Napoli Network - Il Forum sul Calcio Napoli
Il primo Forum sul Calcio Napoli!

Gli esorcismi di Gesù

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Re:Gli esorcismi di Gesù
« Risposta #15 il: 01 Ottobre, 2014, 21:39:10 pm »
è un "ambiente" variegato, come il nostro del resto. Il Vangelo li descrive, infatti, in maniera altrettanto variegata, e quelli molto potenti operano nel mentale inferiore: hai presente il Mefistofele del Faust? quello ne è il Principe.


La bussola, comunque, è sempre la Temperanza.

Ce ne sono poi di subdoli, che operano nel subconscio; quelli delle fobie di ogni sorta, del fanatismo...

Re:Gli esorcismi di Gesù
« Risposta #16 il: 01 Ottobre, 2014, 21:44:35 pm »
è un "ambiente" variegato, come il nostro del resto. Il Vangelo li descrive, infatti, in maniera altrettanto variegata, e quelli molto potenti operano nel mentale inferiore: hai presente il Mefistofele del Faust? quello ne è il Principe.


La bussola, comunque, è sempre la Temperanza.

Ce ne sono poi di subdoli, che operano nel subconscio; quelli delle fobie di ogni sorta, del fanatismo...

Certo. Il fatto è che io li percepisco come un'insieme di attività, ispirate da forze del male (detto rozzamente),  che rendono prigionieri gli uomini. Tu, a quanto pare, attribuisci loro vera e propria personalità...O no?

Gli esorcismi di Gesù
« Risposta #17 il: 01 Ottobre, 2014, 21:48:54 pm »
A me interesserebbe,se non è troppo OT,capire come un uomo può capire il suo passato,perché oggi è così,scoprire da cosa dipende l'attuale condizione.

Ricordo che tu stesso in passato parlasti di una musica in lontananza che ti risuonava nella mente...
"IN THE MAZE OF HER IMAGINATION"

#liberailnapoli


ROCK 'N ROLL STOPS THE TRAFFIC

Re:Gli esorcismi di Gesù
« Risposta #18 il: 01 Ottobre, 2014, 22:04:21 pm »
Certo. Il fatto è che io li percepisco come un'insieme di attività, ispirate da forze del male (detto rozzamente),  che rendono prigionieri gli uomini. Tu, a quanto pare, attribuisci loro vera e propria personalità...O no?


sì, peppe, sono forme di esistenza intelligenti, non c'è alcun dubbio a riguardo, da quella più animalesca, che lo è meno, alla più elevata che raggiunge la mente. Queste sono "toste" sul serio da vincere, sono l'ultima barriera, quella che affrontò Gesù nei 40 giorni nel deserto (simbolicamente, ovviamente). E' l'ultima sfida, e se non sei preparato... perdi definitivamente. Meglio non arrivarci a quella se non si è pronti, ma non ne voglio parlare... potrei alimentare fobie che non devono esistere, non è una sfida che può immaginare chiunque, e nessuno deve provarci se non certo di poterlo fare, ed è un incosciente se non è certissimo di ciò che fa e, soprattutto, che ha al suo fianco... l'Arcangelo Michele.

Re:Gli esorcismi di Gesù
« Risposta #19 il: 01 Ottobre, 2014, 22:10:37 pm »
A me interesserebbe,se non è troppo OT,capire come un uomo può capire il suo passato,perché oggi è così,scoprire da cosa dipende l'attuale condizione.

Ricordo che tu stesso in passato parlasti di una musica in lontananza che ti risuonava nella mente...

mattia, puoi capire il karma, quello sì, anzi devi assolutamente sforzarti di riuscirci. Conoscere tue esistenze precedenti a questa è impossibile, e chi dice diversamente mente o consapevolmente o inconsapevolmente... per poterci riuscire dovresti essere oramai un Saggio, un Eletto, ma già staresti nel Mentale, su un altro piano d'esistenza e questa vita la condurresti soltanto per completare quanto devi per gli altri, come missione.

Re:Gli esorcismi di Gesù
« Risposta #20 il: 01 Ottobre, 2014, 22:32:58 pm »

sì, peppe, sono forme di esistenza intelligenti, non c'è alcun dubbio a riguardo, da quella più animalesca, che lo è meno, alla più elevata che raggiunge la mente. Queste sono "toste" sul serio da vincere, sono l'ultima barriera, quella che affrontò Gesù nei 40 giorni nel deserto (simbolicamente, ovviamente). E' l'ultima sfida, e se non sei preparato... perdi definitivamente. Meglio non arrivarci a quella se non si è pronti, ma non ne voglio parlare... potrei alimentare fobie che non devono esistere, non è una sfida che può immaginare chiunque, e nessuno deve provarci se non certo di poterlo fare, ed è un incosciente se non è certissimo di ciò che fa e, soprattutto, che ha al suo fianco... l'Arcangelo Michele.

Cosa ritieni simboleggi il deserto?

Re:Gli esorcismi di Gesù
« Risposta #21 il: 01 Ottobre, 2014, 22:42:10 pm »
Cominciamo? :look:

Riporto passi vari dal Nuovo Testamento, prima di passare ai sinottici, per sottolinearne l'importanza. Solo negli Atti, in coda a questo post, c'è allegoria e simbolismo, va compreso. Non lo approfondirò, ma leggerete del Battesimo con l'Acqua e nello Spirito, il primo monda ed il secondo purifica. Senza il primo non è mai possibile che avvenga il secondo, è sempre propedeutico ma non è detto che poi effettivamente ci sarà, senza il secondo non è possibile iniziare la ri-salita.

Nella religione cattolica di oggi, col primo simbolicamente si caccerebbe il maligno e si cancellerebbe il peccato originale, il secondo è la Cresima.

Lettere di Pietro, 1, 5-8

“Siate temperanti, vigilate. Il vostro nemico, il diavolo, come leone ruggente va in giro, cercando chi divorare.”

Lettere di Giacomo, 4-7

“Sottomettetevi dunque a Dio; resistete al diavolo, ed egli fuggirà da voi.”

Lettera agli Efesini

2, 1-7

[1] Anche voi eravate morti per le vostre colpe e i vostri peccati, [2] nei quali un tempo viveste alla maniera di questo mondo, seguendo il principe delle potenze dell'aria, quello spirito che ora opera negli uomini ribelli. [3] Nel numero di quei ribelli, del resto, siamo vissuti anche tutti noi, un tempo, con i desideri della nostra carne, seguendo le voglie della carne e i desideri cattivi; ed eravamo per natura meritevoli d'ira, come gli altri. [4] Ma Dio, ricco di misericordia, per il grande amore con il quale ci ha amati, [5] da morti che eravamo per i peccati, ci ha fatti rivivere con Cristo: per grazia infatti siete stati salvati. [6] Con lui ci ha anche risuscitati e ci ha fatti sedere nei cieli, in Cristo Gesù, [7] per mostrare nei secoli futuri la straordinaria ricchezza della sua grazia mediante la sua bontà verso di noi in Cristo Gesù.

4, 26-27

[26] Nell'ira, non peccate; non tramonti il sole sopra la vostra ira, [27] e non date occasione al diavolo.

6, 11-13

[11] Rivestitevi dell'armatura di Dio, per poter resistere alle insidie del diavolo. [12] La nostra battaglia infatti non è contro creature fatte di sangue e di carne, ma contro i Principati e le Potestà, contro i dominatori di questo mondo di tenebra, contro gli spiriti del male che abitano nelle regioni celesti. [13] Prendete perciò l'armatura di Dio, perché possiate resistere nel giorno malvagio e restare in piedi dopo aver superato tutte le prove.

Atti degli Apostoli 19, 1-19

[1] Mentre Apollo era a Corinto, Paolo, attraversate le regioni dell'altopiano, giunse a Efeso. Qui trovò alcuni discepoli [2] e disse loro: "Avete ricevuto lo Spirito Santo quando siete venuti alla fede?". Gli risposero: "Non abbiamo nemmeno sentito dire che ci sia uno Spirito Santo". [3] Ed egli disse: "Quale battesimo avete ricevuto?". "Il battesimo di Giovanni", risposero. [4] Disse allora Paolo: "Giovanni ha amministrato un battesimo di penitenza, dicendo al popolo di credere in colui che sarebbe venuto dopo di lui, cioè in Gesù". [5] Dopo aver udito questo, si fecero battezzare nel nome del Signore Gesù [6] e, non appena Paolo ebbe imposto loro le mani, scese su di loro lo Spirito Santo e parlavano in lingue e profetavano. [7] Erano in tutto circa dodici uomini. [8] Entrato poi nella sinagoga, vi potè parlare liberamente per tre mesi, discutendo e cercando di persuadere gli ascoltatori circa il regno di Dio. [9] Ma poiché alcuni si ostinavano e si rifiutavano di credere dicendo male in pubblico di questa nuova dottrina, si staccò da loro separando i discepoli e continuò a discutere ogni giorno nella scuola di un certo Tiranno. [10] Questo durò due anni, col risultato che tutti gli abitanti della provincia d'Asia, Giudei e Greci, poterono ascoltare la parola del Signore. [11] Dio intanto operava prodigi non comuni per opera di Paolo,
[12] al punto che si mettevano sopra i malati fazzoletti o grembiuli che erano stati a contatto con lui e le malattie cessavano e gli spiriti cattivi fuggivano. [13] Alcuni esorcisti ambulanti giudei si provarono a invocare anch'essi il nome del Signore Gesù sopra quanti avevano spiriti cattivi, dicendo: "Vi scongiuro per quel Gesù che Paolo predica". [14] Facevano questo sette figli di un certo Sceva, un sommo sacerdote giudeo. [15] Ma lo spirito cattivo rispose loro: "Conosco Gesù e so chi è Paolo, ma voi chi siete?". [16] E l'uomo che aveva lo spirito cattivo, slanciatosi su di loro, li afferrò e li trattò con tale violenza che essi fuggirono da quella casa nudi e coperti di ferite. [17] Il fatto fu risaputo da tutti i Giudei e dai Greci che abitavano a Efeso e tutti furono presi da timore e si magnificava il nome del Signore Gesù. [18] Molti di quelli che avevano abbracciato la fede venivano a confessare in pubblico le loro pratiche magiche [19] e un numero considerevole di persone che avevano esercitato le arti magiche portavano i propri libri e li bruciavano alla vista di tutti. Ne fu calcolato il valore complessivo e trovarono che era di cinquantamila dramme d'argento.

Re:Gli esorcismi di Gesù
« Risposta #22 il: 01 Ottobre, 2014, 23:13:52 pm »
“Inizio del vangelo di Gesù, Cristo, Figlio di Dio”, e subito dopo Marco narra da 1,2 a 1,8 della predicazione di Giovanni Battista; da 1,9 a 1,11 del Battesimo di Gesù; in 1,12 dei 40 giorni nel deserto “tentato da Satana”; l'esortazione a credere nel Vangelo in 1,14 ed 1,15, dando perciò pochissimi spazio a questi avvenimenti, per poi passare alla scelta dei primi 4 discepoli “... passando lungo il mare...” con la scelta di “pescatori” che chiamati da Gesù “Venite dietro a me, vi farò diventare pescatori di uomini”, lo seguono.

 
Il mare, ci ritorneremo più volte, è emblema del tumulto delle passioni, dei pescatori lo dice Gesù , i “pesci” in quest'accezione simbolica sono i fedeli.

 
Ma leggiamo tutto il passo: Marco 1, 21-45

 

 
[21] Andarono a Cafarnao e, entrato proprio di sabato nella sinagoga, Gesù si mise ad insegnare.
[22] Ed erano stupiti del suo insegnamento, perché insegnava loro come uno che ha autorità e non come gli scribi.
[23] Allora un uomo che era nella sinagoga, posseduto da uno spirito immondo, si mise a gridare:
[24] "Che c'entri con noi, Gesù Nazareno? Sei venuto a rovinarci! Io so chi tu sei: il santo di Dio".
[25] E Gesù lo sgridò: "Taci! Esci da quell'uomo".
[26] E lo spirito immondo, straziandolo e gridando forte, uscì da lui.
[27] Tutti furono presi da timore, tanto che si chiedevano a vicenda: "Che è mai questo? Una dottrina nuova insegnata con autorità. Comanda persino agli spiriti immondi e gli obbediscono!".
[28] La sua fama si diffuse subito dovunque nei dintorni della Galilea.
[29] E, usciti dalla sinagoga, si recarono subito in casa di Simone e di Andrea, in compagnia di Giacomo e di Giovanni.
[30] La suocera di Simone era a letto con la febbre e subito gli parlarono di lei.
[31] Egli, accostatosi, la sollevò prendendola per mano; la febbre la lasciò ed essa si mise a servirli.
[32] Venuta la sera, dopo il tramonto del sole, gli portavano tutti i malati e gli indemoniati.
[33] Tutta la città era riunita davanti alla porta.
[34] Guarì molti che erano afflitti da varie malattie e scacciò molti demòni; ma non permetteva ai demòni di parlare, perché lo conoscevano.
[35] Al mattino si alzò quando ancora era buio e, uscito di casa, si ritirò in un luogo deserto e là pregava.
[36] Ma Simone e quelli che erano con lui si misero sulle sue tracce
[37] e, trovatolo, gli dissero: "Tutti ti cercano!".
[38] Egli disse loro: "Andiamocene altrove per i villaggi vicini, perché io predichi anche là; per questo infatti sono venuto!".
[39] E andò per tutta la Galilea, predicando nelle loro sinagoghe e scacciando i demòni.
[40] Allora venne a lui un lebbroso: lo supplicava in ginocchio e gli diceva: "Se vuoi, puoi guarirmi!".
[41] Mosso a compassione, stese la mano, lo toccò e gli disse: "Lo voglio, guarisci!".
[42] Subito la lebbra scomparve ed egli guarì.
[43] E, ammonendolo severamente, lo rimandò e gli disse:
[44] "Guarda di non dir niente a nessuno, ma và, presentati al sacerdote, e offri per la tua purificazione quello che Mosè ha ordinato, a testimonianza per loro".
[45] Ma quegli, allontanatosi, cominciò a proclamare e a divulgare il fatto, al punto che Gesù non poteva più entrare pubblicamente in una città, ma se ne stava fuori, in luoghi deserti, e venivano a lui da ogni parte.

 

 


 
Iniziate, se vi va, a fare le vostre domande, la lettera è chiarissima.

 

Re:Gli esorcismi di Gesù
« Risposta #23 il: 01 Ottobre, 2014, 23:53:48 pm »
Si parla di guarigioni fisiche e spirituali...C'è un nesso, quindi?

Re:Gli esorcismi di Gesù
« Risposta #24 il: 02 Ottobre, 2014, 00:13:08 am »
qui lo è, ma non sempre c'è coincidenza. Molte malattie, a quel tempo, erano ritenute conseguenti ad invasioni demoniche... oggi abbiamo completamente perso questo significato, oggi la medicina è esclusivamente un fatto chimico.

Se parlassimo della Scienza Sacra applicata alla salute del corpo non mi credereste, meglio lasciar perdere. Nonostante la grande stima e fiducia che nutrite in me, e ve ne ringrazio, al meglio restereste molto perplessi. :D


Chi possiede la Scienza Sacra, è un anche un medico (non nel senso profano del termine) e non a caso anticamente si appellava lui Dottore, in quanto era ritenuto il Dotto per eccellenza, colui che possedeva la Scienza non la scienza. La medicina oggi si è allontanata da quella, a ragione sotto certi versi a grave torto sotto altri. Il sacerdote era il medico, altrettanto lo sciamano, i Druidi, i Sacerdoti egizi etc. etc. Oggi c'è lo specialista del fegato, o della cistifellea, o del pelo incarnato... un tempo c'era chi conosceva l'uomo nella sua interezza.




Re:Gli esorcismi di Gesù
« Risposta #25 il: 02 Ottobre, 2014, 00:17:59 am »
Sono tante le domande... :look: la prima qual é il passo in cui c‘é scritto nei Vangeli che ogni azione porta delle conseguenze (non riesco a quotare sono con tapatalk). Perché ho la sgradevole sensazione di non voler superare alcuni vizi? É difficile da spiegare ci provo: so che fumare é un vizio che mi “ancora“ al mondo, e nonostante non abbia piú la dipendenza dalla nicotina, se sono in compagnia, o in determinati contesti, fumo con piacere. Discorso simile si puó fare con l‘ingordigia, la lussuria, ecc. Infine il battesimo in Spirito Santo, perché puó avvenire solo dopo quello in acqua? Come scrissi tempo fa, sto frequentando una chiesa evangelica, e ho avuto modo di conoscere persone che sono state battezzate in Spirito Santo prima del battesimo in acqua. C'é da dire che loro il battesimo in acqua lo intendono come acccettazione di Gesu, non come “strumento di pulizia“, ma comunque lo hanno ricevuto prima del battesimo in acqua. A meno che nin basti solo l‘intenzione di voler vivere una vita pulita per elevarsi per ottenere anche il dono del battesimo in Spirito Santo. Spero di essere stato chiaro, faccio una fatica immane a esprimere questi concetti anche a voce, immaginate scriverli...

Re:Gli esorcismi di Gesù
« Risposta #26 il: 02 Ottobre, 2014, 00:28:28 am »
Sono tante le domande... :look: la prima qual é il passo in cui c‘é scritto nei Vangeli che ogni azione porta delle conseguenze (non riesco a quotare sono con tapatalk). Perché ho la sgradevole sensazione di non voler superare alcuni vizi? É difficile da spiegare ci provo: so che fumare é un vizio che mi “ancora“ al mondo, e nonostante non abbia piú la dipendenza dalla nicotina, se sono in compagnia, o in determinati contesti, fumo con piacere. Discorso simile si puó fare con l‘ingordigia, la lussuria, ecc. Infine il battesimo in Spirito Santo, perché puó avvenire solo dopo quello in acqua? Come scrissi tempo fa, sto frequentando una chiesa evangelica, e ho avuto modo di conoscere persone che sono state battezzate in Spirito Santo prima del battesimo in acqua. C'é da dire che loro il battesimo in acqua lo intendono come acccettazione di Gesu, non come “strumento di pulizia“, ma comunque lo hanno ricevuto prima del battesimo in acqua. A meno che nin basti solo l‘intenzione di voler vivere una vita pulita per elevarsi per ottenere anche il dono del battesimo in Spirito Santo. Spero di essere stato chiaro, faccio una fatica immane a esprimere questi concetti anche a voce, immaginate scriverli...


sono talmente tanti i passi del Vangelo che dicono che dalle proprie azioni scaturiscono delle conseguenze che non saprei... te ne posso citare a decine e decine. :D

intendi forse del "karma"? di Gesù che traccia dei segni sulla terra nell'episodio della prostituta che volevano lapidare: "chi è senza peccato scagli la prima pietra?"


non conosco i riti evangelici, ma se il "fuoco" purifica e l'acqua "monda", capirai che non è possibile prima purificare e poi mondare. A parte questo, non puoi prima purificarti e poi nascere, ti pare?

E comunque, non avviene così nei Vangeli, lo Spirito Santo certamente scende dopo, ed è lui il "Consolatore" per chi è prima nato, e poi è sposo in Cristo. :)

Re:Gli esorcismi di Gesù
« Risposta #27 il: 02 Ottobre, 2014, 01:10:24 am »
qui lo è, ma non sempre c'è coincidenza. Molte malattie, a quel tempo, erano ritenute conseguenti ad invasioni demoniche... oggi abbiamo completamente perso questo significato, oggi la medicina è esclusivamente un fatto chimico.

Se parlassimo della Scienza Sacra applicata alla salute del corpo non mi credereste, meglio lasciar perdere. Nonostante la grande stima e fiducia che nutrite in me, e ve ne ringrazio, al meglio restereste molto perplessi. :D


Chi possiede la Scienza Sacra, è un anche un medico (non nel senso profano del termine) e non a caso anticamente si appellava lui Dottore, in quanto era ritenuto il Dotto per eccellenza, colui che possedeva la Scienza non la scienza. La medicina oggi si è allontanata da quella, a ragione sotto certi versi a grave torto sotto altri. Il sacerdote era il medico, altrettanto lo sciamano, i Druidi, i Sacerdoti egizi etc. etc. Oggi c'è lo specialista del fegato, o della cistifellea, o del pelo incarnato... un tempo c'era chi conosceva l'uomo nella sua interezza.

Discutiamo di cose che il mondo considera patrimonio di matti e fanatici...Io posso credere o meno in ciò che scrivi; posso comprendere o meno ciò che sostieni, ma certamente non ti darei del matto  :D

Re:Gli esorcismi di Gesù
« Risposta #28 il: 02 Ottobre, 2014, 03:00:32 am »
Discutiamo di cose che il mondo considera patrimonio di matti e fanatici...Io posso credere o meno in ciò che scrivi; posso comprendere o meno ciò che sostieni, ma certamente non ti darei del matto  :D


questo mi rallegra molto :D

La cosa, però, che mi intristisce sai qual'è? Che, dopo i Rosa+Croce e gli ultimi veri teosofi (non secondo l'accezione usurpata dalla Blavatsky e dai suoi seguaci) come Swedenborg (XVIII secolo) i Vangeli sono o ignorati o disprezzati da moltissimi tra coloro che sostengono di seguire la Via della Tradizione (eccetto Steiner la cui interpretazione dei Vangeli spesso non condivido, e peraltro ritengo che la sua dottrina non ha proprio nulla di realmente iniziatico né di tradizionale) e questo la dice lunga, a mio parere, sulla degenerazione dei tempi. Ma essendo io sempre appartenuto, durante la mia vita, alla minoranza della minoranza, ho alle spalle ottima palestra, perciò spalle forti, e mi onoro di essere folle tra i folli.  :)

Ritirarsi nel deserto, poi lo approfondiremo meglio più avanti, come in un qualunque luogo isolato, in una caverna, una dimora sotterranea, è il primo atto di un rituale iniziatico, l'equivalente rituale e simbolico della "katabasis", in greco, del "descensus ad inferos" per i latini. Identico rituale per gli Egizi, e costantemente confermato in ogni tradizione religiosa ed autenticamente tradizionale, e Marco la premette addirittura a tutto il suo Vangelo, il cui contenuto rispetto agli altri è il meno complesso, probabilmente proprio perché fu quello che per primo circolò.

Chi tra voi legge attentamente potrebbe chiedersi allora: ma se Gesù era realmente divino, che senso ha? Lo ha, lo ha, proprio perché incarnato e, la carne, è un limite persino per uno spirito divino. Mi rendo conto che non è semplice afferrare questo Principio, e la mia affermazione apparire o senza senso o frase fatta; non è così, ve lo assicuro, e se riflettete sulle necessarie purificazioni che persino Gesù ha dovuto fare, le tentazioni che ha dovuto concretamente superare, forse comprenderete quanto amore possa esserci stato in lui. Vedete, voglio condividerlo con voi, io ogni volta che leggo i Vangeli sento il petto che mi si accende, pur sapendo benissimo del linguaggio figurato, allegorico e simbolico, ma è l'essenza, lo spirito di quanto leggo che mi accende. Anche il Cantico dei Cantici mi prende molto, ma i Vangeli ancora di più nonostante diano meno strumenti per arrivare alla Conoscenza... eppure trasudano di umanità, perché la sofferenza di Cristo è la sofferenza di un uomo, seppure uno spirito divino, ed avverto poi quanto sia stato tradito, e non mi riferisco a Giuda Iscariota, il primo traditore, ma da chi falsamente e sacrilegamente ha poi infangato ciò che lui ha donato agli uomini, ed ora... ridotto ad una caricatura o apertamente disprezzato. Poi penso all'Apocalisse di Giovanni, e comprendo che se tutto quello che è accaduto, ed avviene ai nostri giorni, era scritto, allora vuol dire che tutto questo è necessario affinché un giorno gli uomini possano tornare all'Età dell'Oro dopo essere stati nell'abisso più profondo.





Re:Gli esorcismi di Gesù
« Risposta #29 il: 02 Ottobre, 2014, 03:29:32 am »
il tema della scomparsa, intesa nel senso prima descritto, e la successiva ricomparsa  di un essere divino o semi-divino è una costante nelle tradizione orientale ed occidentale, ed anche nella narrazione mitico-allegorica. La somiglianza del mitraismo indo-persiano con il cristianesimo è straordinaria agli occhi dei profani, facilmente comprensibile dagli iniziati. Persino il battesimo di acqua e di fuoco, cui abbiamo prima accennato, coincidono, e molti aspetti della religione mitraica, già più antica del cristianesimo, sono ancora, e di molto, più antichi.

Il dio-redentore, il re-sacerdote, la morte e la rinascita, il sacrificio per gli uomini... tutto coincide nell'Antica Tradizione, al di là ora del mitraismo e del cristianesimo, e non è questo un sincretismo ma  la manifestazione di un'unica religione all'Origine e della venerazione di un unico Dio da sempre tramandato dai primi uomini che popolarono la terra, seppure con le specificità e diversità legate alle diverse epoche e alle diverse razze. Leggere i Veda, le Upanishad, leggere la Bibbia ed il Nuovo Testamento, leggere i Testi Sacri conservati nelle piramidi, nel Libro Tibetano dei Morti, nel Corano, nei Miti di ogni tempo... persino nell'Epopea di Gilmaesh tramandatoci di Sumeri, è come leggere lo stesso Libro, seppure con diverso stile in tutta la storia dell'attuale ciclo dell'umanità.