Napoli Network - Il Forum sul Calcio Napoli
Il primo Forum sul Calcio Napoli!

Supercoppa Italiana 2014

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Re:Supercoppa Italiana 2014
« Risposta #15 il: 22 Dicembre, 2015, 18:21:30 pm »
Lavori dai coreani mi pare... :look:
Io sto cercando casa a Cernusco, per ora sono a cologno

Io lavoro coi coreani nun te mbruglià... :look: E no, non sono quelli di cernusco... ;)

Se sento qualcosa di case a cernusco (ho un pò di amici che ci abitano) ti faccio sapere... :)

Re:Supercoppa Italiana 2014
« Risposta #16 il: 22 Dicembre, 2015, 18:30:46 pm »
Io lavoro coi coreani nun te mbruglià... :look: E no, non sono quelli di cernusco... ;)

Se sento qualcosa di case a cernusco (ho un pò di amici che ci abitano) ti faccio sapere... :)
Ma i coreani di Paolo sarpi?! :look:
Per le case...te ne sarei molto grato :-)
Il tifoso juventino è apolide, delocalizzato, trapiantato, infiltrato, sempre ospite e mai padrone. non ha appartenenza toponomastica, non ha città, si annida ovunque. esso (sottolineo: esso) diventa tale per mancanza di legame alla sua terra, si lega alla squadra vincente, che diventa l'orfanotrofio degli sfigati. Si sa il matrimonio con la squadra del cuore e' indissolubile, ma quello juventino e' un matrimonio di interesse. Per loro la vittoria non sara' mai goduta, vivendo da infiltrato, non potrà mai gioire. E' degno rappresentante dell'Italia che truffa e ruba e sventola, di nascosto ovviamente, i colori più brutti del mondo.

La mattina andammo a fare riscaldamento al San Paolo, Carlos (Tevez) mi parlava di questo stadio, ma io che ho giocato nel Barça mi dicevo, che sarà mai! Eppure quando misi piede su quel campo sentii un qualcosa di magico, di diverso. La sera quando ci fu l’inno della Champions, vedendo 80.000 persone fischiarci mi resi conto in che guaio ci eravamo messi! Qualche partita importante nella mia carriera l’ho giocata, ma quando sentii quell’urlo fu la prima volta che mi tremarono le gambe! Bene, fu li che mi resi conto che questa non e’ una solo squadra per loro, questo e’ un amore viscerale, come quello che c’è tra una madre ed un figlio! Fu l’unica volta che dopo aver perso rimasi in campo per godermi lo spettacolo!”

Re:Supercoppa Italiana 2014
« Risposta #17 il: 22 Dicembre, 2015, 18:31:41 pm »
Lavori dai coreani mi pare... :look:
Io sto cercando casa a Cernusco, per ora sono a cologno

i coreani se ne sono andati da tempo :look:

Cernusco e' cara come il fuoco, vedi a Cassina costa un po' meno

Il record di 91 punti non è un obiettivo societario, ma un traguardo personale

Re:Supercoppa Italiana 2014
« Risposta #18 il: 23 Dicembre, 2015, 06:20:27 am »
i coreani se ne sono andati da tempo :look:

Cernusco e' cara come il fuoco, vedi a Cassina costa un po' meno



Troppo lontana, devo essere vicino alla metro. Il topic possiamo anche chiamarlo tecnocasa :look:
Il tifoso juventino è apolide, delocalizzato, trapiantato, infiltrato, sempre ospite e mai padrone. non ha appartenenza toponomastica, non ha città, si annida ovunque. esso (sottolineo: esso) diventa tale per mancanza di legame alla sua terra, si lega alla squadra vincente, che diventa l'orfanotrofio degli sfigati. Si sa il matrimonio con la squadra del cuore e' indissolubile, ma quello juventino e' un matrimonio di interesse. Per loro la vittoria non sara' mai goduta, vivendo da infiltrato, non potrà mai gioire. E' degno rappresentante dell'Italia che truffa e ruba e sventola, di nascosto ovviamente, i colori più brutti del mondo.

La mattina andammo a fare riscaldamento al San Paolo, Carlos (Tevez) mi parlava di questo stadio, ma io che ho giocato nel Barça mi dicevo, che sarà mai! Eppure quando misi piede su quel campo sentii un qualcosa di magico, di diverso. La sera quando ci fu l’inno della Champions, vedendo 80.000 persone fischiarci mi resi conto in che guaio ci eravamo messi! Qualche partita importante nella mia carriera l’ho giocata, ma quando sentii quell’urlo fu la prima volta che mi tremarono le gambe! Bene, fu li che mi resi conto che questa non e’ una solo squadra per loro, questo e’ un amore viscerale, come quello che c’è tra una madre ed un figlio! Fu l’unica volta che dopo aver perso rimasi in campo per godermi lo spettacolo!”

Re:Supercoppa Italiana 2014
« Risposta #19 il: 23 Dicembre, 2015, 08:31:28 am »
Ma tu non lavori a colgono? Non per sapere i fatti tuoi, ma perché proprio a cernusco?

Online Zero

Re:Supercoppa Italiana 2014
« Risposta #20 il: 23 Dicembre, 2015, 10:02:44 am »
C sta a sfaccim ra gent a cernusco, ecco xkè :look:

Re:Supercoppa Italiana 2014
« Risposta #21 il: 23 Dicembre, 2015, 11:57:13 am »
Troppo lontana, devo essere vicino alla metro. Il topic possiamo anche chiamarlo tecnocasa :look:

Ma se c'è la fermata della metro in centro paese :look:
Il record di 91 punti non è un obiettivo societario, ma un traguardo personale

Offline Rospo

Re:Supercoppa Italiana 2014
« Risposta #22 il: 23 Dicembre, 2015, 12:20:11 pm »
Che brutti posti.... State infangando un grande topic :look:

Re:Supercoppa Italiana 2014
« Risposta #23 il: 23 Dicembre, 2015, 13:50:31 pm »
Il record di 91 punti non è un obiettivo societario, ma un traguardo personale

Re:Supercoppa Italiana 2014
« Risposta #24 il: 23 Dicembre, 2015, 13:58:20 pm »
Quaaaaaaaaaaaanto?!?!?!?
"La gioia collettiva è sempre più straripante e appagante di quella individuale"

"Sicuramente la Juve rappresenta per questo motivo il potere tecnico, ma secondo me anche qualche altro"

"Quando smetterò, a chi mi chiederà chi hai allenato risponderò subito il Napoli, indipendentemente dalle squadre che potrò allenare nel futuro"

"Ho mandato a fanculo delle persone che ci hanno sputato e che ci hanno insultato perché napoletani. Se avessi potuto scendere lo avrei fatto volentieri, sono uno che viene dalla strada e se uno mi sputa io scendo volentieri".




Maurizio Sarri.

Re:Supercoppa Italiana 2014
« Risposta #25 il: 23 Dicembre, 2015, 14:05:26 pm »
Quaaaaaaaaaaaanto?!?!?!?

Ma perchè è piano terra eh, altrimenti sarebbero almeno almeno, se vai di conoscenza, 50 € in più... :look:

Online Zero

Re:Supercoppa Italiana 2014
« Risposta #26 il: 23 Dicembre, 2015, 14:53:25 pm »
Si ha detto tutto franne i mq

Re:Supercoppa Italiana 2014
« Risposta #27 il: 23 Dicembre, 2015, 15:17:43 pm »
A milano le case costano.... :look:
A cernusco ci vorrei andare perché intanto è un bel posto, ci vive già la mia ragazza da anni...
Vabbè...abbiamo definitivamente mandato a puttane il topic :asd:
Il tifoso juventino è apolide, delocalizzato, trapiantato, infiltrato, sempre ospite e mai padrone. non ha appartenenza toponomastica, non ha città, si annida ovunque. esso (sottolineo: esso) diventa tale per mancanza di legame alla sua terra, si lega alla squadra vincente, che diventa l'orfanotrofio degli sfigati. Si sa il matrimonio con la squadra del cuore e' indissolubile, ma quello juventino e' un matrimonio di interesse. Per loro la vittoria non sara' mai goduta, vivendo da infiltrato, non potrà mai gioire. E' degno rappresentante dell'Italia che truffa e ruba e sventola, di nascosto ovviamente, i colori più brutti del mondo.

La mattina andammo a fare riscaldamento al San Paolo, Carlos (Tevez) mi parlava di questo stadio, ma io che ho giocato nel Barça mi dicevo, che sarà mai! Eppure quando misi piede su quel campo sentii un qualcosa di magico, di diverso. La sera quando ci fu l’inno della Champions, vedendo 80.000 persone fischiarci mi resi conto in che guaio ci eravamo messi! Qualche partita importante nella mia carriera l’ho giocata, ma quando sentii quell’urlo fu la prima volta che mi tremarono le gambe! Bene, fu li che mi resi conto che questa non e’ una solo squadra per loro, questo e’ un amore viscerale, come quello che c’è tra una madre ed un figlio! Fu l’unica volta che dopo aver perso rimasi in campo per godermi lo spettacolo!”

Re:Supercoppa Italiana 2014
« Risposta #28 il: 23 Dicembre, 2015, 15:20:40 pm »
è scesa una nebbia... :sysy:

Re:Supercoppa Italiana 2014
« Risposta #29 il: 23 Dicembre, 2015, 16:08:14 pm »
E' tornato @MarioBrega  :mostro:

[allegato eliminato da un amministratore]
Il record di 91 punti non è un obiettivo societario, ma un traguardo personale