Napoli Network - Il Forum sul Calcio Napoli
Il primo Forum sul Calcio Napoli!

Gli esorcismi di Gesù

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Re:Gli esorcismi di Gesù
« Risposta #30 il: 02 Ottobre, 2014, 07:20:57 am »
il tema della scomparsa, intesa nel senso prima descritto, e la successiva ricomparsa  di un essere divino o semi-divino è una costante nelle tradizione orientale ed occidentale, ed anche nella narrazione mitico-allegorica. La somiglianza del mitraismo indo-persiano con il cristianesimo è straordinaria agli occhi dei profani, facilmente comprensibile dagli iniziati. Persino il battesimo di acqua e di fuoco, cui abbiamo prima accennato, coincidono, e molti aspetti della religione mitraica, già più antica del cristianesimo, sono ancora, e di molto, più antichi.

Il dio-redentore, il re-sacerdote, la morte e la rinascita, il sacrificio per gli uomini... tutto coincide nell'Antica Tradizione, al di là ora del mitraismo e del cristianesimo, e non è questo un sincretismo ma  la manifestazione di un'unica religione all'Origine e della venerazione di un unico Dio da sempre tramandato dai primi uomini che popolarono la terra, seppure con le specificità e diversità legate alle diverse epoche e alle diverse razze. Leggere i Veda, le Upanishad, leggere la Bibbia ed il Nuovo Testamento, leggere i Testi Sacri conservati nelle piramidi, nel Libro Tibetano dei Morti, nel Corano, nei Miti di ogni tempo... persino nell'Epopea di Gilmaesh tramandatoci di Sumeri, è come leggere lo stesso Libro, seppure con diverso stile in tutta la storia dell'attuale ciclo dell'umanità.



http://scienzasacra.blogspot.it/2014/10/ananda-k-coomaraswamy-divieni-quello.html

stavo proprio leggendo una pagina riguardante similitudini tra Religioni e ho letto il tuo post.

Quando le Religioni sono a un livello così alto, mi affascinano, tutte le Religioni mi affascinano , per quella sapienza che hanno e trasmettono a noi, che in mancanza saremmo sempre animali incapaci di frenare gli impulsi e gli istinti
Il mio rigetto è per i membri del clero , qualsiasi clero e di qualsiasi religione, non li sopporto...accetto solo Maestri, gente che ne sa più di me e che mi può guidare nella Conoscenza di ciò che ci è stato rivelato, ma non appena iniziano i giudizi e le pretese di mettersi tra l'uomo e Dio non li sopporto più.
« Ultima modifica: 02 Ottobre, 2014, 07:22:49 am da Doctor J »

Re:Gli esorcismi di Gesù
« Risposta #31 il: 02 Ottobre, 2014, 07:42:01 am »

sono talmente tanti i passi del Vangelo che dicono che dalle proprie azioni scaturiscono delle conseguenze che non saprei... te ne posso citare a decine e decine. :D

intendi forse del "karma"? di Gesù che traccia dei segni sulla terra nell'episodio della prostituta che volevano lapidare: "chi è senza peccato scagli la prima pietra?"


non conosco i riti evangelici, ma se il "fuoco" purifica e l'acqua "monda", capirai che non è possibile prima purificare e poi mondare. A parte questo, non puoi prima purificarti e poi nascere, ti pare?

E comunque, non avviene così nei Vangeli, lo Spirito Santo certamente scende dopo, ed è lui il "Consolatore" per chi è prima nato, e poi è sposo in Cristo. :)

Grazie mille per la risposta. Il rito evangelico prevede il battesimo in acqua solo al raggiungimento della maggiore eta, ma credo sia un usanza venuta col tempo, per evitare che ci siano persone che scelgano di battezzarsi prese dall‘euforia di un iniziale avvicinamento alla nuova religione per poi allontanarsi.

Re:Gli esorcismi di Gesù
« Risposta #32 il: 02 Ottobre, 2014, 11:07:30 am »
http://scienzasacra.blogspot.it/2014/10/ananda-k-coomaraswamy-divieni-quello.html

stavo proprio leggendo una pagina riguardante similitudini tra Religioni e ho letto il tuo post.

Quando le Religioni sono a un livello così alto, mi affascinano, tutte le Religioni mi affascinano , per quella sapienza che hanno e trasmettono a noi, che in mancanza saremmo sempre animali incapaci di frenare gli impulsi e gli istinti
Il mio rigetto è per i membri del clero , qualsiasi clero e di qualsiasi religione, non li sopporto...accetto solo Maestri, gente che ne sa più di me e che mi può guidare nella Conoscenza di ciò che ci è stato rivelato, ma non appena iniziano i giudizi e le pretese di mettersi tra l'uomo e Dio non li sopporto più.



bene!!! quell'articolo è perfettamente in linea con la Tradizione, ed è... Vero! non c'è nulla, assolutamente nulla in ciò che è scritto che debba essere corretto nemmeno di un accento, perchè è VERO! mi fa molto piacere, non puoi capire quanto, che adesso tu legga cose del genere iniziando a distinguere ciò che è da rigettare.

Ma è normale che accada questo, ricordati del Mito della Caverna... all'inizio, la visione è confusa, poi si inizia a distinguere. :ok:

Re:Gli esorcismi di Gesù
« Risposta #33 il: 02 Ottobre, 2014, 11:08:46 am »
Grazie mille per la risposta. Il rito evangelico prevede il battesimo in acqua solo al raggiungimento della maggiore eta, ma credo sia un usanza venuta col tempo, per evitare che ci siano persone che scelgano di battezzarsi prese dall‘euforia di un iniziale avvicinamento alla nuova religione per poi allontanarsi.


è una conferma successiva, allora. Ok, ho compreso :ok:

Re:Gli esorcismi di Gesù
« Risposta #34 il: 02 Ottobre, 2014, 11:19:34 am »

bene!!! quell'articolo è perfettamente in linea con la Tradizione, ed è... Vero! non c'è nulla, assolutamente nulla in ciò che è scritto che debba essere corretto nemmeno di un accento, perchè è VERO! mi fa molto piacere, non puoi capire quanto, che adesso tu legga cose del genere iniziando a distinguere ciò che è da rigettare.

Ma è normale che accada questo, ricordati del Mito della Caverna... all'inizio, la visione è confusa, poi si inizia a distinguere. :ok:

è bellissima l'immagine "dei fiumi che entrano nel mare e non si distingue più l'acqua che veniva dai fiumi"

Ma ti chiedo, se fosse proprio così, questa perdita d'identità totale è bene o male per l'uomo ? La domanda è difficile , perchè non riesco ad esprimerla al meglio. Se io sono Peppe, ho la mia individualità e personalità, limitata, ma esisto come entità autonoma, libera, per volontà superiore certamente ma esisto

Questo ricongiungimento col divino in maniera assoluta non è dequalificante ? Chiaramente io parto da una visione ancora acerba del trascendente, ma sembra una diminutio , non è proprio esaltante sapere che ci si annulla

Re:Gli esorcismi di Gesù
« Risposta #35 il: 02 Ottobre, 2014, 13:01:18 pm »
è bellissima l'immagine "dei fiumi che entrano nel mare e non si distingue più l'acqua che veniva dai fiumi"

Ma ti chiedo, se fosse proprio così, questa perdita d'identità totale è bene o male per l'uomo ? La domanda è difficile , perchè non riesco ad esprimerla al meglio. Se io sono Peppe, ho la mia individualità e personalità, limitata, ma esisto come entità autonoma, libera, per volontà superiore certamente ma esisto

Questo ricongiungimento col divino in maniera assoluta non è dequalificante ? Chiaramente io parto da una visione ancora acerba del trascendente, ma sembra una diminutio , non è proprio esaltante sapere che ci si annulla

perciò io "adoro", ma sul serio, dialogare con te. Esprimi concetti, semmai comuni e condivisi, ma che molti non hanno il coraggio di dichiarare. :D


Dequalificante perdere la propria individualità unendosi a Dio????????????????????????????????????????????????????


Ho compreso perfettamente ciò che intendi dire, perciò evito di scrivere ciò che non serve.


Dio è la Mente, Peppe, la Mente dell'Universo. Ri-congiungersi a Dio significa far parte della Mente, quasi non riesco a scrivere perché mi tremano le mani... significa avere un attributo, in quella Mente, che pur facendo parte del Tutto governa la Vita! Perdere la personalità di peppe, di paolo, di bruno! ma sono una delle "n" manifestazioni che si sono verificate nel Tempo unicamente affinché fosse possibile, nella Creazione, tornare a ciò che eravamo, a ciò che eravamo "in fieri ab aeternum"!


L'ho già detto 100 volte, e lo ripeterò anche 100.000 se occorre: Dio è Tutto, e Tutto è Uno. Nel Tutto c'è distinzione di funzione, esattamente come avviene nel ns. corpo, e pur nell'unitarietà del nostro tutto, il corpo ha una sua relativa autonomia ed una consapevolezza che non sta nell'unghia dell'alluce o nella cistifellea, o nei reni, ma nella nostra mente. Il nostro corpo, afferrato questo concetto, è però di materia, e se fosse interamente diretto dalla mente l'umanità si sarebbe estinta fin dal primo istante, in quanto gli individui non sarebbero capaci di comprenderne e dirigerne il funzionamento, ma la distinzione di funzione e l'importanza della mente è facilmente comprensibile.


Qualunque descrizione di Dio lo limita, quindi è errata di per sé, ma se per capirci è necessario farlo allora è preferibile almeno usare espressioni che aiutino ad avvicinarsi al Principio.


Credo sia evidente, ma anche qui chiariamo, che questo processo avviene, se avviene, e per chi avviene, per gradi. Sarebbe al di là del ridicolo soltanto immaginare per un istante che si possa passare dalla condizione umana in cui noi siamo ora direttamente... nella MENTE dell'Universo! Ecco perché la Dottrina parla di intelligenze, e deità diverse, ciascuno con la sua individualità fino al coro di Dio...














Re:Gli esorcismi di Gesù
« Risposta #36 il: 02 Ottobre, 2014, 13:35:32 pm »
perciò io "adoro", ma sul serio, dialogare con te. Esprimi concetti, semmai comuni e condivisi, ma che molti non hanno il coraggio di dichiarare. :D


Dequalificante perdere la propria individualità unendosi a Dio????????????????????????????????????????????????????


Ho compreso perfettamente ciò che intendi dire, perciò evito di scrivere ciò che non serve.


Dio è la Mente, Peppe, la Mente dell'Universo. Ri-congiungersi a Dio significa far parte della Mente, quasi non riesco a scrivere perché mi tremano le mani... significa avere un attributo, in quella Mente, che pur facendo parte del Tutto governa la Vita! Perdere la personalità di peppe, di paolo, di bruno! ma sono una delle "n" manifestazioni che si sono verificate nel Tempo unicamente affinché fosse possibile, nella Creazione, tornare a ciò che eravamo, a ciò che eravamo "in fieri ab aeternum"!


L'ho già detto 100 volte, e lo ripeterò anche 100.000 se occorre: Dio è Tutto, e Tutto è Uno. Nel Tutto c'è distinzione di funzione, esattamente come avviene nel ns. corpo, e pur nell'unitarietà del nostro tutto, il corpo ha una sua relativa autonomia ed una consapevolezza che non sta nell'unghia dell'alluce o nella cistifellea, o nei reni, ma nella nostra mente. Il nostro corpo, afferrato questo concetto, è però di materia, e se fosse interamente diretto dalla mente l'umanità si sarebbe estinta fin dal primo istante, in quanto gli individui non sarebbero capaci di comprenderne e dirigerne il funzionamento, ma la distinzione di funzione e l'importanza della mente è facilmente comprensibile.


Qualunque descrizione di Dio lo limita, quindi è errata di per sé, ma se per capirci è necessario farlo allora è preferibile almeno usare espressioni che aiutino ad avvicinarsi al Principio.


Credo sia evidente, ma anche qui chiariamo, che questo processo avviene, se avviene, e per chi avviene, per gradi. Sarebbe al di là del ridicolo soltanto immaginare per un istante che si possa passare dalla condizione umana in cui noi siamo ora direttamente... nella MENTE dell'Universo! Ecco perché la Dottrina parla di intelligenze, e deità diverse, ciascuno con la sua individualità fino al coro di Dio...















Immagino, meglio intuisco,  che si deve essere felici di ciò che ti entusiasma, perchè sul Sentiero sei molto più avanti di me

Ma la mia mente limitata ancora rifiuta l'idea di perdersi, seppure nel Tutto luccicante eterno e pieno di profumi celestiali

Tu sei proprio certo certo che si va a migliorare rispetto alla vita terrena o alle innumerevoli vite terrene ? Poi ci arriverò anch'io , ma immaginare di perdere lo status di Uomo con le sue gioie e dolori , delusioni e soddisfazioni, vittorie e sconfitte, passioni, interessi, amori, non è facile
Oggi la mia mente immagina una distesa sconfinata di luce , tutto tranquillo, non ci sono bisogni fisiologici, non c'è bisogno di lavorare, non ci si ammala, immagino un fluttuare nello spazio sconfinato, un dialogare telepaticamente con tutti, un volersi bene 24 h, ma che palle.....

Re:Gli esorcismi di Gesù
« Risposta #37 il: 02 Ottobre, 2014, 14:20:53 pm »
Immagino, meglio intuisco,  che si deve essere felici di ciò che ti entusiasma, perchè sul Sentiero sei molto più avanti di me

Ma la mia mente limitata ancora rifiuta l'idea di perdersi, seppure nel Tutto luccicante eterno e pieno di profumi celestiali

Tu sei proprio certo certo che si va a migliorare rispetto alla vita terrena o alle innumerevoli vite terrene ? Poi ci arriverò anch'io , ma immaginare di perdere lo status di Uomo con le sue gioie e dolori , delusioni e soddisfazioni, vittorie e sconfitte, passioni, interessi, amori, non è facile
Oggi la mia mente immagina una distesa sconfinata di luce , tutto tranquillo, non ci sono bisogni fisiologici, non c'è bisogno di lavorare, non ci si ammala, immagino un fluttuare nello spazio sconfinato, un dialogare telepaticamente con tutti, un volersi bene 24 h, ma che palle.....

io non sono, almeno cerco, presuntuoso al punto da voler immaginare quale sia il Disegno di Dio, e per quanto ho prima scritto, compiutamente non lo conosce nessuno fino al suo stesso "coro", figuriamoci un po'! una descrizione che rifletta la Dottrina, quindi per quanto è stato trasmesso agli uomini "ab origine" della vita sulla Terra, con tutti i limiti che lui stesso dichiara, è nel Canto XXXIII del Paradiso di Dante, la trasposizione poetica di un'estasi divina. Quello è quanto un uomo deificato può arrivare a concepire e vedere, fin tanto che è incarnato, e di quello è dato sapere e non oltre.

Apprendere significa capire e comprendere per quanto è possibile nel presente, ora e subito... divagare oltre il concepibile vuol dire inebriarsi dell'ignoranza. Se un essere umano che avesse conoscenze da prima elementare volesse sostenere di conoscere quanto e più di un ingegnere per come realizzare un ponte di un valico montano, nella migliore delle ipotesi, verrebbe deriso, nella peggiore rinchiuso in un manicomio. Analogamente, illudersi nella pretesa di arrivare al fine ultimo se ancora non si sa nemmeno perché si vive oggi, è follia.

«Uno dei discepoli gli disse: “Signore, permettimi di andare prima a seppellire mio padre”. Ma Gesù gli disse: “Seguimi, e lascia che i morti seppelliscano i loro morti”». (Mt 8, 21)

Il discepolo è una "pecorella", e per ora non può ancora capire cosa gli ha detto Gesù, è un "novizio", un iniziato ai primi passi. Poi, forse, un giorno capirà, ma ciò che conta è l'oggi.

Re:Gli esorcismi di Gesù
« Risposta #38 il: 02 Ottobre, 2014, 15:29:44 pm »
Pausa lavoro:

Non vorrei tornare indietro sul nesso esistente tra patologia fisica e spirituale, ma ho notato che, statisticamente, molti mafiosi, cessata l'attività criminale, si ammalano. Un terzo di loro muore di cancro...alcuni di infarto. Mi mi piacerebbe sapere da Bruno cosa ne pensa...

Re:Gli esorcismi di Gesù
« Risposta #39 il: 02 Ottobre, 2014, 16:48:41 pm »
Pausa lavoro:

Non vorrei tornare indietro sul nesso esistente tra patologia fisica e spirituale, ma ho notato che, statisticamente, molti mafiosi, cessata l'attività criminale, si ammalano. Un terzo di loro muore di cancro...alcuni di infarto. Mi mi piacerebbe sapere da Bruno cosa ne pensa...

Attendo anch'io Bruno su questa cosa davvero interessante,se ho capito bene, tu immagini o sospetti una sorta di "linfa" vitale immessa da entità maligne nei loro "servi" ?

E' una cosa che non avevo mai pensato, francamente però immagino l'opposto...noi siamo pieni di energie attorno, anche a livello di quel guscio che ci ricopre, il cd corpo astrale. Almeno molti sostengono che lo abbiamo, e che è la causa della nostra salute malattia e morte fisica.
Il male è un vampiro energetico secondo me, dovrebbe essere l'opposto


Re:Gli esorcismi di Gesù
« Risposta #40 il: 02 Ottobre, 2014, 17:01:01 pm »
Attendo anch'io Bruno su questa cosa davvero interessante,se ho capito bene, tu immagini o sospetti una sorta di "linfa" vitale immessa da entità maligne nei loro "servi" ?

E' una cosa che non avevo mai pensato, francamente però immagino l'opposto...noi siamo pieni di energie attorno, anche a livello di quel guscio che ci ricopre, il cd corpo astrale. Almeno molti sostengono che lo abbiamo, e che è la causa della nostra salute malattia e morte fisica.
Il male è un vampiro energetico secondo me, dovrebbe essere l'opposto

Peppe, io sono un Cattolico. Non ipotizzo niente, ma mi interessa l'opinione di Bruno, visto che, anche quando non mi convince, mi aiuta comunque ad approfondire quei dettagli che noi ignoriamo, ma che, spesso,  proprio ai livelli alti della mia confessione religiosa, non vengono così facilmente tralasciati.

Nostro fratello Paolo scrive:
27Perciò, chi mangia il pane del Signore o beve il suo calice in modo indegno, si rende colpevole verso il corpo e il sangue del Signore. 28Ciascuno perciò prima esamini se stesso, e poi mangi di quel pane e beva da quel calice. 29Perché, chi mangia del pane e beve dal calice senza riconoscere il corpo del Signore, mangia e beve la sua propria condanna. 30Per questa ragione vi sono tra voi molti malati e molti infermi, e parecchi sono morti. 31Però, se ci esaminiamo attentamente, non cadremo sotto la condanna di Dio. 32D'altra parte, se il Signore ci punisce, lo fa per correggerci e per non condannarci insieme con il mondo.

Quindi, anche se non c'entra direttamente con quanto da me chiesto, è possibile dedurre che esista un legame tra male spirituale e fisico...:)

Re:Gli esorcismi di Gesù
« Risposta #41 il: 02 Ottobre, 2014, 18:59:49 pm »
Pausa lavoro:

Non vorrei tornare indietro sul nesso esistente tra patologia fisica e spirituale, ma ho notato che, statisticamente, molti mafiosi, cessata l'attività criminale, si ammalano. Un terzo di loro muore di cancro...alcuni di infarto. Mi mi piacerebbe sapere da Bruno cosa ne pensa...


la gran parte delle malattie dell'uomo dipendono dal suo "modus vivendi", ed a questo ci arriva anche la medicina profana. Parte di questa riconosce affezioni anche di origine psicosomatica, ed anche qui ci siamo. La tua domanda va oltre e mi chiedi: è possibile che enti estranei all'uomo possano incidere sulla salute fisica di un uomo? la risposta è sì, senza il minimo dubbio.

Senza entrare in un approfondimento che non posso qui affrontare, basti rimanere su un piano di lettura ancora materialistico ma accenno sufficiente almeno ad inquadrare ciò che accade: il nostro equilibrio dipende da un'armonia di campi energetici di attrazione polare delle molecole del nostro corpo fisico, se alteri la polarità in un modo qualunque l'organismo si altera e si ammala. Questo squilibrio è studiato come fenomeno sia endogeno che esogeno, ma viene data importanza al solo aspetto fisico interiore per come il corpo materiale reagisce, e se non agisce come si deve, e/o ne è sopraffatto, s'interviene con un processo chimico di vario tipo affinché quell'equilibrio si ristabilisca. Primo quesito: se siamo solo fatti di materia, allora questo procedimento è corretto. Se riparo un'autovettura, porto un esempio, so che è fatta di materia e su quella intervengo. Ma l'uomo non è fatto solo di materia, e già i processi mentali è evidente non lo siano anche se comunque avvengono grazie alla materia celebrale, ma resta il fatto che la medicina profana riconosce che già quei processi mentali possano provocare delle patologie o, udite udite!, curarle.

Ma restiamo pur sempre nel campo della materia, e ove mai l'uomo non fosse fatto solo di questa, ma anche di una sostanza invisibile eppure esistente, che possiamo chiamare anima, l'anima influisce oppure no sulla salute? Sappiamo perfettamente che campi magnetici e/o elettrici possono incidere sulla salute, e se ciò che non è materia fisica può incidere sul benessere di un corpo vivente, altrettanto è possibile per l'anima. Se l'anima non è in equilibrio, e possiamo definire questo come Bene, ciò che ospita (il corpo fisico) un qualcosa che non è in equilibrio a sua volta non lo sarà più. Prova a mettere in qualunque contesto ordinato un elemento di caos, vedrai che quel contesto non sarà più ordinato già per definizione. Ergo, lo squilibrio animico automaticamente comporta uno squilibrio nel corpo fisico. E dove? In particolare in quegli organi che direttamente rispondono del particolare squilibrio.

Ma questo è solo un aspetto, ce n'è ancora un altro cui è possibile accennare. Attorno a noi c'è un campo di forza, che possiamo chiamare "aura", il quale è a sua volta in un particolare equilibrio biomagnetico secondo una polarità, e questo campo di forza è la prima barriera contro i fattori esogeni che ci sono attorno a noi, e se questo campo è alterato, o interrotto in alcuni tratti, riduce la sua capacità di difesa del corpo materiale, costringendo la seconda barriera, quella interiore, ad intervenire a difesa. Più è danneggiato quel campo di forza esterno, può le barriere interne sono costrette ad intervenire, e più frequentemente quelle difese sono impegnate in una "guerra"... e non sempre le guerre si vincono. A lungo andare, gli organi maggiormente sollecitati da questa condizione, si ammalano o "impazziscono".

I demòni, proprio perché a loro volta esprimono un'energia, per alimentarsi abbisognano di una fonte, e la loro fonte per eccellenza è l'uomo...  chi si offre "allegramente" al loro pasto apparecchia la tavola. Il menù a volte è preparato dall'uomo stesso, altre volte è ordinato dal demòne, il quale, secondo l'uomo e secondo i suoi "gusti" va da uno o dall'altro. Chi ha tante malattie animiche, ha una moltitudine di ospiti, secondo i vari gusti.


E' quello che penso? è quello che è scritto nelle Sacre Scritture, e non solo lì. Io, però, lo confermo come assolutamente VERO, per quanto possa valere ciò che dico, quindi con le mie conferme ad ogni livello, perché mai io parlo a "sensazioni".


Re:Gli esorcismi di Gesù
« Risposta #42 il: 02 Ottobre, 2014, 20:09:20 pm »
Questo che dice Bruno, su cui chiaramente la scienza medica si farebbe una grassa risata, è cosa assodata e pacifica per chiunque riesce a guardare al di là del proprio naso
Parliamoci chiaro, può ammalarsi più facilmente di tumore un depresso o uno sempre sereno e allegro ? C'è bisogno di dire che uno che sta sempre allegro e pieno di gioia di vivere si ammalerà di meno rispetto a uno incupito, triste, malinconico, depresso ?

Io ormai dò per scontato il cd vampirismo energetico, che non è opera solo di demoni....può farti ammalare anche una persona "ostile" e cattiva, che ti odia, mentre di contro una persona che ti vuole bene , che ti ama, ti sviluppa energie positive che mantengono forte lo stato energetico del corpo
 
Però in tutto questo, io ancora non capisco come possa accadere un fenomeno come quello accaduto alla ragazza che ha ispirato il film ''l'esorcismo di emily rose" , e vi assicuro ce ne sono altri, facilmente documentabili. Sempre archiviati come fenomeni psichici e turbe psichiche, solo per dovere di cronaca. Siamo passati dall'estremo che si vedeva il diavolo dappertutto all'estremo di non vederlo mai....per chi ha letto di queste cose, vi assicuro che questi spiriti sono più contenti oggi, perchè non esistono  :sisi:
« Ultima modifica: 03 Ottobre, 2014, 08:14:07 am da Doctor J »

Re:Gli esorcismi di Gesù
« Risposta #43 il: 03 Ottobre, 2014, 23:32:39 pm »
Il celebre esorcismo nel paese dei Geraseni, presente nei tre sinottici, è introdotto così:


Marco 4

[33] Con molte parabole di questo genere annunziava loro la parola secondo quello che potevano intendere. 34] Senza parabole non parlava loro; ma in privato, ai suoi discepoli, spiegava ogni cosa.[35] In quel medesimo giorno, verso sera, disse loro: "Passiamo all'altra riva".[36] E lasciata la folla, lo presero con sé, così com'era, nella barca. C'erano anche altre barche con lui.[37] Nel frattempo si sollevò una gran tempesta di vento e gettava le onde nella barca, tanto che ormai era piena.[38] Egli se ne stava a poppa, sul cuscino, e dormiva. Allora lo svegliarono e gli dissero: "Maestro, non t'importa che moriamo?".[39] Destatosi, sgridò il vento e disse al mare: "Taci, calmati!". Il vento cessò e vi fu grande bonaccia.[40] Poi disse loro: "Perché siete così paurosi? Non avete ancora fede?".[41] E furono presi da grande timore e si dicevano l'un l'altro: "Chi è dunque costui, al quale anche il vento e il mare obbediscono?".


Matteo 8


[23] Essendo poi salito su una barca, i suoi discepoli lo seguirono. [24] Ed ecco scatenarsi nel mare una tempesta così violenta che la barca era ricoperta dalle onde; ed egli dormiva.[25] Allora, accostatisi a lui, lo svegliarono dicendo: "Salvaci, Signore, siamo perduti!".[26] Ed egli disse loro: "Perché avete paura, uomini di poca fede?" Quindi levatosi, sgridò i venti e il mare e si fece una grande bonaccia. [27] I presenti furono presi da stupore e dicevano: "Chi è mai costui al quale i venti e il mare obbediscono?".

Luca 8

[19] Un giorno andarono a trovarlo la madre e i fratelli, ma non potevano avvicinarlo a causa della folla.[20] Gli fu annunziato: "Tua madre e i tuoi fratelli sono qui fuori e desiderano vederti".[21] Ma egli rispose: "Mia madre e miei fratelli sono coloro che ascoltano la parola di Dio e la mettono in pratica".[22] Un giorno salì su una barca con i suoi discepoli e disse: "Passiamo all'altra riva del lago". Presero il largo. [23] Ora, mentre navigavano, egli si addormentò. Un turbine di vento si abbatté sul lago, imbarcavano acqua ed erano in pericolo.[24] Accostatisi a lui, lo svegliarono dicendo: "Maestro, maestro, siamo perduti!". E lui, destatosi, sgridò il vento e i flutti minacciosi; essi cessarono e si fece bonaccia. [25] Allora disse loro: "Dov'è la vostra fede?". Essi intimoriti e meravigliati si dicevano l'un l'altro: "Chi è dunque costui che dà ordini ai venti e all'acqua e gli obbediscono?".

I discepoli, secondo i tre racconti dell'episodio,  dicono che Gesù dà ordini al vento ed al mare, oppure che obbediscono, eppure nel racconto non ordina semplicemente ma li sgrida. L'episodio non è una parabola, è il racconto di un fatto, evidentemente velato dal simbolismo del mare in burrasca e del vento, dell'acqua che riempe la barca, di Gesù che dorme placidamente, dei discepoli spaventati che lo svegliano. Da qui il suo intervento, l'intervento del Maestro, e la furia degli elementi si placa. Poi, passeranno dall'altra parte della riva, e ci sarà l'esorcismo di “Legione” e dei 2000 porci che si affogheranno in mare dopo che gli spiriti maligni saranno entrati in loro. Ed anche questo episodio non sarà una parabola, ed anche questo sarà ricco di contenuti simbolici.



Luca, introduce l'episodio con una enigmatica visita della madre di Gesù e dei suoi fratelli (o fratelli cugini, fate voi) , e colpisce la freddezza ed il distacco di Gesù alla notizia che gli è stata data del desiderio loro di vederlo: ""Mia madre e miei fratelli sono coloro che ascoltano la parola di Dio e la mettono in pratica"

Re:Gli esorcismi di Gesù
« Risposta #44 il: 03 Ottobre, 2014, 23:35:04 pm »
Lo interpreti, se ho ben capito, come un distacco dai legami del mondo :)