Napoli Network - Il Forum sul Calcio Napoli
Il primo Forum sul Calcio Napoli!

Il JobsAct è servito?

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Re:Il JobsAct è servito?
« Risposta #30 il: 19 Luglio, 2016, 17:24:28 pm »
L'art 18 è anacronistico da 15-20 anni.

Chi è un buon lavoratore non ha paura di niente, l'art 18 serve solo ai deboli e ai debosciati.... E ai dipendenti pubblici che hanno rovonato l'italia
Francamente so strunzate

Re:Il JobsAct è servito?
« Risposta #31 il: 19 Luglio, 2016, 17:25:12 pm »
L'art 18 è anacronistico da 15-20 anni.

Chi è un buon lavoratore non ha paura di niente, l'art 18 serve solo ai deboli e ai debosciati.... E ai dipendenti pubblici che hanno rovonato l'italia

Renzi ti legge ed eiacula :sisi:
Io penso che con diciotto persone si possa fare un colpo di stato e prendere il potere (il compagno Maurizio Sarri)

Offline p4ppo

Re:Il JobsAct è servito?
« Risposta #32 il: 19 Luglio, 2016, 17:27:53 pm »
sono d'accordo con Zero sull'articolo 18, è una cazzata corporativa degna dei sindacati che teniamo.

La più grande ricchezza della mia azienda sono le persone che ci lavorano, e mai e poi mai mi sognerei di mandarne via una che lavora bene.

Ma se non lo fa, o se per un motivo congiunturale la mia azienda entra in crisi, io lo devo poter mandar via, dall'oggi al domani, perché altrimenti ci va di mezzo l'azienda e quindi gli altri che lavorano alle dipendenze dell'azienda

Re:Il JobsAct è servito?
« Risposta #33 il: 19 Luglio, 2016, 17:28:56 pm »
sono d'accordo con Zero sull'articolo 18, è una cazzata corporativa degna dei sindacati che teniamo.

La più grande ricchezza della mia azienda sono le persone che ci lavorano, e mai e poi mai mi sognerei di mandarne via una che lavora bene.

Ma se non lo fa, o se per un motivo congiunturale la mia azienda entra in crisi, io lo devo poter mandar via, dall'oggi al domani, perché altrimenti ci va di mezzo l'azienda e quindi gli altri che lavorano alle dipendenze dell'azienda
Mario tu parli di un'azienda dove la maggior parte dei lavoratori sono specializzati in un settore abbastanza di nicchi. Sbaglio?

Re:Il JobsAct è servito?
« Risposta #34 il: 19 Luglio, 2016, 17:29:39 pm »
L'art 18 è anacronistico da 15-20 anni.

Chi è un buon lavoratore non ha paura di niente, l'art 18 serve solo ai deboli e ai debosciati.... E ai dipendenti pubblici che hanno rovonato l'italia

dillo ai dipendenti delle grandi catene di supermercati....gli mancano solo le catene

Vi è piaciuto pd forza italia e merda varia, e attaccare sindacati e sinistra ? Quello è il futuro di tutti, essere una massa senza diritti nelle mani di azionisti megadirigenti e consiglieri di amministrazione, licenziati ad libitum, tenuti in prova in eterno

Mondo di merda, davvero di merda. Ma piace a tutti....e tenetevelo

Online Zero

Re:Il JobsAct è servito?
« Risposta #35 il: 19 Luglio, 2016, 17:30:23 pm »
In italia stiamo rovinati e fino a prova contraria l'economoa italiana è portata avanti dalle piccole imprese e ditte individuali poichè non ci sono grandi gruppi, e tu a sta gente gli devi dare la possibilità e faticà e non prendere i ricottari che faticano uno/due anni, vengono assunto e po' ricotta vita natural durante, sempre sul filo del raoio, come campo io, come campano tanti giovani come me, competitivotà e competenza, fame e impegno.... Le precedenti generazioni di lavoratori hanno rovinato l'italia

Offline p4ppo

Re:Il JobsAct è servito?
« Risposta #36 il: 19 Luglio, 2016, 17:31:21 pm »
Mario tu parli di un'azienda dove la maggior parte dei lavoratori sono specializzati in un settore abbastanza di nicchi. Sbaglio?
si, io parlo per me chiaramente, per la mia esperienza e delle altre aziende che conosco.

I miei dipendenti sono pagati il giusto e sono loro che mi creano "ricchezza" che è un parolone visto che cmq facciamo la fame :look:

Re:Il JobsAct è servito?
« Risposta #37 il: 19 Luglio, 2016, 17:31:37 pm »
In italia stiamo rovinati e fino a prova contraria l'economoa italiana è portata avanti dalle piccole imprese e ditte individuali poichè non ci sono grandi gruppi, e tu a sta gente gli devi dare la possibilità e faticà e non prendere i ricottari che faticano uno/due anni, vengono assunto e po' ricotta vita natural durante, sempre sul filo del raoio, come campo io, come campano tanti giovani come me, competitivotà e competenza, fame e impegno.... Le precedenti generazioni di lavoratori hanno rovinato l'italia
Ah vabbè, in questo caso abbiamo visioni diametralmente opposte. Si vede che ti piace sadomaso :look:

Re:Il JobsAct è servito?
« Risposta #38 il: 19 Luglio, 2016, 17:33:44 pm »
si, io parlo per me chiaramente, per la mia esperienza e delle altre aziende che conosco.

I miei dipendenti sono pagati il giusto e sono loro che mi creano "ricchezza" che è un parolone visto che cmq facciamo la fame :look:
In questo caso il dipendente non necessita di un articolo 18, ovvio.
Ma serve a tutti i lavoratori, non solo ai lavoratori di Bee.

Tu hai mai detto al dipendente "guarda che ti levo gli straordinari dalla busta paga. Se ti va bene, ok, altrimenti ciao." ?

Re:Il JobsAct è servito?
« Risposta #39 il: 19 Luglio, 2016, 17:37:31 pm »
Mah... Non sono per niente d'accordo... Tutte le vecchie tutele comportano solo la non assunzione delle persone a tempo indeterminato, purtroppo il mondo del lavoro è cambiato e un'azienda non può legarsi per la vita ad un dipendente manco fosse una moglie... È più facile non assumere, i periodi in cui nascevi e morivi in un'azienda sono finiti.

Ed un contratto a tempo indeterminato con le nuove tutele si piglia lo stipendio tale e quale per cui chiamarla schiavitu  è quantomeno tendenzioso
Però c'è qualcosa che non quadra rispetto ai principii giuridici e del lavoro ai quali si richiama l'UE, per cui non puoi assumere uno con un contratto a tempo determinato che duri più di tre anni, anche non continuativi. Dopo di ciò quel contratto dovrebbe diventare a tempo indeterminato, pena una bella procedura di infrazione ai principi giuridici europei, se interpreto bene alcune norme che si applicano anche a lavoratori del settore pubblico, e il rischio di dover trasformare il contratto a tempo determinato in uno a tempo indeterminato.

Questo il motivo, per esempio, per cui il governo Renzi è stato obbligato ad assumere migliaia di docenti della scuola statale che venivano abitualmente assunti in settembre e licenziati in giugno, sempre con le stesse mansioni, anche se in scuole diverse.

Poi il governo ha tentato di far passare la cosa come una sua idea, come l'impulso a risolvere il problema del precariato scolastico e delle classi costantemente affidate a supplenti, ma in realtà era un obbligo.

Questo che significa? Che un'azienda non può avere lo stesso dipendentemente per più di tre anni consecutivi? E l'impatto sul lavoro e sul rendimento com'è? Ossia, quando uno e bello e formato e conosce un po' meglio il lavoro che deve fare lo si licenzia e si ricomincia con un altro?

Ovviamente ci sono scappatoie varie, però la regola esiste.

Mi sono rinfrescato un po' le idee dando uno sguardo alla pagina web a cui rinvio col link in calce. Anche Alfonso potrebbe dare uno sguardo, anche se la sua potrebbe essere solo una provocazione, una domanda retorica, di cui già si evince la sua risposta.

http://www.tasse-fisco.com/lavoro-dipendente/nuovo-contratto-tempo-determinato-riforma-novita/11295/

Re:Il JobsAct è servito?
« Risposta #40 il: 19 Luglio, 2016, 17:37:58 pm »
In italia stiamo rovinati e fino a prova contraria l'economoa italiana è portata avanti dalle piccole imprese e ditte individuali poichè non ci sono grandi gruppi, e tu a sta gente gli devi dare la possibilità e faticà e non prendere i ricottari che faticano uno/due anni, vengono assunto e po' ricotta vita natural durante, sempre sul filo del raoio, come campo io, come campano tanti giovani come me, competitivotà e competenza, fame e impegno.... Le precedenti generazioni di lavoratori hanno rovinato l'italia
la possibilità di licenziare c'è sempre stata, il lavativo poteva essere licenziato pure nel 1977 al massimo del potere della sinistra in italia...


Online Zero

Re:Il JobsAct è servito?
« Risposta #41 il: 19 Luglio, 2016, 17:39:18 pm »
Alfò hai ragione che moltissimi imprenditori song a sfaccimm ra gent e vivono coi soldi dei dipendenti ed evadendo, ma questo riguarda piú il sud, il governo deve fare delle leggi nazionali e cmq l'eliminazione di queste tutele tutte italiane era fisiologico data la globalizzazione

Re:Il JobsAct è servito?
« Risposta #42 il: 19 Luglio, 2016, 17:41:49 pm »
In questo caso il dipendente non necessita di un articolo 18, ovvio.
Ma serve a tutti i lavoratori, non solo ai lavoratori di Bee.

Tu hai mai detto al dipendente "guarda che ti levo gli straordinari dalla busta paga. Se ti va bene, ok, altrimenti ciao." ?
Lui già non li paga direttamente gli straordinari.... :look:

Re:Il JobsAct è servito?
« Risposta #43 il: 19 Luglio, 2016, 17:42:01 pm »
Alfò hai ragione che moltissimi imprenditori song a sfaccimm ra gent e vivono coi soldi dei dipendenti ed evadendo, ma questo riguarda piú il sud, il governo deve fare delle leggi nazionali e cmq l'eliminazione di queste tutele tutte italiane era fisiologico data la globalizzazione
Ma quale sud Fabio...tutto il mondo è paese.
Io ti parlo con cognizione di causa.

E anche se fosse solo il sud, se al nodde queste cose non succedono, ci sono o non ci sono, non cambiano.

Re:Il JobsAct è servito?
« Risposta #44 il: 19 Luglio, 2016, 17:52:59 pm »
Ah vabbè, in questo caso abbiamo visioni diametralmente opposte. Si vede che ti piace sadomaso :look:

Vuoi il reddito di esistenza come lo voglio io? Così finalmente ci liberiamo del lavoro e delle sue schiavitù :sbav:
Io penso che con diciotto persone si possa fare un colpo di stato e prendere il potere (il compagno Maurizio Sarri)