Napoli Network - Il Forum sul Calcio Napoli
Il primo Forum sul Calcio Napoli!

È morto David Bowie

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

È morto David Bowie
« il: 11 Gennaio, 2016, 08:41:18 am »
Si è spento il duca bianco a 69 anni a causa di un cancro.
Mi sembrava giusto tributargli un saluto.

RIP leggenda.
"IN THE MAZE OF HER IMAGINATION"

#liberailnapoli


ROCK 'N ROLL STOPS THE TRAFFIC

Re:È morto David Bowie
« Risposta #1 il: 11 Gennaio, 2016, 08:59:46 am »
un grande !

RIP


Re:È morto David Bowie
« Risposta #2 il: 11 Gennaio, 2016, 09:54:19 am »
mamma mia quanto mi dispiace, uno dei miei musicisti preferiti, i suoi album li so a memoria, autore veramente POP ,nel senso nobile del termine.

R.I.P. David

VINCEREMO COSI' TANTO, AVREMO VITTORIE ,DOPO VITTORIE, DOPO VITTORIE
VI STUFERETE A MORTE DI VINCERE
VERRETE DA ME E DIRETE : "PER FAVORE, PER FAVORE PRESIDENTE QUAID, NON RIUSCIAMO A SOPPORTARE COSI' TANTE VITTORIE! PER FAVORE BASTA, NON VOGLIAMO PIU' VINCERE!"
E IO VI RISPONDERO' :"VINCEREMO, NON M'IMPORTA DI QUELLO CHE DITE, RENDEREMO IL NOSTRO FORUM GRANDE DI NUOVO, VINCEREMO, VINCEREMO, E VINCEREMO!"

Re:È morto David Bowie
« Risposta #3 il: 11 Gennaio, 2016, 10:16:41 am »
Aveva rilasciato da poco il suo ultimo bellissimo e struggente album, Blackstar. Lo stavo ascoltando a ripetizione da giorni. Brutta notizia stamattina. Se altri vanno in cielo, sono sicuro che lui è tornato su Marte.
Io penso che con diciotto persone si possa fare un colpo di stato e prendere il potere (il compagno Maurizio Sarri)

Re:È morto David Bowie
« Risposta #4 il: 11 Gennaio, 2016, 13:58:05 pm »
Per voi verginelli che perdete il tempo con Beatles e led zeppelin, leggetevi i suoi testi senza neanche troppi sforzi, tipo quicksand:

"
I'm closer to the Golden Dawn 
Immersed in Crowley's uniform 
Of imagery "

:asd:
Il tifoso juventino è apolide, delocalizzato, trapiantato, infiltrato, sempre ospite e mai padrone. non ha appartenenza toponomastica, non ha città, si annida ovunque. esso (sottolineo: esso) diventa tale per mancanza di legame alla sua terra, si lega alla squadra vincente, che diventa l'orfanotrofio degli sfigati. Si sa il matrimonio con la squadra del cuore e' indissolubile, ma quello juventino e' un matrimonio di interesse. Per loro la vittoria non sara' mai goduta, vivendo da infiltrato, non potrà mai gioire. E' degno rappresentante dell'Italia che truffa e ruba e sventola, di nascosto ovviamente, i colori più brutti del mondo.

La mattina andammo a fare riscaldamento al San Paolo, Carlos (Tevez) mi parlava di questo stadio, ma io che ho giocato nel Barça mi dicevo, che sarà mai! Eppure quando misi piede su quel campo sentii un qualcosa di magico, di diverso. La sera quando ci fu l’inno della Champions, vedendo 80.000 persone fischiarci mi resi conto in che guaio ci eravamo messi! Qualche partita importante nella mia carriera l’ho giocata, ma quando sentii quell’urlo fu la prima volta che mi tremarono le gambe! Bene, fu li che mi resi conto che questa non e’ una solo squadra per loro, questo e’ un amore viscerale, come quello che c’è tra una madre ed un figlio! Fu l’unica volta che dopo aver perso rimasi in campo per godermi lo spettacolo!”

Re:È morto David Bowie
« Risposta #5 il: 11 Gennaio, 2016, 14:02:12 pm »
Per voi verginelli che perdete il tempo con Beatles e led zeppelin, leggetevi i suoi testi senza neanche troppi sforzi, tipo quicksand:

"
I'm closer to the Golden Dawn
Immersed in Crowley's uniform
Of imagery "

:asd:
Io ti farei leggere i testi di Peter Sinfield così getteresti nell'immondizia tutti i dischi che hai. :D

Scherzi a parte, ho visto Bowie dal vivo nel 1998. Un vero animale da palco anche se la sua musica non mi fa impazzire. E poi uno che ha suonato con Robert Fripp merita il mio rispetto.

Re:È morto David Bowie
« Risposta #6 il: 11 Gennaio, 2016, 14:04:11 pm »
No, aspetta. A me non faceva impazzire Bowie, riprendevo esclusivamente un discorso fatto sul forum tempo fa su messaggi (per nulla) nascosti.
Il tifoso juventino è apolide, delocalizzato, trapiantato, infiltrato, sempre ospite e mai padrone. non ha appartenenza toponomastica, non ha città, si annida ovunque. esso (sottolineo: esso) diventa tale per mancanza di legame alla sua terra, si lega alla squadra vincente, che diventa l'orfanotrofio degli sfigati. Si sa il matrimonio con la squadra del cuore e' indissolubile, ma quello juventino e' un matrimonio di interesse. Per loro la vittoria non sara' mai goduta, vivendo da infiltrato, non potrà mai gioire. E' degno rappresentante dell'Italia che truffa e ruba e sventola, di nascosto ovviamente, i colori più brutti del mondo.

La mattina andammo a fare riscaldamento al San Paolo, Carlos (Tevez) mi parlava di questo stadio, ma io che ho giocato nel Barça mi dicevo, che sarà mai! Eppure quando misi piede su quel campo sentii un qualcosa di magico, di diverso. La sera quando ci fu l’inno della Champions, vedendo 80.000 persone fischiarci mi resi conto in che guaio ci eravamo messi! Qualche partita importante nella mia carriera l’ho giocata, ma quando sentii quell’urlo fu la prima volta che mi tremarono le gambe! Bene, fu li che mi resi conto che questa non e’ una solo squadra per loro, questo e’ un amore viscerale, come quello che c’è tra una madre ed un figlio! Fu l’unica volta che dopo aver perso rimasi in campo per godermi lo spettacolo!”

Re:È morto David Bowie
« Risposta #7 il: 11 Gennaio, 2016, 14:14:49 pm »
ho sentito tutto di bowie, almeno fino a let's dance, diciamo inizio anni 80, poi forse solo le canzoni famose mandate in onda, parlando dei suoi album anni 70, a me piaceva diamond dogs, che non è considerato per niente il suo miglior disco

Offline un gatto

Re:È morto David Bowie
« Risposta #8 il: 11 Gennaio, 2016, 14:16:00 pm »
ciao guascone



i faraoni però non le incrociavano così le braccia... :look:


All your base are belong to us

Re:È morto David Bowie
« Risposta #9 il: 11 Gennaio, 2016, 14:30:49 pm »
Infatti non le sta incrociando come un faraone, indica altro... :asd:
Il tifoso juventino è apolide, delocalizzato, trapiantato, infiltrato, sempre ospite e mai padrone. non ha appartenenza toponomastica, non ha città, si annida ovunque. esso (sottolineo: esso) diventa tale per mancanza di legame alla sua terra, si lega alla squadra vincente, che diventa l'orfanotrofio degli sfigati. Si sa il matrimonio con la squadra del cuore e' indissolubile, ma quello juventino e' un matrimonio di interesse. Per loro la vittoria non sara' mai goduta, vivendo da infiltrato, non potrà mai gioire. E' degno rappresentante dell'Italia che truffa e ruba e sventola, di nascosto ovviamente, i colori più brutti del mondo.

La mattina andammo a fare riscaldamento al San Paolo, Carlos (Tevez) mi parlava di questo stadio, ma io che ho giocato nel Barça mi dicevo, che sarà mai! Eppure quando misi piede su quel campo sentii un qualcosa di magico, di diverso. La sera quando ci fu l’inno della Champions, vedendo 80.000 persone fischiarci mi resi conto in che guaio ci eravamo messi! Qualche partita importante nella mia carriera l’ho giocata, ma quando sentii quell’urlo fu la prima volta che mi tremarono le gambe! Bene, fu li che mi resi conto che questa non e’ una solo squadra per loro, questo e’ un amore viscerale, come quello che c’è tra una madre ed un figlio! Fu l’unica volta che dopo aver perso rimasi in campo per godermi lo spettacolo!”

Offline Zero

Re:È morto David Bowie
« Risposta #10 il: 11 Gennaio, 2016, 14:35:47 pm »
Non sapevo molto di lui ma lui sembra molto eloquente.

Il mio gruppo preferito power metal, gli edguy, che ho ascoltato a memoria per oltre un decennio, pochi mesi fa mi so accorto dei loro testi che ripetevo a memoria, dalla canzone "golden dawn a new age has begun" all'album hellfire club fino a mystery of the blood red rose...

Offline un gatto

Re:È morto David Bowie
« Risposta #11 il: 11 Gennaio, 2016, 14:41:25 pm »
Infatti non le sta incrociando come un faraone, indica altro... :asd:
:ok:


All your base are belong to us

Offline Zero

Re:È morto David Bowie
« Risposta #12 il: 11 Gennaio, 2016, 14:45:51 pm »
il serpente in testa è..... cioè...... io non penso di essere degno di mettermi il serpente domato in testa.... me cojoni.... deve essere stato un tipo simpatico :look:

Re:È morto David Bowie
« Risposta #13 il: 11 Gennaio, 2016, 14:48:34 pm »
MUSICALMENTE un genio , pochi cazzi, aldilà dei testi, ha avuto le palle di sperimentare tutto senza essere mai banale, non c'è stato genere che non abbia toccato, compreso l'elettronica pura.


VINCEREMO COSI' TANTO, AVREMO VITTORIE ,DOPO VITTORIE, DOPO VITTORIE
VI STUFERETE A MORTE DI VINCERE
VERRETE DA ME E DIRETE : "PER FAVORE, PER FAVORE PRESIDENTE QUAID, NON RIUSCIAMO A SOPPORTARE COSI' TANTE VITTORIE! PER FAVORE BASTA, NON VOGLIAMO PIU' VINCERE!"
E IO VI RISPONDERO' :"VINCEREMO, NON M'IMPORTA DI QUELLO CHE DITE, RENDEREMO IL NOSTRO FORUM GRANDE DI NUOVO, VINCEREMO, VINCEREMO, E VINCEREMO!"

Re:È morto David Bowie
« Risposta #14 il: 11 Gennaio, 2016, 15:23:01 pm »
il serpente in testa è..... cioè...... io non penso di essere degno di mettermi il serpente domato in testa.... me cojoni.... deve essere stato un tipo simpatico :look:
Neanche il copricapo è quello da faraone, si lega piuttosto alla posizione di bowie.
Il tifoso juventino è apolide, delocalizzato, trapiantato, infiltrato, sempre ospite e mai padrone. non ha appartenenza toponomastica, non ha città, si annida ovunque. esso (sottolineo: esso) diventa tale per mancanza di legame alla sua terra, si lega alla squadra vincente, che diventa l'orfanotrofio degli sfigati. Si sa il matrimonio con la squadra del cuore e' indissolubile, ma quello juventino e' un matrimonio di interesse. Per loro la vittoria non sara' mai goduta, vivendo da infiltrato, non potrà mai gioire. E' degno rappresentante dell'Italia che truffa e ruba e sventola, di nascosto ovviamente, i colori più brutti del mondo.

La mattina andammo a fare riscaldamento al San Paolo, Carlos (Tevez) mi parlava di questo stadio, ma io che ho giocato nel Barça mi dicevo, che sarà mai! Eppure quando misi piede su quel campo sentii un qualcosa di magico, di diverso. La sera quando ci fu l’inno della Champions, vedendo 80.000 persone fischiarci mi resi conto in che guaio ci eravamo messi! Qualche partita importante nella mia carriera l’ho giocata, ma quando sentii quell’urlo fu la prima volta che mi tremarono le gambe! Bene, fu li che mi resi conto che questa non e’ una solo squadra per loro, questo e’ un amore viscerale, come quello che c’è tra una madre ed un figlio! Fu l’unica volta che dopo aver perso rimasi in campo per godermi lo spettacolo!”