Napoli Network - Il Forum sul Calcio Napoli
Il primo Forum sul Calcio Napoli!

LIGA 2012-13

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline SPIRITO

  • Capitano
  • ******
  • 12329
« Ultima modifica: 19 Agosto, 2012, 10:18:12 am da SPIRITO »
LOTTA SUDA E VINCI...SOLO ALLORA MI CONVINCI.

Offline SPIRITO

  • Capitano
  • ******
  • 12329
LIGA 2012-13
« Risposta #1 il: 19 Agosto, 2012, 10:17:46 am »
   Olinga-gol, il più giovane della storia della Liga

   La Liga si apre con una vittoria in trasferta. Il Malaga vince 1-0 sul campo del Celta Vigo e a decidere la partita è il 16enne Fabricio Olinga che regala i tre punti alla squadra di Pellegrini e diventa il goleador più giovane nella storia del massimo campionato spagnolo


 
E\' il Malaga a prendersi i primi tre punti della stagione nella Liga 2012/13 e a raccontare la storia più bella di queste prime, calde giornate di calcio giocato: la squadra di Manuel Pellegrini passa per 1-0 al Balaídos contro il Celta Vigo, grazie a un gol siglato all\'82\' dal giovanissimo Fabricio Olinga. Il ragazzo camerunese, all\'età di 16 anni, 3 mesi e 6 giorni, diventa il goleador più giovane della storia del campionato spagnolo.
Prima di Olinga, questo particolare primato era detenuto da Iker Muniain, stellina dell\'Athletic Bilbao, che aveva segnato all\'età di 16 anni e 289 giorni; poco più "anziani" nel giorno della loro prima volta nella Liga erano Xisco Nadal (16 anni e 353 giorni), Juan Mena (17 anni e 36 giorni) e l\'attuale giallorosso Bojan Krkic (17 anni e 53 giorni).


La storia del ragazzino camerunese ha molto a che fare con quella diSamuel Eto\'o: scoperto proprio nella fondazione patrocinata dall\'ex campione di Barcellona e Inter, ora all\'Anzhi, Fabricio Olinga si era messo in mostra per la sua grande prolificità sotto porta. Il ragazzo viene portato in Spagna, a Maiorca, dove nel giro di un paio di anni scala diverse categorie, facendo gol a raffica: l\'interessamento del Real Madrid prelude a qualcosa di grande.


E\' il Malaga però a fare più in fretta e a metterlo sotto contratto, mettendolo in lista per la squadra B. La mancanza di attaccanti in un\'inizio stagione un po\' travagliato ha pero convinto Pellegrini a inserirlo tra i convocati per il match con il Celta: e al 59\' ecco l\'intuizione di inserirlo al porto di un evanescente Fernandez. Mai decisione fu più azzeccata: Fabrice prima coglie un palo clamoroso con il sinistro e poi, sugli sviluppi della stessa azione, mette dentro di coscia sfruttando un bel suggerimento di Buonanotte. Occhio, sta nascendo una stella...


SIVIGLIA NO PROBLEM - Facile successo del Siviglia sul Getafe per 2-1 nel secondo match della prima giornata della Liga spagnola. Gli andalusi chiudono il match nel primo tempo grazie ai gol di Fazio al 34\' e di Negredo su rigore, cinque minuti più tardi. Inutile la rete di Alexis al 5\' della ripresa per il Getafe.


BUONA LA PRIMA PER IL MAIORCA - E\' fulminea la partenza del Maiorca in questa prima giornata: nell\'ultimo anticipo della notte del sabato, i padroni di casa sconfiggono l\'Espanyol 2-1. Il primo gol arriva prestissimo: al 2\' i balearici sono già avanti grazie alla rete di Hemed. La risposta degli avversari catalani è altrettanto pronta e al 5\' si torna sull\'1-1 con Wakaso. La partita si risolve soltanto all\'85\' con la doppietta di Hemed.
LOTTA SUDA E VINCI...SOLO ALLORA MI CONVINCI.

Offline Leviatano

  • Capitano
  • ******
  • 37509
LIGA 2012-13
« Risposta #2 il: 19 Agosto, 2012, 10:19:42 am »
Ennesimo duello Barça - Real. Che noia che barba, che barba che noia.

Offline Marcos1926

  • Capitano
  • ******
  • 26680
LIGA 2012-13
« Risposta #3 il: 19 Agosto, 2012, 13:20:33 pm »
Perchè non eliminate i vecchi topic dei campionati esteri? Cosi c\'è + ordine :P
NOI VOGLIAMO VINCERE


 
...tomamos vino puro de damujana
y nos fumamos toda la marijuana!!

Offline SPIRITO

  • Capitano
  • ******
  • 12329
LIGA 2012-13
« Risposta #4 il: 20 Agosto, 2012, 08:48:38 am »
   Che spettacolo al Camp Nou! 5-1 e doppio Messi

   Puyol, Chori e doppio Messi nel primo quarto d\'ora: i blaugrana danno spettacolo nell\'apertura di Liga 2012/13 contro la Real Sociedad, sparring partner della prima al Camp Nou. Pedro fa 4-1 prima dell\'intervallo; di David Villa, che torna in campo otto mesi dopo l\'infortunio, l\'ultimo sigillo


 
 
Festa d\'apertura Liga 2012/13 al Camp Nou: il Barcellona vince 5-1 contro la Real Sociedad con la prima rete della temporada blaugranadel capitano, Carles Puyol, e l\'ultima, attesissima, di David Villa, al rientro dopo lo spaventoso infortunio di otto mesi fa nel Mondiale per Club. In mezzo la solita doppia sigla di Lionel Messi e il gol di Pedro prima dell\'intervallo.


TIKI-TAKA VINCENTE - Nel segno della continuità, da Pep Guardiola a Tito Vilanova il Barça continua a incantare con un possesso palla pressoché indisturbato e delle accelerazioni di prima spaventose: la sorpresa (fino a un certo punto) della serata è Cristian Tello - l\'ennesimo astro nascente della cantera Macia, classe 1991 - devastante sulla sinistra per servire i gol a Messi e Pedro.


QUATTRO IN 15 MINUTI - Al quindicesimo del primo tempo è già 3-1 Barça: alla rete di capitan Puyol del minuto 4 - testa su corner di Xavi - risponde Chori Castro, che batte Valdes in uscita bassa con un potente sinistro sotto l\'incrocio, dopo soli 5\'. Messi fa doppietta tra l\'11\' e il quarto d\'ora, favorito dai rimpalli e innescato prima da Pedro, poi da Tello. Al 41\' Pedro fa poker al termine della solita surplace blaugrana: cinque tocchi di prima al limite dell\'area prima di scaricare su Tello che pesca, smarcato in area, Pedrito.


BENTORNATO GUAJE - Nel secondo tempo tanta accademia due grandi parate di Claudio Bravo su Messi e Iniesta prima dei cambi finali: Philippe Montanier fa esordire a metà ripresa i nuovi acquisti della Real Sociedad, Carlos Vela dall\'Arsenal e José Angel dalla Roma, mentre Vilanova regala a Villa l\'ovazione del Camp Nou otto mesi dopo la frattura da stress, contro l\'Al Sadd nel Mondiale per Club, della tibia sinistra. Villa ringrazia, saluta e segna, naturalmente, il gol del 5-1 finale all\'84\': di Iniesta, fino in fondo, la palla giusta per El Guaje che, col diagonale mancino, fa calare il sipario più bello sulla prima del Barcellona davanti al suo uditorio.
LOTTA SUDA E VINCI...SOLO ALLORA MI CONVINCI.

Offline SPIRITO

  • Capitano
  • ******
  • 12329
LIGA 2012-13
« Risposta #5 il: 02 Settembre, 2012, 10:09:29 am »
   Il Malaga passa a Saragozza e si gode la vetta

   Con una rete di Camacho il Malaga di Pellegrini in testa per una notte. Primo hurrà per il Celta Vigo, pari tra Deportivo La Coruna e Getafe

 
Continua il buon momento di stagione del Malaga, eurorivale del Milan in Champions League. I ragazzi di Pellegrini sono passati sul difficile campo del Saragozza. A decidere la partita il gol di Camacho su colpo di testa, sugli sviluppi di un calcio d\'angolo battuto da Eliseu, al 56\'. Vittoria sofferta per il Malaga, momentaneamente al comando della Liga, che è riuscito a resistere alle diverse occasioni dei padroni di casa.


Aspas al 69\' e Bermejo al terzo minuto di recupero regalano al Celta Vigo la vittoria per 2-0 sull\'Osasuna nell\'anticipo che apre la terza giornata di Liga. Per i Celestes primi punti dopo due sconfitte nelle prime due giornate di campionato.


Finisce 1-1 la sfida tra il Deportivo La Coruna e il Getafe. Emozioni tutti nel primo tempo: al gol di Riki, che ha portato in vantaggio il Deportivo dopo 6\', ha risposto Barrada al 26\'.
LOTTA SUDA E VINCI...SOLO ALLORA MI CONVINCI.

Offline SPIRITO

  • Capitano
  • ******
  • 12329
LIGA 2012-13
« Risposta #6 il: 03 Settembre, 2012, 12:20:07 pm »
   Vittorie casalinghe per Real Madrid e Barça

   Al Bernabeu una doppietta di Ronaldo nel 3-0 al Granada, chiuso da Higuain. Il Barcellona poi risponde con Adriano, autore del gol decisivo nell\'1-0 sul Valencia. Da segnalare anche il primo gol spagnolo di Longo, ma l\'Espanyol perde col Levante

Real Madrid e Barcellona tornano a concentrarsi sulla Liga dopo il trionfo madridista della Supercoppa e lo fanno con due successi casalinghi: i merengues superano con un comodo 3-0 il Granada della famiglia Pozzo, mentre i catalani si impongono al Camp Nou per 1-0 sul Valencia.
REAL CON MODRIC TITOLARE - La prima squadra a scendere in campo è stata quella di Mourinho, il quale ha schierato dall\'inizio il neoacquisto Modric sulla trequarti, lasciando in panchina Özil e Kakà (oltre a Higuain e Di Maria). Il croato ha giocato abbastanza bene, ma è stato il solito Cristiano Ronaldo a dirigere l\'orchestra blanca e a spingerla verso il successo dopo un avvio da sbadigli: due conclusioni fuori di poco e quindi il gol dell\'1-0 al 26\', con CR7 che sfrutta l\'appoggio di Callejon e calcia di sinistro da posizione molto defilata, ringraziando la mezza papera di Toño che non riesce a respingere.


DOPPIO CR7, POI IL 3-0 DI HIGUAIN - Floro Flores non può bastare all\'attacco del Granada e nella ripresa il Real chiude i conti con il solito Cristiano Ronaldo che al 53\' raddoppia "in due tempi" sull\'assist in profondità del neoentrato Di Maria, mentre poi gli ospiti rimangono in 10 al 60\' a seguito del secondo giallo di Gomez. Mourinho ringrazia, risparmia minuti preziosi ai suoi fuoriclasse e si gode il tris definitivo di Higuain che insacca da due passi su assist di Benzema (partito in posizione di fuorigioco millimetrico). Missione compiuta.


ADRIANO SEGNA "ALLA DEL PIERO" - Per la risposta del Barcellona bisogna attendere solo un paio d\'ore. Vilanova, squalificato, non può seguire la squadra dalla panchina, ma la musica è la solita, quella del possesso palla. Dopo un\'occasione iniziale di Soldado, i blaugrana prendono in mano le redini del gioco al quarto d\'ora: due chance firmate Messi introducono l\'1-0 catalano di Adriano, realizzato con un gran destro a giro dai 20 metri (23\').


FINALE DA BRIVIDO CON VICTOR RUIZ - Fabregas si mangia il 2-0 al 26\' con un pallonetto impreciso che sbatte contro il palo e poi il Barça inizia a controllare il ritmo, gestendo la partita con grande calma, forse anche troppa. Per annotare un\'azione pericolosa bisogna attende infatti fino al 55\', quando Fabregas calcia malamente alto dal dischetto a seguito di un gran numero di Sanchez. Dall\'altra parte Ruiz risponde segnando l\'1-1 al 60\', ma è in fuorigioco sul piazzato di Tino Costa. I brividi non finiscono qui: proprio al 90\' lo stesso Victor Ruiz riesce ad anticipare Valdes su un corner da sinistra, ma la sua incornata finisce alta sopra la traversa. Il Camp Nou sospira, il triplice fischio finale sentenzia l\'1-0 e il Barça rimane così l\'unica squadra a punteggio pieno in campionato.


LONGO SEGNA, ESPANYOL RIMONTATO - Nelle altre partite della domenica spagnola spicca il rocambolesco 3-2 del Levante sull\'Espanyol, che era passato in vantaggio per primo con l\'attaccante nerazzurro Samuele Longo, a segno al 21\' con un bel destro al volo a fil di palo dopo un rimpallo al limite dell\'area. I padroni di casa subiscono anche lo 0-2, ma poi rimontano alla grande nella ripresa, segnando tre reti e ribaltando le sorti dell\'incontro. Successo interno anche dell\'Athletic Bilbao che batte 2-0 il Valladolid con un gol del rientrante Aduriz, mentre il Siviglia non va oltre lo 0-0 sul campo del Rayo Vallecano, pur giocando gli ultimi 20 minuti in 11 contro 10.
LOTTA SUDA E VINCI...SOLO ALLORA MI CONVINCI.

Offline SPIRITO

  • Capitano
  • ******
  • 12329
LIGA 2012-13
« Risposta #7 il: 06 Settembre, 2012, 18:06:13 pm »
   Piqué e Shakira ricattati per un video hard

   In Spagna circola una voce davvero incredibile: un ex dipendente della cantante colombiana starebbe ricattando la coppia

Sono soltanto voci, ma in Spagna se ne parla ormai da tempo. I protagonisti sono Gerard Piqué, centrale difensivo del Barcellona, e la sua compagna, la cantante Shakira. La voce che corre è di quelle piccanti. I due sarebbero ricattati da mesi da un ex collaboratore della star colombiana.
Per cosa? Per un filmato di 15 minuti che li ritrae in un momento di intimità durante una vacanza su uno yacht. Il video sarebbe stato girato dal cellulare di uno dei dipendenti di Shakira che ora, dopo essere stato licenziato, sta cercando di vendere a peso d\'oro le immagini di cui è in possesso.


L\'indiscrezione parla di una richiesta di addirittura 250mila euro, una cifra altissima che per ora non è stata pagata da nessuna redazione spagnola. Che sia soltanto questione di tempo o che sia tutta una bufala? Non resta che attendere.
LOTTA SUDA E VINCI...SOLO ALLORA MI CONVINCI.

Offline SPIRITO

  • Capitano
  • ******
  • 12329
LIGA 2012-13
« Risposta #8 il: 12 Settembre, 2012, 18:04:57 pm »
   Cristiano Ronaldo è felice, rinnovo in arrivo

   L\'avevamo lasciato triste e deluso. Cristiano Ronaldo, dopo le lacrime e la "depressione" per "non sentirsi amato dal Real", ritrova il sorriso e comincia a trattare il rinnovo. In Spagna si parla di contratto a vita

IN SPAGNA SONO SICURI: CR7 AL REAL A VITA! - Ci siamo, dopo le lacrime ecco il rinnovo. Non era una questione economica e Cristiano Ronaldo l\'ha ribadito più volte. Si trattatava di affetto e fiducia. Il portoghese aveva spiegato la sua infelicità con il "Sentirsi poco amato dal club". Tutti con CR7, dai tifosi ai compagni di squadra. L\'unico a prendere le distanze dalla vicenda, il commissario tecnico del Portogallo Paulo Bento e qualche collega di nazionale, concentrato sulle gare di qualificazione al mondiale 2014 in Brasile.
E dopo giorni di apprensione per lo stato d\'animo di Cristiano Ronaldo ecco l\'inizio della trattativa per il rinnovo del contratto. Puntuale come i tocchi de "Las campanadas" di fine anno. Un chicco d\'uva tira l\'altro, fino ad aver la bocca piena. Nel caso di CR7 parliamo di pancia, ormai al limite della sopportazione. Milioni su milioni e vissero tutti felici e contenti. Certi affari non conoscono crisi.


Florentino Pérez ha voluto trattare il rinnovo con Cristiano Ronaldo di persona. In Spagna i giornali più vicini al club della capitale parlano con grande sicurezza di un accordo raggiunto tra Real e CR7. Adeguamento del contratto e giocatore in cassaforte fino al termine della carriera. Insomma, pronto un contratto in stile "Casillas" per il portoghese. Torna il sereno sul Bernabeu. Non ci voleva tanto...
LOTTA SUDA E VINCI...SOLO ALLORA MI CONVINCI.

Offline Leviatano

  • Capitano
  • ******
  • 37509
LIGA 2012-13
« Risposta #9 il: 16 Settembre, 2012, 09:00:15 am »
Il Barça a +8. La Liga è già stata assegnata :smoke:

Offline SPIRITO

  • Capitano
  • ******
  • 12329
LIGA 2012-13
« Risposta #10 il: 16 Settembre, 2012, 09:21:47 am »
   Incubo Real, k.o. a Siviglia e Barça a +8

   Al Sanchez Pizjuan arriva la seconda sconfitta in quattro gare di Liga per gli uomini di Mourinho, già lontanissimi dalla vetta della classifica. Decide il gol del tedesco Trochowski dopo meno di due minuti, nella ripresa l\'assedio madridista produce soltanto il palo del neoentrato Modric.

Si chiama Piotr Trochowski, è tedesco di chiare origini polacche, gioca nel Siviglia e ha ufficialmente aperto la crisi del Real Madrid. Non bastavano le lamentele di Cristiano Ronaldo, rinnovo o non rinnovo, Josè Mourinho ora deve fare i conti con una squadra pesante, imballata nella testa più che nelle gambe, in grado di raccogliere la miseria di quattro punti in altrettante giornate di Liga. Visto che quando piove, spesso, lo fa sul bagnato, in testa alla classifica ci sono i rivali di sempre del Barcellona, fluidi come ai tempi belli, che nelle quattro uscite di campionato hanno calato un poker, quello sì, pesantissimo per il morale degli avversari. Un gol dopo appena due minuti subìto da una squadra che non ha aspettato per aggredire Xabi Alonso e compagni, questo il modo in cui è arrivata la seconda sconfitta in campionato, la terza in stagione considerando l\'andata della Supercoppa Spagnola, poi vinta nel ritorno. Può andare peggio? Fate vobis, visto che martedì al Bernabeu sarà di scena il Manchester City di Mancini per l\'esordio in Champions League.
Proprio in vista del palcoscenico europeo era lecito attendersi un po\' di turnover da parte di Mou, che invece conferma in blocco la formazione base proposta in questa stagione, con Modric ancora in panchina per far posto a Khedira. Davanti Ozil con Di Maria e Cristiano Ronaldo a sostegno di Higuain. Sacrificato, ancora una volta, Karim Benzema.


TROCHOWSKI BEFFA IL "GREEN TEAM" - Nemmeno il tempo di annotare l\'orrenda scelta stilistica dei madridisti (completo verde scuro, ça va sans dire) e Iker Casillas deve chiudere due volte, su Navas e Negredo, deviando in calcio d\'angolo. Sono passati quaranta secondi. Proprio dalla bandierina la difesa del Real Madrid dorme abbondantemente lasciando a Trochowski la possibilità di colpire indisturbato all\'altezza del dischetto, piattone volante e Siviglia in vantaggio.


NAVAS-CICINHO, UN REBUS PER IL REAL - La corsia di destra degli andalusi è un rebus irrisolvibile per Marcelo e soci, Navas sembra tornato indietro di cinque anni, Cicinho fa ammattire la difesa della Casa Blanca con le due continue serpentine. I ritmi altissimi imposti dalla squadra di Michel fanno saltare schemi e nervi al Real, Di Maria già ammonito non viene punito una seconda volta per un evitabile gesto di reazione su Rakitic, lui sì, sanzionato con il giallo nella circostanza.


MODRIC, RAMOS E TANTA SFORTUNA - Mourinho capisce l\'antifona nel secondo tempo, togliendo Di Maria per far spazio a Luka Modric. Una mossa che sembra dare da subito i suoi frutti, sicuramente più dell\'ingresso in campo di Benzema al posto di Ozil, entrambi assolutamente impalpabili nella serata andalusa. Otto minuti dopo esser sceso sul terreno di gioco, l\'ex regista del Tottenham costruisce la palla gol più importante del match per il Real, colpendo il palo con un sinistro dai venti metri, su cui Palop non riesce ad arrivare. Il legno si oppone e sulla respinta Higuain non trova lo specchio. Il Siviglia punge con le ripartenze (Negredo e Navas su tutti) dopo aver comprensibilmente abbassato i ritmi a fronte di un primo tempo da calcio totale, il Real ha un\'altra occasione clamorosa allo scoccare dell\'ora di gioco: punizione di Xabi Alonso sul secondo palo, controcross di Pepe che di fatto è un tiro, Sergio Ramos, da zero metri, senza portiere, scheggia la parte alta della traversa.


Mourinho getta nella mischia Callejon al posto di Arbeloa, l\'arrembaggio in pieno stile non si fa attendere ma questa volta non ne esce nulla di positivo. "Cristiano Ronaldo vi ha regalato quindici giorni fantastici", aveva chiosato Mourinho alla vigilia, riferito ai giornalisti, chiudendo la querelle legata ai malumori del suo gioiello. Lui, ora, si accontenterebbe di una serata magica, martedì al Bernabeu contro il City, l\'appuntamento giusto per ripartire.
LOTTA SUDA E VINCI...SOLO ALLORA MI CONVINCI.

Offline SPIRITO

  • Capitano
  • ******
  • 12329
LIGA 2012-13
« Risposta #11 il: 16 Settembre, 2012, 09:22:57 am »
Barca de fuego...
« Ultima modifica: 16 Settembre, 2012, 09:59:47 am da SPIRITO »
LOTTA SUDA E VINCI...SOLO ALLORA MI CONVINCI.

Offline Leviatano

  • Capitano
  • ******
  • 37509
LIGA 2012-13
« Risposta #12 il: 16 Settembre, 2012, 09:40:34 am »
Citazione da:  link=topic=21724.msg#msg date=78
   Il Chelsea sbatte su Julio Cesar, 0-0 con il QPR
 
   A pochi giorni dall\'esordio in Champions League contro la Juventus, i Blues mancano l\'appuntamento con la quarta vittoria di fila, rimbalzando sull\'ex portiere dell\'Inter, all\'esordio in Premier League. Anton Ferdinand rifiuta di stringere la mano a John Terry prima del match, la polemica continua.
 
Il Chelsea non ingrana la quarta e dopo tre successi in altrettante gare di Premier League deve accontentarsi di un pareggio nel derby di Loftus Road con il Queens Park Rangers. Gli uomini di Roberto Di Matteo hanno tenuto per larga parte il pallino del gioco, senza però mostrare cinismo nella fase realizzativa, una pecca che mercoledì, quando i campioni d\'Europa inizieranno la difesa del titolo contro la Juventus, potrebbe costare cara. Torres e Hazard le due facce della medaglia in casa Blues, con lo spagnolo abulico e isolato a fare da contraltare al belga, vero fulcro della manovra nonostante il grave errore che nel finale avrebbe potuto dare il quarto assolo in campionato.
ALTRO CHE STRETTA DI MANO - Stretta di mano, sì o no? Questo il tormentone che ha tenuto banco nell\'immediata vigilia del derby di Loftus Road, con Anton Ferdinand e John Terry di nuovo faccia a faccia dopo il fattaccio dell\'autunno scorso, con le conseguenti accuse di razzismo nei confronti del capitano del Chelsea, gli strascichi legali e tutto quel ginepraio che ha finito per togliere a JT la fascia di capitano dell\'Inghilterra e portato alle dimissioni da ct di Fabio Capello. Stretta di mano no, infine, con il difensore del QPR che nemmeno la offre all\'avversario durante il cerimoniale prepartita, stesso trattamento riservato ad Ashley Cole, anch\'egli a suo tempo coinvolto nella querelle.
 
CHE DEBUTTO, JULIO CESAR - Poi, fortunatamente, la parola passa al campo, dove salta fuori una gara decisa, ruvida, che l\'arbitro, lasciando giocare, irrobustisce in quanto a toni e fisicità. Nel QPR c\'è il debutto di Julio Cesar, ed è un signor debutto: al brasiliano bastano appena quattro minuti per disinnescare Hazard e prendersi i primi, meritati, applausi della sua nuova avventura Oltremanica. Il Chelsea, con Bertrand ancora una volta preferito a Mata in avanti, può recriminare su un paio di interventi dubbi nell\'area di rigore avversaria (prima Terry, poi lo stesso Hazard finiscono giù senza che venga indicato il dischetto del rigore) mentre Torres ha una buona occasione attorno al quarto d\'ora, ma trova sulla sua strada l\'ex portiere dell\'Inter. I Blues girano sulla regia di Lampard il quale mette sulla testa di David Luiz la palla dell\'1-0 ma il colpo in tuffo del brasiliano su calcio d\'angolo non inquadra nemmeno lo specchio della porta. Il QPR, con Fabio e Johnson k.o. durante la prima frazione, ci prova nel finale con l\'ex madridista Granero ma il suo calcio di punizione non spaventa Cech.
 
HAZARD ILLUMINA E SPRECA - Sono proprio i padroni di casa a cominciare meglio il secondo tempo, Cech risponde presente in un paio di circostanze, ma sul colpo di testa di Park all\'altezza dell\'area di rigore la difesa di Di Matteo scricchiola. Fuori uno spento Bertrand, dentro Moses ma è Eden Hazard a cambiare registro rispetto al primo tempo: dai piedi dell\'ex folletto del Lille passa tutta la pericolosità offensiva del Chelsea, prima con uno splendido filtrante per Torres che Ferdinand chiude alla disperata, poi con un suggerimento su punizione per Ivanovic, il cui colpo di testa sfiora il palo. Ad un quarto d\'ora dalla fine Mikel rischia la frittata con un retropassaggio che in pratica manda in porta Zamora, fortuna sua e dei Blues c\'è Cech ad ipnotizzare l\'ex attaccante del Fulham. Nel finale Di Matteo gioca anche la carta Sturridge (al posto di Torres che non è sembrato gradire, al momento del cambio) e all\'87\' Hazard fallisce la più ghiotta occasione per cancellare lo 0-0 dal tabellone: grande iniziativa di Moses, palla messa dentro con potenza e piattone del belga, forse tradito dal rimbalzo, conclusione che finisce sugli spalti. Un errore che fa svanire la quarta vittoria consecutiva ma che non toglie il suo nome dal taccuino degli osservatori della Juventus: mercoledì, a Stamford Bridge, i bianconeri dovranno guardarsi soprattutto da lui.

Ma questo non è il topic della Liga?

Offline SPIRITO

  • Capitano
  • ******
  • 12329
LIGA 2012-13
« Risposta #13 il: 16 Settembre, 2012, 09:58:51 am »

Ma questo non è il topic della Liga?

Cazzo,cazzo,cazzo,cazzooo.....ho sbagliato, porca troia.
LOTTA SUDA E VINCI...SOLO ALLORA MI CONVINCI.

Offline Leviatano

  • Capitano
  • ******
  • 37509
LIGA 2012-13
« Risposta #14 il: 16 Settembre, 2012, 10:04:53 am »
L\'età avanza ;)