Napoli Network - Il Forum sul Calcio Napoli
Il primo Forum sul Calcio Napoli!

Qua si parla male del Movimento 5 Stelle

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Re:Qua si parla male del Movimento 5 Stelle
« Risposta #330 il: 16 Settembre, 2015, 13:38:02 pm »
Ma a che serve dirlo, se posso chiedere? C'è qualcuno che non sa cosa sia la camorra? Qualcuno convinto che non esista più? O forse spera che dicendo che si tratta di un tratto genetico dei napoletani sia impossibile da contrastare e quindi lei e i suoi amici stronzi sono giustificati quando non fanno un cazzo a riguardo?
Ci sono esseri umani che hanno pagato con la loro vita l'opposizione alla criminalità. Poi c'è questa e i politici moderni.

Re:Qua si parla male del Movimento 5 Stelle
« Risposta #331 il: 16 Settembre, 2015, 13:41:31 pm »
Secondo me vi state applicando su una cacata. A napoli la camorra è infiltrata in ogni settore della vita sociale, economica e politica. Lei lo ha rilevato, punto.
Il tifoso juventino è apolide, delocalizzato, trapiantato, infiltrato, sempre ospite e mai padrone. non ha appartenenza toponomastica, non ha città, si annida ovunque. esso (sottolineo: esso) diventa tale per mancanza di legame alla sua terra, si lega alla squadra vincente, che diventa l'orfanotrofio degli sfigati. Si sa il matrimonio con la squadra del cuore e' indissolubile, ma quello juventino e' un matrimonio di interesse. Per loro la vittoria non sara' mai goduta, vivendo da infiltrato, non potrà mai gioire. E' degno rappresentante dell'Italia che truffa e ruba e sventola, di nascosto ovviamente, i colori più brutti del mondo.

La mattina andammo a fare riscaldamento al San Paolo, Carlos (Tevez) mi parlava di questo stadio, ma io che ho giocato nel Barça mi dicevo, che sarà mai! Eppure quando misi piede su quel campo sentii un qualcosa di magico, di diverso. La sera quando ci fu l’inno della Champions, vedendo 80.000 persone fischiarci mi resi conto in che guaio ci eravamo messi! Qualche partita importante nella mia carriera l’ho giocata, ma quando sentii quell’urlo fu la prima volta che mi tremarono le gambe! Bene, fu li che mi resi conto che questa non e’ una solo squadra per loro, questo e’ un amore viscerale, come quello che c’è tra una madre ed un figlio! Fu l’unica volta che dopo aver perso rimasi in campo per godermi lo spettacolo!”

Re:Qua si parla male del Movimento 5 Stelle
« Risposta #332 il: 16 Settembre, 2015, 13:46:33 pm »
Secondo me vi state applicando su una cacata. A napoli la camorra è infiltrata in ogni settore della vita sociale, economica e politica. Lei lo ha rilevato, punto.
Che le siano attribuiti il titolo di Capitan Ovvio, e una medaglia, per aver contribuito a risolvere i problemi del mondo :sysy:
2011-2012 2013-2014

Re:Qua si parla male del Movimento 5 Stelle
« Risposta #333 il: 16 Settembre, 2015, 13:47:20 pm »
Che le siano attribuiti il titolo di Capitan Ovvio, e una medaglia, per aver contribuito a risolvere i problemi del mondo :sysy:


Quella sta all'antimafia, ma di che deve parlare? del golfo?? :asd:
Il tifoso juventino è apolide, delocalizzato, trapiantato, infiltrato, sempre ospite e mai padrone. non ha appartenenza toponomastica, non ha città, si annida ovunque. esso (sottolineo: esso) diventa tale per mancanza di legame alla sua terra, si lega alla squadra vincente, che diventa l'orfanotrofio degli sfigati. Si sa il matrimonio con la squadra del cuore e' indissolubile, ma quello juventino e' un matrimonio di interesse. Per loro la vittoria non sara' mai goduta, vivendo da infiltrato, non potrà mai gioire. E' degno rappresentante dell'Italia che truffa e ruba e sventola, di nascosto ovviamente, i colori più brutti del mondo.

La mattina andammo a fare riscaldamento al San Paolo, Carlos (Tevez) mi parlava di questo stadio, ma io che ho giocato nel Barça mi dicevo, che sarà mai! Eppure quando misi piede su quel campo sentii un qualcosa di magico, di diverso. La sera quando ci fu l’inno della Champions, vedendo 80.000 persone fischiarci mi resi conto in che guaio ci eravamo messi! Qualche partita importante nella mia carriera l’ho giocata, ma quando sentii quell’urlo fu la prima volta che mi tremarono le gambe! Bene, fu li che mi resi conto che questa non e’ una solo squadra per loro, questo e’ un amore viscerale, come quello che c’è tra una madre ed un figlio! Fu l’unica volta che dopo aver perso rimasi in campo per godermi lo spettacolo!”

Re:Qua si parla male del Movimento 5 Stelle
« Risposta #334 il: 16 Settembre, 2015, 13:52:53 pm »
Voglio sentire i politici parlare di pizza :sisi:
2011-2012 2013-2014

Re:Qua si parla male del Movimento 5 Stelle
« Risposta #335 il: 16 Settembre, 2015, 14:01:06 pm »
E allora dicesse che a Roma ce ne sta pure di più e siamo pace

Re:Qua si parla male del Movimento 5 Stelle
« Risposta #336 il: 16 Settembre, 2015, 14:31:13 pm »
Secondo me vi state applicando su una cacata. A napoli la camorra è infiltrata in ogni settore della vita sociale, economica e politica. Lei lo ha rilevato, punto.
Sostituisci Napoli con Italia. E forse il discorso della bindi è accettabile. Cazzo, vivi nella capitale del riciclaggio e della frode...

Re:Qua si parla male del Movimento 5 Stelle
« Risposta #337 il: 16 Settembre, 2015, 14:34:22 pm »
Sostituisci Napoli con Italia. E forse il discorso della bindi è accettabile. Cazzo, vivi nella capitale del riciclaggio e della frode...

Era a Napoli, parlava di napoli. Che poi lo ha anche specificato in una successiva intervista mi pare, che l'italia ha le mafie dappertutto.
Il tifoso juventino è apolide, delocalizzato, trapiantato, infiltrato, sempre ospite e mai padrone. non ha appartenenza toponomastica, non ha città, si annida ovunque. esso (sottolineo: esso) diventa tale per mancanza di legame alla sua terra, si lega alla squadra vincente, che diventa l'orfanotrofio degli sfigati. Si sa il matrimonio con la squadra del cuore e' indissolubile, ma quello juventino e' un matrimonio di interesse. Per loro la vittoria non sara' mai goduta, vivendo da infiltrato, non potrà mai gioire. E' degno rappresentante dell'Italia che truffa e ruba e sventola, di nascosto ovviamente, i colori più brutti del mondo.

La mattina andammo a fare riscaldamento al San Paolo, Carlos (Tevez) mi parlava di questo stadio, ma io che ho giocato nel Barça mi dicevo, che sarà mai! Eppure quando misi piede su quel campo sentii un qualcosa di magico, di diverso. La sera quando ci fu l’inno della Champions, vedendo 80.000 persone fischiarci mi resi conto in che guaio ci eravamo messi! Qualche partita importante nella mia carriera l’ho giocata, ma quando sentii quell’urlo fu la prima volta che mi tremarono le gambe! Bene, fu li che mi resi conto che questa non e’ una solo squadra per loro, questo e’ un amore viscerale, come quello che c’è tra una madre ed un figlio! Fu l’unica volta che dopo aver perso rimasi in campo per godermi lo spettacolo!”

Re:Qua si parla male del Movimento 5 Stelle
« Risposta #338 il: 16 Settembre, 2015, 14:35:21 pm »
Era a Napoli, parlava di napoli. Che poi lo ha anche specificato in una successiva intervista mi pare, che l'italia ha le mafie dappertutto.
Bah, forse solo io non sento e non leggo frasi cotanto ingiuriose riferite al altri popoli.

Re:Qua si parla male del Movimento 5 Stelle
« Risposta #339 il: 16 Settembre, 2015, 14:45:56 pm »
Bah, forse solo io non sento e non leggo frasi cotanto ingiuriose riferite al altri popoli.

Diego, ma che ingiuria?? E' la verità!! Per questo la cosa non deve scandalizzarci.
Il tifoso juventino è apolide, delocalizzato, trapiantato, infiltrato, sempre ospite e mai padrone. non ha appartenenza toponomastica, non ha città, si annida ovunque. esso (sottolineo: esso) diventa tale per mancanza di legame alla sua terra, si lega alla squadra vincente, che diventa l'orfanotrofio degli sfigati. Si sa il matrimonio con la squadra del cuore e' indissolubile, ma quello juventino e' un matrimonio di interesse. Per loro la vittoria non sara' mai goduta, vivendo da infiltrato, non potrà mai gioire. E' degno rappresentante dell'Italia che truffa e ruba e sventola, di nascosto ovviamente, i colori più brutti del mondo.

La mattina andammo a fare riscaldamento al San Paolo, Carlos (Tevez) mi parlava di questo stadio, ma io che ho giocato nel Barça mi dicevo, che sarà mai! Eppure quando misi piede su quel campo sentii un qualcosa di magico, di diverso. La sera quando ci fu l’inno della Champions, vedendo 80.000 persone fischiarci mi resi conto in che guaio ci eravamo messi! Qualche partita importante nella mia carriera l’ho giocata, ma quando sentii quell’urlo fu la prima volta che mi tremarono le gambe! Bene, fu li che mi resi conto che questa non e’ una solo squadra per loro, questo e’ un amore viscerale, come quello che c’è tra una madre ed un figlio! Fu l’unica volta che dopo aver perso rimasi in campo per godermi lo spettacolo!”

Re:Qua si parla male del Movimento 5 Stelle
« Risposta #340 il: 16 Settembre, 2015, 14:50:41 pm »
Diego, ma che ingiuria?? E' la verità!! Per questo la cosa non deve scandalizzarci.
Ma verità un paio di palle. Qua c'è tanta gente perbene che si fa un mazzo dalla mattina alla sera per portarsi a casa stipendi da fame. Ma forse da Milano certe cose non le vedi più.
Ma veramente facciamo? Ma veramente pure io che faccio sacrifici che nemmeno hai idea per mandare avanti ONESTAMENTE una famiglia devo entrare in un calderone di merda solo perchè l'ha detto la Bindi? Io mi faccio le croci con la mano storta, qua si sta perdendo ogni minimo buon senso. Chest'è, buon proseguimento, prima che le palle mi cominciano davvero a girare. Jamm a verè.

Io mi scandalizzo di napoletani che non si scandalizzano. Questo è il VERO schifo. E dovreste vergognarvene

Re:Qua si parla male del Movimento 5 Stelle
« Risposta #341 il: 16 Settembre, 2015, 15:19:36 pm »
Ragazzi ma avete presente il significato di costitutivo?!?!?

Non ha ASSOLUTAMENTE detto che a Napoli c'è la camorra e che ormai fa parte della società. Non ha detto questo, non scherziamo proprio.
"La gioia collettiva è sempre più straripante e appagante di quella individuale"

"Sicuramente la Juve rappresenta per questo motivo il potere tecnico, ma secondo me anche qualche altro"

"Quando smetterò, a chi mi chiederà chi hai allenato risponderò subito il Napoli, indipendentemente dalle squadre che potrò allenare nel futuro"

"Ho mandato a fanculo delle persone che ci hanno sputato e che ci hanno insultato perché napoletani. Se avessi potuto scendere lo avrei fatto volentieri, sono uno che viene dalla strada e se uno mi sputa io scendo volentieri".




Maurizio Sarri.

Re:Qua si parla male del Movimento 5 Stelle
« Risposta #342 il: 16 Settembre, 2015, 15:25:34 pm »
Ma verità un paio di palle. Qua c'è tanta gente perbene che si fa un mazzo dalla mattina alla sera per portarsi a casa stipendi da fame. Ma forse da Milano certe cose non le vedi più.
Ma veramente facciamo? Ma veramente pure io che faccio sacrifici che nemmeno hai idea per mandare avanti ONESTAMENTE una famiglia devo entrare in un calderone di merda solo perchè l'ha detto la Bindi? Io mi faccio le croci con la mano storta, qua si sta perdendo ogni minimo buon senso. Chest'è, buon proseguimento, prima che le palle mi cominciano davvero a girare. Jamm a verè.

Io mi scandalizzo di napoletani che non si scandalizzano. Questo è il VERO schifo. E dovreste vergognarvene


Se trovi nelle parole della bindi un'offesa a quello che hai scritto...hai parecchia fantasia. Che c'azzecca il lavoro delle persone onesti, mah.
Il tifoso juventino è apolide, delocalizzato, trapiantato, infiltrato, sempre ospite e mai padrone. non ha appartenenza toponomastica, non ha città, si annida ovunque. esso (sottolineo: esso) diventa tale per mancanza di legame alla sua terra, si lega alla squadra vincente, che diventa l'orfanotrofio degli sfigati. Si sa il matrimonio con la squadra del cuore e' indissolubile, ma quello juventino e' un matrimonio di interesse. Per loro la vittoria non sara' mai goduta, vivendo da infiltrato, non potrà mai gioire. E' degno rappresentante dell'Italia che truffa e ruba e sventola, di nascosto ovviamente, i colori più brutti del mondo.

La mattina andammo a fare riscaldamento al San Paolo, Carlos (Tevez) mi parlava di questo stadio, ma io che ho giocato nel Barça mi dicevo, che sarà mai! Eppure quando misi piede su quel campo sentii un qualcosa di magico, di diverso. La sera quando ci fu l’inno della Champions, vedendo 80.000 persone fischiarci mi resi conto in che guaio ci eravamo messi! Qualche partita importante nella mia carriera l’ho giocata, ma quando sentii quell’urlo fu la prima volta che mi tremarono le gambe! Bene, fu li che mi resi conto che questa non e’ una solo squadra per loro, questo e’ un amore viscerale, come quello che c’è tra una madre ed un figlio! Fu l’unica volta che dopo aver perso rimasi in campo per godermi lo spettacolo!”

Re:Qua si parla male del Movimento 5 Stelle
« Risposta #343 il: 16 Settembre, 2015, 15:27:51 pm »

Se trovi nelle parole della bindi un'offesa a quello che hai scritto...hai parecchia fantasia. Che c'azzecca il lavoro delle persone onesti, mah.
Non ho altro da aggiungere sul tema. Ho capito il tuo punto di vista e l'ho pesato. Tant'è...

Re:Qua si parla male del Movimento 5 Stelle
« Risposta #344 il: 16 Settembre, 2015, 15:32:25 pm »
Ragazzi ma avete presente il significato di costitutivo?!?!?

Non ha ASSOLUTAMENTE detto che a Napoli c'è la camorra e che ormai fa parte della società. Non ha detto questo, non scherziamo proprio.

Come diceva fabio, doveva dire integrante invece che costitutivo? Può essere, avrebbe centrato meglio il significato appropriato. Ma andiamo oltre...
Il tifoso juventino è apolide, delocalizzato, trapiantato, infiltrato, sempre ospite e mai padrone. non ha appartenenza toponomastica, non ha città, si annida ovunque. esso (sottolineo: esso) diventa tale per mancanza di legame alla sua terra, si lega alla squadra vincente, che diventa l'orfanotrofio degli sfigati. Si sa il matrimonio con la squadra del cuore e' indissolubile, ma quello juventino e' un matrimonio di interesse. Per loro la vittoria non sara' mai goduta, vivendo da infiltrato, non potrà mai gioire. E' degno rappresentante dell'Italia che truffa e ruba e sventola, di nascosto ovviamente, i colori più brutti del mondo.

La mattina andammo a fare riscaldamento al San Paolo, Carlos (Tevez) mi parlava di questo stadio, ma io che ho giocato nel Barça mi dicevo, che sarà mai! Eppure quando misi piede su quel campo sentii un qualcosa di magico, di diverso. La sera quando ci fu l’inno della Champions, vedendo 80.000 persone fischiarci mi resi conto in che guaio ci eravamo messi! Qualche partita importante nella mia carriera l’ho giocata, ma quando sentii quell’urlo fu la prima volta che mi tremarono le gambe! Bene, fu li che mi resi conto che questa non e’ una solo squadra per loro, questo e’ un amore viscerale, come quello che c’è tra una madre ed un figlio! Fu l’unica volta che dopo aver perso rimasi in campo per godermi lo spettacolo!”