Napoli Network - Il Forum sul Calcio Napoli
Il primo Forum sul Calcio Napoli!

La nazionale italiana

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Re:La nazionale italiana
« Risposta #45 il: 18 Novembre, 2018, 15:31:51 pm »
?

Re:La nazionale italiana
« Risposta #46 il: 18 Novembre, 2018, 16:01:34 pm »
La nazionale italiana fa schifo, non ha gioco e non ha qualità.
Cosa potrebbe fare insigne? Caricarsi i biraghi zaniolo lasagna sulle spalle?
Ecco, tanto per dire, hai citato Biraghi e proprio un episodio che ieri ha coinvolto lui e Insigne, secondo me, dimostra cosa cambia per Insigne quando passa dal Napoli alla nazionale. Ora mi spiego meglio, ma tutto questo fermo restando che uno come Baggio, per esempio, avrebbe comunque fatto la differenza anche in una squadra del cavolo come quella dell'Italia di ieri sera.

Torniamo a Biraghi: un difensore privo di pedigree, che ora si sta affacciando al calcio che conta, dopo una carriera, senza infamia e senza lode, per lo più nelle categorie inferiori. C'è una punizione per l'Italia, sulla trequarti, in attacco. Forse non abbastanza vicina all'area, per Insigne, che però nel Napoli va spesso a rompere le palle a Mertens (che da lontano avrebbe più possibilità di lui, visto che ha un tiro più potente e che nel PSV tirava i calci da fermo e spesso la buttava dentro), e a Rui, che pure da certe posizioni è un buon tiratore. Insomma, va Insigne e tira lui, nel Napoli, quasi sempre, anche quando sarebbe meglio lasciarla a uno dei compagni. Invece in nazionale, ieri, l'ho visto presentarsi nei pressi del pallone, evidentemente per calciare, ma poi lasciar tirare Biraghi, un signor nessuno del ca**o, che infatti ha tirato addosso alla barriera.

Credo che questo sia uno dei motivi per i quali in nazionale rende di meno: non riesce ad affermare la sua leadership che nel Napoli non è in discussione.

Che poi l'Italia sia una squadra abbastanza mediocre mi pare evidente e rende le cose più difficili, ma non è solo quello, imho.

Offline sonica1978

Re:La nazionale italiana
« Risposta #47 il: 18 Novembre, 2018, 23:32:47 pm »
Ecco, tanto per dire, hai citato Biraghi e proprio un episodio che ieri ha coinvolto lui e Insigne, secondo me, dimostra cosa cambia per Insigne quando passa dal Napoli alla nazionale. Ora mi spiego meglio, ma tutto questo fermo restando che uno come Baggio, per esempio, avrebbe comunque fatto la differenza anche in una squadra del cavolo come quella dell'Italia di ieri sera.

Torniamo a Biraghi: un difensore privo di pedigree, che ora si sta affacciando al calcio che conta, dopo una carriera, senza infamia e senza lode, per lo più nelle categorie inferiori. C'è una punizione per l'Italia, sulla trequarti, in attacco. Forse non abbastanza vicina all'area, per Insigne, che però nel Napoli va spesso a rompere le palle a Mertens (che da lontano avrebbe più possibilità di lui, visto che ha un tiro più potente e che nel PSV tirava i calci da fermo e spesso la buttava dentro), e a Rui, che pure da certe posizioni è un buon tiratore. Insomma, va Insigne e tira lui, nel Napoli, quasi sempre, anche quando sarebbe meglio lasciarla a uno dei compagni. Invece in nazionale, ieri, l'ho visto presentarsi nei pressi del pallone, evidentemente per calciare, ma poi lasciar tirare Biraghi, un signor nessuno del ca**o, che infatti ha tirato addosso alla barriera.

Credo che questo sia uno dei motivi per i quali in nazionale rende di meno: non riesce ad affermare la sua leadership che nel Napoli non è in discussione.

Che poi l'Italia sia una squadra abbastanza mediocre mi pare evidente e rende le cose più difficili, ma non è solo quello, imho.

Ma rende di meno semplicemente perché la squadra è meno forte del Napoli.
L'Italia è mediocre, e non siamo andati in B solo perché la polonia è in una fase disastrosa.
E ovviamente Insigne è molto lontano da Baggio.

Re:La nazionale italiana
« Risposta #48 il: 19 Novembre, 2018, 09:32:21 am »
Ma rende di meno semplicemente perché la squadra è meno forte del Napoli.
L'Italia è mediocre, e non siamo andati in B solo perché la polonia è in una fase disastrosa.
E ovviamente Insigne è molto lontano da Baggio.

Non ho visto la partita però mi sembra evidente sia così.
Peraltro l'Italia ha sempre fatto abbastanza schifo in avanti.Personalmente non ricordo questi centravanti così prolifici in nazionale (vedete anche quanti gol hanno fatto in un'intera carriera i vari Del Piero e Totti).
E poi il problema del gol riguarda prima i vari Immobile e compagnia e poi casomai Insigne.

Re:La nazionale italiana
« Risposta #49 il: 19 Novembre, 2018, 10:11:20 am »
Insigne ha fatto un super primo tempo dove però ha speso troppo a livello fisico.
Sa che in nazionale deve dimostrare e gioca con una pressione eccessiva.
Detto questo,il primo tempo hanno dato quasi spettacolo le combinazioni con Jorginho e Verratti.
"IN THE MAZE OF HER IMAGINATION"

#liberailnapoli


ROCK 'N ROLL STOPS THE TRAFFIC

Offline sonica1978

Re:La nazionale italiana
« Risposta #50 il: 19 Novembre, 2018, 12:56:28 pm »
Non ho visto la partita però mi sembra evidente sia così.
Peraltro l'Italia ha sempre fatto abbastanza schifo in avanti.Personalmente non ricordo questi centravanti così prolifici in nazionale (vedete anche quanti gol hanno fatto in un'intera carriera i vari Del Piero e Totti).
E poi il problema del gol riguarda prima i vari Immobile e compagnia e poi casomai Insigne.

Ma no, l'Italia è sempre stata super avanti.
Poteva sempre schierare gli attaccanti che si facevano la finale di CL come Inzaghi, Vieri, Del Piero… e addirittura giocatori fortissimi non trovavano posto fra i convocati (Mancini) o dovevano stare in panchina (come Zola) o fuori ruolo (Signori) perché c'era di meglio…

Storicamente i fantasisti sono italiani.
Se segnavano tanto in nazionale non so, ma la cosa importante è che abbiamo sempre avuto giocatori ai massimi livelli mondiali.

Oggi ai massimi livelli mondiali abbiamo solo Chiellini e in parte bonucci.


Offline sonica1978

Re:La nazionale italiana
« Risposta #51 il: 19 Novembre, 2018, 12:59:53 pm »
Insigne ha fatto un super primo tempo dove però ha speso troppo a livello fisico.
Sa che in nazionale deve dimostrare e gioca con una pressione eccessiva.
Detto questo,il primo tempo hanno dato quasi spettacolo le combinazioni con Jorginho e Verratti.

E infatti credo sarà questo il blocco dei prossimi 7-8 anni.
E forse non mi dispiace con Bernardeschi e senza il centravanti, vista la penuria che abbiamo nei 9.

Re:La nazionale italiana
« Risposta #52 il: 19 Novembre, 2018, 13:28:12 pm »
Ma no, l'Italia è sempre stata super avanti.
Poteva sempre schierare gli attaccanti che si facevano la finale di CL come Inzaghi, Vieri, Del Piero… e addirittura giocatori fortissimi non trovavano posto fra i convocati (Mancini) o dovevano stare in panchina (come Zola) o fuori ruolo (Signori) perché c'era di meglio…

Storicamente i fantasisti sono italiani.
Se segnavano tanto in nazionale non so, ma la cosa importante è che abbiamo sempre avuto giocatori ai massimi livelli mondiali.

Oggi ai massimi livelli mondiali abbiamo solo Chiellini e in parte bonucci.


Forse non ci siamo intesi.
Io dico che in passato i "grandi attaccanti" già segnavano poco.Mediamente parliamo di giocatori che - in tutta la loro storia in nazionale- hanno segnato 25 gol.

Il mio discorso è che in generale noi siamo sempre stata una nazionale che segna poco e con centravanti abbastanza "stitici" in avanti.Se non bastasse poi i gol vanno chiesti prima a Immobile,Belotti o chi sta chiamando adesso e solo in seconda battuta a Insigne.