Napoli Network - Il Forum sul Calcio Napoli
Il primo Forum sul Calcio Napoli!

Florijančič, il fratello maggiore di Moscardelli

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Florijančič, il fratello maggiore di Moscardelli
« il: 04 Giugno, 2013, 18:34:57 pm »
Cremonese, Empoli, Fidelis Andria... tre squadre per un solo attaccante: Matjaz Florijančič, nato a Kranj il 18 ottobre 1967. I più giovani si chiederanno chi sia, ma nell\'almanacco dei momenti grigi lo sloveno è tra i protagonisti in assoluto. La maggior parte delle storie iniziano col \'c\'era una volta\', nel caso dell\'incubo Florijančič, tutto ebbe inizio nella stagione 94\'-95\'. Allo stadio \'Giovanni Zini\' di Cremona, va in scena Cremonese-Napoli. In quell\'occasione la punta slovena punisce il giovane Taglialatela con una doppietta. La banda di Guerini esce a testa bassa dallo Zini: decisivi i due gol dello sloveno. In quell\'annata, Florijančič colleziona 31 presenze mettendo a segno solamente 5 reti. Il copione cambia, ma i protagonisti sono sempre gli stessi: Florijančič e il Napoli. Stagione 97\'-98\', stavolta Matjaz veste la maglia dell\'Empoli, allenato in quegli anni da Luciano Spalletti. Nell\'umiliante e sonora sconfitta dei partenopei per 5-0, Florijančič rifila di nuovo due gol al Napoli. La \'bestia azzurra\' termina la sua avventura in Toscana collezionando 28 cap e 6 reti: una media un po\' povera per una prima punta, e approda alla Fidelis Andria in serie B. L\'anno prima, gli azzurri con soli 14 punti salutano la A e ripartono con il duo Ulivieri-Mazzarri in panchina. In terra pugliese, i partenopei portano a casa tre punti molto sudati. L\'Andria da filo da torcere al Napoli e si porta a fine del primo tempo in vantaggio, indovinate un po\' con chi? Da un calcio d\'angolo, Matjaz Florijančič di testa mette dentro e punisce Mondini. A fine stagione lo sloveno lascia la Puglia e il calcio professionistico con 17 presenze e 6 gol, e si trasferisce in C all\'Alzano Virescit. Da lì in avanti, Florijančič divenne un fantasma e nel 2002 appese gli scarpini al chiodo e fece ritorno in Patria. C\'è chi dice che faccia il costruttore in Slovenia in attesa del patentino di allenatore,  che brutto ricordo...
 

Florijančič, il fratello maggiore di Moscardelli
« Risposta #1 il: 04 Giugno, 2013, 18:40:22 pm »
eeheheeheh l\'anno prima la doppietta a Cremona ce la fece quella pippa di Tentoni
di quella cremonese era forte alessio pirri se non erro....e detari giocava con loro o ad ancona in quel periodo?
[media][/media]

 

il marinaio spieg le vele al vento....

 

...il vento non cap!

Florijančič, il fratello maggiore di Moscardelli
« Risposta #2 il: 04 Giugno, 2013, 19:26:41 pm »
io lo ricordo,mamma quanto so vecchio!

Koji_Kabuto

Florijančič, il fratello maggiore di Moscardelli
« Risposta #3 il: 04 Giugno, 2013, 20:16:17 pm »
Contro l\'Andria pareggiò Bellucci.....ah...mamma mia che partite mi sono visto allo Stadio....:sbav:

Florijančič, il fratello maggiore di Moscardelli
« Risposta #4 il: 04 Giugno, 2013, 21:11:29 pm »
Contro l\'Andria pareggiò Bellucci.....ah...mamma mia che partite mi sono visto allo Stadio.... :sbav:

Altro che Cavani, Hamsik Pandev.
 
La mia classifica personale vede al primo posto Stellone seguito a ruota dal grande Aglietti e poi un mai dimenticato Protti. Posizione d\'onore per Swoch e poi Bellucci.
 
Ricordo con affetto anche Beto. Me lo ricordo dai distinti, nun er nu iucator e pallon, era un ciuccio pigliava palla e metteva la testa a terra e correva verso l\'infinito.
 
Un pezzo del mio cuore va a Cruz però. Io papà già stavamo nel parcheggio della Q8 fuori lo stadio per tornare a casa quando gonfiò la rete allo scadere in un Napoli Bologna 3-2 o 4-2.
 
Il ricordo più bello rimarrà sempre quel gol di Ayala a san siro contro l\'Inter, e quell\'uno a uno contro la Fiorentina alla prima di Galeone. Ci illudemmo un po\' tutti, salvo poi riperderle tutte.
 
Mi compravo sempre il giornale di Palummella Ultraazzurri o come si chiamava.
 
Poi passai a Napolissimo ai tempi della C. Costava 50 cent e lo leggevo sempre il giovedì alla prima ora di scuola che avevo matematica. Mo\' costa due euro e 50 all\'anema llor!
« Ultima modifica: 04 Giugno, 2013, 21:15:28 pm da O Libberista Missionario »
Balleremo sui tuoi crociati

Online Rospo

Florijančič, il fratello maggiore di Moscardelli
« Risposta #5 il: 04 Giugno, 2013, 21:38:03 pm »
Mi ricordo un cazzo di gol di Beto contro la Sampdoria. Ayala e Cruz erano due miei idoli. Mi ricordo una partita di Ayala che giocò tutto incappucciato con garza e fasce... Tipo Hugo :sbav:

Inviato dal mio TARDIS


Florijančič, il fratello maggiore di Moscardelli
« Risposta #6 il: 04 Giugno, 2013, 22:22:39 pm »
Citazione da:  link=topic=28753.msg#msg date=37
Mi ricordo un cazzo di gol di Beto contro la Sampdoria. Ayala e Cruz erano due miei idoli. Mi ricordo una partita di Ayala che giocò tutto incappucciato con garza e fasce... Tipo Hugo :sbav:
 
Inviato dal mio TARDIS
E\' vero! Era in Coppa Italia mi pare. Forse in semifinale con l\'Inter.
« Ultima modifica: 04 Giugno, 2013, 22:22:47 pm da Harakiri »

Online Rospo

Florijančič, il fratello maggiore di Moscardelli
« Risposta #7 il: 04 Giugno, 2013, 23:29:40 pm »

Florijančič, il fratello maggiore di Moscardelli
« Risposta #8 il: 05 Giugno, 2013, 16:46:29 pm »

Altro che Cavani, Hamsik Pandev.
 
La mia classifica personale vede al primo posto Stellone seguito a ruota dal grande Aglietti e poi un mai dimenticato Protti. Posizione d\'onore per Swoch e poi Bellucci.
 
Ricordo con affetto anche Beto. Me lo ricordo dai distinti, nun er nu iucator e pallon, era un ciuccio pigliava palla e metteva la testa a terra e correva verso l\'infinito.
 
Un pezzo del mio cuore va a Cruz però. Io papà già stavamo nel parcheggio della Q8 fuori lo stadio per tornare a casa quando gonfiò la rete allo scadere in un Napoli Bologna 3-2 o 4-2.
 
Il ricordo più bello rimarrà sempre quel gol di Ayala a san siro contro l\'Inter, e quell\'uno a uno contro la Fiorentina alla prima di Galeone. Ci illudemmo un po\' tutti, salvo poi riperderle tutte.
 
Mi compravo sempre il giornale di Palummella Ultraazzurri o come si chiamava.
 
Poi passai a Napolissimo ai tempi della C. Costava 50 cent e lo leggevo sempre il giovedì alla prima ora di scuola che avevo matematica. Mo\' costa due euro e 50 all\'anema llor!
Aglietti Protti e Stellone prima dell\'altoatesino?!?!?!?!?!?!
 :3sbonk: :3sbonk: :3sbonk: :3sbonk: :3sbonk:
[media][/media]

 

il marinaio spieg le vele al vento....

 

...il vento non cap!

Florijančič, il fratello maggiore di Moscardelli
« Risposta #9 il: 06 Giugno, 2013, 16:00:32 pm »

Altro che Cavani, Hamsik Pandev.
 
La mia classifica personale vede al primo posto Stellone seguito a ruota dal grande Aglietti e poi un mai dimenticato Protti. Posizione d\'onore per Swoch e poi Bellucci.
 
Ricordo con affetto anche Beto. Me lo ricordo dai distinti, nun er nu iucator e pallon, era un ciuccio pigliava palla e metteva la testa a terra e correva verso l\'infinito.
 
Un pezzo del mio cuore va a Cruz però. Io papà già stavamo nel parcheggio della Q8 fuori lo stadio per tornare a casa quando gonfiò la rete allo scadere in un Napoli Bologna 3-2 o 4-2.
 
Il ricordo più bello rimarrà sempre quel gol di Ayala a san siro contro l\'Inter, e quell\'uno a uno contro la Fiorentina alla prima di Galeone. Ci illudemmo un po\' tutti, salvo poi riperderle tutte.
 
Mi compravo sempre il giornale di Palummella Ultraazzurri o come si chiamava.
 
Poi passai a Napolissimo ai tempi della C. Costava 50 cent e lo leggevo sempre il giovedì alla prima ora di scuola che avevo matematica. Mo\' costa due euro e 50 all\'anema llor!

 
Schwoch per me è al numero 1 nella classifica dell\'affetto. Che giocatore. Dava tutto in campo. Mi ricordo ancora a Pistoia che con mezza finta fece svenire tutta difesa arancione. Un orgasmo da paura.
"Con superbo slancio patriottico sapeva ritrovare, in mezzo al lutto ed alle rovine, la forza per cacciare dal suolo partenopeo le soldatesche germaniche sfidandone la feroce disumana rappresaglia. Impegnata un\'impari lotta col secolare nemico offriva alla Patria, nelle "Quattro Giornate" di fine settembre 1943, numerosi eletti figli. Col suo glorioso esempio additava a tutti gli Italiani, la via verso la libert, la giustizia, la salvezza della Patria."