Napoli Network - Il Forum sul Calcio Napoli
Il primo Forum sul Calcio Napoli!

Il Silmarillion (un libro per pochi)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Il Silmarillion (un libro per pochi)
« il: 17 Giugno, 2011, 15:51:36 pm »
Genere: Fantasy
Collana/Serie: Non fa parte di una vera è propria collana ma come buona parte dei libri di Tolkien narra gli eventi della Terra di Mezzo in periodi diversi
Casa Editrice: Bompiani (ma fortemente consigliato prendere l'edizione vecchia della Rusconi)
Probabilmente  il mio preferito, è un libro da appassionati del genere, ostico e pesante per chi invece ci si avvicina per le prime volte, in particolare la ristampa della bompiani è intercalata costantemente con note del figlio di Tolkien che rende il già poco fluido libro un vero mattone.
Il Silmarillion è una delle maggiori opere di Tolkien, in esso potrai trovare tutto quello che può interessarti del mondo creato dallo scrittore.
Le vicende narrate partono dalla cosmologia tolkeniana, dalla creazione delle divinità fino ad eventi che seguono anche di millenni gli accadimenti de "Il Signore degli Anelli"
I primi capitoli sono molto pesanti e richiedono una buona dose di forza di volontà per essere superato, parlano della creazione della terra e dell'avvento delle divinità, è necessaria però per la piena comprensione del mondo di Tolkien.
Dalla nascita degli elfi i toni si fanno più leggeri, si passa da un vero e proprio trattato storico invece ad un aspetto più romanzato e quindi piacevole, da qui in poi la strada è in discesa, verrete a conoscenza di eroi elfici ed umani al cui confronto Aragon & Co sembrano dei ragazzini in gita, vi appassionerete alla storia d'amore di Beren e Luthièn, la tragica storia dei figli di Hurin o preferirete l'epica battaglia per la difesa di Gondolin?
Tante storie si intrecciano in questo libro, che sempre più vi farà calare nel fantastico mondo della terra di mezzo.
Un must assoluto per gli amanti dello scrittore, sconsigliato a chi invece preferisce altri generi

Offline Mins

Il Silmarillion (un libro per pochi)
« Risposta #1 il: 17 Giugno, 2011, 16:00:53 pm »
Ho sempre voluto leggerlo, quando avrò un paio di settimane libere lo farò senz'altro :ok:
Ogni volta che un bambino prende a calci qualcosa per la strada, lì ricomincia la storia del calcio.



(Jorge Luis Borges)

 

"Il cammino dell\'uomo dal sangue azzurro è minacciato da ogni parte dall\'iniquità degli strisciati e dalla tirannia degli uomini gobbi. Benedetto sia colui che nel nome della napoletanità e della sirena Partenope, conduce gli azzurri attraverso la valle delle tenebre, poiché Egli è in verità il titolare della difesa a 3 e colui che spezzerà i crociati degli strisciati. E la giustizia di SA6 calerà su di loro con grandissima violenza e furiosissime gomitate, su chi proverà ad ammorbare e distruggere i suoi fratelli azzurri. E tu saprai che il mio nome è quello di SA6, quando sentirai il tuo crociato spezzarsi e la tua tibia andare in pezzi."

Koji_Kabuto

Il Silmarillion (un libro per pochi)
« Risposta #2 il: 17 Giugno, 2011, 16:17:25 pm »
Fantasy?
Il Silmarillion è un percorso iniziatico...fatto da un Maestro Massone di prima categoria..:sisi:

Il Silmarillion (un libro per pochi)
« Risposta #3 il: 17 Giugno, 2011, 16:18:14 pm »
Devo ancora leggerlo. Ma sicuramente non mi deluderà... Conosco un poco la trama, ed è affascinante.

Tolkien o era un genio o un pazzo... Forse entrambe le cose :asd:

Il Silmarillion (un libro per pochi)
« Risposta #4 il: 17 Giugno, 2011, 16:30:27 pm »
Di Tolkien ho letto solo Lo Hobbit e mi ha affascinato, conto di leggere tutta la letteratura della terra di mezzo :sisi:

Il Silmarillion (un libro per pochi)
« Risposta #5 il: 17 Giugno, 2011, 16:35:17 pm »
Visto che si parla di Tolkien e Terra di Mezzo... Qualcun altro oltre me fa i modellini? :look:

Offline Rospo

Il Silmarillion (un libro per pochi)
« Risposta #6 il: 17 Giugno, 2011, 16:47:49 pm »
io ho letto "Il signore degli Anelli" e "Lo Hobbit " ( ps stanno facendo il film ), ma il Silmarillion non se ne scendeva, c'è da dire che nn sono un appassionato del genere Fantasy anche se i due libri di TOlkien che ho letto sono superlativi. Gli darò un'altra possibilità.

Il Silmarillion (un libro per pochi)
« Risposta #7 il: 15 Agosto, 2011, 15:59:32 pm »
Senza il Silmarillion tutte le altre letture di Tolkien sono quasi inutili. E' un libro imprescindibile. E' un libro diverso dagli altri, anche nello stile che è molto più alto sia rispetto a quello dello Hobbit che al LOtR.
E' inutile che mi dilunghi in commenti, dovete leggerlo e basta. E' un  ordine  :luca2:  

In principio esisteva Eru, l'Uno, che in Arda è chiamato Ilúvatar...

Christian Rosenkreuz

Il Silmarillion (un libro per pochi)
« Risposta #8 il: 15 Agosto, 2011, 16:50:17 pm »
E' un libro per iniziati, però....

Il Silmarillion (un libro per pochi)
« Risposta #9 il: 15 Agosto, 2011, 17:11:37 pm »
E' un libro per iniziati, però....

Nel senso di "iniziat a leggere, po ne parlamme".

Il Silmarillion (un libro per pochi)
« Risposta #10 il: 15 Agosto, 2011, 17:19:20 pm »
O cazz so iniziato  :cavani:

Il Silmarillion (un libro per pochi)
« Risposta #11 il: 15 Agosto, 2011, 18:16:06 pm »
O cazz so iniziato  :cavani:

Hai iniziato tu, io nun saccio niente :look:

Il Silmarillion (un libro per pochi)
« Risposta #12 il: 15 Agosto, 2011, 19:03:42 pm »
Hai iniziato tu, io nun saccio niente :look:
Ecco sei l' Ainur che ha scelto il male

Adesso ti mando  :cavani: a sconfiggerti

Il Silmarillion (un libro per pochi)
« Risposta #13 il: 15 Agosto, 2011, 19:05:31 pm »
Morgoth Bauglir, al secolo Melkor. :sbav:
Adoro i personaggi "fetenti" di Tolkien.
« Ultima modifica: 15 Agosto, 2011, 19:05:42 pm da Leviatano »

Offline Andrej223

Il Silmarillion (un libro per pochi)
« Risposta #14 il: 15 Agosto, 2011, 19:19:15 pm »
Stupendo.
E' un libro fantasy stupendo, tra l'altro infarcito di quella "teologia" che Tolkier e l'altro autore (quello di Narnia) si sforzavano di dare alle loro opere "neo-epiche", il SdA è più un elogio degli umili, delle virtù familiari. (Sam, per chi ha letto il libro, è l'unico quasi insensibile all'anello è il vero eroe ultra positivo della vicenda).
Questo invece è una cosmologia impressionante, stupenda, rapisce e hai sempre la sensazione di star leggendo un testo veramente sacro, che potresti aprire a caso e cogliere qualcosa di nuovo.