Napoli Network - Il Forum sul Calcio Napoli
Il primo Forum sul Calcio Napoli!

24 - Lorenzo Insigne

0 Utenti e 3 Visitatori stanno visualizzando questo topic.

Re:24 - Lorenzo Insigne
« Risposta #390 il: 13 Ottobre, 2019, 11:50:37 am »
Sì, ma si può mai buttare a mare tutto il lavoro fatto da un allenatore per un giocatore che non è decisivo, almeno non tanto da metterlo al centro dell'idea di gioco di una squadra? Per intenderci, non è un Cristiano Ronaldo, attorno al quale deve ruotare tutto il resto. Dovrebbe essere lui ad adeguarsi, non il contrario. A me pare perfino assurdo che se ne debba discutere.

E se il mancato adeguamento comporta qualche partita in più in panchina non deve poi lamentarsi e creare un'atmosfera poco serena nello spogliatoio, perché è questo che succede.

Ma perché è così difficile ammetterlo? Anche in questa stagione, dopo un avvio scoppiettante, ha iniziato a giocare una mezza chiavica e la cosa salta molto all'occhio proprio perché è ritenuto un giocatore dalle grandi potenzialità.

Ma che deve fare l'allenatore? Dire, "Va be', a Insigne non va di fare anche la fase difensiva come quarto a sinistra del centrocampo, e nemmeno la seconda punta nel 4-4-2. Ricominciamo tutto daccapo e costruiamo la squadra intorno a lui, che lasciamo libero di giocare esterno alto di sinistra nel 4-3-3". Salvo magari rendersi conto che pure in quella posizione non è cha faccia sempre cose "magnifiche".


No, aspetta, io non sto dicendo che l'allenatore deve cambiare il modulo per Insigne. Sto dicendo che Insigne risente del modo in cui gioca la squadra. Perché non è il giocatore che da solo le risolve le partite, ma che viene esaltato, essendo estremamente associativo, dal gioco di squadra. Nel Napoli attuale lui non è inoltre l'unico fuori ruolo. Ma al di là di rigori sbagliati, di questioni caratteriali e di ambiente negativo, Insigne non gioca bene da quando il Napoli ha smesso di giocare bene l'anno scorso. è tutta la squadra che ha perso delle certezze tattiche (e questo mi sembra innegabile), non solo lui.
Io mi chiedo fino a che punto abbia impattato sulla squadra di Ancelotti l'assenza degli unici due giocatori che avevano i tempi per dettare il gioco e far ripartire l'azione, ovvero Albiol e Hamsik. Per me non è un caso che la media punti sia scesa significativamente da gennaio scorso in poi, ovvero da quando per motivi diversi non abbiamo più avuto la possibilità di schierarli. Nel Napoli attuale non vedo nessun giocatore con quelle caratteristiche.
Ancelotti crumiro!

Re:24 - Lorenzo Insigne
« Risposta #391 il: 13 Ottobre, 2019, 12:23:52 pm »
No, aspetta, io non sto dicendo che l'allenatore deve cambiare il modulo per Insigne. Sto dicendo che Insigne risente del modo in cui gioca la squadra. Perché non è il giocatore che da solo le risolve le partite, ma che viene esaltato, essendo estremamente associativo, dal gioco di squadra. Nel Napoli attuale lui non è inoltre l'unico fuori ruolo. Ma al di là di rigori sbagliati, di questioni caratteriali e di ambiente negativo, Insigne non gioca bene da quando il Napoli ha smesso di giocare bene l'anno scorso. è tutta la squadra che ha perso delle certezze tattiche (e questo mi sembra innegabile), non solo lui.
Io mi chiedo fino a che punto abbia impattato sulla squadra di Ancelotti l'assenza degli unici due giocatori che avevano i tempi per dettare il gioco e far ripartire l'azione, ovvero Albiol e Hamsik. Per me non è un caso che la media punti sia scesa significativamente da gennaio scorso in poi, ovvero da quando per motivi diversi non abbiamo più avuto la possibilità di schierarli. Nel Napoli attuale non vedo nessun giocatore con quelle caratteristiche.
Non mi riferivo specificamente a te. Questo discorso su Insigne è pervasivo. Se ne parla dappertutto, anche in radio e sui giornali, cartacei od online.

Del peso che ha avuto l'assenza di Hamsik ho scritto anch'io, tempo fa. La cosa curiosa fu che Hamsik andò via poco dopo aver dimostrato che si poteva calare bene il quel ruolo di regista, spesso arretrato, che Ancelotti gli aveva chiesto di svolgere, considerando che non c'era più Jorginho.

Poi ci ha provato Ruiz, che in un paio di occasioni almeno fu brillante e sembrava avessimo risolto, salvo poi farlo giocare in diverse altre posizioni, lasciando quel compito a chi non ha dimostrato di essere all'altezza.

Il problema più grave, in base al mio modesto discernimento calcistico, è quello palesatosi dopo la partenza di Albiol. Né Manolas né Maksimovic, quando gioca, possiedono la medesima sapienza calcistico-tattica dello spagnolo e probabilmente nemmeno le stesse qualità tecniche. Si è notato quasi subito. Forse KK potrebbe, ma con Albiol poteva permettersi di essere affrancato da compiti del genere e l'impatto sulle partite era molto più rilevante con lo spagnolo accanto. Tra l'altro, Albiol nei giorni scorsi ha rigiocato un'intera partita con la nazionale iberica, segno che malgrado l'età è considerato ancora un centrale di tutto rispetto. Abbiamo ricordato più volte che Albiol nasceva centrocampista e questo è stato un grande vantaggio per il Napoli.

Dopo tutti questi cambiamenti ci siamo ritrovati spesso a vedere un Allan che dovrebbe impostare, sovente dalla parte centrale del campo, con risultati penosi il più delle volte.

Non saprei quale soluzione suggerire, se non quella di riprovarci con Ruiz, ma spero che Ancelotti trovi il rimedio e presto.

Per Insigne, sai come la penso: poteva essere qualcosa di molto più importante, ma il suo carattere di merda, la presunzione che lo divora, e la mancanza di volontà al sacrificio che si sta palesando solo in questi ultimi periodi, perché probabilmente riteneva di essere destinato ad altro, vista la fama raggiunta, l'età, e la fascia di capitano, lo stanno mettendo in una situazione più difficile di quella che poteva essere. E stanno mettendo in una situazione difficile anche l'allenatore, il Napoli e i tifosi. Da risorsa sta rischiando di trasformarsi in problema.

È vera la faccenda dei tanti, troppi giocatori fuori ruolo, con un impatto negativo e generale anche sul resto, ma Insigne dovrebbe accettare di giocare nel 4-4-2 e fare quello che gli chiede l'allenatore al meglio delle sue possibilità. A me non dà l'impressione che sia così. Si mostra demotivato e frustrato. Mi dispiace per lui, ma mi dispiace di più per il Napoli.
« Ultima modifica: 13 Ottobre, 2019, 12:26:42 pm da peppemassa »
«Non puoi fare una granita senza il ghiaccio», C. Ancelotti

Re:24 - Lorenzo Insigne
« Risposta #392 il: 13 Ottobre, 2019, 13:48:48 pm »
Io su insigne sono cattivo e cinico, come su Ancelotti
Se tu sei considerato il migliore della rosa devi farmi vincere a Torino per esempio
Se a Torino non vinciamo tu e Ancelotti, i migliori, vi beccate le migliori critiche
Insigne è forte ma non risolve le partite da solo, quello è Mertens....
Insigne deve ridimensionarsi semplicemente, è uno dei 25, stop

Re:24 - Lorenzo Insigne
« Risposta #393 il: 13 Ottobre, 2019, 14:15:46 pm »
Va detto che Insigne ha sempre accettato le scelte dell'allenatore. Sia quando l'ha fatto giocare come seconda punta sia quando gli ha chiesto di fare l'esterno di centrocampo.

Poi ci può stare che ne risenta il rendimento del giocatore che di conseguenza cerca di più la giocata e si innervosisce perché non rende e non riesce più a dare l'apporto di prima.

Altro discorso importante da fare. Se parliamo di una situazione isolata allora  il problema è del singolo ma se il calo di rendimento è diffuso non si può buttare la croce addosso a uno solo.

Re:24 - Lorenzo Insigne
« Risposta #394 il: 13 Ottobre, 2019, 14:23:18 pm »
Va detto che Insigne ha sempre accettato le scelte dell'allenatore. Sia quando l'ha fatto giocare come seconda punta sia quando gli ha chiesto di fare l'esterno di centrocampo.

Poi ci può stare che ne risenta il rendimento del giocatore che di conseguenza cerca di più la giocata e si innervosisce perché non rende e non riesce più a dare l'apporto di prima.

Altro discorso importante da fare. Se parliamo di una situazione isolata allora  il problema è del singolo ma se il calo di rendimento è diffuso non si può buttare la croce addosso a uno solo.
:look:
Mi pare sia l'unico, fra quelli attualmente in rosa, che abbia chiesto di giocare in una determinata posizione, peraltro dopo aver dichiarato, in passato, di essere contento della nuova, da seconda punta, o che abbia chiesto apertamente all'allenatore, in una specifica occasione, il motivo di una sostituzione...

Non si tratta di "buttare la croce addosso a uno solo".
« Ultima modifica: 13 Ottobre, 2019, 14:27:23 pm da peppemassa »
«Non puoi fare una granita senza il ghiaccio», C. Ancelotti

Re:24 - Lorenzo Insigne
« Risposta #395 il: 13 Ottobre, 2019, 22:26:51 pm »
Zeman sosteneva che Insigne dovesse giocare vicino alla porta.

Inviato dal mio SM-A405FN utilizzando Tapatalk


Re:24 - Lorenzo Insigne
« Risposta #396 il: 13 Ottobre, 2019, 22:40:36 pm »
Zeman sosteneva che Insigne dovesse giocare vicino alla porta.

Inviato dal mio SM-A405FN utilizzando Tapatalk


Ma Ancelotti ha bisogno di un giocatore che occupi una posizione diversa e se Insigne vuole giocare non deve fare altro che adeguarsi. Tanti giocatori cambiano posizione in campo mantenendo comunque un buon rendimento o addirittura migliorandolo. Non si capisce perché non possa farlo anche Insigne. Tra l'altro, non è che tutti lo abbiano fatto giocare come Zeman o Sarri.
«Non puoi fare una granita senza il ghiaccio», C. Ancelotti

Re:24 - Lorenzo Insigne
« Risposta #397 il: 13 Ottobre, 2019, 23:58:28 pm »
:look:
Mi pare sia l'unico, fra quelli attualmente in rosa, che abbia chiesto di giocare in una determinata posizione, peraltro dopo aver dichiarato, in passato, di essere contento della nuova, da seconda punta, o che abbia chiesto apertamente all'allenatore, in una specifica occasione, il motivo di una sostituzione...

Non si tratta di "buttare la croce addosso a uno solo".
Hysaj ha detto che non vuole giocare centrale.
Zielinski ha detto che è una mezz'ala.
Milik ha detto che è un centravanti e ha addirittura indicato i compagni di reparto che vorrebbe.

Poi di preciso quale uscita fuori luogo avrebbe avuto Insigne?
Non è immune da colpe però oggettivamente c'è un certo accanimento nei suoi confronti da parte di molti tifosi.

Re:24 - Lorenzo Insigne
« Risposta #398 il: 14 Ottobre, 2019, 06:06:48 am »
Hysaj ha detto che non vuole giocare centrale.
Zielinski ha detto che è una mezz'ala.
Milik ha detto che è un centravanti e ha addirittura indicato i compagni di reparto che vorrebbe.

Poi di preciso quale uscita fuori luogo avrebbe avuto Insigne?
Non è immune da colpe però oggettivamente c'è un certo accanimento nei suoi confronti da parte di molti tifosi.
Hysaj non l’ho nemmeno calcolato: è rimasto per sbaglio ed è destinato a essere ceduto appena possibile.

A Milik, se non erro, hanno chiesto dove si trova meglio e lui ha risposto “al centro dell’attacco”. Mi pare non sia paragonabile allo sfinimento sulla posizione di Insigne e sul fatto che renderebbe meglio giocando alto a sinistra, con meno compiti difensivi.

Zielinski gioca dove capita: manca poco che sia schierato in porta e non mi pare si lamenti. Semmai ci lamentiamo noi tifosi, perché così ha smarrito le sue  peculiarità e rende molto meno rispetto a ciò che ci si aspetterebbe. Anche nel suo caso, a domanda precisa su quale sia il ruolo preferito ha risposto, ma la cosa è morta lì. Purtroppo ultimamente gioca una mezza schifezza in qualsiasi posizione.

In quanto alle uscite fuori luogo di Insigne: mi basterebbe la sparata di ca**o della scorsa stagione quando si lamentò apertamente con l’allenatore che lo aveva sostituito. E non era la prima volta che aveva una reazione del genere (lo ha fatto anche con altri allenatori). Al carico si aggiungano anche le dichiarazioni del fratello al quale non ha detto di farsi i fatti suoi. Questo per quello che appare. Potrei continuare, ma non ne vale la pena.

Per quanto concerne la tribuna a Genk, io sarei veramente curioso di sapere come mai non fosse nemmeno in panchina. L’allenatore dice che lo aveva visto “poco brillante in allenamento”. Per me significa che non si era allenato come doveva. Ma si sa, io sono considerato come uno prevenuto nei suoi confronti. Forse è pure vero, non lo so, ma a me pare che ci sia troppa gente sempre pronta a giustificarlo, qualsiasi cosa dica o faccia. Io sostengo che goda di un pregiudizio positivo presso stampa e addetti ai lavori (e anche presso tanti tifosi, almeno su questo forum), basato sul riconoscimento di un talento che però spesso non trova modo di esprimersi concretamente in campo: si mangia un gol, sbaglia un passaggio banale innescando il contropiede degli avversari, tira fiaccamente in porta invece di appoggiare a uno dei due compagni liberi sui lati, fa un colpo di tacco melenso e sterile a centrocampo, regalando palla agli avversari, non corre come dovrebbe, tira indietro la gamba, eppure basta uno stop sulla nostra trequarti, un tocco di classe senza alcun risultato pratico, per far emettere esclamazioni di gaudio a telecronisti e commentatori per la “grande tecnica” di Insigne.

Qualcuno menzionava anche le critiche per rigori sbagliati: io non c’entro. Un rigore lo possono sbagliare tutti, anche i migliori. Per me Insigne li tira meglio di Mertens. Ha più varietà di colpi dal dischetto ed è capace di non farsi condizionare dalla tensione anche se il rigore arriva in un momento difficile.

Insigne ha la sindrome di Calimero: invece di incupirsi, di fare la vittima, si dia una mossa, si impegni il più possibile, si imponga giocando al massimo delle sue potenzialità. Sono sicuro che facendo così avrebbe sempre il pubblico dalla sua parte, anche se i risultati non fossero paragonabili a quelli ottenuti giocando nella zona che preferisce (dimenticando che anche in quel ruolo ci sono stati alti e bassi e che giocava insieme a gente che ora non c’è più, come Hamsik, o che non può più offrirgli il medesimo sostegno, come Ghoulam).

Al momento risulta essere un talento sprecato. Molti danno la colpa all’allenatore, ma io non sono sicuro che sia così e che per un giocatore determinante solo ogni tanto si debba tentare di rimodellare una squadra, che ha già problemi di suo.

Mi scuso per il papiello, ma tentavo di essere esaustivo. Per bilanciare, mi asterrò da commenti su Insigne per un po’ di tempo.
 ;)
« Ultima modifica: 14 Ottobre, 2019, 06:09:24 am da peppemassa »
«Non puoi fare una granita senza il ghiaccio», C. Ancelotti

Offline Amnes

Re:24 - Lorenzo Insigne
« Risposta #399 il: 14 Ottobre, 2019, 09:52:35 am »
Non sono per niente d’accordo, Hamsik con Benitez faceva proprio un altro ruolo non era un discorso di 20-30 metri.
Insigne tra esterno del 4-33 e esterno del 4-4-2 ha gli stessi identici compiti, e veramente solo questione di 20 metri, poi ha la libertà di inventare.

Sia chiaro, per me insigne e un valore aggiunto nel napoli ma non credo assolutamente che il suo problema sia di natura tattica

fa differenza invece
20 metri spostati più dietro non può fare quello che gli riesce meglio, o per essere più precisi, se arriva a farlo lo può fare solo dopo aver saltato qualche uomo (che non è propriamente il suo marchio di fabbrica)





Online p4ppo

Re:24 - Lorenzo Insigne
« Risposta #400 il: 14 Ottobre, 2019, 09:53:22 am »
fa differenza invece
20 metri spostati più dietro non può fare quello che gli riesce meglio, o per essere più precisi, se arriva a farlo lo può fare solo dopo aver saltato qualche uomo (che non è propriamente il suo marchio di fabbrica)



ma se è così, allora è un giocatore mediocre, cosa che non è

Re:24 - Lorenzo Insigne
« Risposta #401 il: 14 Ottobre, 2019, 11:03:11 am »

In quanto alle uscite fuori luogo di Insigne: mi basterebbe la sparata di ca**o della scorsa stagione quando si lamentò apertamente con l’allenatore che lo aveva sostituito. E non era la prima volta che aveva una reazione del genere (lo ha fatto anche con altri allenatori). Al carico si aggiungano anche le dichiarazioni del fratello al quale non ha detto di farsi i fatti suoi. Questo per quello che appare. Potrei continuare, ma non ne vale la pena.

Per quanto concerne la tribuna a Genk, io sarei veramente curioso di sapere come mai non fosse nemmeno in panchina. L’allenatore dice che lo aveva visto “poco brillante in allenamento”. Per me significa che non si era allenato come doveva. Ma si sa, io sono considerato come uno prevenuto nei suoi confronti. Forse è pure vero, non lo so, ma a me pare che ci sia troppa gente sempre pronta a giustificarlo, qualsiasi cosa dica o faccia. Io sostengo che goda di un pregiudizio positivo presso stampa e addetti ai lavori (e anche presso tanti tifosi, almeno su questo forum), basato sul riconoscimento di un talento che però spesso non trova modo di esprimersi concretamente in campo: si mangia un gol, sbaglia un passaggio banale innescando il contropiede degli avversari, tira fiaccamente in porta invece di appoggiare a uno dei due compagni liberi sui lati, fa un colpo di tacco melenso e sterile a centrocampo, regalando palla agli avversari, non corre come dovrebbe, tira indietro la gamba, eppure basta uno stop sulla nostra trequarti, un tocco di classe senza alcun risultato pratico, per far emettere esclamazioni di gaudio a telecronisti e commentatori per la “grande tecnica” di Insigne.

Insigne ha la sindrome di Calimero: invece di incupirsi, di fare la vittima, si dia una mossa, si impegni il più possibile, si imponga giocando al massimo delle sue potenzialità. Sono sicuro che facendo così avrebbe sempre il pubblico dalla sua parte, anche se i risultati non fossero paragonabili a quelli ottenuti giocando nella zona che preferisce (dimenticando che anche in quel ruolo ci sono stati alti e bassi e che giocava insieme a gente che ora non c’è più, come Hamsik, o che non può più offrirgli il medesimo sostegno, come Ghoulam).

Al momento risulta essere un talento sprecato. Molti danno la colpa all’allenatore, ma io non sono sicuro che sia così e che per un giocatore determinante solo ogni tanto si debba tentare di rimodellare una squadra, che ha già problemi di suo.

Io ti ho fatto l'esempio di alcuni giocatori spostati dal loro ruolo di origine che hanno detto la parolina sul cambio.
Tu parli di "sfinimento" invece per Insigne.Ma effettivamente quante volte si è lamentato in pubblico della posizione?Qua pare che a ogni post partita stia lì a rimarcare la cosa quando invece il suo comportamento è molto simile a quello dei compagni.

Anche sulle uscite fuori luogo non sono molto d'accordo perché mi citi un'incazzatura per una sostituzione o una parola fuori luogo ma ripeto sono cose isolate.Isolate perché con Sarri in tre anni si è lamentato una volta (contro la juve)e l'anno scorso una volta con Ancelotti.

Su Genk la cosa invece mi sembra chiarissima.Si è allenato male e l'allenatore l'ha voluto punire e usarlo come esempio anche con gli altri.Se siete svogliati andate in tribuna indipendentemente dal vostro cognome.Detto questo poi la partita dopo l'ha fatto giocare titolare.
Anche questo è un caso isolato perché a Insigne capiterà una o due volte all'anno di allenarsi in maniera tanto svogliata da portare l'allenatore a tenerlo fuori (addirittura in tribuna in questo caso).

Sono d'accordo invece con chi scrive che ha perso una grande occasione di crescita con Ancelotti quando ha chiesto di essere spostato di nuovo sulla sinistra.Nel momento di difficoltà ha preferito rifugiarsi nel ruolo che lo faceva sentire più sicuro rinunciando così a una crescita personale e professionale.

In conclusione io non imputo colpe particolari a Insigne o ad Ancelotti però oggettivamente mi sembra che ci sia un accanimento eccessivo nei confronti del giocatore.Anche allo stadio si percepisce evidentemente.Al primo errore di Insigne partono subito i mugugni ad altri invece sono abbonati almeno i primi 2-3 errori.

Offline Amnes

Re:24 - Lorenzo Insigne
« Risposta #402 il: 14 Ottobre, 2019, 11:11:10 am »
ma se è così, allora è un giocatore mediocre, cosa che non è

quello che dici è giusto
ma un calciatore per essere incisivo per davvero deve essere messo nelle condizioni di poterlo fare
magari ci vuole più tempo per assimilarlo e la convinzione, che probabilmente Lorenzo ora non ha

Insigne è forte, molto, ma non è un fuoriclasse che gli puoi mettere a fare qualsiasi cosa. Di quelli ce ne sono pochi.



Re:24 - Lorenzo Insigne
« Risposta #403 il: 14 Ottobre, 2019, 11:25:08 am »
Insigne è forte, molto, ma non è un fuoriclasse che gli puoi mettere a fare qualsiasi cosa. Di quelli ce ne sono pochi.
E detto tra noi anche se lo rimetti esterno sinistro d'attacco nel 4-3-3 non è la stessa cosa di prima perché prima dialogava con Ghoulam e Hamsik e adesso si ritroverebbe Zielinski e Mario Rui.

Re:24 - Lorenzo Insigne
« Risposta #404 il: 14 Ottobre, 2019, 11:29:30 am »
E detto tra noi anche se lo rimetti esterno sinistro d'attacco nel 4-3-3 non è la stessa cosa di prima perché prima dialogava con Ghoulam e Hamsik e adesso si ritroverebbe Zielinski e Mario Rui.

Sì, esattamente quello che sostenevo io l'altro giorno. Concordo con te pure con gli attacchi più frequenti a lui allo stadio al primo errore. Questo ovviamente, rispettando l'analisi di @peppemassa, che però non mi trova d'accordo quando dice che Insigne gode di buona stampa. Secondo me in sintesi, i tifosi del Napoli si aspettano più di quanto lui sia in grado realmente di dare, sia per limiti di fisicità che di carattere. Basterebbe riconoscere la sua vera forza (e la sua mediocrità in alcuni momenti) per avere un atteggiamento più tranquillo nei suoi riguardi e contribuire così a una reciproca tranquillità che spero diventi proficua anche dal punto di vista dei risultati.
Ancelotti crumiro!