Napoli Network - Il Forum sul Calcio Napoli
Il primo Forum sul Calcio Napoli!

Brutta giornata per la democrazia

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Rospo

Re:Brutta giornata per la democrazia
« Risposta #15 il: 09 Novembre, 2017, 00:05:23 am »
https://twitter.com/malintenzionato/status/928348554783068160

C'è tutto il "thread". Seguendo tutte le risposte, si ha l'elenco di quello che accade da un po' ad Ostia.

Ma saranno cose dell'800. Chiamiamoli attacchi, che so, poroppopò!
Fo, il fatto che questo sia un fascista non significa che faccia una buona lettura della società...

Lo so che esistono gruppi di estrema destra e di estrema sinistra, io affermo che sono antistorici.



Inviato dal mio MI 5s utilizzando Tapatalk


Re:Brutta giornata per la democrazia
« Risposta #16 il: 09 Novembre, 2017, 03:47:47 am »
Fo, il fatto che questo sia un fascista non significa che faccia una buona lettura della società...

Lo so che esistono gruppi di estrema destra e di estrema sinistra, io affermo che sono antistorici.



Inviato dal mio MI 5s utilizzando Tapatalk


Sicuramente però analizziamo la cosa, mentre i comunisti sono morti, io seguo i comunisti e vi dico che i comunisti oggi in Italia sono meno degli spettatori di un Napoli Juve al San Paolo e non riuscirebbero ad aumentare di numero i, i fascisti sono pochi ma riescono ad aumentare di numero
Sono sicuramente più bravi nel marketing e nella pubblicità, sono riusciti a trasformarsi ma rimangono sempre quelli

Soprattutto riescono a trarre linfa dai fenomeni sociali che mettono angoscia alla popolazione, il pericolo c'è

Re:Brutta giornata per la democrazia
« Risposta #17 il: 09 Novembre, 2017, 07:21:35 am »
Sicuramente però analizziamo la cosa, mentre i comunisti sono morti, io seguo i comunisti e vi dico che i comunisti oggi in Italia sono meno degli spettatori di un Napoli Juve al San Paolo e non riuscirebbero ad aumentare di numero i, i fascisti sono pochi ma riescono ad aumentare di numero
Sono sicuramente più bravi nel marketing e nella pubblicità, sono riusciti a trasformarsi ma rimangono sempre quelli

Soprattutto riescono a trarre linfa dai fenomeni sociali che mettono angoscia alla popolazione, il pericolo c'è
Quella gente esisteva anche prima del fascismo. Chiamali criminali e basta e non citiamo la democrazia. Siamo 7 miliardi sulla faccia della terra e il nostro primo istinto è quello di fare capate in bocca

Inviato dal mio SM-G925F utilizzando Tapatalk


Offline p4ppo

Re:Brutta giornata per la democrazia
« Risposta #18 il: 09 Novembre, 2017, 08:15:35 am »
Ma tecnicamente che significa fascista?

Re:Brutta giornata per la democrazia
« Risposta #19 il: 09 Novembre, 2017, 08:54:43 am »
Io non minimizzerei. Il pericolo di una deriva fascista, o almeno violenta e qualunquista, esiste.

È passato troppo tempo dalla fine della Seconda Guerra Mondiale e la memoria collettiva ha quasi cancellato certi fatti. Li ha rielaborati in maniera diversa e sminuiti, ridotti a storie sepolte e inutili.

Gli anticorpi della società italiana contro certi mali hanno perso enormemente d'efficacia. Il legame fra destra estrema e criminalità è preoccupante.

Chi una volta veniva additato come pericoloso estremista e fascista, delinquente ammantato di una pseudo-giustificazione vagamente politica,  oggi viene esaltato come un italiano vero, che difende i suoi diritti, la sua gente e il suo territorio, magari a testate e colpi di manganello. Un eroe dei nostri giorni di cui certe persone - e purtroppo sono tante  - possono essere fiere.

Offline un gatto

Re:Brutta giornata per la democrazia
« Risposta #20 il: 09 Novembre, 2017, 09:00:17 am »
gli zingari che portano pacchi e pacchi di voti al PD vanno bene, i camorristi che dalle nostre parti hanno fatto eleggere molte giunte comunali di sinistra e centrosinistra... idem. Però i fasci non si devono azzardare a sfruttare i bug del suffragismo, altrimenti è un brutto giorno della democrazia :asd:

io penso che finché ci sta il suffragio universale, ed il voto di uno vale il voto di un altro, chiunque compri voti in un modo o in un altro fa bene a farlo, altrimenti lo farà un altro candidato. Ed alla fine salire al potere è l'unica vera cosa che conta. Una vita all'opposizione in stile 5stelle o rifondazione è per i perdenti nell'animo.
Ma tornando al caso specifico, Di Stefano ha detto che questo della testata non è un tesserato di Casapound, eventualmente sarà solo un elettore. Non è che si possano "controllare" tutti gli elettori, soprattutto quando smetti di essere un partito di zerovirgola e cominci a fare numeri più importanti.


All your base are belong to us

Re:Brutta giornata per la democrazia
« Risposta #21 il: 09 Novembre, 2017, 09:22:06 am »
gli zingari che portano pacchi e pacchi di voti al PD vanno bene, i camorristi che dalle nostre parti hanno fatto eleggere molte giunte comunali di sinistra e centrosinistra... idem. Però i fasci non si devono azzardare a sfruttare i bug del suffragismo, altrimenti è un brutto giorno della democrazia :asd:

io penso che finché ci sta il suffragio universale, ed il voto di uno vale il voto di un altro, chiunque compri voti in un modo o in un altro fa bene a farlo, altrimenti lo farà un altro candidato. Ed alla fine salire al potere è l'unica vera cosa che conta. Una vita all'opposizione in stile 5stelle o rifondazione è per i perdenti nell'animo.
Ma tornando al caso specifico, Di Stefano ha detto che questo della testata non è un tesserato di Casapound, eventualmente sarà solo un elettore. Non è che si possano "controllare" tutti gli elettori, soprattutto quando smetti di essere un partito di zerovirgola e cominci a fare numeri più importanti.
Un voto comprato o venduto non può essere giustificato con l'argomento che "tanto, se non lo fa uno, lo fa un altro".  A chi vende il voto dovrebbe essere tolto il diritto di votare e a chi lo compra di essere votato.

I voti portati dalla criminalità a chi si tura il naso pur di vincere, promettendo di ricambiare il favore una volta al potere, sono un cancro della democrazia, indipendentemente dalla corrente politica di appartenenza (sinistra, destra, centro) di chi accetta o sollecita tale aberrante pratica.

Re:Brutta giornata per la democrazia
« Risposta #22 il: 09 Novembre, 2017, 09:25:35 am »
gli zingari che portano pacchi e pacchi di voti al PD vanno bene, i camorristi che dalle nostre parti hanno fatto eleggere molte giunte comunali di sinistra e centrosinistra... idem. Però i fasci non si devono azzardare a sfruttare i bug del suffragismo, altrimenti è un brutto giorno della democrazia :asd:

io penso che finché ci sta il suffragio universale, ed il voto di uno vale il voto di un altro, chiunque compri voti in un modo o in un altro fa bene a farlo, altrimenti lo farà un altro candidato. Ed alla fine salire al potere è l'unica vera cosa che conta. Una vita all'opposizione in stile 5stelle o rifondazione è per i perdenti nell'animo.
Ma tornando al caso specifico, Di Stefano ha detto che questo della testata non è un tesserato di Casapound, eventualmente sarà solo un elettore. Non è che si possano "controllare" tutti gli elettori, soprattutto quando smetti di essere un partito di zerovirgola e cominci a fare numeri più importanti.
Il signor Mancini che ha ucciso un immigrato, dopo aver chiamato scimmia la sua compagna, non era di Casapound. Ai gazebo e alle fiaccolate ci si trovava per caso.
Il signor Casseri che ha ucciso qualche senegalese a caso che stava nel circolo di Casapound a Pistoia con tanto di foto con la bandiera, non era di Casapound.
Ora questa latrina: DURANTE la campagna elettorale a domanda se ci si distacca da lui, la risposta è "noi stiamo tra la gente". Dopo, come al solito, non è di Casapound.

Re:Brutta giornata per la democrazia
« Risposta #23 il: 09 Novembre, 2017, 10:22:50 am »
Vi vedo molto bene a molti di voi con la tessera di un partito fascista per vent'anni a chinare la testa di fronte a una nuova lota qualunque che vi garantisce sicurezza e lavoro.

Inviato dal mio Moto G (5) utilizzando Tapatalk

Io penso che con diciotto persone si possa fare un colpo di stato e prendere il potere (il compagno Maurizio Sarri)

Offline un gatto

Re:Brutta giornata per la democrazia
« Risposta #24 il: 09 Novembre, 2017, 11:28:12 am »
Un voto comprato o venduto non può essere giustificato con l'argomento che "tanto, se non lo fa uno, lo fa un altro".  A chi vende il voto dovrebbe essere tolto il diritto di votare e a chi lo compra di essere votato.

I voti portati dalla criminalità a chi si tura il naso pur di vincere, promettendo di ricambiare il favore una volta al potere, sono un cancro della democrazia, indipendentemente dalla corrente politica di appartenenza (sinistra, destra, centro) di chi accetta o sollecita tale aberrante pratica.
fin tanto che non si toglie la possibilità di votare alle persone che descrivi, bisogna fare quello che serve.
Sono d'accordo... e fin tanto che si provvede in tal senso, che si fa? E poi chi la promulga una legge come quella?
La corsa per il potere, perfino quello più totalitario, è lastricata di compromessi. Il giorno che si raggiunge il potere ci si regola a seconda di cosa si è riuscito a raccogliere, di quanto stabile è la propria base. Mussolini scese a patti con moltissima gente prima di potersi permettere di fare la marcia su Roma, e pure dopo continuò a mantenere in vita molti compromessi, e così facendo riuscì a traghettare il paese da un secolo ad un altro, fu amato per vent'anni.
E a dirla tutta, a me fra il totalitarismo perfetto di Hitler e quello imperfetto di Mussolini, piace più il primo. Era molto più semplice e puro. Ma pure nella Germania di Hitler esistevano compromessi fra diverse forze in equilibrio.
E se è così nei totalitarismi, figuriamoci in democrazia.

Il signor Mancini che ha ucciso un immigrato, dopo aver chiamato scimmia la sua compagna, non era di Casapound. Ai gazebo e alle fiaccolate ci si trovava per caso.
Il signor Casseri che ha ucciso qualche senegalese a caso che stava nel circolo di Casapound a Pistoia con tanto di foto con la bandiera, non era di Casapound.
Ora questa latrina: DURANTE la campagna elettorale a domanda se ci si distacca da lui, la risposta è "noi stiamo tra la gente". Dopo, come al solito, non è di Casapound.
jamme, pare che sei nato ieri. L'italia è piena di gente del PD, PDL, LN, M5S che fanno questo e fanno quello. Stupratori, molestatori, ladri, malversatori, corruttori, assassini e chi più ne ha più ne metta. Ma se uno ammazza la moglie non vanno a controllare chi ha votato, se uno stupra una ragazzina in un ascensore e organizzava le feste dell'Unità, nessuno va a contestare qualcosa al suo partito!
Ora quelli che votano CPI non possono commettere reati che deve riflettersi per forza su CPI. Ma io lo so perché :asd: solo che non mi va di essere preso per il culo, quindi lascio fare questo giochetto, se così vi piace.


All your base are belong to us

Offline un gatto

Re:Brutta giornata per la democrazia
« Risposta #25 il: 09 Novembre, 2017, 11:33:48 am »
Vi vedo molto bene a molti di voi con la tessera di un partito fascista per vent'anni a chinare la testa di fronte a una nuova lota qualunque che vi garantisce sicurezza e lavoro.

Inviato dal mio Moto G (5) utilizzando Tapatalk


nella Cuba che piace a te, il regime rivoluzionario è a novanta gradi con la massoneria locale.
Nella Russia sovietica, i bolscevichi stavano pieni di compromessi e l'assegnazione delle case era il tipico magnamagna da profonda terronia.
Ma a te piace illuderti che esita il bene supremo del proletariato, a questo mondo. Svegliati dal sonno, che non sei più al liceo.


All your base are belong to us

Re:Brutta giornata per la democrazia
« Risposta #26 il: 09 Novembre, 2017, 11:35:08 am »
Questo signore si è arrabbiato perche' il giornalista gli chiedeva dell'appoggio della sua famiglia al candidato di casa pound
Semplice elettore non direi....
Comunque io mi sarei indignato anche se la testata l'avesse data un comunista, è una scena orribile
Ma ciò che mi ha fatto gelare il sangue è quando il semplice elettore ha cacciato il manganello, una scena simbolica, che evoca brutte cose

Offline un gatto

Re:Brutta giornata per la democrazia
« Risposta #27 il: 09 Novembre, 2017, 11:40:24 am »
io non mi indigno con la tua stessa facilità.
Il giornalista ha cercato con insistenza proprio questo risultato. Il filmato me lo sono visto, e la reazione del giornalista mi pare molto più fredda di quella che avrebbe dovuto avere uno che non si aspettava la reazione violenta. Proprio uno stinco di santo non è.
Come dicono in US: play stupid games, win stupid prizes. Avrà pensato peccato solo la testata, se l'avesse bucato con un coltello in redazione sarebbero stati ancora più contenti.


All your base are belong to us

Re:Brutta giornata per la democrazia
« Risposta #28 il: 09 Novembre, 2017, 11:48:31 am »
fin tanto che non si toglie la possibilità di votare alle persone che descrivi, bisogna fare quello che serve.
Sono d'accordo... e fin tanto che si provvede in tal senso, che si fa? E poi chi la promulga una legge come quella?
La corsa per il potere, perfino quello più totalitario, è lastricata di compromessi. Il giorno che si raggiunge il potere ci si regola a seconda di cosa si è riuscito a raccogliere, di quanto stabile è la propria base. Mussolini scese a patti con moltissima gente prima di potersi permettere di fare la marcia su Roma, e pure dopo continuò a mantenere in vita molti compromessi, e così facendo riuscì a traghettare il paese da un secolo ad un altro, fu amato per vent'anni.
E a dirla tutta, a me fra il totalitarismo perfetto di Hitler e quello imperfetto di Mussolini, piace più il primo. Era molto più semplice e puro. Ma pure nella Germania di Hitler esistevano compromessi fra diverse forze in equilibrio.
E se è così nei totalitarismi, figuriamoci in democrazia.
jamme, pare che sei nato ieri. L'italia è piena di gente del PD, PDL, LN, M5S che fanno questo e fanno quello. Stupratori, molestatori, ladri, malversatori, corruttori, assassini e chi più ne ha più ne metta. Ma se uno ammazza la moglie non vanno a controllare chi ha votato, se uno stupra una ragazzina in un ascensore e organizzava le feste dell'Unità, nessuno va a contestare qualcosa al suo partito!
Ora quelli che votano CPI non possono commettere reati che deve riflettersi per forza su CPI. Ma io lo so perché :asd: solo che non mi va di essere preso per il culo, quindi lascio fare questo giochetto, se così vi piace.
Mi spiace giù, ma io ho sempre osteggiato la logica del tutti colpevoli tutti innocenti. Quindi, che lo facciano gli altri a me non interessa nulla.
Inoltre, ripeto, qui non si tratta di semplici elettori.

Già le percentuali sono risibili, poi stranamente quelli che ti ho elencato frequentano circoli, espongono bandiere con i militanti e partecipano attivamente. Quindi se questi non sono militanti, allora siete tre di numero. E scenderete ancora visto che puntualmente "non sono di Casapound"

Offline p4ppo

Re:Brutta giornata per la democrazia
« Risposta #29 il: 09 Novembre, 2017, 13:27:53 pm »
ma piuttosto che dissertare di politica di 100 anni fa, perché non ci interroghiamo sul perché questo signore non stia in galera?