Napoli Network - Il Forum sul Calcio Napoli
Il primo Forum sul Calcio Napoli!

Gli ebrei sono un'invenzione del sionismo". Libro israeliano scatena bufera in Usa.

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Halloween

NEW YORK - Il diritto al ritorno degli ebrei in terra d’Israele? "Non esiste, visto che la diaspora ebraica è soltanto il frutto di una leggenda, creata dai sionisti a fini opportunistici". E’ la tesi, a dir poco incendiaria, sostenuta da “The invention of the Jewish people”, il nuovo libro di Shlomo Sand appena pubblicato in America, tra mille polemiche.
Docente di storia all’Università di Tel Aviv, Sand ha un curriculum vitae all’apparenza insospettabile. Nato in Austria nel 1946 da genitori polacchi sopravvissuti all’Olocausto, è emigrato in Israele nel 1948. Eppure il suo libro - uscito nel 2008 in Israele, dove è restato per mesi in cima alla lista dei best sellers – ha dovuto aspettare un anno prima di essere pubblicato in Usa, dalla casa editrice di sinistra Verso Books: l'unica disposta a "toccarlo".
La tesi principale del libro è che non esiste un popolo ebraico in quanto tale. Sand rispolvera una vecchia tesi elaborata da alcuni storici dell’ottocento, secondo cui gli ebrei ashkenaziti dell’Europa centro-orientale discenderebbero dai Cazari, una tribù turca che si convertì al giudaismo e nell’ ottavo secolo creò un impero nel Caucaso.
Sempre secondo Sand, nel 70 e nel 135 D.C. non si sarebbe verificato alcun esilio forzato del popolo ebraico dalla Palestina da parte dei Romani: gli ebrei si sarebbero diffusi in Europa, Nord Africa e in Asia attraverso il proselitismo e la conversione delle popolazioni locali.
Apriti cielo. “La missione del Professor Sand”, punta il dito il New York Times, “è screditare le basi storiche della pretesa della Terra Promessa da parte degli ebrei”.
Sand critica gli storici sionisti dal 19esimo secolo in poi che, secondo lui, avrebbero “nascosto queste verità”, alimentando “il mito di radici comuni per supportare la loro agenda nazionalista”.
Ma contro di lui si sono già scagliati alcuni dei massimi studiosi Usa. “La tesi cazara è pura fantasia”, punta il dito il Prof. Michael Terry, capo della sezione Ebraica della New York Public Library, “essa ha intrigato per anni storici e scrittori, ma finora gli esperti in materia l’hanno ripetutamente rigettata perchè le prove a sostegno della teoria sono inconcludenti e frammentarie”.
Secondo il Dr. Harry Oster, direttore del programma di Genetica Umana al Langone Medical Center della New York University, la discendenza dai cazari “non è supportata dagli studi genetici”.
Secondo Oster avrebbe invece fondamento un’altra delle tesi avanzate da Sand.  E cioè che “i Palestinesi siano i discendenti degli ebrei che popolavano anticamente Israele, convertitisi poi all’ Islam”.
Nel 1918 David Ben Gurion e Yitzak Ben Tzvi avevano sposato questa tesi in un libro che sosteneva l’opportunità di un alleanza tra sionismo e nazionalismo arabo per supportarsi reciprocamente nelle rispettive lotte per l’indipendenza.
(Corriere della Sera)

Cosa ne pensate di questa tesi?
Per me andrebbe approfondita non per giustificare l'Olocausto ma per mettere a tacere un Nazionalismo Sionista che è di ostacolo al processo di pace in Medioriente.

7 Vite

la "razza" è qualcosa di mentale, di culturale, di spirituale.
Che ci sia un'origine etnica comune, tramite diaspora o meno, il sionismo si può benissimo basare sull'esistenza di una razza ebraica in quell'altro senso.

Gihannibal

gli ebrei non sono un razza, non sono una etnia, sono una lobby!