemelmans b. C. Berlocq 7-5, 6-7, 6-3, 7-6; V. Troicki b. M. Granollers 7-5, 7-6, 3-6, 2-6, 8-6; P. Petzschner b. B.Kavcic 6-4, 6-4, 6-2.


INCONTRI INTERROTTI: Non si conclude, oltre al match tra Nicolas Mahut e Paolo Lorenzi (6-3, 5-7, 6-7, 7-5, 0-0) l\'incontro tra Olivier Rochus e Nicolas Almagro, testa di serie numero 11: parziale di 7-6 (7-4) 6-3 6-7 (4-7) 2-6 e partita sospesa per oscurità sul 2-2 quinto set.
Titolo: Tennis
Inserito da: SPIRITO - 27 Giugno, 2012, 15:06:04 pm
   Nadal e Murray senza problemi; Goffin è super

   Il maiorchino liquida Bellucci con un netto 7-6, 6-2, 6-3. Lo scozzese, invece, prende a pallate Davydenko con un impietoso 6-1, 6-1, 6-4. La sorpresa del giorno è il belga Goffin che elimina l\'australiano Tomic (che l\'anno scorso qui arrivò ai quarti). Bene anche Fish (al rientro) e Tsonga

Rafael NADAL b. Thomaz BELLUCCI 7-6 (0), 6-2, 6-3
Bellucci prova a spaventare il numero due al mondo Rafa Nadal ma, l\'impresa, gli riesce solo per 40 minuti. Il carioca infatti parte fortissimo e sorprende tutti tirando a tutto braccio nei primi quattro game del primo set e salendo così 4-0. A quel punto però, a Bellucci, con il servizio in mano e le palline del 5-0, viene il classico braccino iniziando a concedere gratuiti di troppo e riportando Nadal, nel frattempo salito ai suoi standard, sul 4-4. La partita si trascina fino a un emblmatico tie-break dove Bellucci incappa in 4 banali gratuiti nei primi 5 punti e consente a Nadal di chiudere "lo spareggio" a zero. Da quel punto Nadal prende in mano la gara e vola agevolmente al secondo turno facendo suo sia il secondo che il terzo set senza particolari problemi. Per il maiorchino ora il vincente della sfida tra Dodig e Rosol.


Andy MURRAY b. Nikolay DAVYDENKO 6-1, 6-1, 6-4


Nessun fantasma di Wimbledon, nessun sgambetto, nessuna sorpresa. Andy Murray prende a pallate Davydenko e sul centrale si sbarazza dell\'ex numero 3 del mondo con l\'emblematico punteggio di 6-1, 6-1, 6-4, in un\'ora e trentaquattro minuti. Murray, oggi davvero solidissimo e particolarmente concentrato, ha imposto da subito il suo tennis e ha fatto vedere parecchie volte tutti i suoi colpi migliori negli scambi decisivi. Davydenko, invece, ha finito quasi sempre per cedere il punto tutto le volte che lo scambio ha superato i 6 colpi. Lo scozzese vola così al secondo turno dove troverà il vincente della sfida tra Sela e Karlovic.


Juan Martin DEL POTRO b. Robin HAASE 6-4, 3-6, 7-6, 7-5


Chi ha avuto il suo bel da farse invece è Juan Martin Del Potro che, contro l\'olandese Haase, ha dovuto tirare fuori il suo miglior tennis fin dal primo turno. Haase infatti, è sceso in campo consapevole di poter creare qualche grattacapo al gigante di Tandil e, dopo aver perso il primo set con un break subito in apertura, ha sfruttato un passaggio a vuoto dell\'argentino al servizio e si è così aggiudicato il secondo. Il set spartiacque è stato il terzo dove dopo tanto equilibrio, al tie-break, Del Potro ha fatto valere la maggiore esperienza sui punti pesanti e si è aggiudicato "lo spareggio" per 7 punti a 3. Nel quarto, Haase, è rimasto agganciato al torneo con onore strappando la battuta a un Del Potro che sul 5-3 andava a servire per il match. L\'argentino però, "molto saggiamente", ha tirato fuori i suoi colpi migliori nel game successivo riprendendosi il break di vantaggio e andando a chiudere per 7-5. Per lui adesso al secondo turno il giapponese Soeda.


Jo-Wilfried TSONGA b. Lleyton HEWITT 6-3, 6-4, 6-4


Come di consueto lotta come un leone Hewitt ma, alla fine, nei punti chiave, deve cedere alla superiorità del tennis di Tsonga e arrendersi senza nemmeno portare a casa un set. Il transalpino breakka l\'ex campione di Wimbledon nell\'ottavo e nel nono gioco del primo e secondo set chiudendo poi abilmente, in entrambe le occasioni, il discorso sul proprio servizio. Hewitt lotta anche nel terzo dove si procura un paio di palle break ma Tsonga, come sempre, alza il suo livello di tennis quando serve non concedendo nemmeno il briciole. Il pubblico londinese però apprezza e applaude l\'ex numero 1 al mondo che deve così abbandonare il torneo al primo turno. Per Tsonga ora il vincente della sfida tra Vasselin e Garcia Lopez.


David GOFFIN b. Bernard TOMIC 3-6, 6-3, 6-4, 6-4


L\'australiano Tomic, che lo scorso anno è arrivato fino ai quarti di finale all\'All England Lawn (cedendo a Djokovic,  viene eliminato al primo turno, perché David Goffin, belga classe 1990 e numero 70 del ranking ATP, conferma tutti i progressi del primo semestre 2012 (fino al quarto turno al Roland Garros) eliminando una testa di serie (n° 20) al suo debutto sull\'erba di Wimbledon. Goffin è stato bravo a reagire dopo un primo set a favore di Tomic senza più cedere il servizio a partire dal secondo.


Mardy FISH b. Ruben RAMIREZ HIDALGO 7-6 (7-3), 7-5, 7-6 (7-1)


Ci vogliono due tie-break per decidere l\'incontro, molto equilibrato nelle statistiche, tra Mardy Fish, testa di serie numero 10, e lo spagnolo Hidalgo. Vince lo statunitense, uscito di scena nella scorsa edizione ai quarti di finale contro Nadal e oggi al rientro in attività dopo i problemi cardiaci. Per lui quindi un buon test e una buona reazione allo sforzo. Al secondo turno troverà il vincente della sfida tra Andujar e Ward.


Jarkko NIEMINEN b. Feliciano LOPEZ 7-6 (7-4), 3-6, 7-6 (7-5),


Feliciano Lopez, testa di serie numero 14, non ripete il buon risultato della scorsa edizione a Wimbledon (Deliciano fino quarti di finale contro Andy Murray) e abbandona l\'All England Lawn Tennis al primo turno: passa Jakko Nieminen, finlandese numero 44 del ranking ATP, grazie a due tie-break e a un break di vantaggio nel quarto set. Nieminen affronterà nel secondo turno lo statunitense Brian Baker.


Philipp KOHLSCHREIBER b. Tommy HAAS 3-6, 7-6 (10-8), 6-7 (5-7), 7-6 (7-1), 6-2


Il derby tedesco tra gli ultimi due vincitori del Gerry Weber Open premia Philipp Kohlschrieber, testa di serie numero 27, contro Tommy Haas, semifinalista Wimbledon 2009. Haas, 34 anni, aveva dimostrato un ottimo stato di forma battendo Roger Federer nell\'epilogo di Halle, ma cinque set dopo tre tie-break contro l\'indefesso connazionale sono troppi e la flessione fisica dell\'ultima frazione è arrivata inesorabile.


LA PIOGGIA - Interrotti intorno alle 21.30 (ora italiana) alcuni match interessanti che riprenderanno domani. Andy Roddick avanti 7-6, 4-2 contro Baker, Milos Raonic avanti 6-4, 6-4, 5-4 contro Giraldo; David Ferrer avanti 7-6, 6-4, 1-1 contro Brown; Karlovic avanti 6-4, 6-4, 1-1 contro Sela; Wawrinka sotto al quinto contro Melzer 4-5 (3-6, 7-6, 2-6, 6-4 il parziale a favore dell\'austriaco).


GLI ALTRI RISULTATI: La maratona di gionata va a Garcia-Lopez che supera al quinto set il francese Roger-Vasselin 6-7, 6-3, 7-6, 5-7, 10-8. B. Baker b. R. Machado 7-6, 6-4, 6-0; J. Levine b. K.Back 6-4, 6-7, 6-3, 6-2; K. Nishikori b. M. Kukushkin 7-5, 6-3, 6-4; A. Dolgopolov b. A.Jr 6-3, 6-4, 7-5; B. Paire b. M. Ebden 6-1, 6-3, 6-7, 6-3; N.Almagro b. O.Rochus 6-7, 3-6, 7-6, 6-2, 6-4; M. Jaziri b. J.Zopp 4-6, 4-6, 6-3, 6-4, 9-7; G. Soeda b. I. Kunitsyn 6-3, 6-2, 6-1; L. Lacko b. A.Ungur 7-6, 6-1, 6-3; M. Baghdatis b. A.Montanes 6-2, 6-4, 6-4; F.Serra b. A.Kuznetsov 3-6, 7-6, 6-4, 4-6, 6-4; L.Rosol b. I.Dodig 6-4, 3-6, 7-6, 7-5; G.Dimitrov b. K.Anderson 7-5, 7-6, 6-7, 6-3; J.Ward b. P.Andujar 4-6, 6-0, 3-6, 6-3, 6-3; M. Cilic b. C.Stebe 6-3, 3-6, 6-3, 6-2; K. Scheppr b. M. Bachinger 6-4, 6-2, 6-2; S. Querrey b. V. Pospisi 7-5, 6-7, 6-3, 6-4.
Titolo: Tennis
Inserito da: SPIRITO - 30 Giugno, 2012, 14:57:43 pm
   Djokovic vince e si diverte, Federer soffre
 
   Bell\'incontro in 4 set tra Nole e uno degli ultimi maestri del serve&volley. Corre un grosso rischio Roger, che si ritrova a dover rimontare dopo aver perso i primi due set e alla fine ha la meglio su Julien Benneteau. Gasquet è in stato di grazia ed elimina Almagro in tre set
Novak DJOKOVIC b. Radek STEPANEK 4-6, 6-2, 6-2, 6-2
Il primo set ha seguito un copione diverso dagli altri e non solo per il punteggio a favore di Stepanek, che applica alla perfezione il suo tennis barocco (ma ancora efficace) di serve and volley aggrappandosi ai punti sulle prime di servizio (77%) e agli ace. I turni a battuta di Djokovic sono sbrigativi, quelli di Stepanek più complicati e il ceco deve annullare con grandi prime tre palle break in altrettanti giochi dal servizio. Radek bissa annullando altri due break-point sul 5-4 con prima vincente e servizio/rete e poi, con 8 punti consecutivi, fa l\'impresa per vincere due scambi da fondo a tutto braccio e strappare servizio a 0 e primo set a Nole. Le ultime tre partite dell\'incontro hanno invece un filo conduttore, perché Djokovic si prende il break di apertura costringendo Stepanek, 33 anni, a rincorrere con il suo dispendioso gioco a rete e con una graduale flessione delle percentuali di servizio. Nel secondo set c\'è ancora partita, perché Stepanek è ancora coriaceo col servizio sui break-point concedendone soltanto 2 su 11, poi il gap diventa incolmabile (il ceco non riesce mai a sostenere il palleggio da fondo campo per più di 3/4 scambi) e c\'è spazio solo per un game spettacolare (vinto da Stepanek) nel quarto set con 10 turni di parità in quasi 15 minuti e un curioso siparietto quando, sull\'ennesima palla break, Djokovic scarica il passante addosso al ceco che mette le corde davanti al corpo e fa punto e allora Nole lancia la racchetta sconsolato... perché era già accaduto nel primo set. Dopo il week-end di riposo per Djokovic sarà derby serbo, per il quarto turno, contro Victor Troicki che ha sconfitto in tre set la testa di serie Juan Monaco.
Roger FEDERER b. Julien BENNETEAU 4-6, 6-7 (3), 6-2, 7-6 (6), 6-1
Roger Federer stava per sprecare l\'oocasione d\'oro di questo torneo, ossia di provare ad andare avanti il più possibile e provare a vincere, sia per il record di slam che per tornare numero 1 del mondo. Ci stava riuscendo, perché di fronte si è trovato Julien Benneteau, in stato di grazia e pronto a vendere cara la pelle. Così è, perché Federer in avvio ha poco smalto, sbaglia tanto ed è il francese a dettare i ritmi del gioco e in 36\' chiude il primo parziale in proprio favore dopo aver ottenuto il break nel nono gioco. Il secondo set è ben più combattuto e dura esattamente il doppio: break per Federer in apertura, controbreak di Benneteau e si arriva al tiebreak, dove il transalpino domina. Federer è chiaramente appannato, ma al rientro in campo sfodera la zampata del campione e breaka subito in apertura, ottenendo poi un altro break nel terzo set e andando a prendersi il set per 6-2 in soli 27\'. Benneteau però non molla ed eroicamente difende tre palle break nel quinto gioco, trascinando l\'elvetico a un nuovo tiebreak. Questa volta tuttavia si lotta molto di più e Federer fa suo il parziale al secondo set point. Prima che inizi l\'ultimo set, Benneteau accusa dolori alle gambe e chiama il fisioterapista. provato dalla dura battaglia, ormai "non ne ha più" e in 26\' Federer chiude l\'incontro lasciando solo il secondo game all\'avversario. Nonostante ciò, sono più numerosi i vincenti di Benneteau (59 contro 53), mentre gli errori non forzati del francese crescono esponenzialmente nel finale, quando gli è difficile trattenere le lacrime per il dolore alle gambe (32 contro i 29 di Federer).
Richard GASQUET b. Nicolas ALMAGRO 6-3, 6-4, 6-4
Terzo turno interessante tra due teste di serie alte - Almagro è il numero 12 del seeding, Gasquet il 14 - e tra due giocatori con caratteristiche diverse, perché lo spagnolo è un gran colpitore, mentre il francese ha a disposizione un campionario di tennis molto elegante e diversificato. Gasquet e Almagro hanno piuttosto in comune i rovesci a una mano più belli, insieme a Federer, del tennis maschile. Primo set, contro ogni previsione, senza scambi e con break di Gasquet nel primo gioco: quanto basta per aggiudicarsi la prima frazione, anche se Almagro si guadagna una palla break, ma il giudice di linea pasticcia chiamando l\'out su un riga piena dello spagnolo costringendolo alla ripetizione del punto. Secondo set con 5 break-point per consegnare a Gasquet un altro game decisivo sul 2-2. Almagro avrebbe l\'opportunità di rimontare con tre palle break, ma il francese le annulla con prima vincente, ace e serve and volley dimostrandosi proprio in giornata. A differenza di Almagro, che cede il servizio decisivo nel terzo set con volée sul nastro, diritto fuori a campo aperto e doppio fallo. Gasquet batte Almagro per la prima volta da professionista: non poteva che accadere sull\'erba.
Sam QUERREY b. Milos RAONIC 6-7 (3), 7-6 (7), 7-6 (8), 6-4
Non è una gran partita quella tra Sam Querrey e Milos Raonic e dura più del previsto per una serie di fattori. Il primo è il sostanziale equilibrio, il secondo è il buio e il terzo è la pioggia. Sospeso per oscurità sul 3-3 del terzo set, il match tarda a riprendere nella mattinata del venerdì per maltempo e quando si ritorna in campo la poca differenza tra i due giocatori rimane tale. si arriva quindi al terzo tiebreak su tre set, che vince Querrey dopo una buona difesa da parte di Raonic. Il canadese ha un passaggio a vuoto e si fa fare il break in apertura di quarto set e sarà la chiave della svolta, perché Querrey non concederà più nulla e andrà a vincere. Nel terzo turno affronterà Marin Cilic.
Xavier MALISSE b. Fernando VERDASCO 1-6, 7-6 (5), 6-1, 4-6 6-3
Poteva sembrare un match scontato per com\'era iniziato quello tra Fernando Verdasco e Xavier Malisse, ma non è così. Verdasco parte infatti fortissimo e in mezz\'ora rifila un secco 6-1 all\'avversario, che tuttavia si riprende e combatte come un leone nel secondo parziale, nonostante un dolore al ginocchio sinistro che richiede l\'intervento del fisioterapista. Si va il tiebreak, dive vince il belga 7-5. In rimonta, Malisse ribalta il risultato del primo set e vince il terzo 6-1 praticamente senza lasciar giocare lo spagnolo, e di nuovo sembra ovvio l\'andamento del match. Invece no, perché Verdasco tira fuori l\'orgoglio e fa subito il break all\'avversario, che non riuscirà più a recuperare e Verdasco chiuderà quindi il set 6-4. Al quinto si procede in parità fino all\'ottavo game, quando c\'è il break di Malisse, che poi serve per il match e chiude l\'incontro.
I RISULTATI - Vicktor Troicki è il primo ad accedere agli ottavi di finale eliminando in tre set Juan Monaco, testa di serie numero 15, con punteggio 7-5 7-5 6-3; in quattro set Mikhail Youzhny elimina la testa di serie numero 8, Janko Tipsarevic, con finale 6-3, 6-4, 3-6, 6-3. D. Istomin b. A. Falla 6-3, 6-4, 3-6, 7-6. Infine Florian Mayer elimina Jerzy Janowicz in cinque set: 7-6, 3-6, 2-6, 6-3, 7-5.
Titolo: Tennis
Inserito da: SPIRITO - 03 Luglio, 2012, 14:54:33 pm
   Federer sempre più re: 5482 game negli slam

   Con la vittoria ottenuta contro Malisse a Wimbledon, Federer ha battuto un altro record diventando il giocatore con il maggior numero di games vinti nei tornei dello slam. Stracciato il record di Agassi

Non sono i numero che stabiliscono la grandezza di un giocatore, ma le statistiche di Roger Federer confermano una volta di più la classe di questo ragazzo. Un esempio? È stato per 285 settimane al vertice del ranking ATP. È il secondo giocatore nella classifica di tutti i tempi, dopo Pete Sampras, al comando con 286. Ma Se Wimbledon dovesse concludersi come lo svizzero e tutti i suoi tifosi sperano, qualcosa in classifica potrebbe cambiare. E Roger magari riprendersi il trono…
E se ancora questo non bastasse, il 26 febbraio di 5 anni fa, il numero 3 del mondo ha battuto il record di numero di settimane consecutive in testa alla classifica, record precedentemente stabilito da Jimmy Connors. Il primato appartiene ancora a Fed-Ex con 377 settimane…


Ora Federer, 850 successi nei match dell’era Open, ha raggiunto un altro primato. Con la vittoria ottenuta in 4 set contro il belga Xavier Malisse è diventato il giocatore con il maggior numero di game vinti nei tornei del Grande Slam: 5\'482 davanti a gente come Agassi, Lendl, Connors, Sampras e Becker. I numeri,m come scritto, non raccontano le magie di un campione, ma di sicuro questi numero rendono l’idea…
Titolo: Tennis
Inserito da: SPIRITO - 05 Luglio, 2012, 18:02:10 pm
   Federer e Djokovic: ecco la semifinale

   Lo svizzero, sul centrale, scherza con il malcapitato Youzhny e chiude in un\'ora e trentuno minuti con il punteggio di 6-1, 6-2, 6-2 una partita che non c\'è mai stata. Il serbo, invece, deve alzare i ritmi contro il combattivo Florian Mayer, ma alla fine chiude in 3 set: 6-4, 6-1, 6-4

Roger FEDERER b. Mikhail YOUZHNY 6-1, 6-2, 6-2
Non è esattamente semplice descrivere un quarto di finale durato un\'ora e trentuno minuti e terminato con un 6-1, 6-2, 6-2. Roger Federer schianta il malcapitato Youzhny sotto tutti i punti di vista, regalando una partita con un gap tecnico a tratti imbarazzante e dove c\'è ben poco da raccontare. Lo svizzero, in forma strepitosa, ha sfoggiato sotto gli occhi di William e Kate - nel Royal box in attesa dell\'idolo di casa Murray - tutto il suo repertorio e Youzhny, pur con tutta la volontà del mondo, nulla ha potuto. Il russo infatti, ogni qual volta ha rallentato lo scambio, oppure non ha trovato angoli o profondità, è stato punito da un Federer quasi troppo bello per essere vero. Emblematico, da questo punto vista, l\'inizio del terzo set quando avanti 40-15, Youzhny, rimontato e privato del servizio per l\'ennesima volta, si è girato verso il Royal Box chiedendo ad Andrè Agassi "cosa devo fare?" e strappando una risata a tutto il pubblico del centrale. Il fenomeno di Basilea accede così in semifinale e attende con buone probabilità, Novak Djokovic. E siamo che il serbo, qualche scambio in più, al pubblico del centrale, dovrebbe regalarlo.


Novak DJOKOVIC b. Florian MAYER 6-4, 6-1, 6-4


Ha vinto Novak Djokovic perché è più forte, ma a Florian Mayer, tornato a giocare un quarto di finale a Wimbledon dopo otto anni (nel 2004 perse contro Sebastien Grosjean), vanno i nostri complimenti per il torneo disputato - il tedesco ha eliminato Gasquet e l\'emergente Janowicz - e per aver giocato oggi Sul Campo 1 una bella partita nonostante l\'esito scontato. Mayer ha sconfitto Nadal meno di un anno fa a Shanghai, ma questa volta la posta in palio - l\'attesissimo match contro Roger Federer - era altissimo per il serbo, che centra la nona semifinale Slam consecutiva dai Championships 2010. Mayer gioca un tennis molto bello per stile ed efficacia: nel primo set il tedesco ha variato molto per smorzare i ritmi, per lui altrimenti insostenibili, da fonfo campo e si è portato avanti di un break a sorpresa contro un Djokovic sornione: a Nole bastano due vincenti per uscire dagli scambi prolungati per l\'immediato break-back e il primo break-point sul 4-3, ma Mayer annulla col rovescio prima dell\'interruzione per pioggia. Si rientra presto e sul 4-4 arrivano tre palle break per il tedesco, ma Djokovic risponde con 5 punti consecutivi e nel game seguente risale da 40/15 per chiudere la prima partita sul secondo set-point dopo 40 minuti. Nel secondo set Mayer dà spettacolo a rete con due volée in tuffo (una vincente), Djokovic con i rovesci in spaccata, ma aumenta il gap e il tedesco perde uno scambio infinito e attaccato dal primo colpo (saranno 32) con Nole a salvare tutto per il primo break (3-1): da quel momento Mayer gioca tre game in apnea cedendo al serbo anche il secondo parziale. Nel terzo set il serbo non forza e il match torna equilibrato e con tanti punti di grande tennis (i passanti di Nole e la difesa della rete del tedesco come filo conduttore) fino al 4-4 quando Djokjovic accelera, strappa il break e dopo tre palle del contro-break nel gioco successivo chiude sul primo match-point con l\'ace. Sarà la prima volta tra Novak Djokovic e Roger Federer a Wimbledon e noi non vediamo l\'ora.


 
Titolo: Tennis
Inserito da: SPIRITO - 06 Luglio, 2012, 22:10:12 pm
[size=8]CHE DIO PROTEGGA ROGER....CHE DIO PROTEGGA ROGER.[/size]
 
 
[size=8]OTTAVA FINALE A WIMBLEDON:::NESSUNO COME LUI; E NELLA STORIAAAAAA.[/size]
 
[size=8]6-3, 3-6, 6-4, 6-3 il punteggio finale a favore del fenomeno di Basilea. DJOKOVIC se ne torna a casa.[/size]
Titolo: Tennis
Inserito da: Paolo861 - 07 Luglio, 2012, 09:17:16 am
D10S del tennis :socio:
 
http://www.youtube.com/watch?v=PfnqXx1QVls
 
 :rayon:
Titolo: Tennis
Inserito da: Armandino - 07 Luglio, 2012, 14:02:17 pm
Ma se vince è sicuramente di nuovo 1 in classifica? In più gli manca solo una setttimana per essere quello che è stato più volte al 1 posto giusto?
Titolo: Tennis
Inserito da: SPIRITO - 08 Luglio, 2012, 19:45:15 pm
[size=8]IL CAMPIONE CHE NON HA BANDIERE.[/size]
[size=8]            "IL RITORNO DEL RE"[/size]
[size=8]A  F  A  M  M  O  C  C.[/size]
Titolo: Tennis
Inserito da: Harakiri - 08 Luglio, 2012, 20:24:07 pm
Peccato che la prima posizione non durerà molto per via dello strapotere fisico degli altri due. Ma dal punto di vista del tennis giocato, non c\'è paragone.
Federer può competere con i grandissimi di ogni tempo.
Titolo: Tennis
Inserito da: SPIRITO - 09 Luglio, 2012, 16:46:04 pm
   Federer: "Non ho mai smesso di crederci"

   Mancava da più di due anni uno Slam nella bacheca di Roger, ma oggi finalmente è riuscito a conquistarlo. Per lui Wimbledon è un posto speciale, e sono ben sette i titoli nella sua "erba di casa". Il Re c\'è ancora, non si è mai arreso

E\' il più grande di sempre? difficile dirlo. Sicuramente è il numero uno del mondo, da domani. Roger Federer torna sul tetto del mondo nel Tennis, e lo fa nel migliore dei modi, vincendo a Wimbledon il suo 7° titolo, il 17mo Slam della sua carriera. Con questo titolo eguaglia Pete Sampras in due record: numero di Wimbledon vinti e settimane passate come numero 1 nel ranking, ben 286.
In tanti si chiedono come fa ad avere ancora voglia di vincere, ma Roger risponde subito: "tutte le finali sono speciali, ma non ci si abitua mai a vincere i tornei del Grande Slam, soprattutto Wimbledon, . E\' stato fantastico giocare oggi qui in questo stadio contro Andy Murray, penso che avrò bisogno di un po\' di tempo per rendermi conto di quello che ho fatto".


Già, ma che cosa ha fatto Federer? ha fatto un gran torneo, giocando un tennis superlativo, e con questa vittoria ha eguagliato altri due record, quelli del suo idolo Pete Sampras: "eguagliare Sampras, il mio idolo, è qualcosa di fantastico. Non so perchè, ma io sto meglio qui a Wimbledon che da qualsiasi altra parte. E\' un posto unico e speciale".


In tanti lo davano per bollito Roger. Tutti pensavano che non sarebbe mai ritornato ai risultati di qualche tempo fa. Nella vita di Federer sono cambiate tante cose negli ultimi anni, ma lo svizzero non ha mai mollato: "le mie due gemelline mi hanno aiutato tantissimo. Penso di aver giocato uno dei migliori tennis della mia vita in questi giorni. Oggi si è realizzato un sogno per me e la mia famiglia. Non ho mai smesso di crederci di tornare al vertice. Ho lavorato ancor più di prima per vincere, anche ora che ho una famiglia. Spero di continuare a vincere altri tornei dello Slam", ha concluso l\'elvetico.
Titolo: Tennis
Inserito da: SPIRITO - 21 Luglio, 2012, 17:41:41 pm
   Nadal a riposo, niente Giochi anche per Monfils
 
   Rafael Nadal guarderà le Olimpiadi in tv: 15 di riposo per lui. Il suo posto sarà preso da Feliciano Lopez nel singolare e da Marc Lopez nel doppio. Arriva la notizia del forfeit di Monfils. Intanto ad Amburgo Almagro va in semifinale
 
NADAL RESTERA\' A RIPOSO PER 15 GIORNI - Rafa Nadal dovrà rimanere a riposo "almeno 15 giorni" prima di proseguire il processo di recupero dalla tendinite alle ginocchia che lo costringerà a saltare i Giochi di Londra. Angel Ruiz Cotorro, responsabile medico della Fedetennis spagnola, ha ribadito oggi che il mancino di Manacor non è riuscito a recuperare dall\'infortunio patito a Wimbledon, dove è uscito di scena al secondo turno, e dovrà osservare due settimane di riposo prima di tornare al lavoro di recupero e potenziamento muscolare.
RIMPIAZZATO DA DUE LOPEZ - Il numero 3 del mondo sarà rimpiazzato da Feliciano Lopez per il singolare e da Marc Lopez nel doppio: Feliciano, 30 anni, difenderà i colori della Spagna al pari di Fernando Verdasco, David Ferrer e Nicolas Almagro. Per quando riguarda Marc, 16° al mondo in doppio, sarà al fianco di Marcel Granollers: con lui ha già vinto il tornoe di Roma in maggio e ha raggiunto la finale a Umag, Barcellona e Acapulco.
 
NIENTE OLIMPIADI PER MONFILS - "Non si è ancora rimesso dall\'infortunio al ginocchio destro": così la federazione francese di tennis (FFT) ha spiegato il forfeit di Gaël Monfils. Il numero 17 del mondo e 3 della Francia sarà rimpiazzato da Julien Benneteau; non gioca da fine maggio, e dopo Roland-Garros e Wimbledon salterà anche i Giochi di Londra.
 
ATP AMBURGO - Nicolas Almagro si è qualificato per le semifinali del "bet-at-home Open German Tennis Championships", torneo ATP 500 di scena sui campi in terra rossa dello storico Rothenbaum Tennis Center di Amburgo, in Germania. Il tennista spagnolo, testa di serie numero 1, ha superato ai quarti il tedesco Philipp Kohlschreiber, sesta forza del seeding, per 7-5 7-5. Al prossimo round affronterà l\'argentino Juan Monaco. Disco rosso ai quarti, invece, per un altro tedesco, Florian Mayer, numero 7 del tabellone, regolato per 6-1 6-4 dal connazionale Tommy Haas.
 
ATP GSTAAD - Semifinali raggiunte per Janko Tipsarevic al "Credit Agricole Suisse Open", torneo ATP 250 in corso sui campi in terra rossa di Gstaad, cittadina alpina della Svizzera. Il tennista serbo, testa di serie numero 1, ha liquidato ai quarti per 6-2 6-1 il ceco Jan Harnych e per un posto in finale sfiderà il francese Paul-Henri Mathieu, che ha piegato il lettone Ernests Gulbis per 4-6 6-1 6-4. Nell\'altra semifinale si affronteranno il brasiliano Bellucci ed il bulgaro Dimitrov.
Titolo: Tennis
Inserito da: SPIRITO - 18 Agosto, 2012, 10:25:16 am
   Cincinnati: Djokovic e Federer in semifinale

   La prima semifinale del Masters 1000 di Cincinnati sarà Del Potro-Djokovic, rivincita di Londra. I due campioni passeggiano con Chardy e Cilic, sparring partners di giornata. Accede al penultimo atto anche Federer che sconfigge in modo netto Fish ed ora se la vedrà con il connazionale Wawrinka

(http://media.zenfs.com/it_IT/Sports/Eurosport/876648-14755522-640-360.jpg)
 
Juan Martin Del Potro sembra essere improvvisamente vicino alla forma del 2009, quando conquistò lo U.S, Open battendo in semifinale Nadal e in finale Roger Federer. Il tennista argentino travolge con il punteggio di 6-1/6-3 Jérémy Chardy, il carnefice di Andy Murray negli ottavi di finale. Senza storia questo quarto di finale. Finisce qui la "favola" di Cincinnati di Jérémy Chardy, numero trentotto al mondo galvanizzato dall\'impresa di ieri sera al cospetto dell\'oro olimpico.
Del Potro affronterà Novak Djokovic in una semifinale da non perdere, il remake della finale olimpica per il bronzo (vinta dall\'argentino). Nole si è espresso questa sera a livelli inimmaginabili per il croato Marin Cilic, numero quindici del mondo, sparring partner di giornata davvero poco reattivo nei movimenti. 6-3/6-2 i parziali.


Nell\'altra parte del tabellone a sfidarsi per un posto in finale saranno due svizzeri: Roger Federer e Stanislas Wawrinka. Il numero uno del mondo ha messo in scena il solito clinic liquidando la pratica Mardy Fish in due set: 6-3, 7-6. Federer parte subito forte ottenendo subito il break nel primo gioco e poi piazzandone un altro sul 5-3, in una frazione dominata e chiusa dall\'elvetico con una splendida risposta vincente di rovescio. Nel secondo set l\'americano alza il livello del suo gioco, soprattutto al servizio, e risponde colpo su colpo agli assalti di Federer che però non si scompone e al tiebreak riesce a spuntarla capitalizzando un erroraccio di Fish col rovescio.


Qualche patema in più invece per Wawrinka che ha avuto bisogno di tre set per avere la meglio su Milos Raonic e strappare il pass per la terza semifinale dell\'anno. Un successo in rimonta quello dello svizzero che perde nettamente il primo set (2-6), riesce a forzare e vincere il tiebreak nel secondo (7-6) e poi a chiudere i conti nel terzo parziale vinto 6-4.
Titolo: Tennis
Inserito da: SPIRITO - 19 Agosto, 2012, 10:20:29 am
   Rivincita Djokovic: in finale sfiderà Federer

   Il serbo si vendica della finalina persa a Londra e vola in finale a Cincinnati: battuto Del Potro 6-3 6-2. Nell\'altra semifinale, Federer si porta a casa il derby con Wawrinka

(http://media.zenfs.com/it_IT/Sports/Eurosport/877128-14761291-640-360.jpg)
 
Rivincita Djokovic. Il campione serbo batte Juan Martin del Potro dopo il ko rimediato a Londra nella finalina per il bronzo e vola in finale a Cincinnati. Match equilibrato solo in avvio quando il serbo fatica contro il tennis fisico dell\'argentino, ma Delpo si divora quattro palle break e riaccende le speranze dell\'avversario. Djokovic si riprende prontamente, grazie soprattutto a un servizio devastante che mette seriamente in difficoltà il sudamericano.
Al sesto game la svolta: break di Djokovic che dà una bella spallata al set. Del Potro fatica terribilmente al servizio ma anche dal fondo dove soffre lo strapotere fisico del serbo. Djokovic, infatti, gioca con un\'intensità impressionante che non lascia molte speranze a un Del Potro anche piuttosto falloso.


Sorride il serbo che ora, in finale sfiderà il numero uno del mondo Roger Federer. Il campione svizzero non ha infatti faticato più di troppo per portarsi a casa il derby in famiglia col connazionale Wawrinka, piegato col punteggio finale di 7-6, 6-3.


Dopo un primo set estremamente combattuto e chiuso da Federer solo grazie al tie-break, il match assume i caratteri di un allenamento per il fenomeno elvetico. Dall\'altra parte del nastro, infatti, Wawrinka cala vistosamente minuto dopo minuto, colpo dopo colpo, subendo il tennis dell\'avversario. Federer ringrazia e vola in finale, consapevole anche di potersi presentare al prossimo US Open sempre da numero uno del ranking. Per Wawrinka l\'ennesimo ko contro l\'amico Federer: più precisamente l\'undicesimo, contro l\'unico successo ottenuto a Monaco nel 2009.
Titolo: Tennis
Inserito da: SPIRITO - 20 Agosto, 2012, 08:44:07 am
   La quinta volta di Roger: ancora Re a Cincinnati

   Lo svizzero supera Djokovic con un netto 6-0, 7-6 e rittocca nuovamente il libro dei record: mai nessuno infatti aveva vinto per 5 volte questo torneo. Djokovic entra in partita troppo tardi; svizzero favorito numero 1 anche per lo US Open

(http://media.zenfs.com/it_IT/Sports/Eurosport/877781-14769127-640-360.jpg)
 
Il match, sulla carta equilibratissimo, oltre a consegnare il solito discreto gruzzolo e i 1000 punti in classifica, doveva decidere chi era il favorito numero 1 per lo US Open in programma tra soli 8 giorni. Ha vinto – e lo ha fatto in maniera nettissima – Roger Federer che si è sbarazzato di un Djokovic in (presunta) ripresa con un netto 6-0, 7-6, andando a ritoccare così per l’ennesima volta un record della storia del tennis: mai nessuno infatti aveva vinto per 5 volte il torneo di Cincinnati.
E’ stata una partita strana, a tratti sorprendente ma che, fondamentalmente, si è giocata soltanto dal quinto game del secondo set. Prima, infatti, Federer, si è divertito a prendere a pallate un Novak Djokovic che dopo il trionfo di Toronto e il convincente cammino di questa settimana sui campi di cemento dell’Ohio, sembrava finalmente essersi ritrovato. E invece?


ESIBIZIONE - Invece quel che si è “ritrovato” il buon serbo dopo appena 20 minuti è stato un 6-0 che mai, nella storia dei confronti tra questi due tennisti, si era registrato. Federer è sceso in campo col solito piglio del fenomeno mentre Djokovic, nervoso e consapevole di dover tenere alta la percentuale di prime, non è riuscito in nulla: doppi falli come se piovesse, poca agilità di gambe, troppi errori col dritto e piedi a distanza siderale dalla linea di fondo. Insomma, un disastro.


FINALMENTE DJOKOVIC- L’esibizione dello svizzero si è quindi trasformata in partita solo da metà del secondo set, quando Nole si è finalmente riavvicinato al campo e quando il servizio dell’ex numero 1 al mondo ha cominciato a funzionare. Tradi, troppo tardi però per poter impensierire il solito strepitoso Federer che, fino al tie-break, ha lasciato a zero la voce “break point concessi”.


TROPPO TARDI - Proprio nel momento decisivo della partita si è visto il miglior tennis: Federer è partito deliziando il pubblico con un demi-volée “aliena” scappando subito 3-0, Djokovic ha reagito infilando 4 punti consecutivi; poi un steccata per entrambi. Lo svizzero è salito poi 6-5 trovando il primo match point grazie a un ace e a un servizio vincente ma il serbo, poco dopo, è stato bravissimo a chiudere con un dritto lungolinea in attacco. Federer, sotto 7-6, ha poi dovuto annullare la prima palla set della partita arrivata, paradossalmente, senza nemmeno concedere un break e, sull’8-7 a suo favore, ha poi chiuso dopo una riposta corta del serbo.


US OPEN DA FAVORITO- Insomma, nel due su tre Federer si è confermato ancora una volta imbattibile (in tutta la settimana non ha mai concesso un solo set) e, anche se l’ultimo slam della stagione sarà un torneo diverso, si conferma il grande favorito per lo US Open. Pur arrivando a Flushing Meadows in una situazione di equilibrio –3 slam e un’Olimpiade e 4 vincitori diversi -, il borsino dello svizzero è infatti al top: con Nadal in infermeria e Djokovic a corrente alternata, il suo più credibile avversario potrebbe essere proprio Andy Murray.
Titolo: Tennis
Inserito da: SPIRITO - 02 Settembre, 2012, 09:57:47 am
   Murray fenomeno da tie-break; Federer ok
 
   Lo scozzese fatica contro Feliciano Lopez ma lo supera in quattro set: 7-6, 7-6, 4-6, 7-6 il punteggio che manda Murray agli ottavi. Nessun problema per Federer che liquida in 3 set Verdasco: 6-3, 6-4, 6-4. Avanti anche Cilic, Almagro e Klizan
 
Andy MURRAY b. Feliciano LOPEZ 7-6, 7-6, 4-6, 7-6
Che fatica per Andy Murray! Contro un Feliciano Lopez che dei 15 set precedenti tra i due ne aveva vinto solo 1, il campione olimpico deve sudare più del previsto per accedere agli ottavi di finale. Murray infatti non gioca sicuramente la sua miglior partita dell\'anno ma, nei punti chiave, si ricorda di essere decisamente superiore all\'avversario sfoderando quelle giocate (al servizio, ma non solo) che gli permettono di vincere tutti e tre i tie-break. Feliciano Lopez lotta e trova le sue chance soprattutto nel secondo e nel quarto set: nella prima di queste due occasioni, al tie-break, non sfrutta una situazione di punteggio che lo vedeva sul 5-3 permettendo a Murray di infilare 4 punti consecutivi e andare avanti 2 set a zero; nel quarto e decisivo set, invece, non sfrutta 3 palle break nel nono e nell\'undicesimo gioco che l\'avrebbero mandato a servire per allungare il match al quinto. Nel mezzo c\'è appunto Andy Murray. Un Murray lento, impacciato e con quei soliti problemi fisici di difficile interpretazione sia per chi sta in campo - Lopez - che per chi sta fuori a guardare - noi -. Emblematici da questo punto di vista sono appunto i 3 tie-break, dove lo scozzese sfodera le sue giocate e si aggrappa alla prima di servizio che gli consente così di volare agli ottavi di finale. Lì per Murray ci sarà il vincente della sfida tra Raonic e Blake. Vediamo se il cambio di settimana e il conseguente spostamento astrale ci renderà il Murray di Wimbledon o la versione sbiadita che abbiamo ammirato in questo non certo esaltante inizio di US Open.
 
Roger FEDERER b. Fernando VERDASCO 6-3, 6-4, 6-4
 
Ordinaria amministrazione. E\' questo il primo pensiero che salta in testa dopo aver visto il match tra il numero 1 al mondo e la testa di serie numero 25 del torneo. Verdasco prava a giocare una partita attenta, equilibrata, ordinata e il più possibile dentro gli schemi tentare di arginare il fenomeno svizzero... Ci riesce, ma questo non gli impedisce comunque di essere sconfitto per 3 set a zero. Roger Federer è infatti la consueta macchina infallibile a cui bastano "3 piccoli break" per accedere agli ottavi di finale. Lo svizzero, in tutto il match, concede una sola palla break (ovviamente annullata) al povero Verdasco e mette a referto un numero spropositato di turni di servizio chiusi "a zero". Presto detto quindi che la chance dello spagnolo di riducono di quindici in quindici, di minuto in minuto, al lumicino. Il favorito numero uno del torneo affronterà il vincente della sfida tra Simon e Fish. In bocca al lupo (agli altri).
 
BERDYCH b. QUERREY 6-7; 6-4; 6-3; 6-2
 
Non è un Berdych eccezionale quello che sta calcando i campi americani dello US Open ma in ogni caso il giocatore ceco si è guadagnato l\'accesso agli ottavi di finale. Non aveva convinto contro David Goffin, perlomeno per un set e mezzo, e questi dubbi si sono riacutizzati in questo incontro vinto in quattro. “Sembra che quest\'epoca sia solo per tre tennisti, sarà difficile superarli” ha detto il Berdych alla vigilia riferendosi al fatto che Federer, Djokovic e Nadal sono quasi impossibili da sconfiggere. Quel che sorprende è che un giocatore con le sue qualità dovrebbe puntare ad obiettivi sempre più importanti con un po\' di presunzione. Il suo è anche e sopratutto un limite mentale più che tecnico. Il gap di cui parlava Djokovic in un\'intervista tra i giocatori e i campioni è proprio questo. Tornando al match bisogna dire che nel primo parziale Tomas non ha sfruttato il fatto che il suo avversario (40 ace nei primi due match) non stava mettendo in campo molte prime e le due palle break fallite nel quinto gioco, hanno permesso all\'americano di rimettersi in carreggiata. Il ceco ha giocato bene solo a tratti, per il resto è stato determinante il numero elevato di errori non forzati del 24enne numero 28 del mondo (52 alla fine). Berdych dunque eguaglia il suo miglior risultato qui, gli ottavi raggiunti nel 2004-2006-2007.
 
DAGLI ALTRI CAMPI - Continua il sogno dello slovacco Martin Klizan che dopo aver fatto fuori la testa di serie numero 5 Tsonga, supera anche il francese Chardy in 3 set - 6-4, 6-4, 6-4 - e accede così agli ottavi di finale. Altri match: Cilic b. Nishikori 6-3, 6-4, 6-7, 6-3; Almagro b. Sock 7-6, 6-7, 7-6, 6-1. Raonic b. Blake 6-3, 6-0, 7-6.
Titolo: Tennis
Inserito da: SPIRITO - 03 Settembre, 2012, 12:16:30 pm
   Roddick continua il suo sogno, Fognini va ko

   L\'ex numero 1 al mondo supera il ligure in 4 set e vola così agli ottavi di finale con Del Potro: 7-5, 7-6, 4-6, 6-4 il punteggio finale. Buonissima partita di Fognini ma fatali, come sempre, i soliti 2/3 black out

Andy RODDICK b. Fabio FOGNINI 7-5, 7-6, 4-6, 6-4
Definirla "occasione persa" forse sarebbe un po\' troppo, ma la partita di Fabio Fognini contro Andy Roddick è qualcosa cui molto si avvicina a quanto appena scritto. E questo non solo per la possibilità di entrare nella futura autobiografia di Andy Roddick, pronto al ritiro al termine di questo US Open, ma più che altro per potersi andare a giocare un quarto di finale contro l\'incognita "condizioni fisiche di Juan Martin Del Potro". Ad aggiudicarsi il terzo turno è infatti Andy Roddick al termine di una partita durata poco più di tre ore, ma come sempre, nel dvd della partita, Fabio Fognini potrà trovare ben più di un rammarico. Al ligure sono stati fatali come sempre alcuni momenti chiave: la partenza a rilento, il dodicesimo gioco del primo set, lo sciagurato tie-break del secondo e il passaggio a vuoto all\'inizio del quarto. Una questione di momenti, di giocate, di singoli quindici che come sempre nel tennis fanno la differenza tra un ottimo giocatore e un "potenziale ottimo giocatore" alle prese, alla soglia dei 25 anni, con un classifica cui il suo talento non appartiene. E per questo basta guardare dall\'altra parte delle rete. L\'Andy Roddick campione qui nel 2003, l\'Andy Roddick capace di arrivare fino al numero 1 del mondo, il termini di puro tocco, paga un evidente gap a Fognini... eppure oggi a vinto. E se dovessero rigiocare la partita probabilmente lo farebbe di nuovo.


E questo succederà almeno fin quando Fognini non sarà in grado di evitare partenze a rilento, come quelle che gli sono costate il primo set a Parigi con Tsonga e come quella che oggi l\'ha da subito visto dover rincorrere Roddick nel primo set. Succederà ancora fin quando non sarà in grado di evitare banali gratuiti nel game che avrebbe dovuto portarlo a un più che meritato tie-break nel primo set. Succederà ancora fin quando nel tie-break del secondo non continuerà a servire meglio dell\'avversario, come aveva fino a quel momento incredibilmente fatto, ma si metterà a piazzare doppi falli (mentre nel contempo l\'avversario più saggio svolterà con gli aces)... Insomma, succederà fin quando Fognini non riuscirà ad ottenere quello scatto mentale che gli manca per arrivare ben più in alto di dove non sia mai arrivato. Sì perché nel mezzo di tutto questo c\'è del tennis, pardon, del gran bel tennis. Una partita gagliarda contro un avversario che oggi avrebbe fatto di tutto per vincere e che alla fine c\'è riuscito anche più comodamente di quanto non abbia detto il campo. Un peccato che vede Roddick continuare il suo sogno con Del Potro e Fognini, ancora una volta, tornare a casa.
Titolo: Tennis
Inserito da: SPIRITO - 05 Settembre, 2012, 16:40:06 pm
   Federer non gioca e passa, Murray ok con Raonic

   Dopo le fatiche contro Davydenko e Simon, Fish rinuncia al match di quarto turno contro Roger Federer che senza giocare si qualifica ai quarti di finale. Affronterà Berdych, numero 6 del seeding, che ha regolato Nicolas Almagro in 3 set: 7-6, 6-4, 6-1 il finale. Cilic ok, Murray avanti

Andy MURRAY b. Milos RAONIC 6-2, 6-4, 6-4
Il pubblico presente all’Arthur Ashe è stato deliziato da un Murray in splendida forma. Lo scozzese non solo ha superato il turno, ma lo ha fatto riuscendo ad esprimere un tennis di altissima qualità e grande solidità contro un Raonic che, nonostante le sue indiscusse qualità, davvero non ha potuto fare nulla per arginare lo strapotere avversario. Dopo un inizio equilibrato (4-4) lo scozzese trova il break vincente al quinto gioco e chiude sul suo turno di battuta. Da sottolineare comunque la forza a servizio del canadese che chiude il parziale con 6 ace e il 70% di prime valide. Numeri che sottolineano il gran lavoro del campione olimpico. Stesso risultato nel secondo parziale, ma gioco davvero divertente in campo. Il pubblico si diverte, gli applausi per i due atleti non mancano con Murray che in stato di grazie strappa il servizio all’avversario sul 2 pari e con un ace certificato dal falco chiude il set. Sul 5-3 Murray avrebbe la possibilità di strappare nuovamente il servizio a Raonic, ma questa volta il canadese non si lascia sorprendere e set che si decide al decimo gioco. Nel terzo parziale Raonic si arrende, lo scozzese fa quello che vuole: Murray strappa il servizio sull’1-1 e poi nuovamente sul 4-2 prima di chiudere 6-2 in due ore di gioco. Le statistiche dello scozzese raccontano di un Murray perfetto a servizio: 8 gli ace, 88% di punti vinti sulla prima e zero break concessi. Al prossimo turno Murray affronterà Cilic: 7 i precedenti, 6 le vittorie dello scozzese che punta al suo primo titolo in uno slam. L’unico successo del croato risale al 2009… proprio a Flushing Meadows.


 


Tomas BERDYCH b. Nicolas ALMAGRO 7-6, 6-4, 6-1


La testa di serie numero 6 del torneo, Tomas Berdych, centra per la prima volta i quarti di finale dello US Open - gli mancavano soltanto a Flushing Meadows tra le prove dello Slam - dove affronterà il numero 1 mondiale, Roger Federer, avanti senza giocare. Il suo avversario di quarto turno infatti, lo statunitense Mardy Fish, ha dato forfait dopo i nove set (389 minuti) contro Davydenko, rimontato in cinque, e Gilles Simon negli ultimi due faticosi incontri . Tornando a Berdych, due set equilibrati, ma con il ceco più attento sui punti decisivi, contro il solito discontinuo Nicolas Almagro, numero 11 del tabellone maschile, che depone le armi nella terza partita per uno sbrigativo 6-1 a favore di Berdych. Il numero 7 del ranking ATP ha ritrovato il suo miglior tennis dopo l\'inaspettata eliminazione al primo turno di Wimbledon e sul cemento statunitense ha già sconfitto due volte Federer: a Key Byscane nel 2010 (ripetendosi ai Championships, quarti di finale) e lo scorso anno a Cincinnati.


 


Marin CILIC b. Martin KLIZAN 7-5, 6-4, 6-0


S\'interrompe al quarto turno la favola di Martin Klizan - giovane ceco classe 1989, numero 52 del ranking - dopo aver battuto Jeremy Chardy e soprattutto la quinta testa di serie, Joe-Wilfried Tsonga: Marin Cilic, numero 13 Atp, torna ai quarti di Flushing Meadows dopo tre anni regolando Klizan in 3 set con finale 7-5, 6-4, 6-0. Per Klizan, prima di deporre le armi nell\'ultima partita, una sola opportunità nel secondo set avanti di un break prima del ritorno del croato con tre giochi consecutivi. Cilic affronterà nei quarti il vincente di Murray-Raonic nel match che chiude il programma notturno dell\'Arthur Ashe.


 
Titolo: Tennis
Inserito da: SPIRITO - 06 Settembre, 2012, 17:45:43 pm
   Federer saluta New York, Murray gran rimonta

   Roger Federer esce di scena perdendo contro Tomas Berdych un match in cui è stato la pallidissima copia di sé: manca l\'accesso alla semifinale dello US Open per la prima volta dal 2003. In semifinale va anche Andy Murray, che riesce in una fantastica rimonta contro Marin Cilic

Tomas Berdych b. Roger Federer 7-6(1) 6-4 3-6 6-3
Il rovescio di Federer funziona a singhiozzo, anzi, non funziona proprio. E senza il suo colpo principe lo svizzero scricchiola contro un Berdych che, di contro, sembra non voler sbagliare mai. Per la prima volta dal 2003, il numero 1 del ranking ATP manca l\'accesso alle semifinali dello US Open, cedendo per la quarta volta negli ultimi sette scontri diretti a un Berdych mai arrivato così lontano a Flushing Meadows e reduce da un paio di eliminazioni frustranti a Wimbledon e ai Giochi di Londra.


"Sono riuscito a metterlo in difficoltà - spiega il ceco -. C\'è qualcosa nel mio gioco che Federer non riesce a contrastare appieno. Un qualcosa che lo fa uscire un po\' di giri, che gli rende le cose meno comode del previsto. E sono riuscito a sfruttare questo mio piccolo punto di forza al massimo".


Sicuramente il servizio ha giocato un ruolo fondamentale: Berdych ha chiuso il match con 14 ace, 30 vincenti e soltanto 21 errori non forzati (contro i 40 dell\'avversario, 24 dei quali con il rovescio), costringendo spesso Federer sulla difensiva. In semifinale Berdych troverà Andy Murray.


 


Andy Murray b. Marin Cilic 3-6 7-6(4) 6-2 6-0


Andy Murray se la vede brutta, molto brutta, ma proprio quando all\'orizzonte si profila una delle peggiori sconfitte della sua carriera, ecco che risponde con classe, andando ad artigliare una grande vittoria in rimonta che gli permette di accedere alle semifinali dello US Open per la terza volta. I precedenti contro Marin Cilic sorridono allo scozzese, vincitore di 6 degli ultimi 7 scontri diretti, compresa una vittoria in tre set a Wimbledon, ma l\'unico successo del croato era arrivato proprio sul cemento di NY, tre anni fa, contro un Murray acciaccato a un polso.


Questa volta Cilic parte alla grandissima, vincendo 6-3 il primo set e portandosi sul 5-1 nel secondo, ma lì subisce il grandioso recupero dello scozzese, che torna a giocare lo stesso, grande tennis già visto al turno precedente contro Milos Raonic. Murray forza il tie-break, fa suo il secondo set, e inanella poi 11 giochi consecutivi, non concedendo nulla all\'avversario nell\'ultimo parziale.


"Cilic ha cominciato benissimo - spiega Murray - mentre io faticavo molto. Poi sono riuscito a breakkarlo un paio di volte nel secondo set e questo mi ha riportato un po\' di tranquillità. Sono riuscito a mettergli pressione cominciando la rimonta e ho proseguito in crescendo. Negli ultimi due set ho giocato benissimo".


 
Titolo: Tennis
Inserito da: SPIRITO - 09 Settembre, 2012, 11:54:10 am
   Murray c\'è: superati Berdych e il vento
 
   Lo scozzese raggiunge la sua quinta finale di uno slam superando Tomas Berdych in quattro set: 5-7, 6-2, 6-1, 7-6. Partita condizionata dal meteo - vento fortissimo - che ha complitato non poco la vita ai tennisti (soprattutto al servizio di Berdych)
 
Non verrà esattamente ricordata come la più spettacolare delle semifinali della storia di Flushing Meadows. E questo non tanto per lo spettacolo messo in scesa da Murray e Berdych – alla fine più che onorevoli –ma per le condizioni meteo che per tutte e quattro le ore di gara affliggono il campo centrale: un vento fortissimo infatti tiene sì lontana la perturbazione che ha ritardato l’inizio del match ma, al contempo, impegna i due tennisti in campo a una sorta di "match contro tutto."
Alla fine vince Andy Murray, decisamente più bravo a cambiare marcia dopo una partenza autolesionista, superando appunto un Berdych per 2 set e mezzo incapace di trovare una soluzione alternativa alla sua prima di servizio – pesantemente condizionata dal lancio di palla – che potesse fare male lo scozzese.
 
CAPPELLINO VOLANTE- E questo nonostante la più che discreta partenza. Murray infatti, consapevole delle condizioni meteo, cerca nel primo set il più possibile di rallentare il gioco e trovare soluzioni che non facciano prendere il ritmo dal fondo al dritto che nei quarti di finale è stato in grado di stendere niente meno che Roger Federer. Il problema vero però, per lo scozzese, è che la velocità di scambio è rallentata fin troppo e Tomas Berdych riesce comunque a gestire una situazione che in realtà lo mette ben poco in difficoltà. Il ceco è anche fortunato quando dopo aver subito un break – secondo gioco – riesce immediatamente a rientrare in partita in virtù del cappellino di Murray: su una splendida palla corta sulla quale Berdych non sarebbe mai arrivato, il berretto del campione olimpico vola via; il giudice di sedia non prende una decisione, il ceco protesta, lo scozzese si avvicina e con grande signorilità chiede “sei sicuro al 100% ti abbia dato davvero fastidio?”. Berdych risponde affermativamente, rientra nel set e chiude per 7-5 il primo giocando a "tutto braccio" sull\'ultimo game in battuta dell\'avversario.
 
 
 
DOMINIO SCOZZESE- Anziché deprimersi però Murray trova la grande reazione mentre dall’altra parte, Berdych, scompare dal campo. Sì perché il numero 4 al mondo capisce immediatamente la necessità di alzare il ritmo e concedere il minor numero possibile di errori non forzati; il ceco, invece, non riesce a trovare una soluzione al bel tennis di Murray e impossibilitato dal vento di poter far male con il servizio si siede: il secondo set vola via per 6-2 e il terzo – dove Muarray non concede nemmeno un quindici sui propri turni di servizio – per 6-1.
 
LA REAZIONE DI BERDYCH NON BASTA - L’inerzia sembra definitivamente girata anche nel quarto ed ultimo set: Murray scappa immediatamente 3-0 ma, dopo le 3 chance non sfruttate di 4-0 sul servizio di Berdych, qualcosa nella testa della testa del ceco fa clic. Berdych si leva infatti ogni paura, strappa la battuta all’avversario, rientra sul 3-3 e torna a servire decisamente meglio. Un set già scritto si trasforma in una partita che ha il suo naturale sviluppo nel tie-break. Lì Berdych parte fortissimo e sale fino al 5-2 avvicinandosi a soli 2 punti dal quinto set; Murray trova però la reazione e, con una rimonta tutto cuore e carattere, chiude per 9 punti a 7 evitando ulteriori noie. Per lo scozzese è la quinta finale in un torneo dello slam. Sarà la volta buona?
Titolo: Tennis
Inserito da: SPIRITO - 10 Settembre, 2012, 16:28:40 pm
   Errani e Vinci "Incredibile aver vinto 2 slam"
 
   Sara Errani e Roberta Vinci si godono il successo che le conferma come la coppia numero 1 al mondo di doppio "Non lo avremmo mai detto, che avremmo vinto due Slam nella stessa stagione. E\' incredibile. Fermarsi? No quando vinci la stanchezza non la senti"
 
 
"Non era facile, lo sapevamo. Loro non hanno giocato la miglior partita dell\'anno, ma noi siamo state molto brave nel gestire il punteggio e la tensione". Sara Errani e Roberta Vinci a caldo commentano così l\'impresa realizzata.
Le azzurre hanno portato a casa l\'Us Open battendo in finale le ceche Lucie Hradecka e Andrea Hlavackova, teste di serie numero 3, con il punteggio di 6-4, 6-2. E\' il secondo Slam conquistato che permette alle italiane di confermare la leadership mondiale.
 
"Non lo avremmo mai detto, che avremmo vinto due Slam nella stessa stagione. E\' incredibile - commentano Sara e Roberta a margine della conferenza stampa - Fermarsi? Ma no, quando vinci vorresti continuare sempre. La stanchezza non la avverti".
 
Tanto è vero che per festeggiare il trionfo le due azzurre continuano a ballare la "Cichi Dance". "E\' stato il tormentone di queste due settimane - spiega Roberta -. Lo facevano i figli di Francesco Cinà e allora abbiamo deciso di farlo anche noi in campo in caso di vittoria". Un bis che è arrivato anche nella sala stampa.
Titolo: Tennis
Inserito da: SPIRITO - 11 Settembre, 2012, 17:49:05 pm
   La prima volta di Andy Murray: suo lo US Open

   Battuto Djokovic dopo una maratona di 5 set e quasi 5 ore: 7-6, 7-5, 2-6, 3-6, 6-2 il punteggio finale. Murray, vincendo lo US Open, fratuma un tabù e vari record: il primo slam del britannico cancella un\'attesa lunga 76 anni; come Lendl inoltre, trova il primo successo in un major al 5° tentativo

Destino. In quel lontano 1936 doveva essersi rotto qualcosa tra gli inventori del gioco e il dio del tennis. Una maledizione, una separazione lunghissima e sofferente che proprio nel luogo dove nacque - lo US Open - era destinata a essere sfatata: Andy Murray, dopo Fred Perry, trionfa in 5 set su Novak Djokovic al termine di una battaglia epica, meravigliosa e a tratti drammatica, conquistando così il primo slam britannico dopo 76 anni di attesa.
E che dovesse essere questa la serata giusta per Andy Murray sono la quantità di coincidenze e numeri a dirlo che, al di là della questione Perry, erano tutte dalla parte dello scozzese. Come il suo allenatore Ivan Lendl, infatti, Murray ha trionfato al quinto tentativo in una finale dello slam; per Djokovic invece, l\'ultima sconfitta in un major su questa superficie, risaliva proprio alla finale dello US Open 2010 con Nadal (e anche in quel caso fu una "prima volta" per lo spagnolo). Insomma, una qualcosa che al termine di una sfida durata 4 ore e 54 minuti e conclusasi 7-6, 7-5, 2-6, 3-6, 6-2 rende il tutto ancora più speciale e statisticamente "congruente".


Ma per arrivare alla gloria, naturalmente, Andy Murray ha dovuto sudare (e non poco). Novak Djokovic, infatti, ha ancora una volta venduto cara la pelle anche se, in questo caso, la sua proverbiale "rimonta d\'orgoglio" è mancata proprio sul più bello. Ma andiamo con ordine.


EOLO, IL NEMICO DI DJOKOVIC - Che la serata non prometta bene per Djokovic si capisce fin dai primi scambi. Il serbo deve infatti vedersela con un nemico invisibile già conosciuto nel primo set della semifinale: il vento. Nulla a che vedere con le condizioni da Americas Cup di sabato, per carità, ma in questo settembre Eolo dalle parti del Queens sembra una presenza costante e anche oggi fa sentire il suo soffio. Come con Ferrer quindi, Djokovic, fatica a prendere la misura della sua proverbiale precisione dal fondo mentre Murray, con il back di rovescio, si permette di allungare gli scambi e uscire quasi sempre vincente dalle battaglie. La prima poi non sembra essere dalla parte del serbo ma nonostante Murray vada avanti di due break, Djokovic rimonta in due occasioni e trascina il set al tie-break. Lì si instaura un\'autentica battaglia di nervi: lo scozzese si conquista sempre le palle set (Djokovic nemmeno una) ma, prima di chiudere, è costretto a cedere alla grinta del serbo in ben 5 occasioni: alla fine sarà il 22esimo punto del tie-break quello che metterà il sigillo a un primo set da un\'ora e ventisette minuti.


LA (QUASI) RIMONTA - Djokovic, che dalle battaglie è normalmente abituato ad uscire vincente, subisce un passaggio a vuoto che in apertura di secondo set si tramuta in un 4-0 a favore di Murray. Mai dare il serbo per morto però e Murray, il turno di servizio all\'acqua di rose, lo paga sulla sua pelle: un immediato controbreak sfodera nuove energie nel serbo che nel giro dei 5 giochi successivi rientra sul 5-5. L\'inerzia sembra cambiata... ma non è così: Djokovic si divora uno smash a rete e concede un nuovo break a Murray che, senza tremare, chiude questa volta per 7-5.


IL PUGILE DI BELGRADO - Il contraccolpo psicologico di una rimonta buttata al vento avrebbe per i comuni mortali l\'effetto di una scazzottata con Mike Tyson ma, Novak Djokovic, è l\'Evander Holyfield del circuito maschile e inizia il terzo set come se quei pugni nemmeno l\'avessero sfiorato. Il serbo strappa subito la battuta allo scozzese e, forte anche di un calo fisiologico dell\'avversario (insieme a quello dell\'intensità del vento), riesce a ritrovare i suoi colpi e dominare la terza partita 6-2. Il passaggio a vuoto di Murray - se così lo possiamo definire - dura però più del previsto e un Djokovic che di game in game si fa chirurgico al servizio - nel quarto set il serbo metterà l\'83% di prime in campo - permette al ragazzo di Belgrado di fare sua anche il quarta partita per 6-3. Parità ristabilita e angolo serbo che già pregusta il gran finale.


BYE BYE FRED PERRY - Quello che in molti però non considerano, alla fine, sarà il fattore fondamentale: la stanchezza. Per rientrare in partita, già dal secondo set, Djokovic mette in mostra il suo miglior tennis e per far quello sfrutta buona parte delle sue energie. Dall\'altra parte invece c\'è un ragazzo che, avendo completato l\'unico match del Super Satuday (a proposito, dall\'anno prossimo non lo vedremo più), può vantare un giorno in più di riposo. Bingo. Murray inizia il quinto con la cattiveria di chi delle statistiche negative ne ha piene le tasche e infila uno, due, tre game consecutivi - due sul servizio di Djokovic. Il serbo, ancora una volta, pesca dal serbatoio segreto 3 vincenti che sul servizio di Murray gli fanno recuperare un break e nel game successivo lo riportano sul 2-3. La benzina però, questa volta, lì finisce per davvero. Murray si mette a servire meglio che in avvio di match e, dopo aver strappato ancora una battuta a Djokovic sul 5-2, chiude "a zero" e si conquista incredulo il primo slam della sua carriera diventando il quarto tennista diverso a vincere un major nel 2012 (Djokovic a Melbourne, Nadal a Parigi, Federer a Londra). Da lunedì mattina, lo scozzese, sarà inoltre numero 3 della classifica ATP. I fab four, adesso, sono davvero al completo.
Titolo: Tennis
Inserito da: SPIRITO - 16 Settembre, 2012, 09:26:23 am
   Seppi e Bracciali crollano, il Cile torna sotto

   La coppia cilena Aguilar-Capdeville si impone in 4 set sul doppio Seppi-Bracciali oggi davvero sottotono: 6-4, 4-6, 6-4, 6-2 il punteggio finale. Italia che resta però avanti 2-1 grazie al match vinto in mattinata da Fognini proprio su Capdeville

Fabio FOGNINI b. Paul CAPDEVILLE 2-6, 6-2, 6-7, 6-1, 6-2
La notte porta consiglio a Fabio Fognini che dopo le fatiche della maratona di ieri (http://\"http://it.eurosport.yahoo.com/notizie/seppi-non-sbaglia-hormazabal-dura-set-111857901.html\"), scende in campo decisamente più concentrato concedendo a Capdeville solo le briciole. E’ infatti un altro Fognini quello che oggi, evidentemente meteropatico, rispetto al tennis uggioso e divertente solo a sprazzi di ieri, gioca in maniera decisamente più solare facendo finalmente vedere il gap tecnico in campo e ottenendo un risultato che dopo ieri non appariva più così scontato.


La partita, infatti, dura pochissimo. Con il cileno che torna a servire sull’1-1, il ligure si prende subito un break finalmente confermato poi al servizio, dove a differenza di ieri infila una prima nel momento più delicato. Caodeville subisce il colpo, perde nuovamente la battuta e, nel game successivo, si vede annullate ancora da un determinato Fognini altre 3 palle che potenzialmente l’avrebbero di nuovo riavvicinato alla partita. Insomma, il parziale di 4-0 che Fognini infila da subito è sufficiente poi per chiudere 6-2 e regalare all’Italia il tanto sudato punto del 2-0.


CAPDEVILLE-AGUILAR b. SEPPI-BRACCIALI 6-4, 4-6, 6-4, 6-2


Se Fognini è un giocatore diverso rispetto a ieri, lo è anche l’Andreas Seppi sceso in campo oggi insieme a Bracciali per provare a portare a casa quel punto che avrebbe permesso all’Italia di rimanere nella Serie A della Coppa Davis con un turno d’anticipo. E invece a riavvicinarsi è il Cile che grazie al suo Capdeville-Aguilar vince meritatamente il doppio portando a casa quel punto che rimanda ogni discorso a domenica.


Sì perché Seppi e Bracciali giocano una prova troppo brutta per mettere in crisi persino una coppia come quella cilena che, senza strafare, riesce a chiudere il match in poco meno di 3 ore gestendo, di fatto, sempre la partita. Secondo set escluso, infatti, dove Seppi e Bracciali hanno un lampo di buon tennis nel game decisivo – il decimo – riuscendo a strappare la battuta sul più bello e a riportarsi in parità dopo un primo set mal giocato, il tennista bolzanino e quello aretino non riescono mai a preoccupare il duo cileno che, a differenza dei nostri, trova maggior feeling di quindici in quindici. Seppi e Bracciali, invece, non ingranano mai. Sotto in avvio di terzo per 3-0 e servizio ai cileni, gli azzurri vivono di lampi d’orgoglio, cercando di rimanere più volte attaccati alla gara nei game di servizio di Aguilar (soprattutto) e Capdeville senza mai essere però davvero convincenti a livello di feeling. Bracciali infatti non punisce a rete, Seppi non trova quella prima di servizio che proprio quest’anno è stato frutto del suo salto di qualità in singolare, in coppia non trovano quasi mai il ritmo giusto sugli scambi e, per giunta, per tutto il match danno la sensazione di comunicare ben poco.


Insomma, ne viene fuori che i cileni tengono un break di vantaggio fino alla fine del terzo set e, in avvio di quarto, se ne prendono un altro che è il preludio al 6-2 finale. Un anno fa, a Santiago, Barazzutti scelse Fognini e Bolelli trovando il punto che dopo 11 anni ci riportò nel World Group. Trecentosessantacinque giorni dopo il capitano del tennis italiano decide di cambiare coppia dimostrando - o almeno tentandoci - da un lato sì la duttilità del gruppo ma, anche, quanto al doppio maschile manchi un’Errani-Vinci in grado di garantire continuità tutto l’anno. E nella Davis nessuno fa sconti. Nemmeno i modesti Capdeville-Aguilar.
Titolo: Tennis
Inserito da: Harakiri - 16 Settembre, 2012, 11:07:25 am
Alla vigilia ero straconvinto che avevamo in mano sicuri i punti di Seppi e del doppio. Meno male che Fogna è riuscito a vincere il singolare in mattinata.
Titolo: Tennis
Inserito da: Harakiri - 16 Settembre, 2012, 11:41:49 am
http://www.supertennis.tv/ (http://\"http://www.supertennis.tv/\")
Titolo: Tennis
Inserito da: Harakiri - 16 Settembre, 2012, 13:01:05 pm
Seppi ha violentato Capdevile.
Titolo: Tennis
Inserito da: SPIRITO - 06 Ottobre, 2012, 17:43:26 pm
   In Cina minacce di morte a Roger Federer

   Su un sito web appare un post allarmante e così a shanghai farà vita "blindata": dopo averlo fatto atterrare in un altro aeroporto, i suoi allenamenti non saranno aperti al pubblico e non potrà firmare autografi dopo i match. L\'esperienza della Seles insegna

Ciò che sta accadendo in Cina è molto strano. E\' risaputo, infatti, che là la libertà di espressione, soprattutto via web, non è così garantita, eppure qualcuno ha trovato il modo di eludere la strettissima censura telematica cinese per prendersela con Roger Federer, che è diventato oggetto di minacce di morte.
Il suo virtuale e ipotetico aguzzino si firma "Il fondatore della religione politeista del gatto blu 07" e su Baidu, una piattaforma di microblogging locale, ha pubblicato un messaggio allarmante: "Il 6 ottobre ho intenzione di assassinare Federer allo scopo di sterminare il tennis". Il tutto è corredato da un fotomontaggio in cui il campione elvetico è ritratto in ginocchio su un campo, mentre alle sue spalle un boia impugna un\'ascia.


Immediatamente è scattato l\'allarme, perché il 6 ottobre Federer sarà già a Shanghai per poter disputare il Masters 1000 in programma dal 7 al 14 ottobre. Per questo motivo l\'organizzazione ha potenziato la sicurezza, per evitare pericoli ed episodi spiacevoli. FedEx, infatti, è già arrivato e il suo aereo è stato fatto atterrare in un aeroporto secondario, i suoi allenamenti si svolgono a porte chiuse e non gli sarà consentito, al termine dei match, di fermarsi a bordo campo per la consueta firma degli autografi ai tifosi.


Purtroppo l\'episodio capitato a Monica Seles ha insegnato qualcosa: nel 1993 fu accoltellata alle spalle, durante un cambio di campo, da uno squilibrato che si dichiarava tifoso della sua rivale, Steffi Graf. Di fatto, pur non ferendola a morte, le cambiò la vita rovinandole la carriera.
Titolo: Tennis
Inserito da: SPIRITO - 12 Ottobre, 2012, 14:37:00 pm
   Murray in rimonta, Djokovic stronca Haas

   Andy Murray si qualifica per le semifinali di Shanghai battendo in rimonta Radek Stepanek. Passano il turno anche Tomas Berdych, che ha la meglio su Jo-Wilfried Tsonga, e Novak Djokovic, che si sbarazza di Haas con un doppio 6-3

Il primo a strappare il biglietto per le semifinali di Shanghai è Tomas Berdych: il tennista ceko, al momento sesto nella classifica ATP e alla ricerca anche del pass per disputare il Masters di fine anno, ha vinto la battaglia con Jo-Wilfried Tsonga, ottavo nel ranking e anche lui in caccia di un posto per l\'elite-eight del prossimo mese. Dopo aver chiuso il primo set sul 6-3, strappando un break cruciale, Berydch ha poi chiuso i conti al tie-break nella seconda partita, e ora attende il vincente della sfida tra Novak Djokovic e Tommy Haas.
Andy Murray impiega un po\' per carburare contro Radek Stepanek, ma alla fine riesce a proseguire la sua corsa verso il suo possibile terzo titolo consecutivo a Shanghai. Dopo aver perso il primo set 4-6, affossato dal break concesso al quinto gioco, Murray si riscatta nel secondo parziale, dove riesce a capitalizzare un doppio fallo per strappare il servizio al sesto game e volare poi via verso un comodo 6-2. Nel terzo set Stepanek sembra poter rispondere andando a breakkare al terzo gioco, ma Murray recupera immediatamente il servizio perso, ri-breakka immediatamente l\'avversario e chiude 6-3.


Tommy Haas avrebbe voluto festeggiare la sua 500esima vittoria nel tour, ma, per farlo, avrebbe dovuto battere Novak Djokovic, cosa non esattamente semplicissima in questo momento delle rispettive carriere. Il serbo, che complice il successo di Federer su Wawrinka resterà sicuramente anche la prossima settimana alla posizione numero 2 del ranking, si impone con un doppio 6-3 e aggiorna così a uno spaventoso 51-1 il proprio record stagionale contro avversari al di fuori della Top Ten (più in generale, si tratta della vittoria numero 68 dell\'anno, nessuno ha fatto meglio di lui). Haas comincia con difficoltà, subendo già al primo turno di servizio, e collassa malamente nel primo set: nel secondo parziale cerca di reagire portandosi immediatamente sul 2-0, ma il vantaggio dura soltanto cinque minuti, perché Djokovic risponde con due break consecutivi che gli permettono di involarsi e chiudere il match.
Titolo: Tennis
Inserito da: SPIRITO - 13 Ottobre, 2012, 11:13:11 am
   Federer asfalta Cilic, ora scontra Murray

   Roger Federer strappa il pass per la semifinale nel Masters di Shanghai liquidando il croato Marin Cilic 6-3, 6-4. Il numero 1 mondiale affronterà Andy Murray nella rivincita della finale olimpica che ha visto imporsi lo scozzese

Roger FEDERER b. Marin CILIC 6-3, 6-4
Il cammino di Roger Federer non si placa al Masters di Shanghai: dopo i quarti di finale da record con le 300 settimane da numero uno del mondo grazie al successo sul connazionale Wawrinka, lo svizzero ha sconfitto in due set il croato Marin Cilic, numero 16 ATP, con punteggio 6-3, 6-4. Un\'ora e 21\' per affrontare in semifinale Andy Murray che negli ultimi mesi ha disputato proprio contro Federer la finale di Wimbledon (persa) e quella olimpica di Londra 2012 che gli è valsa la medaglia d\'oro prima di assicurarsi il suo primo successo Slam sul cemento di New York, Us Open. Murray ha sconfitto nell\'altro match di quarti di finale Radek Stepanek in tre set - 4-6, 6-2, 6-3 - mentre nell\'altra semifinale del Masters di Shanghai si affronteranno Novak Djokovic e Tomas Berdych.
Titolo: Tennis
Inserito da: SPIRITO - 29 Ottobre, 2012, 17:34:03 pm
   WTA Championships - Serena troppo forte, anche Masha si arrende

   Manifesta superiorità per il terzo Masters di Serena Williams: 6-4, 6-3 a una Sharapova inerme, ma senza demeriti. Il Wta Championships è un monologo della statunitense: settimo titolo 2012 con due Slam e oro olimpico

Serena WILLIAMS b. Maria SHARAPOVA 6-4, 6-3
No-contest: Serena Williams vince il Masters 2012 battendo Maria Sharapova 6-4, 6-3 in 1:29’ nella migliore finale possibile di questo Wta Championships. E’ il settimo titolo stagionale, con due Slam e l’oro olimpico, della statunitense, il terzo Wta Championships dopo Monaco 2001 e Doha 2009: nel 2004 aveva perso dalla Sharapova, oggi si è rifatta con gli interessi.


MASHA VS SERENA, È LA FINALE PIÚ BELLA - Williams e Sharapova si affrontano otto anni dopo al Masters quando, proprio in finale, vinse la diciasettenne Masha bissando il successo, sempre contro Serena, di Wimbledon, ma quelli del 2004 sono gli unici successi nell\'head-to-head di Maria Sharapova, perché Serena ha vinto gli altri nove precedenti. Nell\'ultimo, ai Giochi Olimpici di Londra, una carneficina: 6-0, 6-1 Williams. Il cammino delle due finaliste sul cemento del Sinan Erdem Dome di Istanbul è conforme: imbattute nel round robin (la Sharapova ha ceduto un set ad Agnieszka Radwanska), in surplace nelle semifinali dove la Williams - senza incanti, ma in costante crescita - ha liquidato la Radwanska in un\'ora (6-2, 6-1) mentre Masha ha finalmente superato VikaAzarenka (6-4, 6-2) nel finaletto 2012 della loro sfida infinita. Per quanto visto nell\'ultimo semestre di stagione femminile, è la finale migliore: Maria Sharapova ha vinto il Roland Garros a maggio completando il suo Career Slam, Serena Williams ha monopolizzato i risultati del circuito Wta da giugno vincendo il suo quinto Wimbledon, l\'oro olimpico e gli US Open.


WILLIAMS NO CONTEST - Si gioca solo con la battuta fino al 2-2: fin qui Maria, in termini di game, ha già fatto meglio della finale di Londra 2012, ma arriva subito dopo il break che deciderà il primo set, perché è impossibile strappare a Serena un servizio da 70% di prime in campo con 6 ace (3 nel solo game dell’allungo) ed ecco, fatale in 45 minuti, il 6-4 Williams. Il secondo set si apre e si chiude con un break Williams, perché Masha non varia a sufficienza la sua seconda, mentre il servizio della statunitense resta inattaccabile: 11 ace in nove turni di battuta e qualche esitazione soltanto nell’ultimo turno, ma senza break-point per la Sharapova. I vincenti di Serena saranno addirittura 40, quelli della Sharapova, perché mai nelle condizioni per poterne giocare altri, soltanto 13. Poca partita e un sipario scontato: Serena Williams troppo forte per tutte.
Titolo: Tennis
Inserito da: SPIRITO - 10 Novembre, 2012, 19:57:08 pm
   ATP World Tour Finals - Del Potro trova l\'impresa: è in semifinale

   Il tennista argentino si regala il lusso di battere per la seconda volta consecutiva Roger Federer (dopo Basilea) e centra così la semifinale delle ATP Finals di Londra. 7-6, 4-6, 6-3 il punteggio che consente a Del Potro di raggiungere Djokovic, Federer e Murray. Rimane beffato David Ferrer che con Tipsarevic deciderà solo gli accoppiamenti

Quella di Del Potro è un’impresa da raccontare ai nipotini. Non è tanto il 7-6, 4-6, 6-3 che gli permette di accedere matematicamente alle semifinali della ATP Finals di Londra – che per altro il tennista argentino ha già giocato – ma più che altro il fatto che il gigante di Tandil, per la seconda volta consecutiva, si permette di battere Roger Federer. Un’impresa che sicuramente non molti giocatori possono vantare nel circuito.
IL LEITMOTIF DEL MATCH - Sicuramente è giusto sottolineare come Federer, ancor prima di scendere in campo per questa ultima giornata di round robin alla O2 Arena di Londra, fosse matematicamente qualificato alle semifinali ma, detto questo, l’impegno dello svizzero non è certamente mancato. Anzi. Per la prima volta in 5 giorni di tennis abbiamo infatti assistito a una sfida tra due giocatori veramente soldi e regolari al servizio e, dopo il match di Federer proprio con lo sfortunato Ferrer – già fuori nonostante la sfida ancora da giocare con Tipsarevic – questa è una notizia.


LA DIFFERENZA TRA ME E TE- L’impresa di Del Potro è infatti quella di aggiudicarsi una partita dove Federer ha concesso soltanto una palla break. Ma quella tanto è bastata al tennista argentino per conquistarsi una sfida delicatissima al terzo e lasciare al palo, come accennato, il malcapitato David Ferrer che contro Federer di chance per strappare il servizio al suo avversario ne aveva avute addirittura 12. E probabilmente, sotto questo punto di vista, è anche giusto così.


CALO IMPROVVISO - Dal punto di vista puramente tecnico, invece, la partita non ha regalato grossi spunti, se non come sottolineato la grossa costanza di entrambi col proprio turno di servizio. Il primo set è scorso via regolare fino all’ottavo game, quando Del Potro ha dovuto annullare tre palle break (due consecutive) a Federer prima di imporsi al tie-break. Già, proprio il tie-break è stato ancora fatale al fenomeno di Basilea che con 4 errori non forzati – due steccate clamorose – ha permesso a Del Potro di andare a far gara di tetsa.


LA REAZIONE DEL CAMPIONE - La rabbia dello svizzero per un primo set concluso davvero non su i suoi standard si è ritradotta però in cattiveria agonistica in avvio di secondo, dove un parziale di 8 punti a zero – arrivati grazie a 5 minuti di super Federer – ha di fatto regalato allo svizzero la sicurezza di conquistarsi il set e con quello garantirsi il primo posto nel girone. Dopo lo strappo, infatti, entrambi i giocatori hanno fatto valere la propria legge al servizio e la partita e volata via per 6-4 nel tempo d’infusione di una bustina di “english classic”.


A DELPO BASTA UNA PALLA BREAK - Con la sicurezza del primo posto nel girone Federer ha probabilmente leggermente allenato l’approccio mentale al terzo set e Del Potro, invece, che si giocava la permanenza, è diventato ancora più implacabile al servizio trovando anche lo strappo necessario a regalargli la semifinale. Dopo un game conquistato a zero, infatti, l’argentino ha infilato 4 punti consecutivi dallo 0-30 sul servizio di Federer confermando poi il break appena ottenuto nuovamente a zero. Traduzione? Una partenza di terzo set con un parziale di 12 punti a 2. Gap costruito e tanti saluti al telespettatore David Ferrer. Federer ha poi ritrovato se stesso dal quarto gioco ma il gigante di Tandil, da quel momento, ha confermato l’inviolabilità della sua battuta chiudendo il set per 6-3 e concedendo un totale di soli 2 quindici al suo avversario.


SUPER SUNDAY - I protagonisti delle semifinali saranno dunque quelli che, proprio da queste pagine a inizio settimana, avevamo pronosticato: Roger Federer, Andy Murray, Juan Martin Del Potro e Novak Djokovic. Che con l’esclusione di Nadal è poi il meglio che le ATP Finals potessero regalare. A Ferrer e Tipsarevic l\'onere di decidere gli accoppiamenti: con una vittoria del serbo Del Potro termina primo e affronta Murray; con una vittoria dello spagnolo, vicerversa, sarà Federer ad affrontare il campione olimpico.
Titolo: Tennis
Inserito da: NapoliMan - 13 Novembre, 2012, 12:20:48 pm
   Masters Londra, Djokovic si aggiudica la finale con Federer

Il numero 1 della classifica Atp ha sconfitto lo svizzero nella finale londinese. Il serbo si è imposto in due set con il punteggio di 7-6, 7-5 vincendo il suo secondo titolo dopo quello del 2008
 
Sono bastati due set a Novak Djokovic per battere Roger Federer nella finale del Masters Atp di fine anno. Il tennista serbo vinto il primo set al tie-break (6) si è aggiudicato il secondo con il punteggio di 7-5. Djokovic, dunque, torna a vincere il Masters dopo il successo nel 2008, iscrivendo il suo nome per la seconda volta, dopo due anni di regno del tennista rossocroato.

Quando la potenza è più forte della classe. Tennis spettacolo targato Novak Djokovic laureatosi campione delle ATP Finals di Londra e di conseguenza, ammesso che servisse ulteriore conferma, giocatore più forte di questo 2012. Nell\'ottava finale di Roger Federer nell\'evento di fine anno, il serbo gli strozza in gola quello che poteva essere l\'ultimo ruggito della sua annata comunque straordinaria, rimontandogli un break di vantaggio in entrambi i set e uscendo vincitore per 7-6(6) 7-5. Le due ore e 12 minuti che hanno chiuso la stagione ATP hanno regalato lo spettacolo di altissimo livello che era lecito attendersi dai primi due giocatori del mondo. Per Djokovic, con questa vittoria sempre più numero 1 del mondo, si tratta del secondo Masters di fine anno in carriera, dopo quello conquistato a Shanghai nel 2008: come quattro anni fa, Nole ha aperto e chiuso l\'anno con due trionfi, all\'Australian Open. Per Federer, che rimane il recordman assoluto di questo torneo con 6 trionfi e 42 vittorie totali, invece sfuma l\'aggancio a John McEnroe a quota 77 titoli vinti in carriera. Troppo solido, troppo impenetrabile il gioco di Nole anche per un Roger di lusso come quello visto per larghi tratti di questo bellissimo incontro. Djokovic, come per tutta la settimana, non ha incantato, ma è stato di una concretezza spietata. Federer invece ha mostrato ancora una volta perché è il giocatore preferito dai fan di qualunque parte del mondo, pur uscendo sconfitto. E a dare il suo supporto, tra i tanti tifosi e vip accorsi per tifare il campione svizzero, questa sera c\'era anche il capitano della Roma, Francesco Totti, amico del n.2 del tennis, sbarcato a Londra per vedere dal vivo la finale dei Masters il giorno dopo la sconfitta del derby perso contro la Lazio.

"Non credo che avrei potuto giocare meglio di quanto fatto oggi - ha ammesso Federer nel corso della premiazione - ringrazio tutti e spero di essere in grado di tornare l\'anno prossimo". A rendere omaggio all\'ex re del tennis mondiale ecco le parole del campione in carica Djokovic: "E\' un privilegio e un piacere giocare con te, congratulazioni per questa tua settimana. Grazie agli sponsor, questo Masters e\' l\'apice di tutti i tornei del circuito, spero che il pubblico abbia apprezzato il gioco messo in mostra. Ringrazio tutto il mio team per questa stagione".
 
http://sport.sky.it/sport/tennis/2012/11/12/atp_world_tour_finals_2012_londra_finale_federer_djokovic.html
Titolo: Tennis
Inserito da: SPIRITO - 23 Novembre, 2012, 16:01:54 pm
   Tennis - Il 2013 di Federer con grandi rinunce
 
   Lo svizzero ha annunciato il suo calendario della prossima stagione: rinuncerà ad alcuni tornei importanti, compreso quello "di casa", a Basilea
 
Niente Miami, niente Montecarlo e niente Basilea, il torneo in cui ha mosso i primi passi come ball-boy prima di intraprendere il percorso professionistico che l’ha portato a essere il miglior giocatore del mondo.
Roger Federer ha stilato il calendario che osserverà nel 2013 avvalendosi delle norme Atp per i tennisti che hanno superato i 30 anni e con oltre 600 incontri alle spalle, depennando i tre grandi eventi sopraccitati. Sicura la presenza al torneo di Parigi-Bercy, dubbia quella alla Coppa Davis, visto che lo svizzero si è limitato soltanto a indicare gli impegni individuali.
Il 2013 di Fed-Ex partirà così dagli Australian Open, il primo grande slam della stagione, e si dipanerà lungo 14 appuntamenti complessivi. Eccoli elencati nel dettaglio:
Australian Open, Melbourne
ABN AMRO World Tennis Tournamen, Rotterdam
Dubai Duty Free Tennis Championships, Dubai
BNP Paribas Open, Indian Wells
Mutua Madrid Open, Madrid
Internazionali BNL d\'Italia, Rome
Roland Garros, Paris
Gerry Weber Open, Halle
Wimbledon
Rogers Cup, Montreal
Western & Southern Open, Cincinnati
US Open, New York
Shanghai Rolex Masters, Shanghai
BNP Masters , Paris
Titolo: Tennis
Inserito da: SPIRITO - 24 Dicembre, 2012, 10:53:44 am
   Tennis - Torna Nadal: “Ma non deve forzare subito”

   Lo zio Toni chiede al nipote di andarci cauto ad Abu Dhabi, dove giocherà giocare contro uno tra Andy Murray e Janko Tipsarevic. E’ dal 28 giungo che Rafa non gioca: “Dopo essere rimasto fermo per sei mesi, è ancora lontano dal suo miglior livello"

Il conto alla rovescia per l\'atteso rientro è agli sgoccioli. Il 26 dicembre Rafa Nadal partirà alla volta di Abu Dhabi dove, due giorni dopo, tornerà a giocare contro uno tra Andy Murray e Janko Tipsarevic nel torneo di esibizione "Mubadala World Tennis Championship". Si tratterà della prima uscita del mancino di Manacor dall\'eliminazione al secondo turno di Wimbledon del 28 giugno scorso. "Ad oggi non posso fare alcuna previsione su quello che sarà il rendimento di Rafa ad Abu Dhabi - confessa ad \'As\' lo zio-allenatore Toni Nadal - È un processo naturale di recupero progressivo di certe sensazioni, andiamo piano e senza forzare. Anche se tutto va bene e le ginocchia sono ok, Rafa, dopo essere rimasto fermo per sei mesi, è ancora lontano dal suo miglior livello".
I problemi di tendinite che hanno tenuto Nadal lontano dai campi per tutto questo tempo sono comunque alle spalle anche se "i medici ci hanno chiesto di essere prudenti almeno all\'inizio. Vedremo come va ad Abu Dhabi e poi a Doha". Questi i primi due appuntamenti dello spagnolo prima degli Australian Open. "Le sensazioni sono buone ma ad Abu Dhabi e Doha ne sapremo di più, l\'idea è di andare a Melbourne, è nei nostri programmi ma c\'è da aspettare e vedere - avverte - Lì ci sono incontri di cinque set e a questi livelli non è semplice. Un\'altra idea è concentrarsi sulla terra battuta ma non è facile con tanti tornei sul veloce".


Nadal, dal canto suo, conta di sfruttare il primo mese del 2013 per rimettersi in forma. "Il ginocchio va meglio ma non è ancora perfetto - ha ammesso a \'Canal Plus\' - L\'obiettivo è presentarmi al meglio ai Masters di Indian Wells e Miami e arrivare al top a Montecarlo".
Titolo: Tennis
Inserito da: SPIRITO - 09 Gennaio, 2013, 18:48:31 pm
   Tennis - Errani e Vinci ko ai quarti, Seppi avanti a Sydney

   Niente semifinali per le due azzurre che vengono eliminate da Cibulkova e Radwanska. Nel maschile Seppi centra i quarti battendo Millman, out invece Fognini eliminato da Granollers

WTA SYDNEY
Sara Errani e Roberta Vinci sono state eliminate nei quarti dell\'"Apia International", torneo Wta Premier dotato di un montepremi di 690mila dollari, in programma sui campi in cemento di Sydney, in Australia. La Errani, testa di serie numero tre, ha ceduto per 6-2 6-1 alla slovacca Dominika Cibulkova. La Vinci, dopo la grande rimonta con Jelena Jankovic, si è arresa alla polacca Agnieszka Radwanska, testa di serie numero uno e numero 4 della classifica Wta, in due set: 6-4 7-5.


ATP SYDNEY


Andreas Seppi si è qualificato ai quarti dell\'"Apia International", torneo ATP 250 da 436.630 dollari di montepremi che si disputa a Sydney su campi in cemento. L\'altoatesino, testa di serie numero 3 e bye al primo turno, ha battuto la wild card australiana John Millman in tre set: 6-2 3-6 6-3. Prossimo avversario lo spagnolo Marcel Granollers, testa di serie numero 8, che ha eliminato l\'altro azzurro in tabellone, Fabio Fognini, in due set: 6-2 7-6(4) il punteggio in favore del 26enne di Barcellona, che conduce 2-1 nei precedenti con Seppi. Negli altri incontri, eliminato a sorpresa il grande favorito del seeding, John Isner, sconfitto con un doppio 6-4 dal connazionale Ryan Harrison, proveniente dalle qualificazioni. ALTRI RISULTATI 2^ TURNO Istomin (Uzb) b. Verdasco (Esp, 4) 6-3 6-3 Tomic (Aus) b. Mayer (Ger, 5) 7-6(4) 6-2 Benneteau (Fra) b. Stepanek (Cze, 6) 0-0 40/15 rit. Anderson (Rsa) b. Lopez (Esp) 6-3 6-4 Nieminen (Fin) b. Klec (Svk) 6-3 6-1


ATP AUCKLAND


David Ferrer e Philipp Kohlschreiber raggiungono i quarti di finale dell\'"Heineken Open", tradizionale torneo Atp 250 con un montepremi di 433.400 dollari che si disputa ad Auckland, Nuova Zelanda, su campi in cemento. Lo spagnolo, prima forza del tabellone, ha bisogno di tre set per piegare Yen-Hsun Lu (6-4 2-6 6-3) mentre il tedesco, testa di serie numero 2, ha la meglio sul colombiano Alejandro Falla per 7-6(4) 4-6 6-3. ALTRI RISULTATI SECONDO TURNO Haas (Ger, 3) b. Sijsling (Ned) 6-3 6-4 Querrey (Usa, 4) b. Rochus (Bel) 7-5 6-3 Lacko (Svk) b. Bellucci (Bra, 8) 6-3 7-5 Malisse (Bel) b. Giraldo (Col) 7-6(6) 6-4 Levine (Can) b. Baker (Usa) 7-5 6-4 Monfils (Fra) b. Jones (Aus) 6-4 6-2


ATP KOOPOYONG


Juan Martin Del Potro, Lleyton Hewitt, Marcos Baghdatis e Tomas Berdych debuttano con una vittoria all\'"AAMI Classic Kooyong", torneo-esibizione sui campi in cemento di Kooyong, in Australia, giunto quest\'anno alla 25esima edizione. Del Potro ha avuto la meglio su Paul-Henri Mathieu per 6-4 3-6 7-6 mentre Hewitt ha superato Milos Raonic per 6-3 1-6 7-6. Baghdatis stava conducendo 6-1 1-0 quando Janko Tipsarevic è stato costretto al ritiro, Berdych ha infine vinto in rimonta su Ivan Dodig, che ha sostituito Nishikori, per 4-6 6-2 6-3.
Titolo: Tennis
Inserito da: SPIRITO - 12 Gennaio, 2013, 11:40:30 am
   Australian Open - Murray dal lato Federer; Serena con Azarenka

   Questo il verdetto dei sorteggi all\'Australian Open 2013, con Djokovic che pesca invece il lato di David Ferrer. Italia in agrodolce: nel tabellone maschile il più sfrotunato è Bolelli che trova subito la testa di serie Janowicz. Errani e Vinci nel lato di Serena Williams e Azarenka. Primo turno da brividi per la Schiavone che pesca la Kvitova

Sotto il sole di una calda – ma non torrida quanto Sydney – e ventilata Melbourne, si è svolta la cerimonia di sorteggio degli Australian Open 2013. Davanti a una buona dose di pubblico – per la prima volta ammesso ad assistere – il calendario ha messo subito di fronte incontri piuttosto interessanti in vista di questo primo slam del 2013.
IL QUADRO MASCHILE - Partiamo subito dal tabellone maschile. La prima notizia, forse la più attesa, era capire da quale parte del tabellone sarebbe finito Andy Murray. Lo scozzese finisce nella parte bassa, quella di Roger Federer e Juan Martin Del Potro. Il lato alto quindi, appartenente a Novak Djokovic, vedrà una potenziale semifinale “numerica” contro David Ferrer che, vista l’assenza di Rafa Nadal, sarà chiamato a tenere alti i colori della Spagna.


FRANCIA SUBITO PROTAGONISTA - A regalare emozioni però sono alcuni incroci di primo turno decisamente interessanti. Roger Federer contro Benoit Paire, Novak Djokovic contro Paul-Henrì Mathiueu e Andy Murray con Robin Haase sono partite decisamente interessanti e da non farsi scappare. Niente male anche, giusto per mettere ulteriore pepe alla prima due giorni, alcuni match come il derby francese Tsonga-Llodra, Tipsarevic contro l’intramontabile idolo di casa Lleyton Hewitt e Dolgopolov contro Molfils. Insomma, Francia protagonista da subito. Vedremo se qualcuno riuscirà a fare lo scherzetto ma, intanto, questi potrebbero essere i potenziali quarti seguendo il pronostico delle teste di serie Djokovic-Berdych, Ferrer-Tipsarevic, Del Potro-Murray e Tsonga-Federer.


GLI ITALIANI - Il primo turno degli azzurri non è nulla di impossibile. Il più sfortunato è sicuramente Simone Bolelli, unico rappresentante del tennis maschile italico a trovarsi davanti una testa di serie: quel Jerzy Janowicz protagonista di Parigi Bercy che, questa volta sì, è riuscito grazie al suo splendido 2012 a racimolare fondi per arrivare fin qui a Melbourne. Andreas Seppi invece, unica testa di serie tra gli azzurri, dovrà vedersela con l’argentino Horacio Zeballos. Per lui il lato del tabellone è quello di Murray, Federer e Del Potro. Seppi potrebbe affrontare un potenziale terzo turno con Simon e, eventualmente, Del Potro agli ottavi. Tra gli azzurri Pippo Volandri trova Simon, Flavio Cipolla il tedesco Kamke, Paolo Lorenzi il gigante sudafricano Kevin Anderson e, per finire, Fabio Fognini lo spagnolo Bautista.


IL TABELLONE FEMMINILE - A sorridere decisamente meno, è la racchetta rosa italiana. Roberta Vinci, Sara Errani e Francesca Schiavone finiscono direttamente nella parte di tabellone della campionessa uscente Victoria Azarenka e della favorita Serena Williams. Per la Schiavone un primo turno da brividi contro la testa di serie numero 8 ed ex campionessa di Wimbledon Petra Kvitova. Per Errani e Vinci invece ostacoli iberici: rispettivamente contro Suarez Navarro e Soler-Espinosa. Dal lato di Maria Sharapova e Agnieszka Radwanska finisce invece Camila Giorni che al primo turno se la vedrà con la francese Stephanie Gacon. Le teste di serie sulla via del percorso verso la finale della Errani potrebbero essere al terzo turno Hsieh, Wozniacki al quarto e potenziale quarto di finale proprio con l’Azarenka. Nel tabellone femminile, come sempre, molto più difficile il pronostico ma, rispettando il criterio adottato per gli uomini, questi gli altri tre quarti con le sfide tra: Serena Williams e Kvitova, Na Li e Radwanska e Kerber contro Sharapova.
Titolo: Tennis
Inserito da: The UnderRoller - 08 Luglio, 2013, 00:24:02 am
Invece che di Vela del cazzo,questo è uno sport che meriterebbe più attenzione.
Oggi Murray è stato fenomenale.F E N O M E N A L E  (cit. Stella :look: )
 
Era bella la storia che se Murray vinceva,era britannico,se perdeva era scozzese :look:
Titolo: Tennis
Inserito da: O Libberista Missionario - 08 Luglio, 2013, 00:27:53 am
Sport del cazzo. Comunque ho visto la finale perché mi sono giocato i live. Al centro scommesse non si è capito nulla.
Titolo: Tennis
Inserito da: SoloNapoli1926 - 08 Luglio, 2013, 00:50:30 am
Me lo volevo giocare Murray vincente del torneo, quando stava a 8 un paio di giorni fa. Prima o poi doveva vincerlo :asd:
Titolo: Re:Tennis
Inserito da: SPIRITO - 04 Luglio, 2014, 16:12:49 pm
Dimitrov diventer il mio nuovo idolo. Il nuovo Federer sta per nascere.
Titolo: Re:Tennis
Inserito da: SPIRITO - 05 Luglio, 2014, 13:47:22 pm
Voglio l'ottava
Voglio il trionfo del Re
Voglio il record
Voglio la storia.
RF