Napoli Network - Il Forum sul Calcio Napoli
Il primo Forum sul Calcio Napoli!

La perfidia di Lotito

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Re:La perfidia di Lotito
« Risposta #15 il: 25 Ottobre, 2017, 20:02:16 pm »
Giulio, Lotito ha detto quelle parole prima di andare a portare ipocritamente i fiori alla sinagoga, atteggiamento perfido perché ride di gente che è morta. Essere indifferente ai campi di concentramento è impossibile, è una cosa talmente forte che o li approvi o ne provi disgusto, tanto più che chi vi ci veniva portato non erano soldati in guerra, e tra loro perfino bimbi che nemmeno capivano cosa stava loro accadendo.


E' la pagina più disgustosa dell'umanità, nulla può essere paragonato a tale malvagità. Non importa quanti ce ne siano stati in quei lager, discussione ridicola di chi ridicolmente vuole minimizzare, conta il modo in cui quegli esseri umani, figli dell'unico Dio, siano stati massacrati. 

Offline un gatto

Re:La perfidia di Lotito
« Risposta #16 il: 25 Ottobre, 2017, 20:10:54 pm »
Dio vede i suoi figli che si massacrano fra di loro tutti i santi giorni, e pensare che Anna Frank sia diversa da un bambino serbo massacrato da un bosniaco, o di una bambina bosniaca massacrata da un serbo, è ideologico.
E' volontà di Dio pure che un bambino venga massacrato e stuprato, come era volontà di Dio che Giobbe perdesse la casa, la moglie, i figli, il rispetto dagli altri e da se stesso. Pensare che Dio voglia solo il "meglio" per noi è una pia illusione, del resto che cazzo ne sappiamo noi di cosa è meglio? Nei piani di Dio c'era l'olocausto ed ogni cosa negativa successa nella storia e noi non siamo nessuno per dire che il disegno più grande è sbagliato, perché non lo vediamo nemmeno.
Ribadisco: se dovessimo concentrarci su tutto il male che c'è nel mondo, non potremmo trovare la forza di vivere. La vita è bella nonostante la tua morte sia la mia vita.
Se dovessi pensare a tutti i poveri iracheni morti per il petrolio, non potrei farmi una gita in macchina. Se dovessi pensare ai milioni e milioni di cinesi schiavizzati che muoiono delle più atroci malattie causate dal lavoro, non potrei acquistare nulla. E questo parlando di presente.
Se dovessi ricordare ogni santo giorno i morti italiani, napoletani, non vivrei. La vita è sopruso, e deve piacere così com'è.
E del resto, tornando al caso specifico della memoria dell'olocausto, è pure falso l'alibi del "dobbiamo ricordare affinché non succeda più!", perché sta succedendo, oggi. Si ricorda per pretesto politico, e basta. Qualsiasi altra motivazione è accessoria, quando non falsa. Il vero movente è quello: porre sulla nostra civiltà un "peccato originale" su cui giustificare la sua distruzione.


All your base are belong to us

Re:La perfidia di Lotito
« Risposta #17 il: 25 Ottobre, 2017, 20:21:55 pm »
esiste il libero arbitrio, ciò che permette all'uomo di non essere uno schiavo. Un Dio che "vuole" un bimbo massacrato e stuprato non lo affermano nemmeno i satanisti, che semmai lo riconoscono con merito a Satana, semmai costituisce motivo per gli atei di sostenerne l'inesistenza.

Vabbè, io non credo che davvero lo pensi... 

Offline un gatto

Re:La perfidia di Lotito
« Risposta #18 il: 25 Ottobre, 2017, 20:39:00 pm »
lo penso, eccome se lo penso. Del resto ogni cosa ha origine in Dio, anche il Male. Satana, inteso biblicamente, non è altro che uno degli agenti divini. Pensare che una qualsiasi qualcosa non abbia origine da Lui vuol dire negare diversi dei suoi aspetti che teologicamente riusciamo ad intuire.
Dio è infinitamente buono, altrimenti non sarebbe Dio, proprio per la sua natura eterna. Nell'eternità -che è la condizione divina- il male non esiste, in quanto esso è una condizione della duplicità, quindi uno strumento del Tempo. Nell'eternità il tempo non esiste, non esiste il divenire o il cambiamento, quindi lì il male non serve. Il male invece serve qui, dove le cose cambiano, dal bene al male, dal male al bene ciclicamente.
E' questo il senso di "il Bene vince sempre", perché tutto va a risolversi nell'eternità dove tutto è perfetto ed uguale a se stesso. Il nostro compito è scegliere, nel nostro vivere la dimensione duplice, prendendo ogni cosa per ciò che è... pure le più terribili. Tanto prima o poi questa condizione finisce.
« Ultima modifica: 25 Ottobre, 2017, 20:41:28 pm da un gatto »


All your base are belong to us

Re:La perfidia di Lotito
« Risposta #19 il: 25 Ottobre, 2017, 20:48:42 pm »
Dio è l'origine di tutto, e se Dio è il bene, come tu dici, il male ne è l'allontanamento, non può esistere il male laddove c'è il bene assoluto.

Esistono vari gradi di allontanamento, il punto massimo lo s'identifica nel Male. Se Dio volesse il male, come tu dici, sarebbe una contraddizione, e per definizione in Dio non possono esserci. L'uomo è libero nelle sue scelte, quindi può operare verso il Bene, e gli si avvicina, o verso il Male, e se ne allontana. Sta a lui la scelta...

Offline un gatto

Re:La perfidia di Lotito
« Risposta #20 il: 25 Ottobre, 2017, 20:49:27 pm »
ma poi l'uomo è libero... ok. Ma precisamente dove sarebbe la libertà della scelta individuale, se capiti in un momento storico in cui sei ebreo schiatti? Cioè "scegli" di fare che cosa? Se impiccarti da solo con la maglietta al letto a castello, invece di aspettare che la tubercolosi faccia il suo corso, piuttosto che la camera a gas?
La tua libertà è limitata dalla necessità di ciò che deve essere. Lo diceva Pitagora, non lo dice un gatto su un forum di calcio. Io sono libero di dire e fare quello che voglio, ma se ho 3 anni e finisco sequestrato da un pedofilo, non posso scegliere proprio niente. E' qualcun altro che ha scelto per me. Chi? Satana? Ma chi è sto satana, abbi pazienza. Non esiste niente che possa vincere la legge della necessità divina. Ogni cosa è nella volontà di Dio, in senso Provvidenziale e in senso di disgrazie, noi quando siamo <fortunati> possiamo limitatamente parteciparvi. Le ragioni profonde per cui la vita di un uomo, secondo i nostri canoni relativi, è "fortunata" o "sfortunata" segue logiche celesti a cui non possiamo aspirare ad arrivare, comprenderle vorrebbe dire aver raggiunto l'onniscienza del nostro Creatore.


All your base are belong to us

Re:La perfidia di Lotito
« Risposta #21 il: 25 Ottobre, 2017, 20:50:35 pm »
ma poi l'uomo è libero... ok. Ma precisamente dove sarebbe la libertà della scelta individuale, se capiti in un momento storico in cui sei ebreo schiatti? Cioè "scegli" di fare che cosa? Se impiccarti da solo con la maglietta al letto a castello, invece di aspettare che la tubercolosi faccia il suo corso, piuttosto che la camera a gas?
La tua libertà è limitata dalla necessità di ciò che deve essere. Lo diceva Pitagora, non lo dice un gatto su un forum di calcio. Io sono libero di dire e fare quello che voglio, ma se ho 3 anni e finisco sequestrato da un pedofilo, non posso scegliere proprio niente. E' qualcun altro che ha scelto per me. Chi? Satana? Ma chi è sto satana, abbi pazienza. Non esiste niente che possa vincere la legge della necessità divina. Ogni cosa è nella volontà di Dio, in senso Provvidenziale e in senso di disgrazie, noi quando siamo <fortunati> possiamo limitatamente parteciparvi. Le ragioni profonde per cui la vita di un uomo, secondo i nostri canoni relativi, è "fortunata" o "sfortunata" segue logiche celesti a cui non possiamo aspirare ad arrivare, comprenderle vorrebbe dire aver raggiunto l'onniscienza del nostro Creatore.


puoi scegliere... hai citato Giobbe, pensaci

Offline un gatto

Re:La perfidia di Lotito
« Risposta #22 il: 25 Ottobre, 2017, 20:56:56 pm »

puoi scegliere... hai citato Giobbe, pensaci
Giobbe ha scelto di avere fede nel fatto che il male avesse fine, e che il piano del Signore fosse più ampio. Ha avuto ragione a pensarlo e a fare questa scelta. Del resto è così.
Nella peggiore delle ipotesi, chi vive una vita di sofferenze alla fine muore e torna alla casa del Padre. In questo senso "il bene vince sempre", e la vita di sofferenze è stata un'ottima occasione per venire a comprensione della duplicità di Bene e Male, una condizione che non appartiene manco agli angeli.


All your base are belong to us

Re:La perfidia di Lotito
« Risposta #23 il: 25 Ottobre, 2017, 20:59:19 pm »
Giobbe ha scelto di avere fede nel fatto che il male avesse fine, e che il piano del Signore fosse più ampio. Ha avuto ragione a pensarlo e a fare questa scelta. Del resto è così.
Nella peggiore delle ipotesi, chi vive una vita di sofferenze alla fine muore e torna alla casa del Padre. In questo senso "il bene vince sempre", e la vita di sofferenze è stata un'ottima occasione per venire a comprensione della duplicità di Bene e Male, una condizione che non appartiene manco agli angeli.


resta il fatto che chi opera il male, sempre per chi crede in Dio, non ha la vita eterna, bensì l'eterna dannazione, o non esiste giustizia in Dio. Ecco perché non si può essere indifferenti al male

Offline un gatto

Re:La perfidia di Lotito
« Risposta #24 il: 25 Ottobre, 2017, 21:16:55 pm »
un certo grado di indifferenza è salutare, altrimenti non si vive. Ha una sorte buona chi ha buone inclinazioni, buoni impulsi, buone azioni.
Io l'avrei ammazzata Anna Frank? Non penso, tanto mi deve bastare. E piuttosto che mettermi a piangere perché un ragazzino fa umorismo sulla sua morte, preferisco essere leggero e mettermi a pensare a tante altre cose belle, che già ho troppi cazzi per la testa per soffrire delle tragedie che avvengono ORA dall'altra parte del mondo, figuriamoci di tre generazioni fa. Ma poi stessi sempre a soffrire il male degli altri, quante energie avrò quando il male toccherà me? Non mi voglio curare di loro ma guardare e passare... e 'sta a sentire me: è più saggio Lotito nella sua bestialità a stracatafottersene, di chi -invece di guardare e passare- resta là a guardare e riguardare e riguardare.


All your base are belong to us

Re:La perfidia di Lotito
« Risposta #25 il: 25 Ottobre, 2017, 21:17:17 pm »
Dio vede i suoi figli che si massacrano fra di loro tutti i santi giorni, e pensare che Anna Frank sia diversa da un bambino serbo massacrato da un bosniaco, o di una bambina bosniaca massacrata da un serbo, è ideologico.
E' volontà di Dio pure che un bambino venga massacrato e stuprato, come era volontà di Dio che Giobbe perdesse la casa, la moglie, i figli, il rispetto dagli altri e da se stesso. Pensare che Dio voglia solo il "meglio" per noi è una pia illusione, del resto che cazzo ne sappiamo noi di cosa è meglio? Nei piani di Dio c'era l'olocausto ed ogni cosa negativa successa nella storia e noi non siamo nessuno per dire che il disegno più grande è sbagliato, perché non lo vediamo nemmeno.
Ribadisco: se dovessimo concentrarci su tutto il male che c'è nel mondo, non potremmo trovare la forza di vivere. La vita è bella nonostante la tua morte sia la mia vita.
Se dovessi pensare a tutti i poveri iracheni morti per il petrolio, non potrei farmi una gita in macchina. Se dovessi pensare ai milioni e milioni di cinesi schiavizzati che muoiono delle più atroci malattie causate dal lavoro, non potrei acquistare nulla. E questo parlando di presente.
Se dovessi ricordare ogni santo giorno i morti italiani, napoletani, non vivrei. La vita è sopruso, e deve piacere così com'è.
E del resto, tornando al caso specifico della memoria dell'olocausto, è pure falso l'alibi del "dobbiamo ricordare affinché non succeda più!", perché sta succedendo, oggi. Si ricorda per pretesto politico, e basta. Qualsiasi altra motivazione è accessoria, quando non falsa. Il vero movente è quello: porre sulla nostra civiltà un "peccato originale" su cui giustificare la sua distruzione.
Se penso a una discussione che facemmo un paio di anni fa, mi sembra stranissimo, oggi, condividere in parte i tuoi ragionamenti (mai totalmente, per ovvi motivi :look:).
Mi preoccupo perché la tua posizione mi sta sulle balls, senza offesa :look:
2011-2012 2013-2014

Re:La perfidia di Lotito
« Risposta #26 il: 25 Ottobre, 2017, 21:22:33 pm »
non si può mai rimanere indifferenti al male e, aggiungo, la tensione morale è carburante interiore.

L'Amore è la legge del Creato, non l'indifferenza.

Cosa diversa è starsi a macerare nella sofferenza, tutt'altra cosa.

Re:La perfidia di Lotito
« Risposta #27 il: 25 Ottobre, 2017, 22:10:47 pm »


non si può mai rimanere indifferenti al male e, aggiungo, la tensione morale è carburante interiore.

L'Amore è la legge del Creato, non l'indifferenza.

Cosa diversa è starsi a macerare nella sofferenza, tutt'altra cosa.

Più che altro non vorrei mai assistere al risultato del farsi solo i cazzi propri (o al massimo quelli del proprio orticello). Purtroppo credo sia stato passato il punto di non ritorno. Io stesso mi deprimo di fronte allo schifo, mica trovo la forza per pulirlo... Ed è grave indignarsi senza fare nulla per cambiare le cose.
2011-2012 2013-2014

Re:La perfidia di Lotito
« Risposta #28 il: 25 Ottobre, 2017, 22:13:19 pm »

Più che altro non vorrei mai assistere al risultato del farsi solo i cazzi propri (o al massimo quelli del proprio orticello). Purtroppo credo sia stato passato il punto di non ritorno. Io stesso mi deprimo di fronte allo schifo, mica trovo la forza per pulirlo... Ed è grave indignarsi senza fare nulla per cambiare le cose.


io credo che già trasmettere dei valori abbia la sua importanza, finanche il parlarne su un forum, in famiglia, con gli amici...

Re:La perfidia di Lotito
« Risposta #29 il: 25 Ottobre, 2017, 22:45:47 pm »
Detto chiatto chiatto...secondo voi ad ogni offesa agli ebrei, recarsi in una Sinagoga a caso a portare fiori e scuse, indossando la Kippah magari...non è una buffonata? Fatemi capire. Come se ogni volta qualche cazzo di Gran Mufti si recasse in una cazzo di parrocchia di periferia a fare il rosario con la perpetua.

Ragazzi, parliamoci chiaro: ste cose non hanno assolutamente senso e Lotito per quanto possa risultare spregevole stava esprimendo il suo pensiero ad un confidente su un aereo.

Ma di cosa state parlando?